18°

32°

Spettacoli

"Bergonzi tenore verdiano del secolo" il dvd di Biondini

"Bergonzi tenore verdiano del secolo" il dvd di Biondini
Ricevi gratis le news
2

Correva l’anno 2000 e si dovevano fare i conti con un secolo fuggito: il Novecento. Sembrava ieri. Anzi sembrava ancora «oggi». Invece il XX secolo era già storia e collezionava i suoi protagonisti, i suoi miti, i suoi orrori e i suoi miracoli. Il 10 ottobre di quell'anno, a Londra, Carlo Bergonzi venne incoronato «principe fra i tenori e miglior tenore verdiano del secolo» (Gramophone's Lifetime Achievement Award). Una vita straordinaria, la sua. Un volo ad ali spiegate, preciso e folgorante come la nota più intonata mai sfrecciata in cielo. Da Vidalenzo di Polesine, dov'era stato bambino fra le nebbie dense del Po, e la Scala di Milano, il Metropolitan di New York, dove avrebbe poi signoreggiato per decenni. «Carlo Bergonzi tenore verdiano del secolo», così s'intitola il film documentario di Mauro Biondini sulla vita e la carriera del celebre artista. Verrà presentato sabato 10 ottobre al Teatro Verdi di Busseto (ore 20.30) e sarà l’evento «clou» dei festeggiamenti per il 196° anniversario della nascita di Giuseppe Verdi.
Come è nata l’idea di un film documentario sul grande tenore Carlo Bergonzi?
«Ho cominciato a pensarci - risponde Biondini - mentre ultimavo il documentario su Renata Tebaldi. Come lei anche Bergonzi era stato allievo del Conservatorio "Arrigo Boito" di Parma e poter realizzare un documentario sul "miglior tenore verdiano del secolo" era il mio sogno. Renata Tebaldi e Carlo Bergonzi, due gemme vocali a cui è legata la nostra terra, due miti assoluti a livello mondiale: il desiderio di girare anche un film su Carlo Bergonzi era fortissimo dentro di me, ma confesso che mi sembrava quasi impossibile realizzarlo. Nell’attesa che il sogno potesse trasformarsi in realtà, ho fatto tante trasmissioni televisive; finché un giorno, in occasione di un incontro con il sindaco di Busseto Luca Laurini e l’allora vicepresidente della Fondazione Cariparma Marcella Saccani, tuttora presidente del Conservatorio di Parma e adesso anche assessore provinciale, mi sentii dire da loro: "Devi assolutamente fare un documentario sulla vita di Bergonzi". Commosso ed emozionato, capii che il mio sogno avrebbe potuto realizzarsi e umilmente mi presentai a casa del Maestro, a Milano, per proporgli l’idea del film. Rimasi folgorato: lui aveva già visto il documentario su Renata Tebaldi, aveva tutti i miei dvd! Il mitico Carlo Bergonzi accettò la proposta e a me sembrò di toccare il cielo con dito. Laurini, a Busseto, gli ufficializzò la notizia che il documentario sarebbe stato l’omaggio di tutta Busseto al grande artista. Ebbe così inizio l’avventura. Un’avventura che non sarebbe stata possibile senza il sostegno di Marcella Saccani e del sindaco Laurini».
Quanto tempo ha richiesto la realizzazione del film?
«E’ stato un lungo percorso durato un anno e mezzo. C'è stato il tempo della ricerca, della documentazione, e quello delle riprese in vari luoghi: dai freddi inverni lungo gli argini di Vidalenzo a Villa Sant'Agata, da Busseto a Zibello fino a Milano. Per il video sono stato seguito come sempre dall’équipe di Videopress, formata da giovani e valenti professionisti che ho trasformato, inevitabilmente, in appassionati d’opera!»
Che cosa significa lavorare con un mito come Carlo Bergonzi?
«Sì, è un mito. Eppure ho trovato in lui il massimo della disponibilità e della professionalità. I 33 anni al Metropolitan, la sua vita: ha ricordato tutto senza mai mettermi paletti, non ha mai rifiutato di girare una scena. Bergonzi è un artista che incanta e commuove, nato per conquistare la scena. Se facesse tv, bucherebbe il video. Mi ha chiesto una cosa soltanto: di lasciargli la battuta finale. E non la svelo...»
Qual è il taglio del film? Il compendio di una straordinaria carriera o il racconto di una vita?
«Della carriera di Bergonzi è stato detto tutto in mille importanti occasioni. Questo film ha un approccio diverso: ho voluto raccontare la storia di un ragazzo della Bassa che ce l’ha fatta, che aveva enorme talento e volontà ed è arrivato ad essere un mito. Ho cercato di dare il senso di certi valori della nostra terra. Un po' nello spirito - per intenderci - del regista Ermanno Olmi. E poi ci sono le testimonianze di Leo Nucci, Magda Olivero, Raina Kabaivanska. Dedico questo film alla gente di Busseto, che mi è stata amica e vicina nella bella impresa, e a tutti gli appassionati d’opera di Parma».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Mosè

    11 Dicembre @ 17.38

    voglio vederlo!!!!! AIUTATEMIIIIIIIIIIIIII!!!!!!!!!!!!

    Rispondi

  • Tony Cremonese

    11 Ottobre @ 17.09

    Ho trascorso una serata indimenticabile. un documentario che ha commosso la platea per l'amore e la passione per la musica e per la sua terra che Biondini ha trasmesso con il suo video a tutto il pubblico. Bravo Mauro, ora hai costituito una ottima collana video con i piu' importanti artisti della tua Parma

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Terrorismo: ecco come si blinda Parma

Prevenzione

Terrorismo: ecco come si blinda Parma

4commenti

nella notte

Scontro auto-scooter in via Toschi: 20enne al Pronto soccorso

TRAVERSETOLO

Quattro profughi in un appartamento: è polemica

8commenti

brescia

Il ritorno di Ghirardi? "Cellino un amico, se vuole lo aiuto"

L'ex presidente del Parma: "Aspettiamo che la giustizia faccia il suo corso"

OSPEDALE

Pronto soccorso, Brescia «corteggia» Cervellin

sondaggio

I tifosi "promuovono" il nuovo tris di maglie del Parma

Fidenza

Morto a 51 anni Giorgino Ribaldi

Universiadi

Folorunso e Fantini: «Vogliamo la finale»

PERSONAGGI

102 anni, addio alla ricamatrice Lina Zanichelli

Sissa Trecasali

La barca affondata nel Po non si trova

pedoni penalizzati

Marciapiedi dissestati: problemi di sicurezza

1commento

ospedale

Ladri ancora in azione: rubati dei computer al Rasori Video

Il furto è stato compiuto nella notte al Day hospital pneumologico

1commento

polizia

Blitz nella notte nelle zone calde a Parma: 82 grammi di droga sequestrati, 5 espulsioni

9commenti

COLORNO

"E' morto assiderato", il piranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

15commenti

calcio

Antiterrorismo e viabilità, cambia la zona-Tardini (venerdì il "debutto") - La mappa

Posizionate le fioriere anti intrusione in centro - Video

1commento

IL CASO

Il laghetto di Scurano potrebbe sparire

Vignali: "I boschi dell'Appennino stanno seccando" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

14commenti

ITALIA/MONDO

paura

Rotterdam, nessun terrorismo: era un installatore di bombole ubriaco

modena

Gambizzato davanti ristorante a Savignano, fermato 37enne

SPORT

Calciomercato

Paletta, accordo Milan-Lazio

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

SOCIETA'

televisione

La caduta della Guaccero in diretta è virale

Usa

Lo squalo attacca, panico in spiaggia

MOTORI

AUTO

Ferrari: ecco la nuova Gran Turismo V8, un omaggio a Portofino

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente