-1°

14°

Spettacoli

Festival Verdi: il Trovatore non incanta - Le "pagelle" dei lettori e il dibattito sulla "maleducazione" del pubblico

Festival Verdi: il Trovatore non incanta - Le "pagelle" dei lettori e il dibattito sulla "maleducazione" del pubblico
42

Non è stato un debutto esaltante, per il festival Verdi.

La prima del Trovatore si è infatti conclusa con applausi non calorosissimi, e con dissensi e buu (seguiti a quelli già registrati durante l'opera) soprattutto all'indirizzo di Marianna Tarasova (Azucena). Qualche dissenso anche all'indirizzo del maestro Temirkanov.

Applausi, invece, per Leo Nucci e per Marcelo Alvarez. Consensi anche per il coro diretto da Martino Faggiani.

LA CRONACA  DELLA PRIMA -  "Il trovatore" continua a mostrarsi opera ostica per il Festival Verdi. Ieri sera l’inaugurazione della rassegna non ha fatto eccezione.

Andando indietro negli anni fino al 1990, prima edizione moderna del festival, si ricorda l’accostamento di ben due edizioni di questo capolavoro: quella che tutti conoscono e apprezzano e quella più rara scritta dal maestro per i teatri parigini, 'Le trouvere'. Entrambe le produzioni furono un fiasco e il festival morì praticamente con quelle due opere programmando negli anni successivi solo concerti che poco o nulla avevano a che spartire col compositore bussetano.

Ieri 'Il trovatore' è tornato sul palcoscenico del 'Regiò di Parma in un nuovo allestimento la cui locandina, per il prestigio dei nomi proposti, poteva tranquillamente figurare nei cartelloni del teatro alla Scala o dell’Opera di Vienna o del Metropolitan di New York. Però nella maggior parte del pubblico infatti a regnare sovrana è stata la noia, in buona parte dei loggionisti invece la rabbia.

I due protagonisti, Manrico e Leonora, interpretati da cantanti di valore come Marcelo Alvarez e Norma Fantini, hanno raggiunto a fatica la sufficienza guadagnandosi consensi di stima e di affetto. In molte altre occasioni hanno fatto ascoltare cose migliori. Del tutto insufficiente è parsa invece l'Azucena di Marianna Tarasova, probabilmente incappata in una serata no, anche se in molti hanno giurato sull'inadeguatezza della sua voce al difficilissimo ruolo della zingara verdiana. Pure se così fosse, rimane censurabile la maleducazione dello spettatore che ha urlato «Ma la pagate pure quella li?«'. Per lei tantissimi dissensi in parte ingiustificati così come allo stesso modo sono parsi smisurati i consensi a Leo Nucci, il baritono che è stato chiamato solo l’altro ieri a sostituire un collega indisposto e che ha mascherato con un grande mestiere e una lunghissima esperienza una voce che si affievolisce. La statura di grande artista è rimasta comunque ancora tutta.

Sul podio Yuri Temirkanov, direttore principale dell’ orchestra del 'Regio', nome di prestigio e levatura internazionale che un paio di anni fa riuscì a dirigere una grandissima e pluripremiata 'Traviata'. A dimostrazione però che allora si trattava di un miracolo, difficilmente riproducile, il celebre direttore della Filarmonica di San Pietroburgo ieri sera ha dimostrato di essere lontanissimo dallo spirito verdiano e dal 'Trovatore' in particolare. A lui, contro ogni aspettativa, tantissimi buh e non solo dal terribile loggione.

Infine la parte visiva: spettacolo ridotto al minimo nelle scenografie, probabilmente per la crisi che ormai attanaglia tutti i teatri, la regia di Lorenzo Mariani (altra celebrità dei palcoscenici di mezzo mondo) è parsa ai più innocua. Pochissimi gli applausi. Come di consueto strepitosa la prova del coro. (Ansa)

Sulla Gazzetta di Parma ampi servizi. -  Nello spazio commenti, le vostre "pagelle" alla prima del Trovatore e la vostra opinione su fischi e dissensi: è "maleducazione" o è "una forma di critica legittima"? A voi la parola, nello spazio in fondo a questo articolo

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marco magnani

    07 Ottobre @ 13.09

    Io sono quello che ha gridato " Ma la pagate ?? " “ quella lì “ è stato aggiunto da chi ha scritto l'articolo sul giornale. Certo Lo ripeto e lo dico ma la pagate o meglio l’avete pagata ?? Ma non solo mi chiedo se sia stato pagato il compenso alla Sig.ra Tarasova.... Vorrei anche sapere chi è stato a scritturarla ?? Chi non ha preso la decisione di protestarla, visto che già alla generale non aveva brillato per bravura....!!!! O ci troviamo dinnanzi a degli incompetenti oppure sono autorizzato a pensare che ci siano tornaconti economici di chi ha deciso di scritturarla e poi di non ha preso la decisione di protestarla ?? E mi venite a parlare di maleducazione. E che rispetto c'è per il pubblico che paga regolarmente i biglietti, partecipa vivamente alle attività del teatro e non solo del Regio di Parma investendo soldi e tempo ?? E che dire di quando al posto di La Pagate ?? il pubblico grida " Brava " " Bis " anche queste sono manifestazione " buzzurre " o di inciviltà perché vengono gridate con passione !!!!!!! Ma fatemi il piacere e cerchiamo di dire come stanno le cose in verità questo trovatore è stata una vera “ ciofeca “ e non si puo’ pretendere che il pubblico digerisca tutto e tutti. PS : Io non avrei pagato neppure il soprano. Mi auguro che almeno gli spettatori delle altre recite siano riconoscenti ai maleducati come il sottoscritto che hanno contribuito alla sostituzione del mezzosoprano “ indisposto “ In bocca al lupo alla nuova “ azucena” che ascoltero’ sabato sera, sempre dal loggione.

    Rispondi

  • Carlo Butti

    07 Ottobre @ 12.16

    Non sono mai riuscito a capire perché un critico, dalla sua tribuna privilegiata e in cambio di un lauto compenso contrattuale, sia legittimato a pronunciare le peggiori cattiverie a proposito di un interprete(si legga sul "Corriere della Sera "di martedì scorso quel che ha scritto Paolo Isotta della Tarassova nella parte di Azucena alla prima del Festival Verdi: ci sono gli estremi per una denuncia penale), mentre igli spettatori, che pagano due volte, sia all'acquisto del biglietto sia come contribuenti, debbano essere bollati con l'epiteto di "pubblico di m." quando sprimono il loro dissenso nei modi che si sono sempre usati fin dagli albori del teatro. Un fine intellettuale come Giuseppe Marchetti dovrebbe sapere che il verbo greco SYRIZEIN, oltre al significato generico di FISCHIARE, presenta anche quello specifico di "ESPRIMERE DISAPPROVAZIONE MEDIANTE FISCHI". Pubblico di m. anche quello dell'antica Atene? E' più ingiurioso gridare "Ma chi la paga quella lì " a un'interprete esplicitamente individuata o offendere genericamente il pubblico con epiteti scatologici, facendo di ogni erba un fascio ? Sapete che vi dico? Moralisti di m...!!!"

    Rispondi

  • Lancillotto

    06 Ottobre @ 08.54

    Diplomatico, son d'accordo anch'io : )

    Rispondi

  • Lino

    05 Ottobre @ 20.50

    Gentile Lamcillotto...accolgo la ctitica un po' puntigliosa....io ho solo obbiettato che indicare l'orchestra assieme al Meli e al dir. musicale mi è sembrato inopportuno...tutto qui....ma poi mi affretto a ribadire che concordiamo su tutto il resto.....comunque un grazie alla GAZZETTA che ci da la possibilità di confrontarci e discutere in piena libertà. Cordiali saluti....

    Rispondi

  • Lancillotto

    05 Ottobre @ 09.28

    Gentile Diplomatico, come vede da quanto riporta nel suo ultimo post, non ho appunto mai parlato dell'orchestra del Regio come "un gioiellino di Meli" (parole che ha scritto Lei e non io)..Riguardo il russo Termirkanov, beh..per Lei è uno dei migliori direttori d'orchestra al mondo per la musica sinfonica..che dire: qui non si tratta di sinfonie ma di dirigere opere! Gusti musicali a parte, va tutto bene intendiamoci, preferirei porre un accento su altre questioni che riguardano il festival, legate alla maleducazione o meno di un sano dissenso...Ribadisco, questo non è un Festival e non decollerà mai se si continua a mantenere, perchè si questo si tratta, un sistema così strutturato..è tutto da rifare a partire da una base meritocratica e non di mediocrità, rivedendo le nomine amministrative con la scelta di persone capaci, oneste, professioniste, trasparenti...una volta messe a posto queste questioni di vitale importanza, allora si potrò prendere in considerazione un vero festival... al momento si tratta solo di polemiche su dei buu o su applausi..robe da matti per un Teatro come il Regio che si è reso famoso nel mondo proprio per la capacità di poter dissentire grazie ad un pubblico esigente..

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La La Land annunciato per errore miglior film, ma vince Moonlight

Hollywood

Gaffe agli Oscar: aperta un'inchiesta Tutti i premiati Foto

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

comune

Municipale, "attività positiva nel 2016, anche con 40 agenti in meno" Tutti i numeri

L'assessore Casa ha presentato, con i vertici dei vigili urbani i numeri e il bilancio degli interventi dello scorso anno

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

comune

Dopo gli allagamenti: Duc, servizi ripristinati

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

1commento

crisi

Copador, settimana decisiva

Degrado

Un viaggio per strada del Traglione: un viaggio nel degrado

3commenti

comune

2200 anni della fondazione di Parma: ecco il logo di Franco Maria Ricci

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

2commenti

VERDI MARATHON

Maratona: ancora (tanti) scatti dalla Bassa Gallery 1 - 2

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

11commenti

ITALIA/MONDO

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

BREXIT

Il Telegraph: " La May chiuderà la frontiera a metà marzo"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

4commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia