-2°

Spettacoli

Lella Costa e le «Ragazze»: «Mitiche, malgrado tutto»

Lella Costa e le «Ragazze»: «Mitiche, malgrado tutto»
0
Francesca Benazzi 
 
Porta sul palcoscenico le donne, anzi le «Ragazze» d’ogni età, tra divertimento, riflessione e impegno. Lella Costa torna a Teatro Due da giovedì a sabato con il suo ultimo monologo, diretto da Giorgio Gallione con le musiche di Stefano Bollani (info: 0521 230242, biglietteria@teatrodue.org). Dopo Amleto, Alice e Traviata, a cui l’autrice-attrice aveva dedicato negli scorsi anni i suoi «one-woman-show», questa volta lo spunto letterario per «Ragazze - Nelle lande scoperchiate del fuori» è Calvino con la sua Euridice. Ma lo spettacolo, dice Lella Costa, «parla di tutte quelle ragazze 'senza pari' che animano la nostra vita e la nostra memoria, nei secoli protagoniste e testimoni di uxoricidi impuniti e vessazioni quotidiane, di gesti eroici e delitti inauditi, e che nonostante tutto riescono a essere straordinariamente creative e irresistibilmente simpatiche».
 
Nei suoi monologhi spesso la letteratura diventa occasione per parlare d’attualità:  nel caso di «Ragazze» com'è andata?
«Rispetto agli ultimi spettacoli, dove l’elemento letterario costituiva la struttura portante, qui le incursioni nel contemporaneo sono molte di più. Ho pensato che Orfeo e Euridice fosse il mito perfetto per raccontare la difficoltà, la fascinazione e il mistero della relazione tra maschi e femmine, con questa cosa assurda che Orfeo fa di riuscire a riconquistare Euridice scendendo addirittura nell’oltretomba e di contravvenire alla sola regola che gli era stata data, quella di non voltarsi indietro. Insomma l’unica cosa che non doveva fare la fa: è curioso, no? Da qui nasce tutta una serie di divagazioni sulla contemponeità, non sull'attualità: non m'interessava entrare nel dettaglio di questioni che ci ammorbano quotidianamente, piuttosto volevo fare un discorso che prescindesse dall’avvenimento della settimana e riflettesse, in modo anche divertente e ironico, sui talenti non riconosciuti delle donne e sulle vessazioni che subiscono».
 
Sembra di capire che per le «ragazze» di oggi ci sia ancora molta strada da fare.
«E' molto difficile dare un’interpretazione univoca, ma credo sia importante provare a ricostituirci come soggetto collettivo, senza mitizzare l’identità di genere, le donne sempre e comunque, accogliendo a braccia aperte tutti gli uomini che siano disposti a tenere presente il nostro punto di vista e il nostro bisogno di visibilità e concretezza. Spero, con questo spettacolo, di dare un minimo contributo. Mi pare che funzioni: alla fine spesso gli uomini vengono in camerino a dirmi 'Siamo un po'massacrati ma ce lo meritiamo'».
 
Com'è nata la prima idea di questo spettacolo, l’esigenza di parlare della condizione delle donne?
 «Un anno fa, quando è nata quest’idea, avvertivo una sensazione di disagio, di profondo scollamento tra la percezione della strada da fare, delle ingiustizie, delle assurdità e il bisogno di parlarne. Vivendo nel mondo reale e avendo relazioni con persone che conducono una vita normale, ho intuito che questo era un terreno su cui era indispensabile muoversi e prendere posizione».
Le sue tre figlie l’hanno ispirata nella scrittura del monologo?
«Probabilmente sì - conclude Lella Costa - qualche spunto è senz'altro più facile da cogliere nella realtà che hai più vicina. Ma credo che uno spettacolo teatrale debba vivere un po': in Italia vivono sempre troppo poco. Quindi cerco di legarlo il meno possibile a quello che accade intorno a me e di avere uno sguardo più ampio». 
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

11commenti

tribunale

Rappresentante, si prende le porte blindate dello stand: condannato

L'accusa era anche di pagamenti con assegni oggetti di furto e protestati

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

15commenti

reggio emilia

I tifosi della Reggiana ci ricascano: assalto al bus dei veneziani

Dopo il derby contro il Parma nuovo agguato degli ultras granata con pietre e fumogeni

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

1commento

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

16commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

12commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017