-6°

LIRICA

De Candia: «Il dottor Dulcamara è un marpione un po' agè»

Roberto De Candia

Roberto De Candia

0

Ritorna a Parma, dopo aver interpretato il ruolo (sempre brillante, ma inserito in un contesto molto più cupo) di Fra’ Melitone al Festival Verdi, il baritono Roberto De Candia per vestire i panni del dottor Dulcamara, mattatore dell’Elisir d’Amore (première domenica sera al Teatro Regio).
De Candia, come sarà questo spettacolo?
«Sono emozionato perché mi trovo ad affrontare un ruolo in un allestimento che era stato montato per il mio maestro, Sesto Bruscantini. Nella sua struttura questo spettacolo è un classico e ci ricorda un modo di fare teatro che non cerca di scioccare gli spettatori con azioni esagerate ed acrobazie da parte dei cantanti. Ritorniamo ad un tipo di teatro più classico dove anche lo spettatore (oltre agli interpreti) è più rilassato e può concentrarsi meglio sull’aspetto musicale».
Lei in quest’opera ha vestito anche i panni di Belccore oltre a quelli di Dulcamara, che differenze ci sono?
«Innanzitutto questo spettacolo l’ho interpretato la prima volta nel coro a Bari nel 1989 e l’ho eseguito un paio di volte come Belcore: una volta in emergenza e l’altra come cover di Alessandro Corbelli. Sono due ruoli molto diversi. Inevitabilmente Dulcamara dà molta più soddisfazione perché è un po’ più sfaccettato e ironico. Belcore fa parte dei ruoli della commedia, il soldato vanaglorioso, ed sembra un po’ tagliato con l’accetta. È un “bellone” ed io per motivi di decadimento fisico e per raggiunti limiti di età sono più adatto interpretare un marpione un po’ più “agé”. Curiosamente, per una questione di differenziazione timbrica si tende a far cantare Belcore ad un baritono con la voce più chiara e Dulcamara spesso a un bass-baryton. Nella scrittura di Donizetti questa differenziazione non c’è e il ruolo di Dulcamara è scritto proprio per un baritono visto che è impegnato quasi sempre nella parte medio-acuta della voce, mentre nella grave quasi mai e comunque meno di Belcore. Di solito si fa una scelta dovuta all’età che lascia intendere che il giovane abbia la voce più acuta, ma in questa edizione ci sarà più attenzione alle intenzioni della scrittura donizettiana».
Lei ha appena finito di cantare Leporello in Don Giovanni: com’è passare da questo ruolo a Dulcamara?
«La più grande difficoltà credo che sia il riposizionamento della voce in una zona medio-acuta. Leporello è un ruolo molto grave e forse è l’ultima volta che lo ho affrontato perché ormai inizia a pesarmi. È importante sapere scegliere il ruolo adatto anche quando si è in carriera».
Il rapporto con il Teatro Regio?
«Il Teatro Regio ha dei problemi e spero che riesca a risollevarsi. Un cantante è spinto a cantare in alcuni teatri dall’affetto e così è stato anche per lo scorso Festival Verdi. Io ho fatto le mie prime cover proprio in questo teatro e anche per un debito di riconoscenza non ho esitato a fare qualche piccolo sacrificio. In ogni caso bisogna cantare al cento per cento per tutti quelli che ci ascoltano».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La serata Plata alle Follie

Pgn Feste

La serata Plata alle Follie Foto

Il dolce e delicato "Equilibrio delle arti": Fabrizio Effedueotto fotografa Alexandrina Calancea

Fotografia parma

Il dolce "Equilibrio delle arti": Alexandrina sul palco Foto

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Tragedia di Cascinapiano: il sindaco di Langhirano: "chieste le strisce pedonali"

Incidente

Un mazzo di fiori sul banco: così gli amici hanno ricordato Filippo in classe Video

Il sindaco di Langhirano: "Già chieste le strisce pedonali alla Provincia"

1commento

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

IL FATTO DEL GIORNO

La morte di Filippo: oltre al dolore, la rabbia per i mancati interventi per la sicurezza Video

Terremoto

Vigili del fuoco e volontari di Parma pronti a partire per l'Italia centrale Video

tg parma

A Parma dai figli, arrestato latitante siciliano che deve scontare 15 anni

incidente

Incidente sul lavoro a Noceto: grave un camionista

Il caso

Il Tar dà ragione a Medesano: sì alla farmacia a Ramiola

tribunale

Molestò operaia durante la campagna del pomodoro: condannato caporeparto

BASILICAGOIANO

Omicidio Habassi: Del Vasto capace di intendere e volere

tg parma

Greci, dai Nuovi consumatori alla candidatura alle comunali Video

3commenti

Calciomercato

Matteo Guazzo-Modena: salta tutto

Niente intesa sull'ingaggio, tegola per il mercato del Parma che ora ha un over di troppo.

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

16commenti

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

1commento

Fotografia

Parma di Badignana: la cascata

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le follie del nuovo bigottismo

3commenti

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

ITALIA/MONDO

Italia centrale

Terremoto e neve: un cadavere sotto le macerie di una stalla

PADOVA

Orge in canonica con 9 donne: prete nei guai

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

SPORT

lega pro

Il portiere Frattali è del Parma

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Foto

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta