-2°

LIRICA

De Candia: «Il dottor Dulcamara è un marpione un po' agè»

Roberto De Candia

Roberto De Candia

Ricevi gratis le news
0

Ritorna a Parma, dopo aver interpretato il ruolo (sempre brillante, ma inserito in un contesto molto più cupo) di Fra’ Melitone al Festival Verdi, il baritono Roberto De Candia per vestire i panni del dottor Dulcamara, mattatore dell’Elisir d’Amore (première domenica sera al Teatro Regio).
De Candia, come sarà questo spettacolo?
«Sono emozionato perché mi trovo ad affrontare un ruolo in un allestimento che era stato montato per il mio maestro, Sesto Bruscantini. Nella sua struttura questo spettacolo è un classico e ci ricorda un modo di fare teatro che non cerca di scioccare gli spettatori con azioni esagerate ed acrobazie da parte dei cantanti. Ritorniamo ad un tipo di teatro più classico dove anche lo spettatore (oltre agli interpreti) è più rilassato e può concentrarsi meglio sull’aspetto musicale».
Lei in quest’opera ha vestito anche i panni di Belccore oltre a quelli di Dulcamara, che differenze ci sono?
«Innanzitutto questo spettacolo l’ho interpretato la prima volta nel coro a Bari nel 1989 e l’ho eseguito un paio di volte come Belcore: una volta in emergenza e l’altra come cover di Alessandro Corbelli. Sono due ruoli molto diversi. Inevitabilmente Dulcamara dà molta più soddisfazione perché è un po’ più sfaccettato e ironico. Belcore fa parte dei ruoli della commedia, il soldato vanaglorioso, ed sembra un po’ tagliato con l’accetta. È un “bellone” ed io per motivi di decadimento fisico e per raggiunti limiti di età sono più adatto interpretare un marpione un po’ più “agé”. Curiosamente, per una questione di differenziazione timbrica si tende a far cantare Belcore ad un baritono con la voce più chiara e Dulcamara spesso a un bass-baryton. Nella scrittura di Donizetti questa differenziazione non c’è e il ruolo di Dulcamara è scritto proprio per un baritono visto che è impegnato quasi sempre nella parte medio-acuta della voce, mentre nella grave quasi mai e comunque meno di Belcore. Di solito si fa una scelta dovuta all’età che lascia intendere che il giovane abbia la voce più acuta, ma in questa edizione ci sarà più attenzione alle intenzioni della scrittura donizettiana».
Lei ha appena finito di cantare Leporello in Don Giovanni: com’è passare da questo ruolo a Dulcamara?
«La più grande difficoltà credo che sia il riposizionamento della voce in una zona medio-acuta. Leporello è un ruolo molto grave e forse è l’ultima volta che lo ho affrontato perché ormai inizia a pesarmi. È importante sapere scegliere il ruolo adatto anche quando si è in carriera».
Il rapporto con il Teatro Regio?
«Il Teatro Regio ha dei problemi e spero che riesca a risollevarsi. Un cantante è spinto a cantare in alcuni teatri dall’affetto e così è stato anche per lo scorso Festival Verdi. Io ho fatto le mie prime cover proprio in questo teatro e anche per un debito di riconoscenza non ho esitato a fare qualche piccolo sacrificio. In ogni caso bisogna cantare al cento per cento per tutti quelli che ci ascoltano».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

8commenti

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

San Polo d'Enza

Spaccate a tempo di record: altri 4 colpi "intestati" alla banda, uno a Montechiarugolo

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

correggio

Intervenne per sedare una lite e venne "pestato": 6 denunciati

il caso

La salma di Vittorio Emanuele III è arrivata a Vicoforte Foto

SPORT

nuoto

Europei, bis d'oro dell'Italia: prima Dotto e poi Orsi

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

SOCIETA'

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260