50 anni fa

L'ultimo concerto dei Beatles

L'ultimo concerto dei Beatles
0

Il 29 agosto del 1966 al Candlestick Park di San Francisco i Beatles suonarono l’ultimo concerto ufficiale della loro incredibile carriera.

Torneranno a suonare dal vivo un’altra volta, il 30 gennaio del 1969, nella leggendaria performance sul tetto della Apple Records, al numero tre di Saville Road, nel centro di Londra. Circa un anno dopo l’avventura dei Beatles era finita. Il tour americano del 1966 era stato faticoso e carico di tensione: John, Paul, George e Ringo erano stanchissimi, stressati dalla vita folle, e sostanzialmente reclusa, imposta dalla Beatlemania.

A peggiorare le cose, come è stato tante volte raccontato, erano le condizioni tecniche in cui si esibivano: i quattro suonavano dentro gli stadi usando solo tre amplificatori e senza spie. Sul palco non si sentivano, le urla continue del pubblico coprivano la musica e l’atmosfera di isteria collettiva aveva fiaccato soprattutto John, sempre più insofferente alle manifestazioni di entusiasmo incondizionato delle fan.

In più, negli Stati Uniti, l’atmosfera attorno a loro era peggiorata a causa dei soliti gruppi di ultras religiosi che non avevano perdonato la battuta di John sul fatto che i Beatles erano più popolari di Gesù Cristo. E, in questo senso, com’è costume, a nulla erano servite le precisazioni di John sul senso di quella frase.

Il 21 agosto a Saint Louis, avevano tenuto un concerto sotto la pioggia, al riparo solo di due pezzi di lamiera ondulata, con il rischio continuo di un pericoloso corto circuito.

Ad aprire il concerto di San Francisco furono le Ronettes. I Beatles salirono sul palco alle 21.27 davanti a 25 mila persone e suonarono per mezz’ora. 11 pezzi in tutto: «Rock And Roll Music», «She's a woman» , «If I Needed Someone» , «Day Tripper» , «Baby’s In Black» , «I Feel Fine» , «Yesterday», «I Wanna Be Your Man» , «Nowhere Man» , «Paperback Writer» e «Long Tall Sally» .

Il giorno dopo tornarono nella villa che avevano preso in affitto a Beverly Hills, il 31 fecero ritorno in Inghilterra. Solo dopo quella performance Paul si convinse ad accettare l’idea di chiudere con i concerti. La decisione clamorosa però era legata a motivazioni ancora più profonde della stanchezza per quei concerti così approssimativi e la follia della Beatlemania. Va ricordato che il cinque agosto era uscito «Revolver», uno degli album più importanti della storia della musica. Per soluzioni tecniche e intuizioni all’epoca era materialmente impossibile riprodurre dal vivo quella musica. Non è un caso che la decisione di smetterla con il live coincida con l’intuizione di trasformare lo studio di registrazione nel loro terreno privilegiato per sperimentare le loro idee. C’è una differenza abissale tra le 11 canzoni suonate quella sera al Candlestick Park e la musica di «Revolver» e i traguardi raggiunti con gli album successivi. I Beatles chiaramente già allora avevano in testa altri suoni e orizzonti da raggiungere e quei concerti così caotici e sostanzialmente freddi si erano trasformati in una gabbia per il talento di chi aveva cominciato a suonare la musica del futuro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Incidente

Scontro auto-camion in tangenziale a Collecchio: ferita un'anziana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)