-5°

Spettacoli

Davide Van De Sfroos, Plug in Baby e Asilo Republic al Fuori Orario

Davide Van De Sfroos, Plug in Baby e Asilo Republic al Fuori Orario
0

 Parte venerdì 9 aprile dal circolo Arci Fuori Orario di Taneto di Gattatico la nuova tournée nazionale di Davide Van De Sfroos, il «Club Tour 2010», un giro dei migliori club italiani dopo il «Davide Van De Sfroos Show» che ha attraversato con successo i teatri per tutto l’inverno. Il concerto del cantautore folk-blues comasco inizia alle ore 22.30, con ingresso riservato ai soci Arci e biglietti a 15 euro; alle ore 20 apertura del circolo, del punto ristoro (prenotazioni allo 0522-671970 o 346-6053342) e degli aperitivi gratuiti fino alle 21 in compagnia degli artisti; info www.arcifuori.it.
Davide Bernasconi, in arte Van De Sfroos (dal dialetto e non dall’Olanda), è nato a Monza nel 1965 ed è cresciuto a Mezzegra, nel «cuore» del lago di Como. Le sue canzoni fanno capo al lago, al suo spirito profondo, ai suoi lati sporchi e puliti, alle sue luci e alle ombre... senza però mai perdere d’occhio la città. La maggior parte dei testi è pensata, scritta e cantata in dialetto tremezzino, ovvero laghée: una lingua più che un vernacolo, resa ancor più realistica e forte da storie (e personaggi, spesso veri outsider) che, anche se scomode, sono assolutamente poetiche. Il percorso musicale di Davide comincia presto, ma è con il disco «Manicomi» che nel 1995 avviene la consacrazione a livello provinciale. La popolarità nazionale arriva però nel 1999 con l’album «Breva & Tivan», Premio Tenco per il miglior autore emergente.  Seguono «Per una poma» sempre nel ’99, «…E semm partii» nel 2001, Targa Tenco 2002 come miglior album in dialetto, «Laiv» nel 2003, doppio cd dal vivo più quattro inediti, «Akuaduulza» nel 2005, anno di concerti all’estero e nei maggiori festival europei, un’esibizione a New Orleans nel 2006 e l’ultimo disco di inediti «Pica!» nel 2008, che in dialetto laghée significa «picchia» e con i suoi quindici brani agguanta uno storico quarto posto nella classifica dei cd più venduti in Italia, vincendo la Targa Tenco 2008 come miglior album in dialetto (per la seconda volta!).
Dopo il fortunato «Pica! Tour teatrale», l’instancabile Van De Sfroos continua a cantare dal vivo nell’estate 2009 col «40 pass Tour 09», accompagnato dal cofanetto antologico «40 pass» nelle edicole per il Corriere della Sera: 4 cd con 2 brani inediti e 38 successi nei nuovi arrangiamenti del tour teatrale «Pica!» e delle «Rsi sessions» di Lugano e, in prima assoluta, 2 dvd con il concerto del DatchForum di Milano del 2008. Da novembre 2009 a marzo 2010 è il turno del tour teatrale «Davide Van De Sfroos Show», ennesimo successo per un artista che ha pure pubblicato vari racconti e libri, in primis il romanzo «Il mio nome è Herbert Fanucci» nel 2005.
 
Sabato 10 aprile il rock è il filo conduttore di un doppio concerto: alle ore 21.30 il «Tributo ai Muse» dei Plug-in Baby, progetto ideato dagli alessandrini Mivanez che si sono messi in mostra negli ultimi anni a Sanremo Giovani su Raiuno e in apertura dei tour di Irene Grandi e degli Stadio, e alle 22.30 l’immancabile «Tributo a Vasco Rossi» dei cloni perfetti Asilo Republic. L’ingresso è riservato ai soci Arci, con consumazione obbligatoria a 10 euro; alle 20 apertura del circolo, del punto ristoro (per il quale è consigliata la prenotazione allo 0522-671970 o 346-6053342) e degli aperitivi gratuiti fino alle 21 in compagnia degli artisti; info www.arcifuori.it.
All’insegna del pop-rock elettronico, i Plug-in Baby nascono come gruppo di tributo ai Muse e uniscono alla potenza tipica di una band rock la dinamicità dance, il tutto arricchito da coreografie di danza moderna offerte dalle loro bravissime ballerine. Progetto nato all’interno dei Mivanez, i Plug-in Baby offrono così uno spettacolo che è stato definito dagli addetti ai lavori «unico e originale». Anzi, a dire il vero, gli spettacoli nel loro carnet sono addirittura tre: oltre al «Tributo ai Muse», il più variegato «Plug-in Baby cover 360 gradi» e il più intimo «UnPlug-in Baby Acoustic Project». L’omaggio ai Muse, rockband britannica del momento, è curato in tutti i dettagli, dalle sonorità allo stile, dai brani di maggior successo fino all’abbigliamento, e può avere una durata variabile da un’ora a cento minuti. Durante la performance il gruppo, che è composto da quattro musicisti e due ballerine, è anche attrezzato per trasmettere in tempo reale i video originali delle canzoni dei Muse.
Gli Asilo Republic sono ormai noti a tutti e di casa al Fuori Orario: rivisitano almeno venti brani del miglior Vasco Rossi... con l’imbarazzo della scelta perché ne hanno in repertorio quasi un centinaio, da «Albachiara» a «Il mondo che vorrei», da «Colpa d’Alfredo» a «Ti prendo e ti porto via», magari fino ai nuovi inediti «Ho fatto un sogno» e «Sto pensando a te». Sin dalla nascita nel marzo 1997, questo gruppo del basso Piemonte ha deciso di presentare uno spettacolo musicale totalmente dedicato al rocker di Zocca, in particolare alle sue versioni originali live dei brani e all’emozionante energia che solo lui sa infondere. Un centinaio di show all’anno per Gian Luca «JoJo» Giolo alla voce, Andrea «Tone» Annaratone al basso, Gabriele «Strappacollant» Melega alle tastiere e ai cori, Daniele «Mr. Fox» Lionzo alla batteria e Giorgio «Geronimo» Bei alla chitarra.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

2commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

5commenti

LEGA PRO

Parma-Santarcangelo: Frattali debutta nella porta crociata

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

23commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

1commento

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

tragedia

Rigopiano: soccorsi senza sosta, ma le speranze sono deboli

incidente

Bus ungherese, il console: "I due figli del prof 'eroe' sono morti"

WEEKEND

LA PEPPA CONSIGLIA

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto