18°

28°

Cannes

«Sicario» centra il bersaglio oltre il confine della morale

Benicio Del Toro: «Il fine giustifica i mezzi? Per il mio personaggio sì, per me no»

«Sicario» centra il bersaglio oltre il confine della morale

Emily Blunt e Benicio Del Toro posano per i fotografi

0

«Quali sono le regole dell'ingaggio?». «Fuoco a volontà, amico: fuoco a volontà».
Nel paese dei lupi non c'è posto per gli agnelli: il Festival finisce nel mirino. Preme il grilletto e centra il bersaglio «Sicario» (un titolo che è tutto un programma), il thriller a mano armata, robusto e spietato, con cui il canadese Denis Villeneuve ha dato la sveglia, ieri mattina, al concorso di Cannes. Un film tosto e minaccioso che oltrepassa il confine della morale per gettare benzina sulla già infuocata frontiera tra Messico e Usa: sposando stavolta però (e seppure non sia certo una novità assoluta per il genere, è comunque una variante significativa) un punto di vista femminile, che coincide oltretutto, almeno per buona parte della pellicola, con quello dello spettatore: chiamato a condividere la stessa tensione della protagonista, la sua incertezza, il medesimo smarrimento di non sapere cosa accadrà un minuto dopo.
Kate (Emily Blunt), brillante agente dell'Fbi, viene reclutata da Matt (Josh Brolin), capo di un task force governativa, per un'operazione segreta contro il cartello della droga messicano: tutti però sembrano volerla tenere all'oscuro su quello che sta accadendo davvero. Compreso Alejandro (Benicio Del Toro), uno strano colombiano comparso dal nulla...
Cinico, anche brutale, il film dimostra subito di avere la mano pesante grazie a un inizio che «spacca», permettendo a Villeneuve (che guarda a Mann) di riaffermare, con riprese ariose e suggestive sequenze aeree, un senso del cinema pieno e riconoscibile: certo, «Sicario» resta un passo indietro rispetto a «La donna che canta» e «Prisoners» (i precedenti e più complessi, più frastagliati, lavori dell'autore), ma si eleva dal convenzionale oltre che per lo stile marcato (magistrale in questo senso la scena della sparatoria alla frontiera), anche per un lavoro attento e decantato sui personaggi.
Da Kate, sigaretta sempre in bocca e la stessa t-shirt da una settimana, pedina inconsapevole in una scacchiera senza regole, a Alejandro, malinconica macchina di morte assetata di vendetta, passando per le infradito (perché sì, sono i particolari, a volte, a fare la differenza) di Matt, sarcastico duro senza sconti. Lo scontro, prevedibile, tra poliziotta idealista e specialisti del gioco sporco è già visto, ma Villeneuve è bravo a non lasciare qualche scrupolo per strada, moltiplicando le frontiere e i confini (non solo quello tra due Paesi, ma anche quello tra legale e illegale, tra maschile e femminile...) e rispondendo con ferocia ai dubbi etici della sua protagonista. Firmando così un film compiuto che molto deve al corto circuito prodotto dall'incontro tra il disorientamento esplicito di Kate e il dolore, intollerabile ma trattenuto, di Alejandro, nonché all'evidente stato di forma degli interpreti. Tra cui ieri ha tenuto banco un sorridente Benicio Del Toro che, occhialoni scuri e basetta in vista, ha firmato, con la solita disponibilità, decine di autografi: «Il confine tra Usa e Messico? E' un luogo che mi interessa - spiega Del Toro -, di cui mi è già capitato di occuparmi nella mia carriera d'attore. Ma come lo racconta Denis è qualcosa di nuovo, mi ha contagiato col suo entusiasmo. Il film non dà risposte, piuttosto si chiede se il fine giustifica i mezzi. Secondo il mio personaggio sì, ma io come persona non la penso allo stesso modo».
Per prepararsi al ruolo invece la protagonista Emily Blunt ha parlato con alcune vere agenti dell'Fbi: «Non certo dei maschiacci, ma ragazze normalissime che dopo il lavoro vanno a casa a guardare "Downton Abbey". E' stato interessante osservare come il loro lavoro, la loro missione, condiziona la loro esistenza, le loro relazioni, il sonno la notte». Indimenticabile ne «Il diavolo veste Prada», la Blunt ha anche commentato la notizia, resa virale dalla rete, che l'altra sera ad alcune anziane signore con regolare invito sia stata vietata la passerella (e l'ingresso in sala) perché sprovviste di scarpe coi tacchi. «E' una cosa assurda - commenta l'attrice -, a questo punto, come risposta, tutte dovremmo indossare scarpe basse». Ma al regista Villeneuve viene un'idea migliore: «E se i tacchi se li mettessero Del Toro e Brolin?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Morto svedese Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Lutto nel cinema

E' morto l'attore Michael Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

Serena Williams sulla copertina di Vanity (Ed. Usa)

Il caso

Serena Williams incinta e senza veli su Vanity Fair

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

sassari

"Bidonata" alle nozze porta gli invitati al ristorante. Risarcimento in arrivo?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Qual è il regalo perfetto per la maturità?

PGN

Qual è il regalo perfetto per la maturità?

Lealtrenotizie

Brandisce le forbici contro un negoziante in piazza Ghiaia. Identificato e denunciato

polizia

Paura in Ghiaia: minaccia un negoziante con le forbici. Denunciato

In viale Vittoria

Ragazzo a terra, è gravissimo

5commenti

incendio

Furgoncino in fiamme in tangenziale (via Traversetolo): vigili del fuoco in azione

gazzareporter

Acqua nella Parma (finalmente)

Pontremoli-berceto

Incidente: cisterna si stacca dal tir, disagi sull'Autocisa

Lutto

L'ultima lezione di Angela

IL CASO

Gara per il trasporto pubblico, inchiesta per turbativa d'asta

1commento

curiosità

Spazzino 2.0: per la pilotta arriva il drone Video

1commento

Intervista

Papageorgiou: «Lascio il lavoro per la musica»

FIDENZA

Tiro a segno, l'ex presidente condannato a versare 183.893 euro di risarcimento

Futuro vicesindaco

Bosi: «Saremo più vicini ai cittadini»

2commenti

MERCATO

La «decima» di Lucarelli

Documentario

L'Antelami torna in Duomo

polizia municipale

Fa la pipì in piazzale Matteotti: 450 euro di multa

Multato anche un uomo disteso sulla panchina

16commenti

il caso

Vetri rotti, vandali/ladri in azione: la mappa dell'emergenza

4commenti

polizia

Arancia meccanica in un kebabbaro (con rapina) di piazzale della stazione: presi due giovani

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Pd, quanti errori dietro l'ennesima batosta

di Stefano Pileri

11commenti

ITALIA/MONDO

omicidio

Italiano ucciso a Londra: la coinquilina (arrestata ieri) accusata di omicidio

chiesa

Il cardinale Pell incriminato per pedofilia. "Rifiuto le accuse, torno in Australia a difendermi"

1commento

SOCIETA'

auto

Il "bullo" della Porsche sfida la Tesla: finale a sorpresa

1commento

salute

Drogometro, in 8 minuti scova gli ''sballati'' alla guida

SPORT

SEMIFINALE

Gli azzurrini in dieci: la Spagna dilaga

vela

Coppa America, trionfo New Zealand. Primo sfidante Luna Rossa. Azzurra? Forse torna

MOTORI

LA PROVA

Nissan, 10 anni di Qashqai. Ecco come va il nuovo Foto Dati tecnici

ANTEPRIMA

Arona, ecco il Suv compatto secondo Seat