-3°

Spettacoli

Bellocchio: «Ormai la tv vince su tutto»

Bellocchio: «Ormai la tv vince su tutto»
0
Gianluigi Negri 
Non potrò portare a Roma un riconoscimento così pesante: me lo spedirete». E’ con una battuta che Marco Bellocchio riceve dalle mani dell’assessore alla Cultura Luca Sommi il Premio all’eccellenza artistica della città di Parma, istituito 8 anni fa da Solares (con il Comune) e da un anno ribattezzato «Trecentosessanta». L’opera, frutto della creatività del designer Denis Santachiara, mette in «difficoltà» anche lo stesso Sommi: «Pesa una quindicina di chili».  Si è aperta così, tra i sorrisi, al cinema Edison, la cerimonia di premiazione di cui è stato protagonista il regista piacentino l’altra sera. Di fronte a uno scarso pubblico, considerato che Bellocchio è uno dei grandi maestri del cinema italiano, il regista di «Vincere» non si è sottratto alle domande del critico e giornalista della «Gazzetta» Filiberto Molossi e degli spettatori presenti. Durante il suo intervento non ha potuto non sottolineare ciò che sta accadendo al cinema in questo periodo: «Ormai è la televisione che vince tutto. Il cinema è minoritario: era un arte popolare; oggi faticano anche le multisale». Nella serata di mercoledì è stata anche inaugurata la rassegna «Immagini del potere. Il cinema di Marco Bellocchio», che l’Edison ospiterà fino al 20 gennaio. L’incontro è avvenuto, intorno alle 23, tra le proiezioni di «Paola - Il popolo calabrese ha rialzato la testa» (documentario del 1969) e i corti «Abbasso il zio» (1961) e «Ginepro fatto uomo» (1962), che precedono il folgorante «I pugni in tasca», esordio del regista del 1965. «"Paola - Il popolo calabrese ha rialzato la testa" - ha ricordato Bellocchio - è l’unico film di propaganda che ho girato. In quel periodo scelsi di aderire all’Unione dei comunisti italiani, partito di ispirazione maoista che "stava sul territorio" in maniera diversa dalla Lega di oggi e che voleva coinvolgere gli sfruttati, in questo caso i contadini che lottavano per l’occupazione delle case popolari. Nonostante fosse stato il partito a chiedermi di girarlo, lo realizzai in modo totalmente libero». L'indipendenza è sempre stata un suo «cruccio»: «Cerco di avere una libertà accentuata nel mio lavoro. Le imposizioni tutte mi sono nemiche, anche se nella mia formazione un posto rilevante lo ha avuto il cinema sovietico, che è un cinema di propaganda. Resto comunque contrario a qualsiasi tipo di pressione ideologica». «Vincere», da poco uscito in Francia, è stato accolto come un capolavoro, ed ha ricevuto entusiastiche accoglienze anche negli Stati Uniti: «E' la storia di un uomo (Mussolini, ndr) disposto a distruggere una donna, la quale si ribella a un’imposizione del potere. Questi scontri e questa ribellione sono quasi sempre riscontrabili nella mia opera». Altro tema ricorrente è la pazzia che Bellocchio considera ribellione, ma anche ripetizione: «Il pazzo è uno che ripete: è un ribelle che, in un certo senso, ha perso la sua battaglia». Dopo un dramma storico come quello raccontato in «Vincere», ora potrebbe tornare a occuparsi del presente: «Ho rifiutato un film su Craxi, ma mi affascina molto, come tema, la tragedia di Eluana Englaro».
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

I 100 anni di Kirk Douglas

Youtube

I 100 anni di Kirk Douglas Video

Kim Kardashian divorzia?

Gossip

Kim Kardashian divorzia?

E' morto il musicista Greg Lake

Greg Lake

Londra

E' morto Greg Lake, la voce di Emerson, Lake and Palmer

Notiziepiùlette

Ultime notizie

maria chiara cavalli 1

STRAJE'

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

di Andrea Violi

1commento

Lealtrenotizie

D'Aversa, buona la prima:  1-0 e 3 punti d'oro a Bolzano

17a giornata

D'Aversa, buona la prima: 1-0 e 3 punti d'oro a Bolzano Guarda il gol - Fotogallery

Pacciani: "Vittoria sofferta ma meritata" (Videocommento) - Lega Pro, risultati e classifica (guarda)

1commento

incidente

Auto contro un palo a Soragna: 21enne ferito

tg parma

Incidente a Brescello: quattro feriti, due bambini al Maggiore

parma

Luminarie: il Comune ha speso 125mila euro

9commenti

Polizia municipale

Dalla Puglia a Collecchio in tre ore? No, tachigrafo truccato: maxi-multa

2commenti

Inchiesta

Emergenza truffe agli anziani: come difendersi

2commenti

Ospedale

Borghi: «Giusto razionalizzare i reparti»

5commenti

Parma

Atti vandalici al gattile

1commento

Lutto

Tina Varani, una vita per la famiglia

MONTECCHIO EMILIA

Vende Audi A4 a 1.800 euro ma è una truffa: denunciato bergamasco

2commenti

Sala Baganza

Festeggiano 50 anni di matrimonio aiutando la Casa della salute

Polizia municipale

Controlli a San Leonardo: 22 multe ad automobilisti, 2 a ciclisti non in regola

Controlli anche sui veicoli: fermate 2 auto senza assicurazione e 5 senza revisione

11commenti

Carabinieri

Con Rey il labrador «a caccia» di droga

1commento

allarme

Sterpaglie in fiamme, rogo a Ponte Italia Video

Attorno alle 22 di ieri

1commento

Guardia di Finanza

Incassa poco ma solo per il fisco: sequestrati beni a un evasore "seriale" di Sorbolo

3commenti

Sicurezza

Diciassette nuovi «occhi» a Noceto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

CONTI PUBBLICI

La manovra è legge: ecco cosa cambia

2commenti

Reggio Emilia

Si travestiva e pagava ragazzini per fare sesso: arrestato 40enne, più di 30 vittime

1commento

SOCIETA'

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

GUSTO

Parmigiano Reggiano, ecco perché è il “Re dei formaggi”

SPORT

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

CALCIO

Conceicao (ex del Parma) nuovo allenatore del Nantes

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

MOTORI

Suzuki, il grande ritorno di Ignis