-5°

Spettacoli

"Contro le armi di distrazione di massa": la nuova stagione di Teatro Due

0

Comunicato stampa

 

Il teatro contro le armi di distrazione di massa! Con questa esortazione ironica e provocatoria “rubata” da un felice calembour di Alessandro Bergonzoni si sintetizza il senso di un lavoro che, anno dopo anno, Fondazione Teatro Due porta avanti consapevole della propria missione artistica e istituzionale: essere uno spazio  aperto in cui nascono le idee, luogo di confronto di una comunità che elabora e trasforma il contemporaneo attraverso lo sguardo degli artisti, la trasmissione dei saperi, la fiducia nella continuità del lavoro di centinaia di persone che si interrogano sulle necessità di oggi raccontando storie ed esplorando le esperienze artistiche più innovative.
 
Fondazione Teatro Due presenta i progetti e i programmi della nuova Stagione Teatrale del Comune di Parma, che la sostiene insieme alla Fondazione Monte di Parma, il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, la Regione Emilia-Romagna e la Provincia di Parma.
Nell’occasione verrà presentato il Teatro Festival 2009, programma inserito nel nell’ambito del Reggio Parma Festival.
La prima novità di quest’anno è rappresentata dall’integrazione di Teatro Festival nella attività della Fondazione Teatro Due con un’ inaugurazione dal 13 al 31 ottobre 2009, che presenterà diverse nuove produzioni e ospitalità internazionali mai viste in Italia.

PRODUZIONI e OSPITALITA’ TEATRO FESTIVAL

Si comincia con una vera e propria festa d’attori con i Pocket Shakespeare, dieci mezz’ore d’autore (dal 13 al 22 ottobre), un progetto pensato per il Festival Verdi 2009 e realizzato in collaborazione con la Facoltà di Design e Arti dell’Università IUAV di Venezia, Laboratorio Regia III e Corso di Drammaturgia Laurea Magistrale in Scienze e Tecniche del Teatro 2008/09 diretto da Walter Le Moli e Luca Fontana con la collaborazione di Roberto Cavosi.
Partendo da testi fondamentali per l’ideazione drammaturgica verdiana (ossia Macbeth, Otello ed Enrico IV, ma anche gli altri testi di Shakespeare di cui la fantasia verdiana si è nutrita cioè Re Lear, Misura per Misura, Antonio e Cleopatra, Troilo e Cressida, Il mercante di Venezia, La Tempesta, Romeo e Giulietta) sono state elaborate dieci drammaturgie originali sulla base della tradizione inglese di ridurre un testo a “pocket”. Ne sono scaturiti dieci cammei, dieci visionarie storie nelle storie che, messe in scena da dieci registi e trentacinque attori, danno vita a un viaggio insolito nelle storie di Shakespeare che lo spettatore potrà scoprire scegliendo il proprio personale percorso tra gli spazi moltiplicati del teatro.
Tutte le play sono scritte dagli studenti del Laboratorio di Regia e Drammaturgia della Facoltà di Design e Arti dello IUAV di Venezia, fatta eccezione per quelle tratte da Enrico IV e Otello, rispettivamente di Luca Fontana e Roberto Cavosi, docenti del corso.
Accanto ai dieci Pocket Shakespeare, è stato pensato anche un Pocket Verdi, una “undicesima stanza” completamente dedicata alla musica di Giuseppe Verdi in cui i Solisti dell’Orchestra del Teatro Regio di Parma eseguiranno, in tre serate diverse concerti dalle trascrizioni per Harmonie Ensemble tratte dal vertice della produzione operistica verdiana di ispirazione Shakespeariana: Macbeth, Otello e Falstaff (17 ottobre ore 18.00, 20 ottobre 19.30 e 22 ottobre 19.30).
Uno dei maggiori protagonisti della scena teatrale europea Jerzy Stuhr, attore e regista polacco noto per le sue interpretazioni cinematografiche diretto da registi quali A. Wajda e K. Kieslowski, e in teatro diretto tra gli altri da Harold Pinter, firma la regia di una nuova messa in scena del celebre testo Emigranti di Slawomir Mrožek con i due attori italiani Massimiliano Poli e Angelo Romagnoli (dal 23 ottobre all’8 novembre). In un attualissimo dialogo venato di sarcasmo e di umorismo grottesco, Mrožek accosta in maniera paradossale un “uomo del popolo” che ha lasciato la patria per ragioni economiche e un “intellettuale” che è invece fuggito per motivi politici, due uomini agli antipodi per estrazione sociale, culturale, speranze e stile di vita. Due universi discordanti, affratellati dall’unica esperienza dell’emigrazione. Due personaggi che pur diventando emblematici della condizione dell’emigrante non si trasformano mai in simboli astratti, acquistando al contrario la concretezza palpabile necessaria alla comprensione profonda di eventi a noi così vicini.

Data l’intrinseca vocazione internazionale del Festival, nell’ambito del programma verrà presentato l’ultimo lavoro di uno degli artisti più interessanti ed acclamati del panorama internazionale contemporaneo, il trentenne e geniale regista ungherese Viktor Bodó. L’ora in cui non sapevamo niente l’uno dell’altro di Peter Handke è uno straordinario atto unico senza parole che racconta la vita di una piazza nell’arco di una giornata: mille episodi quotidiani tra uomini, donne, in gruppo o solitari, si trasformano di volta in volta in spietati o esilaranti momenti di vita. Viktor Bodó con una vitalità scenica incantevole e sbalorditiva trasforma il teatro in cinema muto, concerto, danza di esseri umani inconsapevoli e schiacciati da una ineludibile normalità (in prima nazionale il 25 e 26 ottobre 2009).
La compagnia Balletto Civile di Michela Lucenti presenterà il primo studio del secondo “capitolo” del progetto “Detriti”: Ama la tua scimmia (28 e 29 ottobre 2009), una ricerca sulla malattia come ossessione, quel momento in cui si è impotenti davanti al proprio corpo e lo si osserva cadere. Un tuffo violento nell’accettazione di sé in una gigantografia del dolore come risalita alla vita. A Michela Lucenti è affidato anche Everything to come, una favola nera per 5 donne e un ragazzo, frutto di un lavoro di ricerca che vedrà in scena sei allievi del Corso “L’Attore Europeo fra teatro danza e musica” (31 ottobre 2009).
Concludono il programma del Festival due letture: Sterili di Maria Teresa Berardelli, testo Vincitore del Premio Riccione Teatro sezione Pier Vittorio Tondelli per un giovane autore sotto i trent’anni (27 ottobre) e Terra Santa scritto dall’autore algerino Mohamed Kacimi e presentato in una lettura a più voci curata da Massimiliano Farau (31 ottobre).

PRODUZIONI FONDAZIONE TEATRO DUE

Scritto da Laura Forti, una delle autrici contemporanee di teatro civile più rappresentata all’estero e messo in scena da Pietro Bontempo con Giampiero Judica, Nema problema affronta un altro scottante tema di storia attuale.
Una requisitoria sulla guerra in Jugoslavia, un testo duro e politicamente scorretto, che potrebbe riguardare in realtà qualsiasi guerra del nostro tempo. Il protagonista ricorda quella fase della sua vita in cui non sapeva nulla della guerra e, per un caso fortuito, si è trovato a combattere per la Croazia. Ricordi intrisi di sangue e di ingiustizia, di atroci disillusioni e di ferocità umana, con un ritmo narrativo incalzante ed evocativo di assalti e fughe, di scontri e di lacrime sul corpo di compagni massacrati scanditi dal denso sospiro di un sax (dal 14 al 29 novembre 2009).
Del drammaturgo americano William Mastrosimone, Extremities sarà messo in scena dall’attore e regista Bruno Armando con Alessandro Averone, Federica Bognetti, Laura Cleri, Paola De Crescenzo. Grandissimo successo off Broadway nella straordinaria interpretazione di Susan Sarandon, il testo, ancora oggi sorprendentemente attuale, è un melodramma esplosivo in cui un presunto stupratore e una donna decisa alla vendetta fanno i conti con la patologia dello stupro, le ingiustizie del sistema giudiziario e il paradossale scambio di ruoli tra vittima e carnefice.
In occasione del 50° anniversario della morte del grande e versatile intellettuale francese Boris Vian, Fondazione Teatro Due mette in scena Generali a Merenda con la regia di Walter Le Moli e Caroline Channiolleau e con Alessandro Averone, Federica Bognetti, Paola De Crescenzo, Luca Nucera, Massimiliano Sbarsi, Antonio Tintis, Nanni Tormen (dal 9 al 24 gennaio 2010).
Scritto nel 1951 nel pieno delle difficoltà militari francesi legate alla decolonizzazione dell’Africa del Nord e dell’Indocina, Generali a Merenda mette in scena feroci caricature di generali dementi che come bambini impauriti scappano dalle proprie responsabilità. Lo spettro di un’eventuale terza guerra mondiale diventa un esilarante divertimento e la merenda dei nostri generali quasi una surreale commedia musicale. Le marce militari e le canzonette degli ufficiali cinguettanti degenerano in una roulette russa delirante creando il parossismo comico e fatale rivelatore della realtà più atroce. Nicoletta Robello  dirigerà un ensemble di dieci attrici per la messa in scena di Donne in parlamento di Aristofane (dal 9 al 21 febbraio 2010), un testo politico sulla decadenza e il malcostume della società ateniese di cui è quasi superfluo sottolineare l’attualità. L’ensemble di giovani attrici necessarie per comporre il cast sarà il risultato di un laboratorio di preparazione attualmente in fase di svolgimento.
Giancarlo Ilari sarà interprete d’eccezione di uno dei maggiori capolavori di Samuel Beckett diretto da Massimiliano Farau ne L’ultimo nastro di Krapp (dal 10 febbraio al 7 marzo 2010).  Krapp si appresta a celebrare il suo sessantanovesimo compleanno con un personalissimo e solitario rito di festeggiamento: dopo aver consumato almeno un paio di banane, di cui è ghiottissimo, inciderà su un vecchio registratore a bobine gli eventi più significativi dell’anno appena trascorso. L’opera forse più toccante di Beckett è un’ elegia lancinante sull’incapacità di amare, sulla felicità perduta, sullo scacco esistenziale.
Ed è ancora Shakespeare a chiudere il ciclo di nuove produzioni: ultimo spettacolo prodotto in questa stagione sarà Riccardo III (dal 20 febbraio al 14 marzo 2010), un grande classico affidato  all’interpretazione e alla direzione di Roberto Abbati, Paolo Bocelli, Cristina Cattellani, Laura Cleri, Gigi Dall’Aglio, Tania Rocchetta, Marcello Vazzoler, che degli interrogativi attorali più profondi faranno materia per restituire la spietatezza e l’egocentrismo di un eroe perverso capace di utilizzare la crudele stupidità del mondo per dare un senso alla propria brama di potere. Un grande uomo, tale per la grandezza degli effetti della propria perfidia e del proprio cinismo e non per la statura della propria umanità.

 RIPRESE

Quattro le riprese: i due cult ultra ventennali Max Gericke che ha commosso e affascinato il pubblico per la bravura e l’intensità della sua straordinaria protagonista Elisabetta Pozzi (dal 9 al 13 ottobre 2009 al Piccolo Teatro di Milano e dal 20 al 24 marzo 2010 a Teatro Due) e L’Istruttoria di Peter Weiss con la regia di Gigi Dall’Aglio, una lezione di storia per tutte le generazioni (a Parma dal 27 marzo al 2 aprile 2010).
Il Mercante di Venezia di Shakespeare regia di Massimiliano Civica in tournée in diverse piazze italiane e il “Beckett/Pinter” con la regia di Massimiliano Farau al Teatro Mercadante di Napoli dal 4 al 14 febbraio 2010.

LE OSPITALITA’

Fra i protagonisti della Stagione 2009/2010 troviamo una delle artiste più apprezzate per la sua ironia, la sua capacità di solleticare la riflessione con il divertimento e per l’immancabile impegno politico. Sono le donne e la loro continua conquista della libertà, il tema che Lella Costa porta a teatro in Ragazze. Nelle lande scoperchiate del fuori (dal 10 al 12 dicembre 2009).
Una piccola e sgangherata compagnia teatrale, tra invidie e gelosie, tenta di mettere in scena Amleto. Tra liti e complicità, gli attori si scambiano consigli non proprio disinteressati e lasciano affiorare velenosi grovigli familiari. Teatro e vita si intrecciano in Amleto a pranzo e a cena, tratto dall’ “Amleto” di Shakespeare, ideato e diretto da Oscar De Summa, in scena in assieme alla sua compagnia di attori.
Dell’acclamato regista italiano Antonio Latella è la messa in scena della commedia classica Le Nuvole di Aristofane, mentre il napoletano Andrea De Rosa firma la regia di un altro classico shakespeariano, La Tempesta, con Umberto Orsini
Dalla meravigliosa musica di Igor Stravinskij e dal libretto di Charles Ferdinand Ramuz nasce l’Histoire du Soldat, in una versione concepita per voce narrante e piccola orchestra, con tre attori e i con Solisti dell’Orchestra del Teatro Regio di Parma, in un progetto realizzato dagli studenti della Facoltà di Design e Arti IUAV di Venezia guidati da Monique Arnaud.
Una ballata epica dedicata all’infanzia dei bambini rom è Love, tratto da un racconto di Susanna Tamaro e interpretato dalla pluripremiata attrice Mascia Musy per la regia di Emanuela Giordano.
Roma ore 11 di Elio Petri con Manuela Mandracchia, Alvia Reale, Sandra Toffolatti, Mariàngeles Torres, è quasi un’inchiesta sulla disgrazia avvenuta in via Savoia nel 1951 che diviene una denuncia della condizione femminile.
Costruito utilizzando testi critici e poetici scritti da Edoardo Sanguineti, straordinario testimone poetico della vita del nostro paese, Prendi un piccolo fatto vero, regia di Claudio Longhi con Lino Guanciale, sarà un viaggio attraverso i nodi fondamentali della storia democratica italiana – dai giorni eroici della Costituente fino all’ascesa e alla crisi della globalizzazione.

 RESIDENZE

Uno spazio d’eccezione è riservato a due realtà artistiche che, per sintonia di intenti e metodo di lavoro, sono accolti in residenza nell’ambito della Fondazione.
L’Orchestra Europa Galante diretta dal Maestro Fabio Biondi e la compagnia Balletto Civile di Michela Lucenti.


Fabio Biondi presenterà in anteprima nazionale due concerti: Musiche di Telemann e Vivaldi e i Quartetti di Brunetti.
Da alcuni anni la Fondazione Teatro Due, insieme alla Fondazione Teatro La Fenice, in collaborazione con l’Università IUAV di Venezia e l’Orchestra Europa Galante è impegnata nell’esplorazione del repertorio del teatro musicale del Sei e Settecento.
A Teatro Due sono attualmente in corso le prove di Agrippina di Georg Friderich Händel con libretto di Vincenzo Grimani, che debutterà al Teatro Malibran di Venezia il prossimo 9 ottobre. L’allestimento dello spettacolo è affidato al laboratorio integrato di regia, scenografia e costume della Facoltà di Design e Arti dell’Università IUAV di Venezia (coordinato da Juliette Deschamps per la regia, Tiziano Santi per le scene e Vera Marzot per i costumi).

A Balletto Civile è dedicata uno spazio-retrospettiva: Animali Vivi, Slum N° 1 del progetto Detriti, prima tappa di un articolato progetto che parte con un originale discorso sugli uomini e le donne del nostro paese e sui loro corpi martoriati da un secolo mediocre; monologo di grande intensità fisica ed emotiva è Col sole in fronte, di Maurizio Camilli ispirato al delitto di Pietro Maso, mentre I Prodotti indagando le profondità del dell’animo umano e travalicando i confini di razza, vede in scena sei acrobati di Nairobi e la compagnia di danzatori. Un convegno in collaborazione con l’Università di Bologna concluderà l’ingrandimento sul lavoro originale di Michela Lucenti e Balletto Civile.

SCENE D’OCCIDENTE: BLITZ TEATRALI NELLE SCUOLE MEDIE SUPERIORI
INCURSIONI NEL TEATRO DI PROSA E NEL TEATRO MUSICALE
In collaborazione con Provincia di Parma

Prosegue per le Scuole Medie Superiori di Parma e provincia, dopo il grande successo delle precedenti edizioni, Scene d’Occidente: alla ricerca del teatro perduto, percorso di formazione teatrale rivolto a studenti e insegnanti, curato da Claudio Longhi, docente e regista, e condotti da Lino Guanciale e da un gruppo di attori professionisti.
Un ciclo di incontri che si svolgono a scuola in orario scolastico tesi alla ricostruzione della storia del teatro per ribadire l’importanza della formazione teatrale rivolta agli studenti e per fornire ai docenti strumenti utili all’approfondimento e alla trasmissione dei saperi. Un vero e proprio viaggio nella storia del teatro dall’antichità al ‘900 per creare spettatori consapevoli e costruire un dialogo autentico con il mondo della scuola.

DEMOCRAZIA COME VIOLENZA?

Un percorso storico di letture dei testi alla base della Costituzione Italiana per riflettere sulla rilevanza del concetto di democrazia e del significato di partecipazione attiva dei cittadini. Parteciperanno giuristi, sociologi e studenti per un confronto diretto sui temi che ci coinvolgono attualmente.

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

2commenti

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gli stuzzichini per aperitivo della Peppa

LA PEPPA

Ricette in video: gli stuzzichini per aperitivi

Lealtrenotizie

Camion in fiamme: tangenziale bloccata in direzione Noceto

Parma

Camion in fiamme: tangenziale bloccata in direzione Noceto

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

4commenti

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: domani il funerale a Langhirano Video

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

Sport

Il Parma Calcio avrà la gestione dello stadio Tardini per 8 anni

1commento

Parma

L'odissea di un giardiniere: «Con il mio Euro2 non posso lavorare»

19commenti

Calcio

Presentato Frattali, nuovo portiere del Parma Video

Mercato: Faggiano promette sorprese per la settimana prossima

Neve e terremoto

Partiti altri mezzi e volontari da Parma per l'Italia centrale Foto

Il Soccorso Alpino è impegnato ad Arquata del Tronto

2commenti

Parma

Fa "filotto" di auto parcheggiate in via della Salute Foto

Nei guai un extracomunitario che guidava in stato di alterazione

5commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

TV PARMA

Primarie del centrosinistra: i candidati scenderanno a tre? Video

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

4commenti

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

16commenti

Lutto

Addio a Ines Salsi, una vita piena di fede

Il racconto

«Quando Roosevelt si insediò al Campidoglio»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

5commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

Gran Sasso

Il salvataggio a Rigopiano: le foto

SOCIETA'

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

4commenti

SPORT

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

Calcio

LegaPro: tre partite rinviate per maltempo

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta