-3°

Spettacoli

La diva dal cuore grande

La diva dal cuore grande
1

 Laura Ugolotti

 

E'riconosciuta come una delle più grandi dive degli anni '60 e '70, eppure lei, Lydia Alfonsi, è prima di tutto una donna; forte, tenace e orgogliosa. La è stata fin da ragazzina: «Sono uscita di casa molto giovane - racconta -, ho sempre dovuto lavorare per mantenermi. E’ una scelta che consiglio ai giovani: l’indipendenza aiuta a crescere e forma il carattere». Un’indipendenza che spesso l’ha portata a scelte sofferte: «Si è parlato spesso della mia amicizia con Re Hussein, si è detto di tutto. Conservo ancora le sue lettere. Tra di noi c'era una profonda stima e un grande affetto, ma quando si è trattato di scegliere la mia vita ha preso una strada diversa». Dopo gli esordi a teatro, infatti, Lydia Alfonsi conosce il regista Giacomo Vaccari e decide di andare a lavorare con lui a Roma. «La tv mi ha portato via - ricorda -; il lavoro era troppo importante e non potevo concedermi distrazioni. Ma non ho rimpianti: ho fatto quello che era giusto». La sua carriera in quegli anni è un susseguirsi di successi: dalla Maschera D’Argento per la sua interpretazione nello sceneggiato televisivo «Mastro Don Gesualdo», al riconoscimento della critica francese come migliore attrice televisiva italiana. Ma il momento più bello, per lei, è stato l’incontro con Sandro Pertini, allora presidente della Repubblica. «Mi vide a teatro - ricorda - e volle conoscermi. Fui invitata al Quirinale e quando entrai nella stanza mi sedetti di fronte alla sua scrivania. ''Assolutamente no'', disse ''non voglio nessuna scrivania in mezzo''. Mi fece accomodare sul divano e parlammo alla pari, come due amici. Fu l’emozione più grande della mia vita». A ricordarle per sempre quei momenti è rimasta la pergamena della Presidenza della Repubblica, gelosamente custodita nell’accogliente salotto della sua casa parmigiana, insieme a ritratti, fotografie, locandine. «Dopo aver trascorso diversi anni tra Roma e Milano - racconta - sono tornata a Parma per motivi familiari. La permanenza poi si è prolungata fino a diventare definitiva. Viaggio molto, ho amici a Mantova, a Napoli, come Ettore Capuano, direttore della rivista ''Breve'' che spesso mi dedica pagine lusinghiere; appena posso vado a trovarli. Ma la mia vita è qui ora, dove sono le mie radici, i miei legami più profondi». Come quello con la sorella, «l'intelligentissima Violetta», come ama definirla, che le ha dato tre nipotini e con cui ha trascorso le ultime feste. «Il Natale è divertente, è un’occasione per stare in famiglia, ma anche per riflettere e pensare a chi soffre». Con questo spirito Lydia Alfonsi ha messo la sua firma su un maglietta che servirà a raccogliere fondi per i bambini del Congo. «Si chiama ''Donna fiaccola'' - spiega - e prende il nome da uno dei miei aforismi, contenuti nella raccolta ''Aforismi e Flashback d’amore''. Pino Strabioli su Rai Tre disse che era il suo preferito, così ho voluto tradurre questa sorpresa in qualcosa di concreto». «La televisione oggi è molto diversa da quella degli anni '60; c'è meno tempo per prepararsi al personaggio, poco approfondimento. Ma ci sono anche giovani talenti, come Isabella Ferrari, che trovo sia una bravissima attrice». «Mi piace molto anche Platinette - aggiunge -, perché incarna il coraggio dell’intelligenza, e per questo ha tutta la mia stima». Il coraggio, l’orgoglio, sono valori importanti per lei, anche nella sofferenza: «Mai lasciar scorrere le lacrime - dice -. Io non l’ho mai fatto. Per fierezza, orgoglio, ma anche per salvarmi dal dolore. Ho sempre pensato che piangendo avrei finito col soffrire di più». Ma Lydia Alfonsi nella vita non ha solo sofferto: «Ho avuto e dato tanto, come tutti. La gioia mi viene dagli altri, perché la vita è come uno specchio: se loro sono felici la sono anch’io. Mi viene dalla compagnia dei cari amici - anche parmigiani, come i proprietari del Gran Caffé dei Marchesi -. Con loro torno bambina, riemerge la parte più infantile e spensierata di me». Per il resto Lydia Alfonsi è una donna forte, tenace. Come Elettra, il personaggio che ama di più: «rappresenta la forza dell’azione contro le ingiustizie», spiega. «Il teatro fa parte di me - aggiunge -; ancora oggi improvviso recital poetici per gli amici, è capitato a Mantova ma anche in palestra. Loro si siedono a terra e mi ascoltano recitare poeti e cantautori. Franco Battiato è il mio preferito». «Il teatro - continua, mentre la voce si fa più profonda e lo sguardo si perde tra i ricordi - mi ha dato il diritto della scelta delle donne. La mia vita sono stati i miei personaggi, ho vissuto attraverso le loro storie. Per questo agli altri risulta difficile vedermi come donna: quello dell’attrice è un ruolo in cui sono rimasta incastrata». «Le racconto un aneddoto, per dimostrarle cosa intendo e per chiudere l’intervista con un sorriso. Qualche tempo fa, sotto i portici di via Mazzini, una signora mi ha fermata. ''Lei è Lydia Alfonsi?'', mi ha chiesto. Le ho risposto ''Sì'' e ha commentato: ''Come le assomiglia!''. Non sapevo che dire. ''Grazie'', le ho risposto e sono corsa via».

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • viviana

    18 Aprile @ 21.59

    ho conosciuto oggi la signora Alfonsi dopo averla vista in tv negli anni 6o/7o é una splendida signora fiera ,simpatica affascinante spero che continui a venire a Montecatini e di poterla incontrare ancora.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Kim Kardashian divorzia?

Gossip

Kim Kardashian divorzia?

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Terremoto nell'appennino reggiano: scossa di magnitudo 4.0

terremoto

Trema l'Appennino reggiano: scossa 4.0 Video

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

roccabianca

Tamponamento e frontale sul ponte Verdi: due feriti, uno è grave Video

lega pro

Parma, sorriso finito: subito al lavoro per il Teramo Video

vigili del fuoco

Garage in fiamme a Sissa

Paura

Spray al peperoncino in discoteca

Comune

Bilancio: ecco tutti gli interventi previsti nel 2017 assessorato per assessorato

1commento

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

1commento

la storia

Don Stefano, un prete con l'armatura da football americano Video

tg parma

Risorse province, allarme dopo il no alla riforma e la finanziaria

gazzareporter

Sacchi della spazzatura in piazzale Santa Rita Fotogallery

CAVALCAVIA

Via Mantova, presto un nuovo guard rail

3commenti

PEDEMONTANA

Allarme povertà, sussidi per 150 famiglie

1commento

LIBRO

Sopra Le Aspettative, la vita oltre la Sla

17a giornata

D'Aversa, buona la prima: 1-0 e 3 punti d'oro a Bolzano Guarda il gol - Fotogallery

Nocciolini: "Stesso Parma, ma con più grinta", Scavone: "Bene, ma la strada è lunga" (Video)Pacciani: "Vittoria sofferta ma meritata" (Videocommento) - D'Aversa: "Primo tempo sofferto, poi la squadra ha tenuto" (Video)Lega Pro, risultati e classifica (guarda)

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

roma

Trovato il corpo della studentessa scomparsa: investita mentre inseguiva i ladri

SPAZIO

Usa, è morto l'astronauta John Glenn

SOCIETA'

Londra

E' morto Greg Lake, la voce di Emerson, Lake and Palmer

STRAJE'

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

SPORT

Storie di ex

Fiorentina avanti in Europa grazie a Chiesa jr.

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

MOTORI

Suzuki, il grande ritorno di Ignis