-1°

ANTICIPAZIONI

Oscar 2016, sarà la volta di DiCaprio?

Oscar 2016, sarà la volta di DiCaprio?

Leonardo DiCaprio nel film di Inarritu

0
 

Sarà il momento più atteso degli Oscar 2016: scoprire se alla sesta nomination (cinque come interprete e una come produttore) Leonardo DiCaprio finalmente riuscirà a mettere le mani sul suo primo Oscar con la performance in Revenant di Alejandro Gonzalez Inarritu.

Ma nella cinquina dei migliori attori protagonisti non mancano gli avversari forti: Michael Fassbender per il ritratto dell’icona dell’era digitale e creatore della Apple in Steve Jobs di Danny Boyle; Bryan Cranston nei panni dello sceneggiatore vittima del maccartismo raccontato da Ultima parola - La vera storia di Dalton Trumbo di Jay Roach; Matt Damon astronauta lasciato solo su Marte in Sopravvissuto -The Martian di Ridley Scott; Eddie Redmayne nel ruolo di uno dei primi transgender che si è sottoposto a inizio anni ‘30, a un’operazione per cambiare sesso, in The Danish Girl di Tom Hooper.

Leonardo DiCaprio

Il biondo californiano, classe 1974, ambientalista convinto, bambino prodigio, divo precoce e sex symbol grazie a cult globali come Titanic, deve alla sua versatilità l’essere diventato in pochi anni il volto del cinema di molti dei maggiori autori contemporanei, come Scorsese, Spielberg, Luhrmann, Eastwood e Tarantino. Ritorna agli Academy Awards, un anno dopo la delusione per The Wolf of Wall Street con già in tasca oltre una decina di premi fra i quali il Bafta, il Golden Globe, e lo Screen Actors Guild Award, per la sua interpretazione, in Revenant di Inarritu, del leggendario cacciatore ed esploratore Hugh Glass, vissuto nell’America della Grande Frontiera. Un ruolo che l’ha messo duramente alla prova anche fisicamente, tra tuffi nell’acqua gelata, scene in cui mangia realmente pesce e fegato crudi e si arrampica sulle montagne con addosso pesanti pelli d’orso.

Michael Fassbender

«Non mi piace molto parlare di recitazione. Tante volte non so cosa sto facendo, succede e basta». Così Michael Fassbender, risponde spesso a chi gli chieda quale sia il segreto delle sue performance camaleontiche. Classe 1977, padre tedesco e madre irlandese, considerato uno degli attori più talentuosi della sua generazione, si è rivelato alla platea internazionale nei panni dell’attivista nordirlandese Bobby Sands, morto nel 1981 in prigione dopo 66 giorni di sciopero della fame, in Hunger di Steve McQueen. E’ il mutante Magneto, ma anche Carl Gustav Jung in A dangerous method di Cronenberg; passa da Bastardi Senza gloria di Tarantino alle nuove interpretazioni per McQueen, come uomo ossessionato dal sesso in Shame e sadico schiavista in 12 anni schiavo, che gli porta nel 2014 la sua prima nomination all’Oscar. Il suo Steve Jobs per Danny Boyle, è una fotografia tra luci ed ombre di un genio fragile, egoista e libero. Agli Oscar Fassbender porta stavolta anche una nota rosa: è in gara infatti anche la compagna, Alicia Vikander, candidata fra le attrici non protagoniste per The Danish Girl.

Eddie Redmayne

L’anno scorso il 33enne britannico aveva conquistato l’Oscar come miglior attore protagonista grazie alla straordinaria prova nella parte in La teoria del tutto di James Marsh di Stephen Hawking. Quest’anno, torna in gara, con un altro biopic, The Danish girl di Tom Hooper, ispirato alla storia struggente di Einar Wegener, pittore danese transgender, una delle prime persone ad essere operate, a inizio anni ‘30, per cambiare sesso, diventando così Lili Elbe.

Matt Damon

Il suo primo Oscar, l’attore bostoniano, l’ha vinto nel 1998, a 28 anni in coppia con l’amico fraterno Ben Affleck per la sceneggiatura di Good Will Hunting. La sua terza candidatura come interprete, gli arriva per la performance nei panni di Mark Watney, astronauta lasciato solo su Marte perché creduto morto, nel fantascientifico Sopravvissuto - The Martian di Ridley Scott. Damon (già premiato con un Golden globe per la sua interpretazione), unico fra i cinque attori in gara a calarsi nei panni di un personaggio fittizio, ha particolarmente amato della storia, tratta dal romanzo di Andy Weir, il dover recitare soprattutto da solo: «Non mi ero mai messo alla prova in quel modo».

Bryan Cranston

La gran parte del pubblico mondiale ha scoperto l’enorme talento di Bryan Cranston grazie al ruolo iconico di Walter White, nella serie cult Breaking bad, per cui ha vinto quattro Emmy. Ma questo straordinario attore nato 59 anni fa a Canoga Park (California), è arrivato alla promozione nella serie A di Hollywood dopo una carriera di decine e decine di ruoli di contorno. La sua personalità da grande interprete ora gli porta la prima candidatura agli Oscar per L’Ultima parola - La vera storia di Dalton Trumbo di Jay Roach, ritratto dello sceneggiatore, passato, a inizio anni ‘50, dall’essere uno degli autori di film più pagati a vittima del maccartismo, finito per un breve periodo anche in prigione.

A tutto CINEMA: vai alla sezione

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

6commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Pizzarotti: «La mia lista per la città»

Intervista

Pizzarotti: «La mia lista per la città»

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

Graiani, il vigile del fuoco volante

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

1commento

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

10commenti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

6 febbraio

Superbowl: sfida dell'anno tra Patriots e Falcons

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ELETTRICHE

Entro tre anni 200 colonnine in autostrada tra l'Italia e l'Austria