-4°

Musica

Gabba, il baritono cresciuto nel mito di Frank Sinatra

"Il mio carattere esuberante mi ha portato a un percorso diverso da altri cantanti lirici"

Gabba, il baritono cresciuto nel mito di Frank Sinatra

Armando Gabba

0

Il suo primo modello è stato Frank Sinatra, ma la vita lo ha portato verso un altro tipo di canto: Armando Gabba, baritono parmigiano, una carriera di oltre trent’anni alle spalle, ha preso parte a importanti registrazioni, tra cui un «Rigoletto» diretto da Sinopoli con Bruson.
Oggi collabora stabilmente con il Teatro alla Fenice di Venezia. Al Teatro Regio di Parma ha cantato più volte anche se è da tempo, e con rimpianto, che non sale più sul palcoscenico della sua città. Se gli si chiede come ha iniziato a cantare, risponde che è stato quasi per caso: «Avevo sedici anni e lavoravo in officina, per portare il mio primo contributo alla famiglia. - racconta Gabba - Non ero particolarmente contento di questo lavoro, ma non avrei mai pensato di diventare un cantante. Il mio capofficina teneva sempre la filodiffusione accesa su musica lirica, era un appassionato, e ricordo che mi aveva particolarmente colpito Mario Del Monaco che quando parlava aveva un timbro, e quando cantava uno completamente diverso. Io provavo a imitarlo, e il mio capofficina mi disse: hai una bella voce, perché non fai un’audizione alla Corale Verdi? Dopo sei mesi cantavo nel coro, poi sono entrato in quello del Teatro Regio».
Lei ha studiato musica in America ma non ha mai preso lezioni di canto, come mai?
«Avevo un carattere esuberante e non ho seguito un solo percorso. Ho studiato musica alla Julliard School, ma consideravo ancora il canto come un divertimento, come un modo per girare il mondo, e il mio carattere ha fatto sì che, pur avendo provato a prendere qualche lezione di canto, mi sia staccato quasi subito dagli insegnanti. Poi mi sono tirato su le maniche e ho preferito seguire un percorso mio, non quello regolare di colleghi che sono più introdotti di me. Ho inciso un disco con Sinopoli, e pian piano ho iniziato a lavorare».
Quando si è reso conto che questa poteva essere la sua carriera?
«In realtà ancora adesso non ne sono così convinto. Diciamo che da cinque o sei anni mi sono reso conto che non posso fare che questo. Ma ho sempre fatto fatica a sentirmi un cantante di quelli con la sciarpa e il cappello».
Quali sono i ruoli che le piacciono di più?
«Di solito mi affeziono subito a quello che sto cantando: sono comunque più orientato verso ruoli di carattere, verdiani o veristici, ma mi adatto a quello che mi viene chiesto».
Quando non canta cosa le piace fare?
«Vado al cinema, difficilmente ascolto lirica. Preferisco ascoltare il pop e il rock. Amo molto Frank Sinatra: lo ascoltavo sin da bambino ed è stato lui a far nascere in me il desiderio di cantare. Amo molto anche Burt Bacharach, di cui sono amico da trent’anni: lo avevo conosciuto quando studiavo e lavoravo negli Stati Uniti. L’anno scorso l’ho portato alla Fenice. Amo Gershwin, il jazz, Duke Ellington, ma ascolto anche i Pink Floyd, musica elettronica... Credo che mentre cantando l’opera sia necessario essere perfetti, nella musica jazz e pop il difetto può diventare anche una virtù: conta non tanto la bellezza del suono quanto la fantasia e l’interpretazione».
A Parma ha partecipato a molte produzioni operistiche: ce n’è qualcuna che ricorda in modo particolare?
«Ho cantato Bohème, Dinorah di Meyerbeer, Traviata, Turandot, Manon, Andrea Chénier... Angela Spocci e Gian Piero Rubiconi mi hanno aiutato molto, con loro ho fatto anche due o tre ruoli da protagonista. Mi dispiace, dopo, non essere più tornato a cantare al Regio».
I suoi prossimi impegni?
«Collaboro da tre-quattro anni con la Fenice di Venezia: qui tornerò a cantare nella Traviata di Robert Carsen e in Tosca. Per il resto la situazione non è rosea: da quando i teatri sono stati di fatto privatizzati, sono spariti alcuni valori di cui l’arte ha bisogno. Aspetto da mesi i soldi da due teatri e posso ancora dirmi fortunato, perché non ho famiglia, altrimenti sarebbe molto più complicato».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La serata Plata alle Follie

Pgn Feste

La serata Plata alle Follie Foto

Il dolce e delicato "Equilibrio delle arti": Fabrizio Effedueotto fotografa Alexandrina Calancea

Fotografia parma

Il dolce "Equilibrio delle arti": Alexandrina sul palco Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tragedia di Cascinapiano: il sindaco di Langhirano: "chieste le strisce pedonali"

Incidente

Un mazzo di fiori sul banco: così gli amici hanno ricordato Filippo in classe Video

Il sindaco di Langhirano: "Già chieste le strisce pedonali alla Provincia"

1commento

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

IL FATTO DEL GIORNO

La morte di Filippo: oltre al dolore, la rabbia per i mancati interventi per la sicurezza Video

Terremoto

Vigili del fuoco e volontari di Parma pronti a partire per l'Italia centrale Video

tg parma

A Parma dai figli, arrestato latitante siciliano che deve scontare 15 anni

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: grave un camionista

Il caso

Il Tar dà ragione a Medesano: sì alla farmacia a Ramiola

tribunale

Molestò operaia durante la campagna del pomodoro: condannato caporeparto

BASILICAGOIANO

Omicidio Habassi: Del Vasto capace di intendere e volere

tg parma

Greci, dai Nuovi consumatori alla candidatura alle comunali Video

5commenti

Calciomercato

Matteo Guazzo-Modena: salta tutto

Niente intesa sull'ingaggio, tegola per il mercato del Parma che ora ha un over di troppo.

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

16commenti

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

1commento

Fotografia

Parma di Badignana: la cascata

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le follie del nuovo bigottismo

3commenti

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Italia centrale

Terremoto e neve: un morto. Nuova scossa in serata

PADOVA

Orge in canonica con 9 donne: prete nei guai

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

SPORT

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta