-6°

Spettacoli

«Yes, oui Cannes» è qui il cinema: con un po' d'Italia

«Yes, oui Cannes» è qui il cinema: con un po' d'Italia
0

Dal nostro inviato
Filiberto Molossi

Ha molte frecce al suo arco e un unico bersaglio: l’oblio. Per costruire un’altra edizione (la numero 63) da non dimenticare, il Festival di Cannes mira dritto al cuore della platea rubando ai «ricchi» per dare ai «poveri»: con un cartellone che privilegia la ricerca al glamour, più austero che modaiolo, privo dei nomi altisonanti da Dream team dell’anno scorso, ma pieno zeppo di «bastardi» e non in cerca di gloria, amici ritrovati (l'inglese Mike Leigh, scartato ai tempi di «Vera Drake», poi trionfatore a Venezia), scommesse assolute e veterani (Kiarostami, Kitano...) pronti al riscatto. E un italiano - Daniele Luchetti - cresciuto (bene) all’ombra del mito Moretti.

Croisette delle meraviglie
 Sotto lo sguardo divertito di Tim Burton, il più bizzarro e spettinato dei presidenti di giuria, la Croisette si trasforma per dodici, entusiasmanti, giorni nel paese delle meraviglie: se il cinema c'è è qui che batte un colpo. Ad alzare il sipario, stasera, un arciere libertario che assomiglia a un gladiatore: nell’arena del Festival, direttamente da Sherwood, scende il «Robin Hood» di sir Ridley Scott, con Russell Crowe (e 1.200 comparse...) a dare nuova linfa alla leggenda dell’eroe caro a Riccardo Cuor di Leone. Inaugurazione mediatica, in contemporanea con il resto del mondo (il kolossal è da oggi nelle sale), poi via a una kermesse che, tra le altre cose, propone fuori gara l’ultimo Woody Allen e l’amaro ritorno a «Wall Street», nella finanza degli squali, del combattivo Oliver Stone. E, soprattutto, un concorso - tutto da scoprire - a cui sì manca un big del calibro di Malick (anche se Cannes non ha ancora perso la speranza di un arrivo in extremis), ma che, d’altra parte, a nomi sicuri alterna outsider capaci di lasciare il segno.

In lizza per la Palma
 Quindi occhi aperti soprattutto al giovane Inàrritu, il regista di «21 grammi» e «Babel» che, perso per strada l’ex amico Arriaga, porta con «Biutiful» il suo cinema mosaico nei bassifondi di Barcellona, all’esperto Tavernier, l’idolo di casa, che ne «La princesse de Montpensier» racconta i tormenti del cuore di una nobildonna del '500, ma anche alla sicurezza Mikhalkov che ha speso 60 milioni di dollari nel sequel del «Sole ingannatore» e all’arrabbiato, vibrante, Ken Loach entrato nella lista appena l'altro ieri (segno che i selezionatori, nonostante gli oltre 1.665 film visionati, a un grande autore non dicono mai di no...). Registi di peso a cui aggiungere anche l’iraniano Kiarostami, che ha girato in Italia con la Binoche (testimonial di classe sul poster ufficiale del Festival), l’intrigante «Copia conforme», storia di un uomo e di una donna che fingono di essere sposati. Insieme a loro, tentano il colpo grosso il coreano del cult «Oasis» Lee Chang-Dong oppure Doug Liman, l’unico americano in gara (con «Fair game», un thriller politico). Nessuna donna (e, specie nell’anno della Bigelow, non è bene) e, come detto, un solo italiano: di caratura media, ma con una storia cruda e «disonesta», tra il lutto e l’avidità (scioccato dalla perdita improvvisa della moglie, un uomo cerca nel denaro il risarcimento al suo dolore), che potrebbe conquistare.

Polemiche annunciate
Se a «La nostra vita» è tributato l’onore (e l’onere) del tappeto rosso, l’Italia darà la scossa anche nelle sezioni collaterali, dove, preceduto dalle polemiche (ma ho la sensazione che i francesi non perderanno il sonno per l’assenza del ministro Bondi...), arriva il «Draquila» della Guzzanti. «Le quattro volte», film pitagorico privo di dialoghi e attori professionisti di Michelangelo Frammartino ha poi guadagnato un angolo di Quinzaine: mentre in giuria, accanto ad Alberto Barbera, brillerà Giovanna Mezzogiorno. L’ultima musa di Marco Bellocchio, a cui Cannes rende omaggio affidando la lezione di cinema: una sorta di rimborso tardivo, forse, per l’assenza nel Palmares dell’anno scorso di «Vincere». E poi ancora, sparsi un po' ovunque, l’imperturbabile Godard, l’eterno De Oliveira, l’omaggio (anche da parte di Bernardo Bertolucci) a Bergman, un Frears leggero, l’America californication di Araki, le 5 e passa ore di Assayas: e una madrina, elegante e un po' seriosa come la bravissima Kristin Scott Thomas.

Il «glamour»
E i divi? Nonostante anche sulla Costa Azzurra soffino i venti della crisi, non si tirano indietro: dalla coppia Crowe e Blanchett che sfilerà già stasera (con William Hurt e Max Von Sydow ma senza Ridley Scott fermato da un ginocchio ballerino), a Michael Douglas; dall’emergente Carey Mulligan a Naomi Watts, da Anthony Hopkins ad Antonio Banderas, dall’indiana Freida Pinto (la diva di «The Millionaire») e ai nostri Elio Germano, Raoul Bova e Isabella Ragonese, premio Schiaretti 2008 a Parma. E se D&G rinuncia al party, Prada invece apre il suo monomarca: così stiamo tutti più tranquilli. In attesa che il grande cinema sconfigga la mediocrità della vita: e ci faccia tornare la voglia di credere, fare, rischiare. Yes, we Cannes. Pardon, oui Cannes.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web

calcio e risate

Juve, nuovo logo. Scoppia l'ironia sul web Gallery

1commento

Kim, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

gossip

Kardashian, prima il trucco alle parti intime, poi con la felpa "comunista"

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Il ritratto

Tragedia di Cascinapiano, parlano gli amici di Filippo: "Era speciale"

Tragedia

Filippo, una classe in lacrime. E quella pagella che non vedrà mai

Stalker

Insulti e botte alla ex moglie: arrestato

Il caso

Guerra fra farmacie, il Tar dà ragione a Medesano

Allarme

Sorbolo, argini groviera per le nutrie

tg parma

Salso, i rapinatori minacciano un bimbo con un coltello Video

SALSO

Addio a Gianni Gilioli, papà dell'ex sindaco

Tradizione

Sant'Antonio, protagonisti gli animali

Lutto

Quattrocchi, ristoratore e gentiluomo

polizia

Mostrava un coltello ai passanti in via Mazzini: denunciato Alongi

12commenti

consiglio comunale

Polemica D'Alessandro-Vescovi sui vaccini

4commenti

Il fatto del giorno

La tragedia di Filippo: un gigantesco "Perché?" (Senza risposta)

3commenti

cascinapiano

Travolto da un'auto sotto gli occhi della sorella: muore un 17enne

La vittima è Filippo Ricotti. Il ricordo della "sua" Langhiranese Calcio e del Liceo Bertolucci (Video)

17commenti

Classifica

Gli stipendi più alti: Parma al quinto posto in Italia

lega pro

Febbre Venezia-Parma: iniziata la prevendita

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

13commenti

EDITORIALE

Conti pubblici: la ricreazione è finita

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

BRUXELLES

Tajani eletto presidente del Parlamento europeo

scuola

Nuova maturità: non ci sarà più bisogno di avere tutte le sufficienze

1commento

SOCIETA'

PERSONAGGI

Addio a Piacentini, playboy mito della Costa Azzurra anni '60

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

1commento

SPORT

parma calcio

D'Aversa: "Manca un esterno mancino. Primo posto? Ci proviamo" Video

rugby

Zebre, rescisso il contratto con Guidi, ecco De Marigny e Jimenez

CURIOSITA'

San Polo d'Enza

Volpi, cinghiali, ricci: gli animali di Parma trovano riparo nel Reggiano Video

1commento

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video