-1°

Spettacoli

Suggerimenti al Comune per il Festival Jazz del 2011

Suggerimenti al Comune per il Festival Jazz del 2011
Ricevi gratis le news
1

 A fronte del dibattito in corso  sulla prima edizione del Parma Jazz Festival (con relative polemiche sui costi e non solo)  può rappresentare un utile contributo alla causa quello di «agganciarvi» fin d'ora alcune riflessioni in merito al futuro della manifestazione. E' facile immaginare che l'amministrazione comunale - e segnatamente l'assessorato alla Cultura - sia di fronte a un crocevia, giacchè si dovranno per forza fare i conti sia con l'esperienza della prima edizione che con i tagli alle spese per la cultura che senz'altro incideranno sul prossimo bilancio. Dunque le possibili strade da percorrere potrebbero essere più d'una. La prima è quella del vicolo cieco: l'edizione 2011 del Festival non si farà e allora sarebbe per prima cosa una sconfitta per tutti, come sempre avviene quando una manifestazione culturale è costretta a chiudere i battenti. Inoltre suonerebbe come un'implicita ammissione da parte dell'amministrazione - al di là delle dichiarazioni dei giorni scorsi improntate comunque alla soddisfazione - che le cose non sono andate (o non sono state condotte) nel modo migliore.

La seconda strada è quella di una seconda edizione sempre affidata alla direzione artistica del pianista Antonio Ciacca, direttore della programmazione del Jazz at Lincoln Center di New York e dunque forte di un prestigio internazionale indiscutibile. Ebbene, questa ipotesi non può non essere accompagnata fin d'ora da alcune considerazioni. La critica mossa da diversi «addetti ai lavori» al cartellone della prima edizione (prim'ancora che se ne conoscessero i costi, 230mila euro, e gli introiti, appena 15mila) era infatti sostanzialmente una: Dianne Reeves a parte, mancavano i nomi di grande richiamo, tant'è vero che nelle quattro serate all'Auditorium Paganini, ognuna delle quali prevedeva due concerti, la sala non si è mai nemmeno avvicinata al tutto esaurito (come rilevato anche da alcune delle recensioni pubblicate dalla «Gazzetta», quotidiano che peraltro al Festival ha dato amplissimo spazio, fino a coprire addirittura due conferenze stampa di presentazione nel giro di pochi giorni) e non è nemmeno da escludere che si sia fatto ricorso - peraltro legittimo - all'utilizzo di biglietti omaggio per aumentarne la capienza e il colpo d'occhio. A questo punto, dunque, una seconda edizione «targata» Ciacca che avesse in cartellone nomi più «pesanti», a rigor di logica, dovrebbe costare ancor di più e allora una domanda sorge naturale: è plausibile l'ipotesi che in tempi di crisi e di tagli la seconda edizione arrivi a costare ancor più della prima, anche a fronte di un possibile maggior ritorno al botteghino? Diversamente, se lo spessore artistico del cartellone 2011 dovesse ricalcare quello passato o, magari per ragioni di budget ridotto, essere di qualità inferiore, allora bisognerebbe davvero chiedersi se in alternativa non era il caso di coltivare e far crescere una rassegna certamente «di nicchia» ma già esistente quale il festival ParmaJazzFrontiere.
C'è anche un'altra strada, magari non percorribile in tempi stretti ma che potrebbe essere presa in considerazione negli anni a venire: aderire alla rete regionale di  «Crossroads», festival jazz «itinerante» giunto all'undicesima edizione e co-finanziato dalla Regione Emilia-Romagna che tra febbraio e maggio distribuisce le date di grandi artisti internazionali e dei maggiori jazzmen italiani tra Rimini e Piacenza. 
Ogni Comune interessato, così come qualsiasi associazione culturale, può entrare nel circuito indicando semplicemente quale contributo economico è in grado di offrire, e in ragione del budget a disposizione può «portarsi in casa» alcuni di questi concerti, essendo poi liberissimo di costruirvi accanto una serie di eventi collaterali (dalle masterclass con gli artisti ai concerti gratuiti dei musicisti locali) e dar vita così a un proprio festival: è, ad esempio, ciò che avviene a Correggio e a Piacenza. 
Questo festival non è stato citato a caso, e non solo perchè Parma è l'unica realtà regionale a non avervi mai aderito: «Crossroads» infatti significa proprio crocevia. E l'auspicio è che l'amministrazione sappia scegliere la strada migliore (e più compatibile alle proprie finanze che poi sono le nostre) perchè puntare qualche fiche anche sul jazz, specie in una città che si autoproclama «capitale della musica», non è certo un'idea sbagliata. A patto di trovare i giusti accordi su cui poi s'innesteranno le improvvisazioni dei musicisti.
Francesco Monaco
caposervizio redazione spettacoli della Gazzetta di Parma
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vincenzo

    02 Luglio @ 18.15

    Il jazz è cultura e può essere cultura popolare.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5