10°

20°

Spettacoli

"Bergonzi tenore verdiano del secolo" il dvd di Biondini

"Bergonzi tenore verdiano del secolo" il dvd di Biondini
2

Correva l’anno 2000 e si dovevano fare i conti con un secolo fuggito: il Novecento. Sembrava ieri. Anzi sembrava ancora «oggi». Invece il XX secolo era già storia e collezionava i suoi protagonisti, i suoi miti, i suoi orrori e i suoi miracoli. Il 10 ottobre di quell'anno, a Londra, Carlo Bergonzi venne incoronato «principe fra i tenori e miglior tenore verdiano del secolo» (Gramophone's Lifetime Achievement Award). Una vita straordinaria, la sua. Un volo ad ali spiegate, preciso e folgorante come la nota più intonata mai sfrecciata in cielo. Da Vidalenzo di Polesine, dov'era stato bambino fra le nebbie dense del Po, e la Scala di Milano, il Metropolitan di New York, dove avrebbe poi signoreggiato per decenni. «Carlo Bergonzi tenore verdiano del secolo», così s'intitola il film documentario di Mauro Biondini sulla vita e la carriera del celebre artista. Verrà presentato sabato 10 ottobre al Teatro Verdi di Busseto (ore 20.30) e sarà l’evento «clou» dei festeggiamenti per il 196° anniversario della nascita di Giuseppe Verdi.
Come è nata l’idea di un film documentario sul grande tenore Carlo Bergonzi?
«Ho cominciato a pensarci - risponde Biondini - mentre ultimavo il documentario su Renata Tebaldi. Come lei anche Bergonzi era stato allievo del Conservatorio "Arrigo Boito" di Parma e poter realizzare un documentario sul "miglior tenore verdiano del secolo" era il mio sogno. Renata Tebaldi e Carlo Bergonzi, due gemme vocali a cui è legata la nostra terra, due miti assoluti a livello mondiale: il desiderio di girare anche un film su Carlo Bergonzi era fortissimo dentro di me, ma confesso che mi sembrava quasi impossibile realizzarlo. Nell’attesa che il sogno potesse trasformarsi in realtà, ho fatto tante trasmissioni televisive; finché un giorno, in occasione di un incontro con il sindaco di Busseto Luca Laurini e l’allora vicepresidente della Fondazione Cariparma Marcella Saccani, tuttora presidente del Conservatorio di Parma e adesso anche assessore provinciale, mi sentii dire da loro: "Devi assolutamente fare un documentario sulla vita di Bergonzi". Commosso ed emozionato, capii che il mio sogno avrebbe potuto realizzarsi e umilmente mi presentai a casa del Maestro, a Milano, per proporgli l’idea del film. Rimasi folgorato: lui aveva già visto il documentario su Renata Tebaldi, aveva tutti i miei dvd! Il mitico Carlo Bergonzi accettò la proposta e a me sembrò di toccare il cielo con dito. Laurini, a Busseto, gli ufficializzò la notizia che il documentario sarebbe stato l’omaggio di tutta Busseto al grande artista. Ebbe così inizio l’avventura. Un’avventura che non sarebbe stata possibile senza il sostegno di Marcella Saccani e del sindaco Laurini».
Quanto tempo ha richiesto la realizzazione del film?
«E’ stato un lungo percorso durato un anno e mezzo. C'è stato il tempo della ricerca, della documentazione, e quello delle riprese in vari luoghi: dai freddi inverni lungo gli argini di Vidalenzo a Villa Sant'Agata, da Busseto a Zibello fino a Milano. Per il video sono stato seguito come sempre dall’équipe di Videopress, formata da giovani e valenti professionisti che ho trasformato, inevitabilmente, in appassionati d’opera!»
Che cosa significa lavorare con un mito come Carlo Bergonzi?
«Sì, è un mito. Eppure ho trovato in lui il massimo della disponibilità e della professionalità. I 33 anni al Metropolitan, la sua vita: ha ricordato tutto senza mai mettermi paletti, non ha mai rifiutato di girare una scena. Bergonzi è un artista che incanta e commuove, nato per conquistare la scena. Se facesse tv, bucherebbe il video. Mi ha chiesto una cosa soltanto: di lasciargli la battuta finale. E non la svelo...»
Qual è il taglio del film? Il compendio di una straordinaria carriera o il racconto di una vita?
«Della carriera di Bergonzi è stato detto tutto in mille importanti occasioni. Questo film ha un approccio diverso: ho voluto raccontare la storia di un ragazzo della Bassa che ce l’ha fatta, che aveva enorme talento e volontà ed è arrivato ad essere un mito. Ho cercato di dare il senso di certi valori della nostra terra. Un po' nello spirito - per intenderci - del regista Ermanno Olmi. E poi ci sono le testimonianze di Leo Nucci, Magda Olivero, Raina Kabaivanska. Dedico questo film alla gente di Busseto, che mi è stata amica e vicina nella bella impresa, e a tutti gli appassionati d’opera di Parma».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Mosè

    11 Dicembre @ 17.38

    voglio vederlo!!!!! AIUTATEMIIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!!!!!

    Rispondi

  • Tony Cremonese

    11 Ottobre @ 17.09

    Ho trascorso una serata indimenticabile. un documentario che ha commosso la platea per l'amore e la passione per la musica e per la sua terra che Biondini ha trasmesso con il suo video a tutto il pubblico. Bravo Mauro, ora hai costituito una ottima collana video con i piu' importanti artisti della tua Parma

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Sorbolo: i vini della Botte Gaia

PGN FESTE

Sorbolo: i vini della Botte Gaia Foto

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Si rompe un tubo: strada allagata fra via Montebello e via Galimberti, traffico deviato

parma

Si rompe un tubo: strada allagata fra via Montebello e via Galimberti, traffico deviato Foto

1commento

Carabinieri

Spacciava in Oltretorrente: arrestato

In manette un 31enne tunisino

Parma

Dopo un borseggio abbandona il portafogli fra la merce di un negozio

La Municipale indaga su una donna. Allontanato anche un gruppo di persone sospette che si aggiravano in Ghiaia

LUTTO

Addio a Valenti, lo sportivo

1commento

BORETTO

Sfilano i cavi di un edificio in disuso per rubare il rame: denunciati un parmigiano e un complice Foto

ALLARME

Bocconi killer, un nuovo caso

Parma

Maltempo: allerta della protezione civile fino alle 18

Stazione

Quei tombini instabili che tolgono il sonno

1commento

Calcio

Parma in crisi, la parola ai tifosi

lutto

Fidenza piange il pittore Mario Alfieri

MUSICA

"Canzone per curare le piante": il nuovo singolo dei ManìnBlù Video

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

lettere 

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

9commenti

SACERDOTE

Da Tabiano alla Siberia, la storia di Don Ubaldo

Parma

«La Marina? Un'opportunità per i giovani»

1commento

CREMONA

La grande commozione all'addio ad Alberto Quaini

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

maltempo

Torna la neve in Lombardia Video

Crisi

Alitalia, Lufthansa: "Nessuna intenzione di acquistarla"

SOCIETA'

SOS ANIMALI

Eia, qualcuno ha visto Edward?

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

SPORT

CALCIO

Il Venezia vince la Coppa Italia di LegaPro. Inzaghi: "Ho vinto tanto, ora tocca ai miei ragazzi"

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling