10°

50 anni fa

L'ultimo concerto dei Beatles

L'ultimo concerto dei Beatles
0

Il 29 agosto del 1966 al Candlestick Park di San Francisco i Beatles suonarono l’ultimo concerto ufficiale della loro incredibile carriera.

Torneranno a suonare dal vivo un’altra volta, il 30 gennaio del 1969, nella leggendaria performance sul tetto della Apple Records, al numero tre di Saville Road, nel centro di Londra. Circa un anno dopo l’avventura dei Beatles era finita. Il tour americano del 1966 era stato faticoso e carico di tensione: John, Paul, George e Ringo erano stanchissimi, stressati dalla vita folle, e sostanzialmente reclusa, imposta dalla Beatlemania.

A peggiorare le cose, come è stato tante volte raccontato, erano le condizioni tecniche in cui si esibivano: i quattro suonavano dentro gli stadi usando solo tre amplificatori e senza spie. Sul palco non si sentivano, le urla continue del pubblico coprivano la musica e l’atmosfera di isteria collettiva aveva fiaccato soprattutto John, sempre più insofferente alle manifestazioni di entusiasmo incondizionato delle fan.

In più, negli Stati Uniti, l’atmosfera attorno a loro era peggiorata a causa dei soliti gruppi di ultras religiosi che non avevano perdonato la battuta di John sul fatto che i Beatles erano più popolari di Gesù Cristo. E, in questo senso, com’è costume, a nulla erano servite le precisazioni di John sul senso di quella frase.

Il 21 agosto a Saint Louis, avevano tenuto un concerto sotto la pioggia, al riparo solo di due pezzi di lamiera ondulata, con il rischio continuo di un pericoloso corto circuito.

Ad aprire il concerto di San Francisco furono le Ronettes. I Beatles salirono sul palco alle 21.27 davanti a 25 mila persone e suonarono per mezz’ora. 11 pezzi in tutto: «Rock And Roll Music», «She's a woman» , «If I Needed Someone» , «Day Tripper» , «Baby’s In Black» , «I Feel Fine» , «Yesterday», «I Wanna Be Your Man» , «Nowhere Man» , «Paperback Writer» e «Long Tall Sally» .

Il giorno dopo tornarono nella villa che avevano preso in affitto a Beverly Hills, il 31 fecero ritorno in Inghilterra. Solo dopo quella performance Paul si convinse ad accettare l’idea di chiudere con i concerti. La decisione clamorosa però era legata a motivazioni ancora più profonde della stanchezza per quei concerti così approssimativi e la follia della Beatlemania. Va ricordato che il cinque agosto era uscito «Revolver», uno degli album più importanti della storia della musica. Per soluzioni tecniche e intuizioni all’epoca era materialmente impossibile riprodurre dal vivo quella musica. Non è un caso che la decisione di smetterla con il live coincida con l’intuizione di trasformare lo studio di registrazione nel loro terreno privilegiato per sperimentare le loro idee. C’è una differenza abissale tra le 11 canzoni suonate quella sera al Candlestick Park e la musica di «Revolver» e i traguardi raggiunti con gli album successivi. I Beatles chiaramente già allora avevano in testa altri suoni e orizzonti da raggiungere e quei concerti così caotici e sostanzialmente freddi si erano trasformati in una gabbia per il talento di chi aveva cominciato a suonare la musica del futuro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

gossip

Rispunta Rosy Maggiulli. Intervistata da Playboy

CONCORSO

GAZZAREPORTER

Racconta l'inverno e vinci: le foto dei lettori Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Razzia di tonno, liquori e caffè in un magazzino

CRIMINALITA'

Razzia di tonno, liquori e caffè in un magazzino

Il caso

Duc, si lavora per riaprirlo

agenda

Weekend a Parma e in provincia: protagonista il Carnevale

Collecchio

E' morto a 51 anni Massimiliano Ori

viale mentana

Auto si ribalta e sbatte contro altre vetture: strage sfiorata Foto Video

Lutto

Franco Scarica, addio alla fisarmonica da Oscar

CALCIO

Parma, i conti tornano

collecchio

Assemblea pubblica su situazione Copador, sabato 4 marzo

sport

Inaugurato il Parma Golf Show

Ambiente

Attiva la nuova Ecostation di via Pertini nel parcheggio di via Traversetolo

Donatori

Elezioni Avis: Giancarlo Izzi «in pole»

AL CAMPUS

Elio e le Storie Tese in forma per l'Europa

RUGBY

Zebre, altro mesto rinvio

FelegarA

Auto distrutta dai vandali nella notte

I teppisti sapevano come agire, hanno usato una candela da automobile: rompe il vetro facilmente e fa poco rumore

foto dei lettori

Fontana di Barriera Repubblica

maltempo

Allerta meteo Protezione civile: forti temporali in Emilia Romagna

Allerta arancione per il rischio idrogeologico

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

EDITORIALE

Anche i robot dovranno fare il 730?

di Paolo Ferrandi

1commento

ITALIA/MONDO

FORT LAUDERDALE

"Musulmano?", figlio Mohammed Ali fermato in aeroporto

Cina

Incendio in un hotel, almeno tre morti e 10 feriti Video

WEEKEND

L'INDISCRETO

Da Presley a Hemingway: nipoti d'arte

1commento

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

Calciomercato

Ranieri: "Il mio sogno è morto"

intervista

Arancio: "Campionato d'Eccellenza ad hoc per  il rugby a 7"

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia