22°

Spettacoli

Jerzy Stuhr: "Nel ghetto degli 'Emigranti' di sempre"

Jerzy Stuhr: "Nel ghetto degli 'Emigranti' di sempre"
Ricevi gratis le news
0

di Francesca Benazzi

Emigranti» è una parola profondamente attuale nell’Europa di oggi. La era, in un contesto differente, anche nella Polonia del '77, quando il testo teatrale di Mrožek debuttò al Teatro Stary di Cracovia diretto da Andrzej Wayda. Protagonista era Jerzy Stuhr, che a distanza di più di trent'anni ha deciso di riallestirlo, questa volta nelle vesti di regista.
Prodotto dalla Fondazione Teatro Due, «Emigranti» sarà in scena da venerdì fino all’8 novembre, interpretato da Massimiliano Poli e Angelo Romagnoli. Celebre attore e regista polacco, oltre che professore alla scuola di teatro di Cracovia, Jerzy Stuhr divide la sua carriera tra palcoscenico e cinema, dove è stato interprete prediletto di Kieslowski, prima di firmare a sua volta diversi film. Lo abbiamo visto anche nel «Caimano» di Nanni Moretti (era il produttore che affermava con grottesco sarcasmo: «il problema di voi italiani è che una volta toccato il fondo invece di risalire cominciate a scavare»).
Dalla fine degli anni '70 ai giorni nostri, in che modo i cambiamenti storici e sociali dell’Europa hanno inciso su questo testo? Quale la chiave di lettura per allestire «Emigranti» oggi?
 «Molte cose sono cambiate, è vero, ma l’emigrazione continua a esistere - dice Jerzy Stuhr, scegliendo con cura le parole nel suo ottimo italiano - Sono cambiati i volti, ma questo problema non è sparito dalla nostra vita. Nel mio Paese nell’800 si emigrava in America per motivi economici e religiosi, poi è arrivata l’emigrazione politica e di stampo ideologico... Oggi è tornata di nuovo per motivi economici: un cerchio si è chiuso. Ma anche voi italiani lo sapete benissimo. Per questo il testo è così interessante: ha mille volti, si può leggere da diversi punti di vista. Nell’allestimento degli anni '70 ovviamente i motivi politici erano in primo piano, adesso invece il mio punto di vista sarà quello di un italiano che entra nelle case degli emigranti. Oggi voi osservate dall’esterno questi romeni, slavi, ucraini: li vedete per le strade o nei quartieri malfamati, ma non entrate mai nelle loro case».
Chi sono i due protagonisti?
 «Non diciamo da dove vengono, non c'interessa. Abbiamo tolto ogni riferimento alla realtà polacca e sulla scena, metaforicamente, si vedrà un luogo agganciato nel vuoto. Sono due persone arrivate "da fuori", che non si assimileranno mai in questa società, si sentiranno sempre estranei e vorranno tornare nel loro Paese: Mrožek spiega in modo efficacissimo il processo psicologico che impedisce il ritorno, pur continuando a sperarlo».
A proposito di ritorni, il suo a Parma è arrivato dopo una ventina d’anni...
«Sì, negli anni '80 fui invitato al Teatro Festival Parma per il debutto italiano de "Il contrabbasso" di Süskind, oltre che con "Delitto e castigo" con il Teatro Stary di Cracovia. Sono molto felice di questo ritorno e di avere la possibilità di allestire qui un testo così importante per la cultura del nostro Paese, nella nuova traduzione di Silvano De Fanti, grande conoscitore del teatro polacco».
Informazioni. «Emigranti» sarà a Teatro Due in prima nazionale dal 23 ottobre all'8 novembre. Biglietteria: 0521.230242. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Angelina Jolie, perdono Brad se ha imparato lezione

cinema

Angelina Jolie: "Perdono Brad se ha imparato la lezione"

Gomorra 3 la serie debutta in anteprima in sala

serie tv

Gomorra 3: la serie debutta in anteprima in sala

La Gregoraci a Ranzano

gazza...gossip

La Gregoraci a Ranzano

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La cucina piace bella piccante

GUSTO LIGHT

La ricetta "green" - Barchette di carciofi con curry e curcuma

di Silvia Strozzi

Lealtrenotizie

Madregolo, schianto tra un'auto e una moto: un ferito grave

incidente

Madregolo, schianto tra un furgone e una moto: un ferito grave

ladri in azione

Sorbolo, foto-cronaca da un tentato furto in abitazione

carabinieri

Lite con coltello in via Lazio: e così viene incastrato per furto

2commenti

basilicagoiano

Spaccata al bar: videopoker svuotati in un casolare

Calcio

Per il Parma un altro ko

10commenti

Criminalità

Via Traversetolo, porta di un bar sfondata con un tombino

1commento

Via Paradigna

Dipendenti Iren minacciati con la pistola

5commenti

OPERAZIONE

Patrimoni nascosti all'estero, domani gli interrogatori

san leonardo

Vivono coi figli tra topi e rifiuti

11commenti

Lutto

Addio a Giordana Pagliari, un'istituzione del teatro dialettale

1commento

Il caso

Neviano, guerra ai «furbetti» dei rifiuti

Scuola

Al Rasori inaugurate le aule dei ragazzi del Bocchialini

Fidenza

Addio a Orlandelli, il «Mariner»

via carducci

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati Il video

41commenti

dopo Parma-Empoli

Lucarelli: "Tante ingenuità, ma puniti oltre misura" Video

1commento

TARDINI

Terzo stop di fila, Parma ko anche con l'Empoli

Nocciolini si fa parare un rigore. La "rivoluzione" di D'Aversa non basta

6commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

terremoto

Messico, strage nel crollo di una scuola. Oltre 200 vittime totali

montecchio

La stalker dell'ufficio accanto: denuncia e divieto di avvicinarsi all'ex amante

SPORT

Moto

Valentino Rossi annuncia: "Ad Aragon ci sarò"

calcio

Cori sulla sua virilità a Lukaku, tifosi dello United accusati di razzismo

SOCIETA'

lite a seattle

Svastica al braccio: steso con un pugno da un afroamericano

la storia

Quei 50 antifascisti parmensi nella guerra di Spagna Foto

MOTORI

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte

MULTISPAZIO

Dacia Dokker Pick-Up: chi non lavora...