Spettacoli

Vecchioni, un Prof a casa del Maestro

Vecchioni, un Prof a casa del Maestro
0

 Pierangelo Pettenati

 Essere insegnante non è solo una questione di preparazione: i migliori sono quelli che riescono a fare amare la loro materia. Roberto Vecchioni, insegnante di lettere lo è nato e basta prendere uno dei suoi testi per capirne l’amore per la letteratura e la facilità con cui lo diffonde. Venerdì sera, nel cortile del Palazzo del Municipio di Busseto (penultima serata della rassegna «Musica in Castello», ultima nel territorio parmense) ne ha dato un’ulteriore dimostrazione, tangibile e toccante, davanti a un pubblico caloroso e affettuoso che ha riempito ogni sedia, ogni angolo (circa 600 persone, secondo gli organizzatori). Doveva essere un incontro con l’autore, arricchito da qualche canzone: è diventato un «piccolo» concerto con un carico di passione raro da vedere, non perché i migliori artisti non mettano passione ma per il troppo contorno che a volte circonda lo spettacolo. Qui avevamo solo l’uomo, le sue canzoni, i suoi pensieri e uno straordinario musicista (e amico) ad accompagnarlo al piano: Patrizio Fariselli, che non è mai stato «solo» il tastierista degli Area. All’inizio ha risposto a Enrico Grignaffini, lasciando immediatamente intendere che sarebbe stata una serata profonda ma divertente. La prima domanda è una provocazione: «Un Professore a casa del Maestro?». Risposta: «Verdi mi avrebbe mandato subito a quel paese... La mia carriera è partita da queste parti, e mi ricordo bene la statua di Verdi nella piazza del paese. Presto verrà sostituita da quella di qualche “fenomeno” di moda che non capisce nessuno, ma tutti vanno a vedere». Il pensiero va poi ai giovani del presente, che saranno gli adulti del futuro: «I ragazzi di oggi non sono solo quei rincoglioniti della tv, c'è molta gente che crede nel futuro. Il dramma è che l’Italia è un paese di vecchi che non si tolgono dai coglioni. Sono vecchi già a 40 anni. Una grande nazione deve rischiare e in Italia non si rischia». Ai giovani che hanno voglia di rischiare è dedicata la prima canzone, «Sogna ragazzo sogna», scritta quando dieci anni fa è andato in pensione. Poi alcune canzoni che gli servono per raccontare le sue ispirazioni: «Morte a Venezia» di Thomas Mann per «La bellezza» («La bellezza del mondo ci da la forza di andare avanti», la poesia di Pessoa (in particolare «Tabaccheria») per «Le lettere d’amore», i suoi amori per «Le mie ragazze». Vecchioni è innamorato della bellezza e il piano di Fariselli la svela in tutte le canzoni; il suo non è un semplice accompagnamento ma l’enfasi, spesso sorprendente, del senso più profondo delle parole e delle emozioni. Tanto da far commuovere lo stesso Vecchioni al termine di «L'ultimo spettacolo»: «Ci voleva Patrizio, erano anni che non la cantavo e mi ha costretto a farlo». Infila canzoni come fosse un concerto («Viola d’inverno», «Bandolero stanco», «La stazione di Zima», «Le rose blu»), ma il rapporto col pubblico è molto più diretto e c'è spazio anche per qualche sorpresa, come l’invito - accolto - a una giovane donna del pubblico a salire sul palco per cantare le prime frasi di «Milady». «Luci a San Siro» e «Samarcanda» hanno chiuso un’emozionante serata in cui un grande artista ha rivelato la bellezza della musica, anche quando fatta con semplicità.
Eri alla serata?
Scrivi al nostro sito 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

6commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

seggi

Referendum, alle 12 al voto il 24,46% dei parmigiani. Istruzioni per l'uso

referendum

File infinite al Duc per la tessera. Un lettore: "Racagni, ascensore guasto: e i disabili?"

3commenti

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

3commenti

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

di corsa

I protagonisti del 2°Cross Country Montanari & Gruzza Foto

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

12commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

2commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

modena

Parte il progetto dello chef Bottura: ogni lunedì a cena 60 persone in difficoltà

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

1commento

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

formula uno

Mercedes, Rossi: "Io al posto di Rosberg? Bello, non potrei dire no"

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti