-5°

Spettacoli

Jerzy Stuhr: "Nel ghetto degli 'Emigranti' di sempre"

Jerzy Stuhr: "Nel ghetto degli 'Emigranti' di sempre"
0

di Francesca Benazzi

Emigranti» è una parola profondamente attuale nell’Europa di oggi. La era, in un contesto differente, anche nella Polonia del '77, quando il testo teatrale di Mrožek debuttò al Teatro Stary di Cracovia diretto da Andrzej Wayda. Protagonista era Jerzy Stuhr, che a distanza di più di trent'anni ha deciso di riallestirlo, questa volta nelle vesti di regista.
Prodotto dalla Fondazione Teatro Due, «Emigranti» sarà in scena da venerdì fino all’8 novembre, interpretato da Massimiliano Poli e Angelo Romagnoli. Celebre attore e regista polacco, oltre che professore alla scuola di teatro di Cracovia, Jerzy Stuhr divide la sua carriera tra palcoscenico e cinema, dove è stato interprete prediletto di Kieslowski, prima di firmare a sua volta diversi film. Lo abbiamo visto anche nel «Caimano» di Nanni Moretti (era il produttore che affermava con grottesco sarcasmo: «il problema di voi italiani è che una volta toccato il fondo invece di risalire cominciate a scavare»).
Dalla fine degli anni '70 ai giorni nostri, in che modo i cambiamenti storici e sociali dell’Europa hanno inciso su questo testo? Quale la chiave di lettura per allestire «Emigranti» oggi?
 «Molte cose sono cambiate, è vero, ma l’emigrazione continua a esistere - dice Jerzy Stuhr, scegliendo con cura le parole nel suo ottimo italiano - Sono cambiati i volti, ma questo problema non è sparito dalla nostra vita. Nel mio Paese nell’800 si emigrava in America per motivi economici e religiosi, poi è arrivata l’emigrazione politica e di stampo ideologico... Oggi è tornata di nuovo per motivi economici: un cerchio si è chiuso. Ma anche voi italiani lo sapete benissimo. Per questo il testo è così interessante: ha mille volti, si può leggere da diversi punti di vista. Nell’allestimento degli anni '70 ovviamente i motivi politici erano in primo piano, adesso invece il mio punto di vista sarà quello di un italiano che entra nelle case degli emigranti. Oggi voi osservate dall’esterno questi romeni, slavi, ucraini: li vedete per le strade o nei quartieri malfamati, ma non entrate mai nelle loro case».
Chi sono i due protagonisti?
 «Non diciamo da dove vengono, non c'interessa. Abbiamo tolto ogni riferimento alla realtà polacca e sulla scena, metaforicamente, si vedrà un luogo agganciato nel vuoto. Sono due persone arrivate "da fuori", che non si assimileranno mai in questa società, si sentiranno sempre estranei e vorranno tornare nel loro Paese: Mrožek spiega in modo efficacissimo il processo psicologico che impedisce il ritorno, pur continuando a sperarlo».
A proposito di ritorni, il suo a Parma è arrivato dopo una ventina d’anni...
«Sì, negli anni '80 fui invitato al Teatro Festival Parma per il debutto italiano de "Il contrabbasso" di Süskind, oltre che con "Delitto e castigo" con il Teatro Stary di Cracovia. Sono molto felice di questo ritorno e di avere la possibilità di allestire qui un testo così importante per la cultura del nostro Paese, nella nuova traduzione di Silvano De Fanti, grande conoscitore del teatro polacco».
Informazioni. «Emigranti» sarà a Teatro Due in prima nazionale dal 23 ottobre all'8 novembre. Biglietteria: 0521.230242. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

3commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

6commenti

LEGA PRO

Parma-Santarcangelo 0-0: primo tempo con poche emozioni Foto

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

23commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

1commento

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

tragedia

Rigopiano: soccorsi senza sosta, ma le speranze sono deboli

incidente

Bus ungherese, il console: "I due figli del prof 'eroe' sono morti"

WEEKEND

LA PEPPA CONSIGLIA

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto