10°

20°

Spettacoli

«Yes, oui Cannes» è qui il cinema: con un po' d'Italia

«Yes, oui Cannes» è qui il cinema: con un po' d'Italia
0

Dal nostro inviato
Filiberto Molossi

Ha molte frecce al suo arco e un unico bersaglio: l’oblio. Per costruire un’altra edizione (la numero 63) da non dimenticare, il Festival di Cannes mira dritto al cuore della platea rubando ai «ricchi» per dare ai «poveri»: con un cartellone che privilegia la ricerca al glamour, più austero che modaiolo, privo dei nomi altisonanti da Dream team dell’anno scorso, ma pieno zeppo di «bastardi» e non in cerca di gloria, amici ritrovati (l'inglese Mike Leigh, scartato ai tempi di «Vera Drake», poi trionfatore a Venezia), scommesse assolute e veterani (Kiarostami, Kitano...) pronti al riscatto. E un italiano - Daniele Luchetti - cresciuto (bene) all’ombra del mito Moretti.

Croisette delle meraviglie
 Sotto lo sguardo divertito di Tim Burton, il più bizzarro e spettinato dei presidenti di giuria, la Croisette si trasforma per dodici, entusiasmanti, giorni nel paese delle meraviglie: se il cinema c'è è qui che batte un colpo. Ad alzare il sipario, stasera, un arciere libertario che assomiglia a un gladiatore: nell’arena del Festival, direttamente da Sherwood, scende il «Robin Hood» di sir Ridley Scott, con Russell Crowe (e 1.200 comparse...) a dare nuova linfa alla leggenda dell’eroe caro a Riccardo Cuor di Leone. Inaugurazione mediatica, in contemporanea con il resto del mondo (il kolossal è da oggi nelle sale), poi via a una kermesse che, tra le altre cose, propone fuori gara l’ultimo Woody Allen e l’amaro ritorno a «Wall Street», nella finanza degli squali, del combattivo Oliver Stone. E, soprattutto, un concorso - tutto da scoprire - a cui sì manca un big del calibro di Malick (anche se Cannes non ha ancora perso la speranza di un arrivo in extremis), ma che, d’altra parte, a nomi sicuri alterna outsider capaci di lasciare il segno.

In lizza per la Palma
 Quindi occhi aperti soprattutto al giovane Inàrritu, il regista di «21 grammi» e «Babel» che, perso per strada l’ex amico Arriaga, porta con «Biutiful» il suo cinema mosaico nei bassifondi di Barcellona, all’esperto Tavernier, l’idolo di casa, che ne «La princesse de Montpensier» racconta i tormenti del cuore di una nobildonna del '500, ma anche alla sicurezza Mikhalkov che ha speso 60 milioni di dollari nel sequel del «Sole ingannatore» e all’arrabbiato, vibrante, Ken Loach entrato nella lista appena l'altro ieri (segno che i selezionatori, nonostante gli oltre 1.665 film visionati, a un grande autore non dicono mai di no...). Registi di peso a cui aggiungere anche l’iraniano Kiarostami, che ha girato in Italia con la Binoche (testimonial di classe sul poster ufficiale del Festival), l’intrigante «Copia conforme», storia di un uomo e di una donna che fingono di essere sposati. Insieme a loro, tentano il colpo grosso il coreano del cult «Oasis» Lee Chang-Dong oppure Doug Liman, l’unico americano in gara (con «Fair game», un thriller politico). Nessuna donna (e, specie nell’anno della Bigelow, non è bene) e, come detto, un solo italiano: di caratura media, ma con una storia cruda e «disonesta», tra il lutto e l’avidità (scioccato dalla perdita improvvisa della moglie, un uomo cerca nel denaro il risarcimento al suo dolore), che potrebbe conquistare.

Polemiche annunciate
Se a «La nostra vita» è tributato l’onore (e l’onere) del tappeto rosso, l’Italia darà la scossa anche nelle sezioni collaterali, dove, preceduto dalle polemiche (ma ho la sensazione che i francesi non perderanno il sonno per l’assenza del ministro Bondi...), arriva il «Draquila» della Guzzanti. «Le quattro volte», film pitagorico privo di dialoghi e attori professionisti di Michelangelo Frammartino ha poi guadagnato un angolo di Quinzaine: mentre in giuria, accanto ad Alberto Barbera, brillerà Giovanna Mezzogiorno. L’ultima musa di Marco Bellocchio, a cui Cannes rende omaggio affidando la lezione di cinema: una sorta di rimborso tardivo, forse, per l’assenza nel Palmares dell’anno scorso di «Vincere». E poi ancora, sparsi un po' ovunque, l’imperturbabile Godard, l’eterno De Oliveira, l’omaggio (anche da parte di Bernardo Bertolucci) a Bergman, un Frears leggero, l’America californication di Araki, le 5 e passa ore di Assayas: e una madrina, elegante e un po' seriosa come la bravissima Kristin Scott Thomas.

Il «glamour»
E i divi? Nonostante anche sulla Costa Azzurra soffino i venti della crisi, non si tirano indietro: dalla coppia Crowe e Blanchett che sfilerà già stasera (con William Hurt e Max Von Sydow ma senza Ridley Scott fermato da un ginocchio ballerino), a Michael Douglas; dall’emergente Carey Mulligan a Naomi Watts, da Anthony Hopkins ad Antonio Banderas, dall’indiana Freida Pinto (la diva di «The Millionaire») e ai nostri Elio Germano, Raoul Bova e Isabella Ragonese, premio Schiaretti 2008 a Parma. E se D&G rinuncia al party, Prada invece apre il suo monomarca: così stiamo tutti più tranquilli. In attesa che il grande cinema sconfigga la mediocrità della vita: e ci faccia tornare la voglia di credere, fare, rischiare. Yes, we Cannes. Pardon, oui Cannes.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Sorbolo: i vini della Botte Gaia

PGN FESTE

Sorbolo: i vini della Botte Gaia Foto

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Si rompe un tubo: strada allagata fra via Montebello e via Galimberti, traffico deviato

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

3commenti

tg parma

Cinque trapianti di rene in due giorni all'ospedale Maggiore Video

Carabinieri

Spacciava in Oltretorrente: un altro arresto

In manette un 31enne tunisino

LUTTO

Addio a Valenti, lo sportivo

2commenti

Gazzareporter

La pioggia ha ingrossato il torrente Video

tg parma

Il crac del Parma Fc: ribadite le condanne per Ghirardi e Leonardi

Accolti i ricorsi di Maurizio Magri, Susanna Ghirardi, Arturo Balestrieri e Giovanni Schinelli

Parma

Dopo un borseggio abbandona il portafogli fra la merce di un negozio

La Municipale indaga su una donna. Allontanato anche un gruppo di persone sospette che si aggiravano in Ghiaia

2commenti

tg parma

Proseguono i lavori sullo Stradone Video

ALLARME

Bocconi killer, un nuovo caso

1commento

BORETTO

Sfilano i cavi di un edificio in disuso per rubare il rame: denunciati un parmigiano e un complice Foto

lega pro

Parma, parlano i tifosi: "Qualcosa si è rotto"

I presidenti dei Club credono ancora nella squadra, "ma serve un cambio di passo"

Stazione

Quei tombini instabili che tolgono il sonno

1commento

Parma

«La Marina? Un'opportunità per i giovani»

1commento

lettere 

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

10commenti

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

lutto

Fidenza piange il pittore Mario Alfieri

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

ECONOMIA

La Bce lascia i tassi invariati. Draghi: "Così a lungo"

Mantova

Auto si schianta contro un albero: morti due ventenni 

SOCIETA'

SOS ANIMALI

Eia, qualcuno ha visto Edward?

MUSICA

"Canzone per curare le piante": il nuovo singolo dei ManìnBlù Video

SPORT

tg parma

Parma in ritiro a Collecchio, Giorgino squalificato Video

1commento

RACING

Mini Challenge, parte la stagione 2017! Foto

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling