14°

Spettacoli

Un carrarmato conquista Venezia

Un carrarmato conquista Venezia
0

 Filiberto Molossi

Quel carrarmato mira al cuore: e al cervello, allo stomaco, alle viscere, di uno spettatore  mai come questa volta dentro alla guerra. Soggetto passivo di ciò che vede e non vorrebbe - mai più - vedere. Al Lido irrompe il tank di «Lebanon»: il bellissimo, angosciante, film del debuttante israeliano Samuel Maoz vince con merito la pacifica «battaglia» di Venezia. Completamente dimenticato «Lourdes», il grande favorito della vigilia: a secco, come prevedibile, anche Tornatore. E l'Italia, al solito, si accontenta delle briciole: il premio alla migliore attrice (che però è russa...) a Ksenia Rappoport per «La doppia ora»  e quello all'emergente, in realtà già da molto emersa, Jasmine Trinca, protagonista femminile de «Il grande sogno» di Placido. 

Guerra e Iran: vince la realtà
Parzialmente autobiografico - il regista, 47 anni, fu tra i primi soldati a varcare il confine del Libano venendo anche ferito a una gamba -, dolorosissimo, «Lebanon»  racconta la prima missione di quattro giovani e inesperti militari israeliani durante il sanguinoso conflitto del Libano.  Quasi completamente in soggettiva, con l'occhio del cinema (e dello spettatore) che va genialmente a sovrapporsi al mirino del cannone del carrarmato - vera e propria feritoia aperta su un orrore senza fine e senza senso -, il film di Maoz è un grido disperato contro l'assurdità di tutte le guerre. Una visione talmente forte e originale quella del regista israeliano che ha  convinto in pieno la giuria presieduta da Ang Lee, particolarmente sensibile ai quei film che guardando al passato riflettono sul presente. Tanto che se il Leone d'oro va a «Lebanon» (l'immagine del tank perso in un campo di girasoli resterà a lungo nella nostra memoria), quello d'argento per la migliore regia è stato assegnato a un'altra esordiente, Shirin Neshat, autrice iraniana di «Women without men», dove le occasioni perdute di ieri si specchiano (spiegandoli senza bisogno di spiegarli) nei drammi di oggi. Se alla cerimonia di chiusura, presentata da Maria Grazia Cucinotta, Maoz ha sventolato il vessillo del pacifismo, dedicando la vittoria a quei «milioni di uomini che sono tornati dalle guerre salvi e apparentemente sani, ma con il ricordo di quello che hanno vissuto infisso nell'anima», ha commosso l'appello della Neshat che ha chiesto al governo iraniano di dare al popolo quello che chiede: «Libertà e democrazia».

Colin e Ksenia fanno festa
Nella Mostra delle opere prime che ha assegnato, con coraggio, i due principali riconoscimenti ad altrettanti esordienti,  il Gran premio della giuria è andato a «Soul kitchen», l'ispirata commedia che Fatih Akin ha ambientato in un ristorante, mentre la Coppa Volpi per il migliore attore è stata vinta dall'inglese Colin Firth grazie all'intensissima interpretazione di un professore gay in «A single man». Firth, salutato da un'ovazione, ha dichiarato il suo amore all'Italia, il Paese dove vive: «Mi ha inondato di regali: la cultura, il cinema, la grappa e anche la mia bellissima moglie...». Tra le donne, invece, Ksenia Rappoport, altre volte più efficaci, è stata preferita, con scelta un po' bislacca, alla Buy de «Lo spazio bianco» ma anche alla francese Testud di «Lourdes». 

Niente da fare per Tornatore
Seppure si dicesse fosse molto «spinto», «Baarìa» di Tornatore non è stato mai preso in considerazione dai giurati: che hanno preferito film effettivamente più riusciti come «Life during wartime», a cui è stata assegnata l'osella per la migliore sceneggiatura,  consegnando un premio minore (l'osella per la scenografia) anche al controverso «Mr. Nobody», pretenzioso film del belga Van Dormael. Esulta infine anche la nostra Jasmine Trinca che alza il premio Mastroianni. Ventotto anni, lanciata da Moretti nel 2001 con «La stanza del figlio», non è propriamente un'attrice di primo pelo, ma lei non si scompone:  «Mi fa piacere che una giuria abbia colto in me una freschezza, vuol dire che qualcosa l’ho conservato, che non mi sono rovinata lungo la strada». Ma la 66ª edizione della Mostra di Venezia ha sicuramente almeno un altro vincitore: si chiama Marco Müller. Questa volta il direttore ha fatto le cose per bene: e nessuno dica che è solo fortuna. 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Angelina Jolie mangia insetti con i figli

curiosità

Angelina Jolie ai fornelli: mangia insetti coi figli Video

1commento

arsenal

inghilterra

Mangia il panino in panchina. E il Sutton lo licenzia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

13commenti

Lealtrenotizie

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

2commenti

vigili

Sicurezza e giovani, Noè: "Nessun allarme" Video

Nel 2016 400 interventi del Nucleo antiviolenza per tutelare donne e minori

1commento

processo aemilia

Traffico di yacht e gruppi russi: quegli incontri a Parma della 'ndrangheta Tg Parma

Scuola

Iscrizioni: scientifico e tecnici, il «sorpasso»

il caso

Legionella, domani nuovo incontro pubblico alla Don Milani

1commento

Salute

Studio Efsa: 25mila morti all'anno in Europa per la resistenza dei batteri agli antibiotici

L'Italia è fra i Paesi più a rischio

Trasporto pubblico

Busitalia ha già un nome: Mauro Piazza

11commenti

Langhirano

Bimbo di due anni cade dalla finestra

1commento

langhirano

Camion ribaltato a Cascinapiano: Massese chiusa per due ore Foto

Caritas

Parma, un «esercito» di poveri

1commento

Lega Pro

Parma, che attacco sarà senza Baraye

COSMETICA

Davines, crescita in doppia cifra

carabinieri

Collecchio, ecco come sono stati incastrati i rapinatori della Cariparma

7commenti

procura

Bryan, nato senza gambe: chiesta l'archiviazione dell'indagine per lesioni colpose

FIDENZA

Crac Di Vittorio, primi rimborsi

agroalimentare

Falsi prosciutti Dop: indagati, perquisizioni. Consorzio "Parma": "Noi parte lesa"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

7commenti

EDITORIALE

L'ottusa burocrazia che blocca l'Italia

di Gian Luca Zurlini

ITALIA/MONDO

Civitavecchia

Donna sparisce su una nave da crociera: fermato il marito

BIELLA

Crolla la copertura di un pilastro, muore una bambina

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

Palermo

Blitz dei carabinieri, i rom rispondono cantando Bello Figo

5commenti

SPORT

RUGBY

Palazzani: "Sei Nazioni, un'emozione unica. Zebre: domenica c'è l'Ulster" Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

LA RIO in pillole

Nuova Kia Rio, lancio sabato 25: da 10.900 euro

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv