Spettacoli

Donato Renzetti: «La zampata verdiana c'è»

Donato Renzetti: «La zampata verdiana c'è»
0

di Elena Formica

Finalmente non dovremo fare i conti con «Il Capolavoro». Innumerevoli i vantaggi: primo fra tutti la libertà di ascoltare questa musica - che è di Verdi, eccome! - senza sopportare il peso di enormi disquisizioni e di una trita sintassi zeppa di superlativi. «Un giorno di regno», titolo inaugurale della Stagione lirica 2010 al Teatro Regio di Parma (da venerdì), è la seconda opera composta da Verdi dopo Oberto conte di San Bonifacio e non è passata alla storia come un colpo di genio. Anzi: la «prima» scaligera del 1840 fu un fiasco e non servì a sdoganarla il successo ottenuto a Venezia nel 1845. Verdi, parecchi anni dopo, così scrisse a Ricordi: «Io non ho più visto da quell'epoca il Giorno di regno, e sarà certo un’opera cattiva, pure chi sa quante altre non migliori sono state tollerate o forse anche applaudite». Impossibile dargli torto. Aveva appena perso la moglie Margherita Barezzi, i figlioletti Virginia e Icilio erano già nella tomba: Verdi avrebbe volentieri rinunciato al contratto con l’impresario Merelli - che dopo «Oberto» gli aveva commissionato tre opere - ma questi non ne volle sapere e «Un giorno di regno» andò puntualmente in scena alla Scala il 5 settembre 1840. Melodramma giocoso in due atti su libretto di Felice Romani: che Verdi, in lutto, potesse applicarsi «giocosamente» al comporre musica per una commedia (Le faux Stanislas di Pineux-Duval da cui derivava il libretto) era impensabile, ma l’opera fallì per diverse ragioni, fra cui la cattiva prova resa dai cantanti, le aspettative deluse dopo l’exploit di «Oberto» e l’essere tardiva rispetto ai nuovi gusti del pubblico. «Eppure anche in Un giorno di regno la zampata verdiana c'è», sostiene Donato Renzetti, bacchetta italiana tra le più affermate al mondo, che dirigerà quest’opera al Regio dopo il successo dei «Due Foscari» nell’ultimo Festival Verdi. La regia sarà di Pier Luigi Pizzi, che aveva firmato l’allestimento nel 1997. In locandina spicca il nome di Anna Caterina Antonacci nel ruolo della Marchesa del Poggio. «Potremmo catalogare Un giorno di regno come un "ibrido melodrammatico" - spiega Renzetti - perché siamo di fronte a una mescolanza di stili: non è il Verdi che ci si aspetta, non è Rossini, non è Donizetti. Tra l’altro è un’opera assai difficile da dirigere, soprattutto se l’obiettivo è mantenerne coesa la vivacità ritmica. Io credo che Verdi abbia accettato di scrivere un’opera comica per sfatare le tragedie che si erano abbattute sulla sua vita. E oserei dire che proprio lì si annida il seme di quel "Tutto nel mondo è burla" che chiude il Falstaff». «L'orchestrazione è "buonina" - prosegue il maestro - ma non va dimenticato che è anche presente il clavicembalo, probabilmente in segno di continuità rispetto al genere operistico di riferimento. Da ciò si arguisce come non sia facile, in tale contesto, rendere più lievi o coerenti certe sonorità che preludono alle sciabolate del Verdi futuro». Questa sera, dopo la prova generale aperta di «Un giorno di regno a Parma»,  Donato Renzetti dirigerà nella prestigiosa Sala Verdi del Conservatorio di Milano il Requiem di Mozart e un oratorio di Schönberg (A survivor of Warsaw) per ricordare le vittime della Shoah nel Giorno della Memoria.  Domani, nel Duomo di Milano,  dirigerà nuovamente il Requiem mozartiano. «L'invito per Un giorno di regno - precisa il maestro - mi è arrivato poco prima di Natale e l’ho accettato, malgrado avessi già questi impegni a Milano, perché sono davvero affezionato a Parma. E anche perché ho diretto praticamente tutto il repertorio di Verdi e Un giorno di regno mi mancava. Così, in attesa del prossimo Simon Boccanegra a Bilbao e della ripresa di Luisa Miller a Torino, aggiungo ora un altro tassello verdiano alla mia carriera, pensando con gioia che al Regio debuttai proprio con una rarità assoluta come la Jerusalem di Verdi, secondo solo a Gavazzeni nel dirigere quest’opera in epoca moderna».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

Una patente

Una patente di guida

fidenza

Si schianta ubriaco, s'inventa un rapimento e che è stato costretto a bere

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

anteprima gazzetta

Il caso di via D'Azeglio: "Il supermercato non deve chiudere" Video

Allarme povertà, la comunità di Sant'Egidio raddoppia il pranzo di Natale

terremoto

Trema l'Appennino reggiano: scossa 4.0 Video

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

6commenti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

tg parma

Abusi ripetuti su due bimbe, pedofilo condannato a 6 anni Video

Violenze nei confronti della cuginetta e di una nipote

1commento

roccabianca

Tamponamento e frontale sul ponte Verdi: due feriti, uno è grave Video

lega pro

Il Parma non si ferma: è già al lavoro per il Teramo Video

politica

Bilancio del Comune, Alfieri attacca: "Cittadini spremuti?"

"Ci hanno detto che eravamo pieni di debiti, tasse e tariffe dovevano essere al massimo. Ora compare un tesoretto di 138 milioni di euro?"

1commento

la storia

Don Stefano, un prete con l'armatura da football americano Video

San Secondo

Addio a Gardelli, giocò nella Juve e nella Lazio

vigili del fuoco

Garage in fiamme a Sissa

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

2commenti

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

GUSTO

Parmigiano Reggiano, ecco perché è il “Re dei formaggi”

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

studentessa cinese

Investita e uccisa mentre inseguiva i ladri Video: gli ultimi istanti

1commento

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

WEEKEND

Presepi, street food, spongate:
gli appuntamenti

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Rugby

La partita delle Zebre anticipata alle 15

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili
per guidare nella nebbia

1commento

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti