-2°

10°

Spettacoli

Francesco Meli: «Werther? E' un poeta»

Francesco Meli: «Werther? E' un poeta»
1

 Elena Formica 

Francese, francesissima. Eppure la prima assoluta non venne data a Parigi. Così gira strano il mondo, a volte. Ma non senza un perché. Opera «inconfondibile e geniale» - come scrisse Arruga - il «Werther» di Massenet venne rappresentato per la prima volta a Vienna il 16 febbraio 1892. Fu cantato in traduzione tedesca ed ebbe successo.
 Sia chiaro: Massenet e compagnia (cioè i librettisti Blau, Milliet e Hartmann) avrebbero immaginato un gran debutto parigino, ma Léon Carvalho mandò all’aria il progetto: questo «Werther» è troppo triste - pensò il direttore dell’Opéra Comique - quindi via dal cartellone. L’anno dopo, l’opera trionfò anche lì. Se Parigi all’inizio disse no, Vienna disse sì. E non tanto perché Massenet si era ispirato a «Die Leiden des jungen Werther» di Goethe, capolavoro ovunque esportato della letteratura tedesca, quanto per il fatto che la Vienna di Francesco Giuseppe, sotto il drappo imperiale così inquieta e borghese, era inconsciamente pronta ad accogliere questa musica, questo soggetto.
 La capitale austriaca, paradigma irregolare di una borghesia trainante e malata (erano gli anni di Freud e di Klimt, dei loro affini, seguaci e clienti), aveva bisogno di un «Werther» alla Massenet: un eroe «da salotto» ma irriducibile ed estremo, affetto dalla psicosi di un tempo florido quanto macabro che si avviava alla Secessione estetizzando i drammi, i dubbi e le conquiste di un’era al bivio fra l’estasi e l’abisso.
 Massenet offriva a questo pubblico evoluto - ma angosciato - la possibilità di specchiarsi in un Werther attuale, raffinato e morboso. Un tipo che comunque non piaceva affatto a George Bernard Shaw, il quale lo accusava di inettitudine, di inconsistenza, di essere inutile e dannoso come la gente che non ha voglia di lavorare. Il drammaturgo irlandese, a prescindere dall’opera di Massenet, metteva il dito nella piaga: non è che questo giovane Werther, suicida perché l’amata Charlotte non sarà mai sua, è solo uno smidollato, un pavido, un immaturo? «Io non sento in Werther quella snervatezza che spesso gli viene attribuita 
anche a causa di certe interpretazioni», risponde secco il tenore Francesco Meli, svettante Adorno nell’ultimo Simon Boccanegra al Regio e giovedì al debutto nel «Werther» di Massenet per  la direzione di Michel Plasson (oggi alle 15.30 la prova generale, ndr).  «Werther - spiega l’artista - soffre di un’oggettiva difficoltà a relazionarsi con gli altri e vive come reale un proprio mondo interiore che non è in grado di condividere con chi gli sta accanto. Fin dall’inizio Werther esalta quella Natura sempre giovane, casta e pura che non gli appartiene e che neppure può esistere come tale. Werther è un poeta, non è l’eroe che sfida la morte nei campi di battaglia: ma questo poeta, se è travolto dalla passione, diventa un leone. Ecco allora che l’ansia di Werther sembra placarsi quando Charlotte gli sta accanto, mentre il fuoco divampa quando la ritrova già sposata con Albert: l’orchestra si accende e Werther, il suo canto e la sua musica, si infiammano in chiave fortemente romantica». « Werther - conclude Meli - espone in scena tutto ciò che pensa: è un personaggio molto meditativo, introspettivo, ed è innegabile che l’interpretazione di alcuni cantanti abbia alimentato la falsa idea che la psicologia di Werther sia quella di un debole, di un personaggio piuttosto effeminato a cui contrapporre la figura di Albert, uomo solido e virile. Ma Werther ha un suo fascino reale, l’eterno fascino del poeta. E io ho l’impressione che nel III atto di quest’opera ci sia la stessa urgenza, la stessa disperata passione del IV atto della Carmen di Bizet. Werther è un uomo distrutto, ma un uomo assolutamente vero».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • alina bergamaschi

    20 Aprile @ 22.25

    oggi ero all'anteprima del werther e ho, quindi, assistito al richiamo garbato, fermo ed ironico del direttore d'orchestra michel plasson allorché c'é stato un applauso al tenore che ha interrotto la musica in un momento iintenso. Io ritengo che abbia fatto bene: ha esordito dicendo che era giusto riconoscere il valore del cantante ma che andava rispettata la musica di massenet. E al termine,ho visto l'espressione del suo viso e la felicità per il tripudio al tenore meli e alla mezzosoprano. grazie maestro.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

rapper

"Bello Figo Roma non ti vuole", ancora minacce al rapper

Gianfranco Rosi

Gianfranco Rosi

documentari

Oscar: il parmigiano Rosi agguanta la nomination con "Fuocoammare"

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Sopralluogo a Cassio per dare le risposte che mancano

DELITTO DI NATALE

Sopralluogo a Cassio per dare le risposte che mancano

2commenti

carabineri

Sessanta cellulari per contattare fornitori e clienti: arrestato spacciatore

3commenti

lirica

Festival Verdi '17, Meo: "Artisti e produzioni di alto livello" Video

Dedicato a Toscanini nel 150° anniversario dalla nascita. Per lo Stiffelio, al Teatro Farnese, pubblico in piedi

Poltica

Pizzarotti con il centrosinistra? Pd, scintille tra Parma e Bologna

Merola: "Lo coinvolgerei". Serpagli: "Nell'Ulivo il gioco è di squadra". Pizzarotti: "Parma ben amministrare, il Pd locale dovrebbe essere contento e non zittire"

big match

Venezia-Parma: sold-out (per i tifosi crociati)

Per chi resta a casa: diretta su Tv Parma (domenica 14.30)

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia: ecco cosa è stato consegnato

SCUOLA

Notte dei licei: il Classico Maria Luigia Gallery

sorbolo

Tenta la truffa dello specchietto, ma la vittima lo beffa

1commento

incidente

San Polo di Torrile e Baganzola, due auto fuori strada: due feriti

privacy

L'Università di Parma tutela gli studenti che cambiano sesso: saranno "alias"

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

6commenti

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

1commento

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

la bacheca

56 opportunità per chi cerca lavoro

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

VELLUTO ROSSO

Una settimana a teatro: classico, contemporaneo e...

ITALIA/MONDO

incidente

Elicottero del 118 precipita nell'aquilano: tutti morti i sei a bordo

ricerche in corso

Rigopiano, recuperati i corpi di tre donne e quattro uomini: le vittime salgono a 16

SOCIETA'

salute

I pericoli delle patate «tossiche»

video

La videocandidatura del "Pizza" è social-ironica

1commento

SPORT

sci

Valanga rosa: Plan de Corones vince la Brignone, la Bassino 3/a

Formula 1

Ecclestone: "Mi hanno licenziato"

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto