10°

19°

Spettacoli

«Yes, oui Cannes» è qui il cinema: con un po' d'Italia

«Yes, oui Cannes» è qui il cinema: con un po' d'Italia
0

Dal nostro inviato
Filiberto Molossi

Ha molte frecce al suo arco e un unico bersaglio: l’oblio. Per costruire un’altra edizione (la numero 63) da non dimenticare, il Festival di Cannes mira dritto al cuore della platea rubando ai «ricchi» per dare ai «poveri»: con un cartellone che privilegia la ricerca al glamour, più austero che modaiolo, privo dei nomi altisonanti da Dream team dell’anno scorso, ma pieno zeppo di «bastardi» e non in cerca di gloria, amici ritrovati (l'inglese Mike Leigh, scartato ai tempi di «Vera Drake», poi trionfatore a Venezia), scommesse assolute e veterani (Kiarostami, Kitano...) pronti al riscatto. E un italiano - Daniele Luchetti - cresciuto (bene) all’ombra del mito Moretti.

Croisette delle meraviglie
 Sotto lo sguardo divertito di Tim Burton, il più bizzarro e spettinato dei presidenti di giuria, la Croisette si trasforma per dodici, entusiasmanti, giorni nel paese delle meraviglie: se il cinema c'è è qui che batte un colpo. Ad alzare il sipario, stasera, un arciere libertario che assomiglia a un gladiatore: nell’arena del Festival, direttamente da Sherwood, scende il «Robin Hood» di sir Ridley Scott, con Russell Crowe (e 1.200 comparse...) a dare nuova linfa alla leggenda dell’eroe caro a Riccardo Cuor di Leone. Inaugurazione mediatica, in contemporanea con il resto del mondo (il kolossal è da oggi nelle sale), poi via a una kermesse che, tra le altre cose, propone fuori gara l’ultimo Woody Allen e l’amaro ritorno a «Wall Street», nella finanza degli squali, del combattivo Oliver Stone. E, soprattutto, un concorso - tutto da scoprire - a cui sì manca un big del calibro di Malick (anche se Cannes non ha ancora perso la speranza di un arrivo in extremis), ma che, d’altra parte, a nomi sicuri alterna outsider capaci di lasciare il segno.

In lizza per la Palma
 Quindi occhi aperti soprattutto al giovane Inàrritu, il regista di «21 grammi» e «Babel» che, perso per strada l’ex amico Arriaga, porta con «Biutiful» il suo cinema mosaico nei bassifondi di Barcellona, all’esperto Tavernier, l’idolo di casa, che ne «La princesse de Montpensier» racconta i tormenti del cuore di una nobildonna del '500, ma anche alla sicurezza Mikhalkov che ha speso 60 milioni di dollari nel sequel del «Sole ingannatore» e all’arrabbiato, vibrante, Ken Loach entrato nella lista appena l'altro ieri (segno che i selezionatori, nonostante gli oltre 1.665 film visionati, a un grande autore non dicono mai di no...). Registi di peso a cui aggiungere anche l’iraniano Kiarostami, che ha girato in Italia con la Binoche (testimonial di classe sul poster ufficiale del Festival), l’intrigante «Copia conforme», storia di un uomo e di una donna che fingono di essere sposati. Insieme a loro, tentano il colpo grosso il coreano del cult «Oasis» Lee Chang-Dong oppure Doug Liman, l’unico americano in gara (con «Fair game», un thriller politico). Nessuna donna (e, specie nell’anno della Bigelow, non è bene) e, come detto, un solo italiano: di caratura media, ma con una storia cruda e «disonesta», tra il lutto e l’avidità (scioccato dalla perdita improvvisa della moglie, un uomo cerca nel denaro il risarcimento al suo dolore), che potrebbe conquistare.

