-2°

Spettacoli

Cosa pensa «l'Italia del nostro scontento»

Cosa pensa «l'Italia del nostro scontento»
0

 Michele Zanlari

La bellezza è poter dire ad alta voce che qualcosa attorno a noi è orribilmente brutto. Dall’inerzia di un pensiero bloccato sulla stretta contemporaneità al gioco di repulsione e scarto sul luogo comune, è la nuova forma del documentario italiano a stringere una parte di mondo visibile ma non altrettanto riconoscibile. Dopo il rumoroso passaggio veneziano di «Videocracy» nemmeno Roma si fa mancare uno sguardo critico sul nostro Paese con «L’Italia del nostro scontento». 
Alla base c’è un’idea di Franco Scaglia: non fermarsi alla suggestione di partenza (indagare le forme del malcontento comune) e aprire a tre giovani voci femminili per far crescere una sorta di «factory» di Rai Cinema.  Una di queste viene dalla parmigiana Lucrezia Le Moli, classe ’79,  già autrice del cortometraggio «Il gatto nero» (2003) e impegnata nel documentario e nella sceneggiatura di film indipendenti («Nel cuore della notte» e «Il Solitario»). 
Il documentario si divide nei tre capitoli «Verde», «Bianco» e «Rosso» e a lei tocca quest’ultimo, dedicato al tema della politica. Lo risolve con un ordine espositivo che accentua l’attenzione - si potrebbe dire la curiosità - per le parole di chi le sta davanti.
 «L’idea di partenza era quella di fermare la gente per strada, chiedere per chi avevano votato e per quale motivo -  spiega Lucrezia - Ho trovato, però, una grande reticenza nelle persone, quindi il passo successivo è stato quello di andare casa per casa e scardinare i dubbi. Chiedevo principalmente tre cose: “per chi hai votato?”, “sei soddisfatto?” e “che opinione hai sul futuro?».
“L’Italia del nostro scontento” è composto da tre segmenti. Quali sono le differenze e quale il filo comune del tuo lavoro sulla politica rispetto a quello Elisa Fuksas sull’ambiente e di Francesca Muci sui giovani?
«L’idea viene dai produttori. Tra noi autrici non solo non ci conoscevamo, ma io non sapevo di quale argomento si sarebbero occupate. Una volta in moviola abbiamo visto il girato e intuito i punti di contatto tra i capitoli. Il mio lavoro è in continuità, più in sintonia, con quello di Francesca, mentre Elisa ha seguito una direzione differente».
La Fuksas presta un’attenzione particolare all’uso della luce e i contributi che ha raccolto vanno tutti in una direzione di denuncia ben precisa. In «Rosso» adotti, invece, un taglio di regia differente.
«In principio ho provato a montare insieme solo i contributi di chi non è direttamente impegnato in politica. Solo che, montato con “Bianco” in cui si raccontano i giovani di strada, rischiavo di banalizzare le risposte dato il tema di discussione. Allora ho aggiunto le interviste ai politologi e agli intellettuali per rendere più profonda l’analisi.
Hai fatto delle riprese anche a Parma? 
«La mia idea iniziale era quella, ma alla fine non ce n’è stata la possibilità. Credo comunque che non avrei avuto risposte differenti rispetto a Milano, Torino e Bergamo. Ecco, in realtà mi sarebbe piaciuto scendere in Sicilia, lì sì che i contributi avrebbero aggiunto qualcosa di completamente diverso. Io chiaramente ho le mie idee sulla politica, una storia che non nascondo, ma non m’interessava scendere in campo per imporre un punto di vista. Parto da un dato: siamo un Paese di destra. Provo a capirne il perché attraverso le risposte che mi danno». 
 
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Arriva Torinopoli: il Monopoli sabaudo con gianduiotto, bagna cauda e "sold"

Giochi

Arriva Torinopoli: il Monopoli sabaudo con gianduiotto, bagna cauda e "sold"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

9commenti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

WEEKEND

Bancarelle, spongate, cioccolato: gli appuntamenti a Parma e provincia

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

5commenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Tg Parma

Polveri sottili, bilancio positivo: metà sforamenti rispetto al 2015 Video

Scuola

Il Romagnosi compie 156 anni

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

11commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

Gazzareporter

Un sabato gelido con la nebbia

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

ALLARME

Ladri scatenati: raffica di furti in città nelle ultime ore Video

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

ITALIA/MONDO

Terremoto

Appennino: scossa magnitudo 2.8 nel Bolognese

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

3commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti