Spettacoli

Film recensioni - Paranormal activity

Film recensioni - Paranormal activity
5

di Lisa Oppici

Rieccoci. Dopo il fenomeno «The Blair Witch Project», una decina d’anni fa, ecco ora un altro film a bassissimo budget divenuto un «caso» grazie al passaparola (anche e soprattutto sul web), che l’ha lanciato e l’ha trasformato in una sorta di gallina dalle uova d’oro. 
Anche qui, come in «The Blair Witch Project», i costi di realizzazione sono stati estremamente contenuti, e sono stati ben più che recuperati dagli incassi (oltre 100 milioni di dollari solo negli Stati Uniti, a fronte di una spesa di 15mila). Anche qui, come in TBWP, si gioca molto su un finto «realismo», su un esibito «documentarismo amatoriale» capace di ridurre fortemente il filtro tra opera e spettatori e di agire sul versante dell’identificazione. E anche qui, come in TBWP, il risultato è ben al di sotto delle attese create dal tam tam, al punto che dopo averne visto anche solo una mezz'oretta inevitabilmente si finisce col chiedersi se è tutto lì, se il super-strombazzato horror che «ha terrorizzato l’America» (Spielberg compreso, che l’ha voluto distribuire fiutando l’affare) sia proprio quello che abbiamo davanti. Modesto, il risultato. Modesto cinematograficamente.
Lui e lei, giovani e innamorati, vedono minacciata la loro quotidianità da strani episodi che da qualche tempo avvengono in casa: rubinetti che si aprono da soli, luci che si accendono e si spengono, scricchiolii, porte che si muovono, bisbigli, rumori. È qualcosa d’indefinito ma che c'è, sta lì con loro e si manifesta: una «presenza» che perseguita la ragazza dall’età di otto anni. Per affrontare la situazione lui, dapprima molto scettico, decide di filmare ogni momento delle loro giornate (notti comprese) con una telecamera: e se inizialmente prende il tutto in modo quasi goliardico poi cambia idea, proprio quando nelle immagini registrate della telecamera si notano parecchie stranezze. La situazione peggiora piano piano, giorno dopo giorno, e la tranquillità dei primi tempi lascia spazio a un vero e proprio terrore ossessivo, che deflagra nel (prevedibile) finale. 
L'«effetto realtà» già protagonista in «The Blair Witch Project» dilaga anche qui, al punto che questa storia tutta girata in una casa come tante, e con una macchina a mano particolarmente instabile (ciò che lo spettatore vede, infatti, sono solo le immagini raccolte dalla telecamera di Micah), sembra proprio vera. Questo, però, è pochino per costruire un film che sia degno del nome. All’esordiente Oren Peli (che farà il sequel - come dire no a Spielberg? - e che nel frattempo ha già scritto e girato la sua opera seconda) va riconosciuta la capacità di creare una bella tensione - di far paura - con luci, ombre e suoni, senza sangue, ma al di là di questo merito il film risulta molto povero proprio dal punto di vista cinematografico: un giochino fine a se stesso, piuttosto sterile, tutto incentrato sull'idea della normalità minacciata da qualcosa d’indefinito ma comunque terribile. L’originalità della storia non c'è (l'idea del demone che perseguita non è certo nuova), non c'è struttura, non ci sono attori credibili, non c'è «ratio» narrativa: se non ci fosse stato tutto il can can creatogli intorno, «Paranormal activity» sarebbe scivolato via senza essere troppo notato, e senza dolore.
Giudizio: 2/5
 
SCHEDA
REGIA:  OREN PELI
 INTERPRETI: KATIE FEATHERSTON, MICAH SLOAT, MARK FREDRICHS
SCENEGGIATURA: OREN PELI
MONTAGGIO: OREN PELI
GENERE: HORROR
Usa, 2009, colore, 1h26' 
DOVE: CINECITY, WARNER VILLAGE - THE SPACE CINEMA

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • LINDA MIRAUDO

    08 Febbraio @ 10.55

    Film?????Vogliamo chiamarlo film?????Sinceramente ero terrorizzata all'idea di vedere il film(il trailer mi aveva terrorizzato)!Poi......incuriosita daalcune scene....mentre il mio ragazzo guardava il film,o cominciato a seguirlo....poi dopo un ora nella quale nulla era accaduto....ho voluto vederlo fino alla fine....e vi assicuro che sono trascorsi altri 25 minuti senza che accadesse qualcosa di eclatante!L'ultimo minuto,con una scena banalissima nel campo dell'horror ha chiuso il film!!!!Non merita alcuna recensione.

    Rispondi

  • pameco71

    08 Febbraio @ 10.50

    ben vengano film come questi..altro che avatar e compagnia bella..che andate a fare al cinema se poi vi lagnate sempre..meglio un horror che altro..in settimana in dvd ho visto the village poi ju on uno e due poi brood la covata malefica del grande cronenberg e per concludere un capolavoro del grande fulci non si sevizia un paperino..grande cinema in casa...la gente va nelle sale cinematograf ma non sa nemmeno cosa vedere..giusto per dire io ero presente..

    Rispondi

  • Marilena

    08 Febbraio @ 08.45

    Direi proprio bruttissimooooooooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!! Noioso, vorrei essere risarcita del biglietto............. Marilena

    Rispondi

  • Mirco

    08 Febbraio @ 08.43

    Fa letteralmente schifo!!!!!! Sembra di assistere a OGGI LE COMICHE. Dopo 10 minuti potresti benissimo addormentarti.Assolutamente da non vedere per non rimpiangere i soldi spesi!

    Rispondi

  • Franco

    07 Febbraio @ 18.53

    Un film che definerei noioso. Uno di quelli che ti fa venire voglia di alzarti e andartene dopo mezz'ora così come già successo per " Quarto tipo". Avatar, ah Avatar, dove sei...?

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

ROGO

Fidenza, scoppia un incendio:

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti