17°

30°

Spettacoli

«Un giorno di regno» al Teatro Regio

«Un giorno di regno» al Teatro Regio
0

 Nel nome di Verdi si inaugura, venerdì 29 gennaio, la stagione Lirica 2010 del Teatro Regio. Stagione Lirica che, visti i tempi, ha dovuto quasi dimezzare il proprio budget - come venne sottolineato nella conferenza stampa di presentazione - ma non vuole rinunciare al progetto  legato al Bicentenario verdiano del 2013. A una settimana dal debutto, al Regio ribadiscono che questa Stagione è una «ideale prosecuzione del Festival Verdi 2009 conclusosi nel segno di un rinnovato sforzo produttivo e accolto da uno straordinario successo di pubblico. Con l’opera buffa “Un giorno di regno” prosegue il grande progetto intrapreso dal Teatro Regio, volto a rappresentare e riprendere in alta definizione, a Parma e nelle terre di Verdi, tutte le opere verdiane in vista delle celebrazioni del Bicentenario». 

Secondo titolo del catalogo verdiano e unica incursione nell’opera buffa, «Un giorno di regno» - proseguono al Regio - sarà presentato nel fortunatissimo spettacolo che il regista Pier Luigi Pizzi creò per il Teatro Regio di Parma in un allestimento che coincide con la più importante ripresa moderna dell’opera. Per il secondo titolo del catalogo verdiano in scena una grande diva quale Anna Caterina Antonacci, in compagnia di un cast di giovani cantanti affidati alla bacchetta di un maestro esperto come Donato Renzetti. Il Coro del Teatro Regio di Parma è diretto da Martino Faggiani. Accanto alla carismatica Anna Caterina Antonacci nelle vesti della Marchesa del Poggio cantano Alessandra Marianelli (Giuletta di Kelbar), Paolo Bordogna (Il signor La Rocca), Guido Loconsolo (Stanislao re di Polonia), Ivan Magrì (Edoardo di Sanval), Andrea Porta (Il barone di Kelbar), Ricardo Mirabelli (Il conte d’Ivrea) e Seung Hwa Paek (Delmonte e Un servo). Nelle recite del 2, 6 e 9 febbraio il ruolo della Marchesa sarà sostenuto da Davinia Rodriguez e quello di Giuletta, da Arianna Donadelli. 
 L'impostazione di Pizzi
«In quest’aria padana o forse più precisamente parmigiana – dichiara Pier Luigi Pizzi, che firma anche scene e costumi  – ho cercato un aspetto più riconoscibile, più legato al pubblico cui quest’opera è destinata. Questo appare in talune caratterizzazioni, nel gusto per l’abbondanza, nel culto del cibo, in alcune citazioni architettoniche e cromatiche, nel senso della stagione autunnale fredda e nebbiosa. Collocando questa vicenda ‘in situazione’ e scegliendo Parma come luogo d’azione ho pensato ad un dispositivo scenico che consenta cambiamenti a vista, per sottolineare il ritmo, il dinamismo dello spettacolo, il senso del gioco. I costumi li ho immaginati nel tempo indicato dal libretto, ma senza connotarli storicamente, anzi interpretandoli, come la scenografia, più liberamente e filtrandoli attraverso un’estetica che mi appartiene, e sempre nell’intento di costruire il clima di una musical comedy». 
 
 Un po' di storia
 
«Un giorno di regno» è basato sulla commedia «Le faux Stanislas» scritta dal drammaturgo francese Alexandre-Vincent Pineux-Duval. Lo Stanislao del titolo è Stanislao Leczinski, che fu a intervalli re di Polonia durante la prima metà del diciottesimo secolo. La sua ultima elezione al trono avvenne nel 1733, quando si recò a Varsavia travestito da cocchiere scegliendo il cavaliere francese Beaufleur, per impersonarlo agli occhi dei suoi avversari. La commedia, da cui prese spunto Felice Romani, riguarda un episodio incentrato sulla controfigura di Stanislao e sugli equivoci scatenati dalla sua presenza come ospite d’onore in una casa dove si prepara un doppio matrimonio. Il libretto del «Giorno di regno» fu offerto al giovane Verdi, obbligato a portare a termine la partitura in brevissimo tempo, per il debutto sul palcoscenico della Scala, il 5 settembre 1840. Gli interpreti inadeguati non furono estranei all’insuccesso dell’opera. Amareggiato, il musicista avrà la sua rivincita di lì a breve con la trionfale accoglienza riscossa, nello stesso teatro, da «Nabucco».
Dopo il debutto «Un giorno di regno» replicherà al Regio il 31 gennaio e il 2, 6, 9 febbraio. 
 
 
 
 
 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Esauriti ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

MUSICA

Esauriti gli ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

E' morto Roger Moore: l'ex James Bond aveva 89 anni

cinema

E' morto Roger Moore: è il primo addio a un protagonista di "007"

Il fiscalista di Corona: "faceva 130mila euro di nero al mese"

PROCESSO

Il fiscalista di Corona: "Faceva 130mila euro di nero al mese"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cher, a 71 anni look ose' a Billboard Music Awards

MUSICA

Cher, look osé. A 71 anni incanta ancora

1commento

Lealtrenotizie

Incendio all'ex scuola di Baganzola, in fumo l'archivio della Magnanini

tg parma

Ex scuola di Baganzola, rogo distrugge l'archivio "Magnanini". E' doloso? Video

via trento

Alcol a chi era già ubriaco: negozio "punito" fino a fine ottobre

LEGA PRO

Il Parma vuole la qualificazione

allarme

Sorbolo, non solo parkour. "Ora fingono di finire sotto le auto"

stradone

L'associazione dei writers: "Il Comune ci affidi il sottopasso: sarà spazio culturale"

LA POLEMICA

Avversari all'attacco di Pizzarotti

1commento

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

sos animali

Via Aleotti, avvelenato un cane. Sospetto bocconi nell'area verde

polizia

L' "ordinaria" sequenza di furti nei supermercati: denunciati in tre

PROGETTI

Pilotta, l'alba di una nuova era. Già rinvenuti tre busti

Traversetolo

Spunta un villaggio neolitico sotto il futuro Conad

Fidenza

Bar «Spiga d'oro», due furti in quattro giorni

VIABILITA'

Industria 4.0 in fiera: code al casello di Parma

LANGHIRANO

Motorini, proteste per l'«invasione»

PERSONAGGIO

Picelli, il «vecio dei Capannoni» e la storia del quartiere Cristo

Volontariato

Sorbolo piange Lina, l'angelo degli anziani

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Italiano rapito in Siria riappare in un nuovo video

MILANO

Fiamme al carcere minorile Beccaria: dramma sventato

SOCIETA'

CESENA

La triatleta Julia Viellehner è morta: donati gli organi

avvistamenti

"Flottiglia di Ufo nei cieli di San Marino": le foto

3commenti

SPORT

Giro d'Italia

Dumoulin e i problemi intestinali: tappa a bordo strada Video

CESENA

Nicky Hayden: la famiglia acconsente all'espianto degli organi

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancor più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare