18°

LIRICA

De Candia: «Il dottor Dulcamara è un marpione un po' agè»

Roberto De Candia

Roberto De Candia

0

Ritorna a Parma, dopo aver interpretato il ruolo (sempre brillante, ma inserito in un contesto molto più cupo) di Fra’ Melitone al Festival Verdi, il baritono Roberto De Candia per vestire i panni del dottor Dulcamara, mattatore dell’Elisir d’Amore (première domenica sera al Teatro Regio).
De Candia, come sarà questo spettacolo?
«Sono emozionato perché mi trovo ad affrontare un ruolo in un allestimento che era stato montato per il mio maestro, Sesto Bruscantini. Nella sua struttura questo spettacolo è un classico e ci ricorda un modo di fare teatro che non cerca di scioccare gli spettatori con azioni esagerate ed acrobazie da parte dei cantanti. Ritorniamo ad un tipo di teatro più classico dove anche lo spettatore (oltre agli interpreti) è più rilassato e può concentrarsi meglio sull’aspetto musicale».
Lei in quest’opera ha vestito anche i panni di Belccore oltre a quelli di Dulcamara, che differenze ci sono?
«Innanzitutto questo spettacolo l’ho interpretato la prima volta nel coro a Bari nel 1989 e l’ho eseguito un paio di volte come Belcore: una volta in emergenza e l’altra come cover di Alessandro Corbelli. Sono due ruoli molto diversi. Inevitabilmente Dulcamara dà molta più soddisfazione perché è un po’ più sfaccettato e ironico. Belcore fa parte dei ruoli della commedia, il soldato vanaglorioso, ed sembra un po’ tagliato con l’accetta. È un “bellone” ed io per motivi di decadimento fisico e per raggiunti limiti di età sono più adatto interpretare un marpione un po’ più “agé”. Curiosamente, per una questione di differenziazione timbrica si tende a far cantare Belcore ad un baritono con la voce più chiara e Dulcamara spesso a un bass-baryton. Nella scrittura di Donizetti questa differenziazione non c’è e il ruolo di Dulcamara è scritto proprio per un baritono visto che è impegnato quasi sempre nella parte medio-acuta della voce, mentre nella grave quasi mai e comunque meno di Belcore. Di solito si fa una scelta dovuta all’età che lascia intendere che il giovane abbia la voce più acuta, ma in questa edizione ci sarà più attenzione alle intenzioni della scrittura donizettiana».
Lei ha appena finito di cantare Leporello in Don Giovanni: com’è passare da questo ruolo a Dulcamara?
«La più grande difficoltà credo che sia il riposizionamento della voce in una zona medio-acuta. Leporello è un ruolo molto grave e forse è l’ultima volta che lo ho affrontato perché ormai inizia a pesarmi. È importante sapere scegliere il ruolo adatto anche quando si è in carriera».
Il rapporto con il Teatro Regio?
«Il Teatro Regio ha dei problemi e spero che riesca a risollevarsi. Un cantante è spinto a cantare in alcuni teatri dall’affetto e così è stato anche per lo scorso Festival Verdi. Io ho fatto le mie prime cover proprio in questo teatro e anche per un debito di riconoscenza non ho esitato a fare qualche piccolo sacrificio. In ogni caso bisogna cantare al cento per cento per tutti quelli che ci ascoltano».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47 Fotogallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

3commenti

lega pro

Parma, alle 16.30 in campo pensando solo a vincere Diretta

gazzareporter

Barriera Repubblica, l'orologio non si è aggiornato con l'ora legale

2commenti

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

commemorazione

Un anno senza Mario il clochard: il quartiere lo ricorda pensando agli "ultimi" Foto

Viale Barilla

Lite tra giovani, ma chi ha la peggio è un vigile

5commenti

esclusiva

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

15commenti

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

ospedale

Radioterapia, arrivano nuove tecnologie

Le testimonianze dei pazienti: "Così sconfiggiamo la paura"

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

1commento

collecchio

Razziava gli armadietti di una piscina, arrestato un 33enne Video

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

L'INTERVISTA

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Il 31 marzo il comico sarà al Paganini

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

2commenti

ITALIA/MONDO

Incidente sulla A10

Tir si ribalta e travolge cantiere con operai: due morti Video

STATI UNITI

Stretta sui visti, controlli anche sui social Video

WEEKEND

la peppa

La ricetta della domenica - Tartine fiorite

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

motomondiale

Speciale Vecchi “leoni” e giovanotti rampanti iniziata la caccia al titolo di Marquez

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa