21°

Spettacoli

Gallione: "Il Simon Boccanegra? E' Genova"

Gallione: "Il Simon Boccanegra? E' Genova"
0

 

di Lucia Brighenti

Genova la superba, dominatrice dei mari, città contraddittoria dove un corsaro come Simon Boccanegra può diventare doge e trasformarsi in uomo di pace. Nel descrivere l’ambientazione dell’opera verdiana, che debutterà al Teatro Regio di Parma il 23 marzo, racconta la sua città il regista Giorgio Gallione, genovese di nascita, direttore artistico del Teatro dell’Archivolto e scrittore teatrale: «Genova è caratterizzata da forti contrasti sia architettonici che cromatici, una città in salita, sghemba, rubata alla roccia dove non c'è mai equilibrio. Non ha la calma prospettica della città rinascimentale, cromaticamente è in bianco e nero, con palazzi di marmo e ardesia, come dottor Jekyll e Mr. Hyde, ed è caratterizzata da spazi angusti, da vicoli strettissimi. Da questo punto di vista è una città allarmante, ma improvvisamente svolti e sei in riva al mare, lo spazio si apre, c'è un’esplosione di colore. Non ci sono vie di mezzo. I sentimenti dei personaggi di "Simon Boccanegra" sono simili a questa città ripida e sconnessa: tutti in cerca di un equilibrio, il paradosso è che lo trovano solo nel momento della morte, in un cinico "happy end"». Per rendere l’ambientazione, la regia si appoggia su scenografie e costumi di Guido Fiorato, anch'egli genovese. «Entrambi abbiamo dei riferimenti logistici molto precisi - spiega ancora Gallione - Per il sagrato la scenografia si ispira a Piazza di Campo Pisano con il suo acciottolato bianco e nero. Dopo la battaglia della Meloria, che sancì la definitiva vittoria di Genova su Pisa, il doge genovese fece seppellire tutti i nemici in una grande fossa comune sotto questa piazza. Quando gli fu chiesto perché, rispose: "Cosi li calpesteremo per sempre". È una vicenda che per contrasto ha a che fare con il "Simon Boccanegra". Boccanegra è un uomo di guerra, un potenziale assassino, ma da quando diventa doge lavora per creare la pace. È un simbolismo molto forte che nasce dalle convinzioni patriottiche di Verdi». Arrivato a Parma lunedì pomeriggio per le prove dell’opera - un allestimento del Teatro Comunale di Bologna e del Massimo di Palermo - Gallione ha dato indicazioni ai cantanti su movimenti e recitazione: «Quello che vorrei passasse dei personaggi è che sono tutti molto giovani. Il libretto è spietato in questo: ognuno deve fare scelte radicali in un secondo, senza averne alcuna esperienza. È una storia piena di paradossi: alla fine del prologo Simone, eletto doge, viene portato in trionfo un secondo dopo aver saputo che la donna da lui amata è morta. È tutto un bombardamento emotivo. Stiamo lavorando su questo aspetto, ma non è affatto semplice». Per il Teatro Regio Giorgio Gallione ha già curato la regia di «Dinorah» di Meyerbeer, nel 2000. A Parma è però conosciuto anche come regista di prosa (collabora tra l’altro con scrittori e drammaturghi come Stefano Benni, Daniel Pennac, Francesco Tullio Altan e Michele Serra). Proprio lo scorso dicembre per la sua regia è andato in scena a Teatro Due «Ragazze nelle lande scoperchiate del fuori» di e con Lella Costa.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

13commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

PARMA CALCIO

Intitolato a Tito Mistrali il campo da calcio di via Taro

Esordì nel 1925. Era il bomber con la "retina"

1commento

LEGA PRO

Sotto di 2 gol, il Pordenone ne segna 7 e aggancia il Parma! Domani crociati a Gubbio

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

3commenti

Formaggio

La grana del grana

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

10commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Da uno studio fatto a Parma nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% delle donne in età fertile

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa