20°

33°

Spettacoli

Bellocchio: «Ormai la tv vince su tutto»

Bellocchio: «Ormai la tv vince su tutto»
Ricevi gratis le news
0
Gianluigi Negri 
Non potrò portare a Roma un riconoscimento così pesante: me lo spedirete». E’ con una battuta che Marco Bellocchio riceve dalle mani dell’assessore alla Cultura Luca Sommi il Premio all’eccellenza artistica della città di Parma, istituito 8 anni fa da Solares (con il Comune) e da un anno ribattezzato «Trecentosessanta». L’opera, frutto della creatività del designer Denis Santachiara, mette in «difficoltà» anche lo stesso Sommi: «Pesa una quindicina di chili».  Si è aperta così, tra i sorrisi, al cinema Edison, la cerimonia di premiazione di cui è stato protagonista il regista piacentino l’altra sera. Di fronte a uno scarso pubblico, considerato che Bellocchio è uno dei grandi maestri del cinema italiano, il regista di «Vincere» non si è sottratto alle domande del critico e giornalista della «Gazzetta» Filiberto Molossi e degli spettatori presenti. Durante il suo intervento non ha potuto non sottolineare ciò che sta accadendo al cinema in questo periodo: «Ormai è la televisione che vince tutto. Il cinema è minoritario: era un arte popolare; oggi faticano anche le multisale». Nella serata di mercoledì è stata anche inaugurata la rassegna «Immagini del potere. Il cinema di Marco Bellocchio», che l’Edison ospiterà fino al 20 gennaio. L’incontro è avvenuto, intorno alle 23, tra le proiezioni di «Paola - Il popolo calabrese ha rialzato la testa» (documentario del 1969) e i corti «Abbasso il zio» (1961) e «Ginepro fatto uomo» (1962), che precedono il folgorante «I pugni in tasca», esordio del regista del 1965. «"Paola - Il popolo calabrese ha rialzato la testa" - ha ricordato Bellocchio - è l’unico film di propaganda che ho girato. In quel periodo scelsi di aderire all’Unione dei comunisti italiani, partito di ispirazione maoista che "stava sul territorio" in maniera diversa dalla Lega di oggi e che voleva coinvolgere gli sfruttati, in questo caso i contadini che lottavano per l’occupazione delle case popolari. Nonostante fosse stato il partito a chiedermi di girarlo, lo realizzai in modo totalmente libero». L'indipendenza è sempre stata un suo «cruccio»: «Cerco di avere una libertà accentuata nel mio lavoro. Le imposizioni tutte mi sono nemiche, anche se nella mia formazione un posto rilevante lo ha avuto il cinema sovietico, che è un cinema di propaganda. Resto comunque contrario a qualsiasi tipo di pressione ideologica». «Vincere», da poco uscito in Francia, è stato accolto come un capolavoro, ed ha ricevuto entusiastiche accoglienze anche negli Stati Uniti: «E' la storia di un uomo (Mussolini, ndr) disposto a distruggere una donna, la quale si ribella a un’imposizione del potere. Questi scontri e questa ribellione sono quasi sempre riscontrabili nella mia opera». Altro tema ricorrente è la pazzia che Bellocchio considera ribellione, ma anche ripetizione: «Il pazzo è uno che ripete: è un ribelle che, in un certo senso, ha perso la sua battaglia». Dopo un dramma storico come quello raccontato in «Vincere», ora potrebbe tornare a occuparsi del presente: «Ho rifiutato un film su Craxi, ma mi affascina molto, come tema, la tragedia di Eluana Englaro».
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Salvador Dalì, a 28 anni dalla morte i celebri baffi intatti

Spagna

A 28 anni dalla morte i baffi di Salvador Dalì sono intatti

Vinicio Capossela insieme alla Filarmonica Toscanini: le foto della serata a Parma

Parma

Vinicio Capossela insieme alla Filarmonica Toscanini: le foto della serata 

Barbara Weldens

Barbara Weldens

FRANCIA

La cantante Barbara Weldens muore folgorata durante un concerto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Mangiano pollo avariato, studenti intossicati

VARANO

Mangiano pollo avariato, studenti intossicati

Inchiesta sulle bollette

Luce, acqua e gas: storie di ordinaria vessazione

MASSACRO

Solomon, decine di colpi sui corpi anche dopo la morte: la sorella ferita con la mannaia

Noceto

Quella croce che protegge la valle di Cella

Testimonianze

Notte di paura per i parmigiani a Kos

Auguri capitano

Parma, il Parma, la famiglia: i 40 di Lucarelli

Fortuna

Fidentino gratta e vince 100 mila euro

Soragna

I residenti contrari all'arrivo dei profughi

PARMA

Lite al parco di via Milano: magrebino ferisce italiano con le forbici Video

1commento

ANTEPRIMA GAZZETTA

Bollette anomale e strani anticipi da pagare: le storie sulla Gazzetta di Parma

weekend

Feste campestri, cavalli e silent party: l'agenda del sabato

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

IL CASO

Ramiola, taglia i cavi per far tacere le campane

4commenti

carabinieri

Pusher in viale Vittoria: un lettore fotografa il blitz La sequenza

3commenti

incidente

Scontro fra una moto, due auto e un camion in via Traversetolo: un ferito grave

COMUNE

Un caso di dengue a Parma: disinfestazione in via Imbriani e al Barilla Center

Tecnici in azione per tre notti

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

1commento

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

TORINO

Figlio muore sul Cervino, la madre discute la  tesi Video

grecia

Scossa di 6,7: due turisti morti e 200 feriti a Kos Foto Video

SPORT

parma calcio

I 40 anni di capitan Lucarelli: speciale Gazzetta Video

parma calcio

Qui Pinzolo: la foto-cronaca del primo giorno di allenamenti

SOCIETA'

MANTOVA

Amiche muoiono per un incidente in scooter. Quell'ultimo video su Fb

Era qui la festa

Sorbolo: facce da... girone dei golosi Foto

MOTORI

MERCEDES

Classe X, la Stella attacca il segmento dei pick-up

EMISSIONI

Anche Audi gioca d'anticipo: interventi su 850mila diesel