17°

cultura

Elena Padovani arpeggi di dolcezza

Decimo anniversario della scompara della musicista parmigiana. A 19 anni suonò accanto alla Tebaldi e Bergonzi. Carriera solistica di prim'ordine. Segovia la definì "eccezionale artista della chitarra, ben preparata sia per la didattica sia per i concerti"

Elena Padovani arpeggi di dolcezza

Elena Padovani

0

Compare spesso, nelle storiche foto scattate a fianco dei più illustri concertisti del Novecento. Il volto sereno, velato da un accento di malinconia, l’espressione assai lontana dalla disinvolta fierezza che troppo spesso traspare nei ritratti d’artisti di brillante carriera. C’è qualcosa da scoprire nella vita di questa dama della chitarra, di cui ricorre oggi il decimo anniversario della morte. Vogliamo così ricordare la vita di Elena Padovani (1923-2005), figlia illustre della terra di Parma, che a un itinerario artistico di grande rilievo coniugò sempre eguali semplicità e modestia. Una persona generosa, che dedicò più tempo all’insegnamento che alla propria affermazione concertistica: gli allievi ne ricordano il temperamento mite e cordiale, improntato all’umiltà anche al culmine del percorso artistico.
Nata a San Pancrazio Parmense il 22 giugno 1923, Elena Padovani mostrò ancora bambina grande sensibilità musicale, che la portò ad avvicinarsi dapprima al mandolino e subito dopo alla chitarra, sotto la guida del M° Renzo Cabassi. A 14 anni raccolse i primi successi di giovane chitarrista, e tre anni più tardi la critica ne notava «le brillanti qualità tecniche ed artistiche» sottolineando come «raramente capita di sentire alla sua giovane età una esecutrice di così cospicue doti musicali».
La stampa di allora augura così alla giovane esordiente «nuove brillanti conquiste», che non sarebbero mancate, perché Elena intraprende un itinerario in costante ascesa, che attraverso numerosi concerti l’avrebbe portata, negli anni ’50, ad essere ammessa all’Accademia Chigiana di Siena. Qui, assieme a chitarristi leggendari come Alirio Díaz e John Williams, segue le lezioni del grande Andrés Segovia, che qualche anno dopo parlerà di lei come «una eccezionale artista della chitarra, ben preparata sia per l’attività didattica che per la carriera concertistica». La Padovani abbraccia così i principi della scuola chitarristica spagnola nella quale proprio in quegli anni i chitarristi italiani - senza dimenticare il valore della propria tradizione - trovavano un decisivo punto di riferimento.
Si tratta di un'epoca di fermento per le sorti della chitarra nel nostro paese, che vede la nascita di un numero crescente di cultori e concertisti, e si avvia a guadagnarsi il riconoscimento di una cattedra nei conservatori. Molti i successi concertistici di questi anni, nei quali la Padovani, a fianco del repertorio solistico per lo strumento, dedica ampio spazio a quello - quasi un allusivo omaggio alla sensibilità musicale della sua terra - per voce e chitarra: dopo aver condiviso il palco, a 19 anni, con Renata Tebaldi e Carlo Bergonzi, collabora con diversi altri cantanti, per i quali trascrive innumerevoli brani, continuando nel frattempo il suo impegno di maestra elementare presso l’Istituto delle Dame Orsoline del Sacro Cuore di Parma.
E’ il 1954 l’anno in cui si apre, al Conservatorio S. Cecilia di Roma, la prima cattedra di chitarra. La Padovani è tra i candidati, e lo stesso Segovia si adopera affinché l’incarico venga affidato alla brillante allieva (il titolo sarà tuttavia assegnato, per un vantaggio minimo, al maestro romano Benedetto Di Ponio).
La Padovani spende dunque la sue qualità didattiche alla Scuola Musicale di Milano fino al 1962, anno in cui le viene assegnato un incarico presso il Conservatorio di Bolzano. Lascia così la terra emiliana - dove tornerà a trascorrere gli ultimi anni - aprendo una nuova fase del suo percorso biografico. Ma manca lo spazio, a chi scrive, per ricordare tutti i passi di un itinerario la cui portata artistica e didattica, forse, deve ancora essere adeguatamente messa in luce.
Parlare di lei, oggi, con chi l’ha conosciuta, osservare lo sguardo pieno di commozione e di filiale affetto di chi ne ha seguito il percorso fa emergere - più di ogni, pur utile, ricostruzione biografica - quale sia l’insegnamento più importante da custodire.
Quello di una donna che portò avanti il cammino intrapreso con una dedizione totale, tanto da donare tutta la vita alla bellezza dell’arte e, attraverso questa, alla più grande Bellezza che in essa traspare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La notte degli oscar

culture

No alle scollature: la notte degli oscar censurata in Iran Video

Colori e volti del Nepal: il viaggio di Niccolò

Fotografia

Colori e volti del Nepal: il viaggio di Niccolò Foto

Le spose di Giulia & Jean Louis David

pgn

Le spose di Giulia & Jean Louis David Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Aspettando la Festa della donna: velluto in rosa

VELLUTO ROSSO

Aspettando la Festa della donna: velluto in rosa Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

ladre operazioni carabinieri

Via Mascagni

Arrestata un mese fa svaligia ancora le case con uno shampoo

Con una complice utilizzavano la confezione in plastica per aprire le porte blindate: le due donne sono state fermate

1commento

Tribunale

Violenza sessuale sulla moglie e maltrattamenti, anche davanti ai bimbi: condannato

Quattro anni e due mesi per un romeno 39enne

anteprima gazzetta

Sifilide e tbc: il ritorno delle malattie scomparse Video

bilancio partecipativo

Ecco gli 11 progetti dai consigli dei cittadini volontari che il Comune finanzierà

1commento

Carabinieri

Folle inseguimento nelle vie di Guastalla: recuperata Bmw rubata a Montechiarugolo

Era una "banda delle ville"?

1commento

Montechiarugolo

Il custode era in realtà il ladro: denunciato moldavo

1commento

Guardia di Finanza

Bancarotta: 165 immobili sequestrati, Parma coinvolta nell'indagine

Sono riconducibili a 25 persone collegate a Mario Di Raffaele, costruttore ed ex presidente del Pomezia Calcio

2commenti

via mazzini

Aggressione al banchetto della Lega: un patteggiamento

Degli altri due aggressori: un'assoluzione e un rinvio a giudizio

Parma

Straniera picchiata in strada, rifiuta l'aiuto di un'anziana e scappa

4commenti

parma

Bassi crociato fino a giugno: primo allenamento

Domani la presentazione del nuovo portiere a Collecchio

CHICHIBIO

Antica Trattoria Il Duomo: la buona tavola di casa

foto dei lettori

Vasche pericolose nella ex-Star di Corcagnano

segnalazione

Sporcizia nei campetti di via Giulio Cesare

Parma

Il Forlì mette a disposizione dei tifosi un pullman gratuito

Lunedì il match al Tardini (ore 20.45)

Parma

Vento in città: chiusi per alcune ore Parco Ducale e Cittadella

2commenti

PARMA

Completata la pista ciclopedonale fra Gaione e il Campus Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quanto affetto per il grande Giorgio Torelli

IL CINEFILO

L'Oscar sbagliato, "la più grande farsa della storia del premio" Video

di Filiberto Molossi

3commenti

ITALIA/MONDO

san casciano

Mostro di Firenze: è morto Pucci, ultimo compagno di merende

il caso

Biotestamento, la legge approderà alla Camera il 13 marzo

1commento

SOCIETA'

skatepark

Biker trial fa cadere il figlio in skateboard, la furia del padre

"esperimento"

Scambio di smartphone tra fidanzati: risate e imbarazzo

SPORT

Parma Calcio

Sebastian Frey al Museo del Parma: "E' favoloso" Video

CALCIO

Il Parma riprende l'allenamento. D'Aversa alle prese con gli infortuni Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella del primo Suv del Biscione

PACK

Performance Line: la gamma DS sempre più esclusiva