-1°

Spettacoli

Dall'Aglio: "Il piacere di fare Shakespeare"

Dall'Aglio: "Il piacere di fare Shakespeare"
Ricevi gratis le news
0

Francesca Benazzi
Tornare a Shakespeare significa tornare a rivivere il mondo sul palcoscenico». Gigi Dall’Aglio parla di «Riccardo III», nuova produzione firmata Fondazione Teatro Due al debutto stasera alle 21 (repliche fino al 9 maggio), diretta e interpretata insieme a Roberto Abbati, Paolo Bocelli, Cristina Cattellani, Laura Cleri, Tania Rocchetta e Marcello Vazzoler. E’ un ritorno shakespeariano per il nucleo storico dell’ensemble di attori di Teatro Due (gli stessi che da 25 anni danno corpo e voce a «L'Istruttoria»), un nuovo affondo nell’opera di un autore che ormai fa parte del loro Dna, dopo le celebri messe in scena degli anni Settanta e Ottanta che sono state presentate in tutto il mondo: «Ci è venuta voglia di tornare a lavorare insieme - sorride Dall’Aglio - e la direzione del teatro ha soddisfatto questo desiderio». Shakespeare, come sempre, si è rivelato un formidabile nume tutelare: «Sono convinto che ci siano quattro grandissimi momenti nella storia del teatro - premette Dall’Aglio -: la tragedia greca, il melodramma italiano e tedesco e tutto il Novecento, imprescindibile per quanto riguarda l’esperienza teorica e registica. Ho volutamente lasciato per ultimo il teatro elisabettiano, perché è quello fondante della modernità, è una bibbia laica che contiene tutto quello che è stato detto e che si potrà mai dire senza pregiudizi e senza moralismi, come se il teatro potesse davvero essere lo specchio del mondo». In quest’ottica, continua Dall’Aglio, «tornare a Shakespeare per noi è qualcosa di estremamente perturbante e nello stesso tempo è un po' come il piacere di essere a casa. Ci si sente veramente protetti dai suoi testi, come persone che vivano con un’ideologia molto sicura e solida. E si ha la possibilità di vivere sul palcoscenico una dimensione davvero autentica: per questo ci piace fare Shakespeare». Così gli attori «abiteranno» la scena per due ore, tutti sempre presenti sul palcoscenico («una caratteristica, questa, di alcuni nostri Shakespeare del passato», ricorda Gigi Dall’Aglio), metaforicamente con una gamba nella vita quotidiana e l’altra gamba sulla scena teatrale: «Shakespeare è talmente autentico nel cercare di rispecchiare il mondo che anche noi facendolo ci sentiamo non nella sgradevole dimensione di chi cerca di aggiornare un’opera del passato ai temi del presente, ma di chi nel presente scava su se stesso per confrontarsi con quel testo del passato». E questa volta si tratta di un presente che, come l’universo di Riccardo III, risulta asfittico e dagli orizzonti ristretti: «Riccardo III noi l’abbiamo sentito impregnato da un senso di soffocamento, di oppressione: tutto avviene tra parenti, all’interno di una famiglia - dice il regista -. Oggi sentiamo la stessa sensazione di oppressione e chiusura nella vita espressa nei suoi paradigmi politici e nel suo rincorrersi tra famiglie, lobby, caste. La sopravvivenza nell’oppressione si ha esercitando il potere. Noi ci siamo sentiti in scena come un’umanità chiusa, ammalata, dove l’ammalato più grande è quello che comanda».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5