15°

Spettacoli

Film recensioni - Invictus

Film recensioni - Invictus
1

 Filiberto Molossi

Curioso sport il rugby: per andare avanti devi passare la palla indietro. Di corsa, mentre la linea dell’orizzonte si confonde con quella della meta: e la gloria si desta dal fango. E no, non c'è niente da fare: non puoi battere l’avversario (né la Storia...) se non sai chi - e cosa - hai al tuo fianco o alle spalle. Perché nella mischia selvaggia del mondo che cambia «il passato è passato»: e solo chi è padrone del suo destino può permettersi di stringere nel petto un’anima invincibile. 
Non è un film sul rugby, «Invictus», e nemmeno (o almeno non solo) sulla (ri)nascita di una nazione: ma è, più di tutto, un film sulla comprensione. Che è capire qualcosa dell’altro, mettersi in gioco, calciare l’ovale oltre i pali del pregiudizio: e rifiutare il proprio rifiuto. Là dove solo «il perdono cancella la paura»: e l’esempio di ieri diventa la lezione di domani. Chissà se lo ha ancora da qualche parte, magari in un vecchio baule dimenticato in un angolo, quel poncho che lo ha reso famoso: lui che tra tre mesi compie 80 anni e non ha alcun timore di farsi male. Nemmeno se nel campo infinito della riconciliazione si trova davanti gli All Blacks, neppure se i capelli sono bianchi e la pelle raggrinzita. Ha molto da insegnare, e gliene siamo grati, Clint Eastwood, gigante incorruttibile del cinema che amiamo: e lo fa anche questa volta, alla sua maniera, girando un film colmo di pragmatica saggezza, pieno di fatica e di speranza, di lividi, di sudore, di «fede». 
Da sempre interessato alle dinamiche interpersonali, al confronto, anche aspro, tra le differenze, Eastwood, ispirato dal libro «Ama il tuo nemico», affronta un episodio emblematico della vita di Nelson Mandela, passando la palla del tempo indietro fino al 1995: Mandela - il leader per cui nessuno era invisibile -, è stato eletto, dopo 27 anni trascorsi in cella, presidente del Sudafrica. L’apartheid è sconfitto, il razzismo ancora no: il Paese è diviso, l’agognata democrazia minata dalla voglia di vendetta. E allora ecco l’idea: il presidente convoca Francois Pienaar, il capitano dell’arrugginita nazionale di rugby, amata esclusivamente dai bianchi. E gli chiede l’«impossibile»: diventare la squadra di tutti. E vincere il campionato del mondo per riunificare la nazione...
Fatto di Mandela un’icona umanissima, padre di una patria non ancora nata ma per cui vale la pena fare il «tifo», Clint si getta nella mischia senza esitazioni giocando a carte scoperte; certo, «Invictus» non vale «Gran Torino», a volte è sin troppo edificante, altre didascalico: ma resta un film solido, fisico, pieno, a tratti anche evocativo e struggente. Capace di osservare dalla giusta distanza la trasformazione dello «sconcio del mondo» nella «nazione arcobaleno», il regista alterna le riuscitissime e frenetiche sequenze delle partite (dove la macchina da presa è, mai come questa volta, nel cuore dell’azione) ai suoi classici movimenti lenti, come se ogni gesto, ogni espressione, fosse figlio di una malinconia solo accennata che si posa sulle cose, sugli oggetti, sulla polvere: qualcosa che non si vede, ma c'è. 
Là dove altri strappano, Eastwood ricuce: e mentre lo sport diventa nuovamente specchio della vita, risposta possibile (e plausibile) ai bisogni del singolo e della società, regala due ruoli da Oscar a Morgan Freeman (che sparisce dentro il personaggio di Mandela dettando una splendida lezione di misura) e a Matt Damon (Pienaar), due amici con cui è spesso buona la prima. Perché come la maggior parte dei suoi personaggi Clint sa che il tempo è troppo poco per poterlo anche perdere. 
Giudizio: 4/5
SCHEDA
REGIA:  CLINT EASTWOOD
 SCENEGGIATURA: ANTHONY PECKHAM DAL LIBRO DI JOHN CARLIN
FOTOGRAFIA: TOM STERN
MUSICA: KYLE EASTWOOD E MICHAEL STEVENS
INTERPRETI: MORGAN FREEMAN, MATT DAMON, TONY KGOROGE, ADJOA ANDOH, MARGUERITE WHEATLEY
Usa 2009, colore, 2 h e 13'
GENERE: BIOGRAFICO/SPORTIVO/DRAMMATICO
DOVE: CINECITY, WARNER-THE SPACE, D'AZEGLIO, CRISTALLO (Borgotaro) 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • angelo

    01 Marzo @ 07.47

    Come sempre il grande Clint non sbaglia un colpo.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Medesano: al Bar sport come in Cina

pgn

Medesano: al Bar sport come in Cina Foto

Antonio Banderas, ho avuto un infarto ma sto bene

Cinema

Antonio Banderas: "Ho avuto un infarto. Ora sto bene"

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Piazzale Dalla Chiesa assediata dal degrado

Emergenza

Piazzale Dalla Chiesa assediata dal degrado

Comune

Taglio alla Cosap del 10%

Fede

Viaggio nel cattolicesimo, la mappa delle diocesi

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Calcio

Parma, che bel poker

INTERVISTA

Fresu: «Il mio festival jazz a km 0»

Noceto

«Al Pioppo», quel luogo dell'anima

Corniglio

Lupo morto avvelenato

SORBOLO

Verde pubblico, gestione a costo zero

Ultim'ora

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti, è giallo

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

LEGA PRO

Il Parma sbanca Gubbio 4-1. Recuperati 2 punti al Venezia

In gol Calaiò, Nocciolini e Iacoponi. Infortunio muscolare per Giorgino. Crociati terzi a 8 punti

1commento

curiosità

Coppa Cobram: quando Parma prende la "bomba" e pedala Fantozzi-style Le foto

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno: "Un segno del destino" 

Valeria Vicini si è laureata in Scienze politiche e delle relazioni internazionali, il figlio Leonardo Ranieri in Scienze dell’architettura

1commento

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

21commenti

TRAVERSETOLO

Sotto il parcheggio del Conad c'è un insediamento preistorico?

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

A10

Tir si ribalta e uccide due operai: arrestato il camionista Foto Video

rimini

Cadavere di donna in trolley al porto. E' la cinese sparita durante crociera?

SOCIETA'

la peppa

Tartine fiorite

centro giovani

"Noi che....": così si raccontano i giovani di Parma Il video

1commento

SPORT

MOTOGP

vince Vinales dopo una "battaglia" con Dovizioso. Rossi terzo

formula 1

Trionfo rosso: Vettel domina il Gp d'Australia. Hamilton secondo

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso di può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017