Spettacoli

Charlie Rapino: "Loredana ed Emma entrambe vincitrici"

Charlie Rapino: "Loredana ed Emma entrambe vincitrici"
4

Giulia Viviani

L'accento parmigiano non lo ha perso neanche dopo i tanti anni passati a Londra. È Charlie Rapino, personaggio chiave dell’ultima edizione di «Amici» di Maria De Filippi che ha visto trionfare Emma Marrone «protetta» proprio di Rapino. Genio e sregolatezza o come ama definirsi lui, «un creativo senza creatività» che di professione fa il discografico ma che ha trovato la popolarità proprio in televisione, nel talent show di Canale 5.

Dopo sei mesi, qual è il bilancio della tua esperienza ad «Amici»?
Molto positivo, nonostante fossi uno dei professori direi che sono stato io ad andare a lezione per imparare. Maria ha creato un format che sostituisce in gran parte quello che facevamo noi case discografiche per la ricerca di talenti. Non credo sia un caso che i primi dieci posti nella classifica delle vendite siano occupati da personaggi usciti dai talent show.

Questi ragazzi arrivano al successo molto velocemente ma il punto è, quanto dureranno?
Questo è un buon punto interrogativo. Una volta finita la spinta propulsiva del programma, che in genere dura un po’ più di un anno, tutto dipende dalla validità dei progetti che le case discografiche hanno per questi artisti. E dalla voglia che avranno di investire ancora su di loro.

Il livello dei cantanti quest’anno è stato abbastanza alto, cosa pensi dei quattro finalisti?
Pierdavide era secondo me il talento più completo ed ha rappresentato un caso limite visto che ha vinto Sanremo come autore prima ancora di arrivare in finale. Emma e Loredana sono state le due star indiscusse, entrambe vincitrici morali, l’una con una voce pop estremamente versatile, l’altra con un talento unico e una capacità interpretativa molto particolare. Sono state il tema centrale di tutta l’ultima fase del serale. Con Matteo è stato fatto un discorso diverso. Lui e la novità che rappresentava dovevano servire ad avvicinare i ragazzi alla musica classica e all’opera. Credo che sia un’operazione vincente, sempre che i teatri si adeguino alle esigenze dei giovani.

Com’è lavorare con una regina dello share come Maria De Filippi?

Maria è una donna affascinate, un personaggio a 360 gradi. Sono segretamente innamorato di lei. Quando mi ha contattato per «Amici» penso cercasse una figura diversa da quella del maestro di canto e sono stato molto sorpreso dal fatto che mi abbia lasciato totale carta bianca. A fine programma ormai aveva imparato anche qualche espressione in parmigiano, complice anche Platinette.

A proposito di Platinette, avete condiviso tutto il serale, com’è stato ritrovarsi?
Molto divertente. Io e Mauro non ci vedevamo da quasi 25 anni, da quando ho lasciato Parma per trasferirmi a Londra. La prima puntata del serale eravamo seduti vicini e non abbiamo fatto altro che ridere e fare commenti spietati…poi ci hanno opportunamente separati. Come due compagni di banco che a scuola vengono divisi perché fanno troppo casino.

Tu che sei abituato a lavorare con artisti internazionali, che opinione hai della musica italiana?

Il problema della musica in Italia è che non è in mano ai produttori ma ai musicisti. Quello che non si è ancora capito è che la musica non è un’arte di tecnica ma un’arte umanistica che riflette l’essenza di un individuo. L’idea comune invece è che un tecnico specialista sia anche un grande artista ma è un’assurdità. Sarebbe come se alla Ferrari mettessero al posto di Montezemolo un capo officina.

E dell’ambiente musicale parmigiano cosa pensi?
Quale ambiente? Mi sembra che Parma sia ancora troppo legata al Teatro Regio e a tutto il baraccone che gli ruota intorno fatto di musica morta e scarsa comunicazione. Non si può sperare di portare la lirica ai giovani in questo modo. Cominciamo con l’abbassare i prezzi dei biglietti. Quando ero ragazzo io, la scena musicale parmigiana c’era per forza perché a quei tempi per farti notare dalle ragazze avevi due alternative: il calcio e la musica, ed io ho scelto la seconda. Noi avevamo solo due canali televisivi, però c’erano le radio libere, il negozio di dischi come punto di ritrovo, e i concerti centellinati per motivi di ordine pubblico. Andavamo all’Onirica, al bar Picasso e parlavamo sempre di musica. Di donne e di musica. Oggi è tutto più uniformato. Chi è venuto fuori ultimamente da Parma? Mi viene in mente solo Mario Biondi. Ho sentito parlare molto bene anche di un certo Dente, forse potrei fargli da manager…

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Roberto

    05 Aprile @ 20.44

    Qualcuno dica a Rapinus che Mario Biondi è Catanese!

    Rispondi

  • zampa

    05 Aprile @ 15.17

    Chi di arma perisce... di arma ferisce! La lirica rosica, neh?

    Rispondi

  • loretta

    04 Aprile @ 21.51

    la vera artista ad amici è solo e unicamente la bravissima loredana errore. emma è il clone di alessandra: preferisco l'originale!

    Rispondi

    • Letizia

      05 Aprile @ 16.18

      D'accordissimo con loretta!!! Forza loryyyyyyyyyyyy 6 unica e noi siamo tutti con te, continua così!!!:)

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Solidarietà

Il pranzo per i poveri raddoppia

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

Intervista

Rocco Hunt: «Sono un po' meno buono»

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

fidenza

Si schianta ubriaco, s'inventa un rapimento e che è stato costretto a bere

4commenti

IL CASO

Spray urticante, ennesimo caso in discoteca

E' accaduto mercoledì al Campus Industry

3commenti

terremoto

Trema l'Appennino reggiano: scossa 4.0 Video

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

6commenti

la storia

Don Stefano, un prete con l'armatura da football americano Video

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

tg parma

Abusi ripetuti su due bimbe, pedofilo condannato a 6 anni Video

Violenze nei confronti della cuginetta e di una nipote

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

studentessa cinese

Investita e uccisa mentre inseguiva i ladri Video: gli ultimi istanti

1commento

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

WEEKEND

Presepi, street food, spongate:
gli appuntamenti

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Rugby

La partita delle Zebre anticipata alle 15

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili
per guidare nella nebbia

1commento

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti