21°

35°

Spettacoli

Il «Pinicorillo» di Stori:«Cari genitori, meditate»

Il «Pinicorillo» di Stori:«Cari genitori, meditate»
Ricevi gratis le news
0
Francesca Benazzi
Un bambino così piccolo da risultare invisibile agli occhi del mondo: è la storia di «Pinicorillo», la nuova produzione di Teatro delle Briciole Solares Fondazione delle arti al debutto venerdì 13 alle 21 per «Week-end al Parco» (ma già da dopodomani in matinée per le scuole, tutte le date nella scheda), che ha il sapore di antiche fiabe ricche di potenti metafore. La crescita come affermazione dell’identità, il senso profondo del rapporto con il padre e con la madre: sono alcuni dei temi di questa favola che riprende l’archetipo dei bimbi piccolissimi e ingoiati da un animale (vedi Pollicino, Giona e la Balena, Pinocchio, Cappuccetto Rosso). Sul palcoscenico saliranno due attori «storici» delle Briciole come Piergiorgio Gallicani e Morello Rinaldi, mentre a firmare testo e regia è Bruno Stori, con le musiche a cura di Mauro Casappa. 
Come ha lavorato sulla drammaturgia di «Pinicorillo»?
«Si tratta di una fiaba contadina della tradizione appenninica romagnola - spiega Stori - che ho trovato nel libro 'E la nave va' dedicato all’opera dello psicanalista Alberto Spadoni. E’ la storia di questo bambino talmente piccolo che nemmeno la sua mamma riesce a vederlo: un giorno esce nell’aia e dopo aver assaporato per un po' la libertà un bue lo inghiotte insieme a un ciuffo d’erba. E’ un percorso di 'reinfetazione', di ritorno nel ventre materno: passata la crisi, Pinicorillo ne uscirà fuori finalmente grande. I significati sono profondi: il bisogno di essere 'visto' davvero, di potersi riconoscere negli occhi del padre e della madre per crescere, e in particolare la necessità della presenza paterna fin dalla nascita. Per questo la mucca originaria della fiaba qui è diventata un bue: per sottolineare il bisogno di un modello maschile, soprattutto oggi in cui spesso la mamma si ritrova a dover fare sia da padre che da madre».
Quali linguaggi ha usato per la messinscena?
«La fiaba viene prima raccontata e poi rappresentata. L’idea è che sia un po' come un sogno, senza preoccupazioni descrittive e logiche, bensì emotive, per associazioni. Nella seconda parte il testo è ridotto al minimo e la suggestione è affidata a oggetti, suoni, rumori, musiche per rappresentare l’interno della pancia del bue. E per i genitori è un’occasione per riflettere... Sì, soprattutto sull'importanza della presenza, che diventa modello sul quale crescono i nostri figli, sulla necessità di continuare a giocare con loro, di tenerli 'dentro' per ridare loro forza sia da bambini che da adolescenti, per poi lasciarli andare verso l’autonomia».
 Da tanti anni lavora con i ragazzi: ha dovuto modificare nel tempo i linguaggi per catturare la loro attenzione, continuamente 'bombardata' da multimedialità sempre più rapida?

«La soglia di attenzione è in genere più bassa, e questo si riscontra non solo nel teatro ma anche nella scuola. Non credo però che il teatro debba adeguarsi ai nuovi linguaggi, deve anzi mantenere la propria peculiarità, lavorare su tempi di percezione più lunghi, di cui i piccoli hanno bisogno per apprendere. In fondo nell’antica Grecia la scuola, la 'scholé', significava 'ozio'. E quando le proposte sono affascinanti e accoglienti, i ragazzi rispondono con attenzione».  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe

PISCINE

Relax e divertimento al Colle San Giuseppe Foto

D'Alessio-Tatangelo, "siamo in crisi"

gossip

D'Alessio-Tatangelo ammettono: "Siamo in crisi"

Usa, morto John Heard

STATI UNITI

Trovato morto l'attore John Heard ("Mamma ho perso l'aereo") Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

CHICHIBIO

«Podere Lavinia», tutto il buono della carne

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Gli imprenditori ricordano Alberto Greci

IL RICORDO

Gli imprenditori ricordano Alberto Greci

1commento

PARMA

Incidente in viale Duca Alessandro nella notte

Scontro attorno all'una e trenta

Collecchio

L'aratura diventa una gara: foto

domenica

Tra spaventapasseri, polenta e canoe di cartone: l'agenda

BASSA

Pensionato scomparso: continuano le ricerche nel Po

Da venerdì non si hanno notizie di un 68enne di Soragna

LA TESTIMONIANZA

«Ha aggredito un ragazzo, poi se l'è presa con me»

1commento

Il caso

Liti stradali, un'epidemia

2commenti

Soragna

Anziano cade dal trattore: è gravissimo in Rianimazione

polizia

Trova online passaggio in auto fino a Parma: studentessa molestata

6commenti

VALMOZZOLA

Il partigiano russo ritrovato... al museo 

Varano

Salgono a 20 i ragazzi intossicati

OSPEDALE VECCHIO

Quel museo straordinario degli oggetti ordinari

Sant'Ilario

Tari azzerata a chi si occupa del verde pubblico

Incidente

Carro attrezzi e furgone si scontrano sull'Asolana

Spettacoli

Lorenzo Campani: «Sogno Jesus Christ Superstar»

MASSACRO

Solomon, decine di colpi sui corpi anche dopo la morte

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

di Michele Brambilla

2commenti

CONCORSI

Gazzareporter: manda le tue foto e "cartoline" e vinci

ITALIA/MONDO

Toscana

Auto schiacciata da un grosso albero: paura nel Livornese

GRECIA

Terremoto a Kos: due nuove forti scosse, evacuato l'aeroporto

SPORT

baseball

Scalera, 2 home run in un giorno: Parma Clima vittorioso

PARMA

I nuovi acquisti crociati: il portiere Michele Nardi e l'attaccante Marco Frediani Video

SOCIETA'

IL DISCO

Deep Purple, dal Giappone con furore

CINEMA

A Firenze la "temutissima" Coppa Cobram per ricordare Paolo Villaggio

1commento

MOTORI

NOVITA'

Opel Insignia GSi, berlina per veri intenditori

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up