Polemiche annunciate
Se a «La nostra vita» è tributato l’onore (e l’onere) del tappeto rosso, l’Italia darà la scossa anche nelle sezioni collaterali, dove, preceduto dalle polemiche (ma ho la sensazione che i francesi non perderanno il sonno per l’assenza del ministro Bondi...), arriva il «Draquila» della Guzzanti. «Le quattro volte», film pitagorico privo di dialoghi e attori professionisti di Michelangelo Frammartino ha poi guadagnato un angolo di Quinzaine: mentre in giuria, accanto ad Alberto Barbera, brillerà Giovanna Mezzogiorno. L’ultima musa di Marco Bellocchio, a cui Cannes rende omaggio affidando la lezione di cinema: una sorta di rimborso tardivo, forse, per l’assenza nel Palmares dell’anno scorso di «Vincere». E poi ancora, sparsi un po' ovunque, l’imperturbabile Godard, l’eterno De Oliveira, l’omaggio (anche da parte di Bernardo Bertolucci) a Bergman, un Frears leggero, l’America californication di Araki, le 5 e passa ore di Assayas: e una madrina, elegante e un po' seriosa come la bravissima Kristin Scott Thomas.

Il «glamour»
E i divi? Nonostante anche sulla Costa Azzurra soffino i venti della crisi, non si tirano indietro: dalla coppia Crowe e Blanchett che sfilerà già stasera (con William Hurt e Max Von Sydow ma senza Ridley Scott fermato da un ginocchio ballerino), a Michael Douglas; dall’emergente Carey Mulligan a Naomi Watts, da Anthony Hopkins ad Antonio Banderas, dall’indiana Freida Pinto (la diva di «The Millionaire») e ai nostri Elio Germano, Raoul Bova e Isabella Ragonese, premio Schiaretti 2008 a Parma. E se D&G rinuncia al party, Prada invece apre il suo monomarca: così stiamo tutti più tranquilli. In attesa che il grande cinema sconfigga la mediocrità della vita: e ci faccia tornare la voglia di credere, fare, rischiare. Yes, we Cannes. Pardon, oui Cannes.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Milano

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - La centrale del latte di via Torelli Video

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande bellezza dell'Oltretorrente: 17 film per un quartiere, i video dei ragazzi

CONCORSO

La grande bellezza dell'Oltretorrente: tutti i video dei ragazzi e le video-interviste

Lealtrenotizie

Spaccio, quartieri «occupati». Casa: «Potenziati i controlli»

Droga

Spaccio, quartieri «occupati». Casa: «Potenziati i controlli»

Incidente

Cordoglio per Valeriu Voina, il muratore che scolpiva il ghiaccio

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Bogolese

Furti, bloccati tre incappucciati

LIBRO DI GARANZINI

Emozioni del calcio di una volta

LEGA PRO

Le difficoltà compattano il Parma

Borgotaro

L'ultimo saluto a Danilo

FIERE

A MecSpe le novità tecnologiche made in Parma

PONTETARO

Chiave clonata: i ladri «svuotano» l'auto

BORGOTARO

Cassiera si intasca 150mila euro del supermercato. A processo

anteprima gazzetta

L'emergenza droga ancora in primo piano. E i lettori ci ringraziano

Da San Leonardo alle scuole nuovi episodi. Intervista all'assessore Casa

3commenti

VIA VOLTURNO

Ospedale, rispunta un parcheggiatore abusivo. Fermato un nigeriano

Identificate e sanzionate altre sette persone

7commenti

Occhiello

230317 Notizia 8

Incidente

Auto sbanda a Fontanellato: un ferito, vettura distrutta

3commenti

Tg Parma

Il drammatico bollettino degli incidenti: da San Secondo a Parma Video

Due giovani donne investite in via Emilia Ovest e in via Traversetolo. Illeso un anziano dopo un terribile botto a Fontanellato

Incidente

Auto fuori strada fra San Secondo e Soragna: la vittima è un 50enne moldavo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il pianeta delle scimmie e quello dei robot

1commento

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

Medicina

La maggior parte dei tumori è dovuta al caso

Lutto

Addio a "monnezza": è morto il grande Tomas Milian Gallery Video

1commento

SOCIETA'

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

GAZZAREPORTER

Che bell'arcobaleno a Langhirano

SPORT

motogp

Qatar, prime libere: domina Vinales. Rossi solo nono

SONDAGGIO

Il Parma andrà in serie B? Avete fiducia? Votate

2commenti

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery