15°

Spettacoli

L'amore ai tempi del telefono

L'amore ai tempi del telefono
0

Alessandro Rigolli


La forza delle creazioni artistiche risiede, oltre che in parametri estetici riconosciuti quali canoni più o meno condivisi e codificati, anche - se non soprattutto - nella capacità di comunicare non tanto un preciso significato ma una sensazione, un’atmosfera, uno stato d’animo. Un dato che, se presente, attraversa il tempo scavalcando le mode e le tendenze stilistiche, rinnovandosi ogni volta attraverso un gioco sempre sorprendente, sempre attuale.
Un meccanismo, questo, che abbiamo ritrovato anche nella messa in scena offerta dal Teatro Comunale di Bolzano in occasione di questo nuovo allestimento di due tra le pagine di teatro musicale più frequentate del Novecento: «La Voix Humaine» di Francis Poulenc e «The Telephone» di Gian Carlo Menotti. Il motivo dell’assidua presenza di questi due titoli, spesso accoppiati, sui palcoscenici di teatro musicale contemporaneo è da rintracciare da un lato nella brevità dei due lavori - si tratta infatti di «comodi» atti unici definiti dagli stessi autori rispettivamente «Tragédie-lyrique» il primo e «opera buffa» il secondo - e dall’altro dalla capacità di affrontare, sia pure con sguardi differenti, uno dei problemi del nostro tempo, vale a dire l’incomunicabilità. Protagonista dell’opera di Poulenc, che data 1959 e il cui libretto è tratto da un precedente monologo di Cocteau, è una donna sola con il ricordo di un amore che si trasforma in un dolore sempre più lontano sul filo di un dialogo telefonico in cui la musica scava inesorabile in una disperazione sentimentale che qui la voce di Cristina Zavalloni ha saputo rendere con grande ispirazione, capace di plasmare la sua identità interpretativa nella dimensione astratta e universale della solitudine femminile. Una vocalità plastica e sicura, che conferma questa cantante tra le più duttili e consapevoli del nostro panorama. Dalla disperata lontananza di Poulenc si passa all’inesorabile incapacità di comunicare che Menotti tratteggia con sottile senso dell’umorismo in «The Telephone», andato in scena per la prima volta a New York nel 1947, dove un innamorato non riesce a dichiararsi all’amata a causa delle continue telefonate di lei. Una situazione surreale che si sbocca solo quando lui si decide a telefonarle, chiedendo la sua mano a una cornetta e ottenendone l’agognato «sì». Anche qui bravi i protagonisti Blerta Zhegu e Mattia Nicolini, come efficace si è rilevata la scelta registica (Sandro Pasqualetto) di unire in un luogo unico le due vicende, collocato dalle scene di Cristina Alaimo in un albergo ispirato alle atmosfere della New York di Edward Hopper. Un «non luogo» riempito dalla musica ben diretta da Emir Saul alla guida da una Orchestra Accademica «Claudio Monteverdi» che ha sorpreso per la qualità dell’esecuzione che vedeva protagonisti gli allievi dell’omonimo Conservatorio, dimostrando, tra gli applausi convinti del pubblico, che il mondo della formazione e quello professionale non sono poi così impossibili da mettere «in comunicazione».


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Viale Barilla

Lite tra giovani, contuso un vigile

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

l'agenda

Domenica tra mercatini golosi, castelli e... la Coppa di Fantozzi

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

Spettacoli

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Radioterapia

Novità in arrivo e testimonianze dei pazienti

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa