11°

Spettacoli

Quando i fischi del loggione di Parma divennero un caso nazionale

Quando i fischi del loggione di Parma divennero un caso nazionale
Ricevi gratis le news
6

Il merito della memoria va a Giovanni Ferraguti (con lo pseudonimo Gion Guti) e ad Achille Mezzadri, che hanno riproposto l'episodio su Pramzanblog . E in tempi di polemiche sulla lirica (vedi "il caso Trovatore" ), è davvero interessante vedere che quasi mezzo secolo fa (1962) una prima della Traviata sollevò un caso analogo, fino addirittura a diventare un caso giornalistico nazionale.

Andiamo con ordine. Il 28 dicembre del '61, una prima della Traviata vide il loggione del Regio sollevarsi soprattutto nei confronti del giovane tenore Ruggero Bondino, in cui difesa si schierò il maestro Arturo Basile, Ne nacque una querelle, che ovviamente coivnvolse la realtà e l'orgoglio dei loggionisti del teatro di Parma.

La Gazzetta ebbe allora l'idea di allestire nella propria sede un faccia a faccia tra Basile e i loggionisti. E la cosa fu presa talmente sul serio che ad "arbitrare" il dibattito fu chiamato un vero magistrato (Annunzio Zaccarini, sostituto procuratore della Repubblica).

Prima di lui, prese la parola il direttore della Gazzetta Baldassarre Molossi, ricordando che "dove si fischia (e dico dove si fischia per dire dove c'è discussione e dove ci sono polemiche) c'è libertà".

Parole che furono accolte da un calorosissimo applauso, e dal successivo faccia a faccia (di cui la Gazzetta offrì un imparziale resoconto stenografico) nel qauale direttore e loggionisti ribadirono le loro tesi contrapposte: "se si infierisce sull'artista alla prima nota calante, l'opera è già finita"; "no, il fischio non costituisce un disturbo per lo spettacolo". Ma alla fine, gli stess loggionisti salutarono il maestro Basile con un applauso, una stretta di mano e un arrivederci all'opera successiva.

Altri tempi ? Forse sì, se pensiamo che dalla "panchina", a sostituire il povero Bondino, venne chiamato un certo Alfredo Kraus...

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • alberto

    06 Ottobre @ 16.54

    Quindi, per rimanere tra le stelle e le stalle, possiamo anche pensare che esistono critici di m...a!

    Rispondi

  • PAOLO

    06 Ottobre @ 11.19

    La cosa piu bella è che in tutti i modi si è provato a mettere il bavaglio al loggione, ma c'è poco da fare la vera passione è incontenibile e non la si riesce a soffocare. Il loggione è capace di grandi applausi, di gesti sfegatati nei confronti degli artisti che meritano, ma dall'altro canto da il suo giudizio chiaro e netto su chi deve cambiare lavoro.

    Rispondi

  • franco

    06 Ottobre @ 00.18

    BEI TEMPI QUELLI,....... DIREI......DEMOCRATICI, SI POTEVA NON ESSERE D' ACCORDO, PARLARNE, CONTINUARE A NON ESSERE D'ACCORDO, SALUTARSI CORDIALMENTE ED AVERE UN DIRETTORE DELLA GAZZETTA CHE CI METTEVA DEL SUO!!!!! ORA TUTTO QUESTO NON ESISTE PIU', ABBIAMO SOLO UN "CRITICO" O PRESUNTO TALE, CHE SE UNO DISSENTE.......FA PARTE DI UN PUBBLICO DI M...A!!!!!! APPPPPOSTO, SIAMO ALLA FRUTTA ANCHE NELLA LIRICA!!!!!!

    Rispondi

  • Lancillotto

    05 Ottobre @ 19.20

    Concordo in pieno con quanto detto da Viandante delle Beccherie..io penso che si debba ripartire da zero, con umiltà, con meritocrazie e non mediocrità, se si vuole veramente ricostruire la tradizione gloriosa del Teatro Regio. Da altri post ho letto che il sovrintendente attuale del Regio, alla Scala era stato mandato via grazie ad una coalizione di tantissimi lavoratori all'interno del teatro milanese che han posto un tot firme...ma una domanda: si può fare anche qui da noi oppure è vietato? saluti.

    Rispondi

  • il Viandante delle Beccherie

    05 Ottobre @ 17.29

    Quando nei miei commenti mi riferivo alla storia del Teatro Regio e del suo pubblico mi riferivo a situazioni come questa rintracciate negli archivi della Gazzetta. Anche allora esisteva un pubblico esigente, appasionato, e....ovviamente rumoroso, quando qualcosa non piaceva. "Dove si fischia c'è libertà", un grande direttore Baldassarre Molossi! Ma allora gli artisti non si sottraevano al giudizio, ed inoltre, non avevano schiere di paladini politco-culturali, come oggi, pronti a difenderli, o meglio....pronti a difendere le scelte, anche le più scellerate, di chi quegli artisti li ha combinati insieme. Vero Sovrintendente? Infine non vorrei dire, ma anche allora il giudizio del pubblico del Regio non fu poi così sbagliato. Lo stroncato Bondino non ricordo abbia avuto una roboante carriera. Mentre il sostituto (e che sostituto!) Alfredo Kraus, non credo sia stato stroncato a sua volta. Anzi Kraus tornerà spesso a Parma, anche da grande artista affermato quale era, proprio perchè legato al pubblico di Parma, ed i parmigiani lo hanno sempre ripagato con il loro affetto. Ma erano altri tempi, altri artisti, ha ragione LANCILLOTTO, non ci sono più vivai da far crescere, solo mediatori da strapazzo, soldi, e artisti improvvisati.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

"Video troppo osè": pop star egiziana condannata a 5 anni di carcere

MUSICA

"Video troppo osé": popstar egiziana condannata a 2 anni di carcere

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

Lealtrenotizie

Ruspe al lavoro sull'Enza: via al ripristino dell'argine

ALLUVIONE

Ruspe al lavoro sull'Enza: via al ripristino dell'argine

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

Colorno

Il libraio Panciroli: «Mai vista tanta acqua in Reggia»

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

AVEVA 52 ANNI

Langhirano piange Tarasconi, per anni gestore del bar Aurora

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

MALTEMPO

Corniglio, staffetta solidale nelle stalle

PARMA

Non ce l'ha fatta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

3commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

FATTO DEL GIORNO

Acqua e fango a Colorno e Lentigione: milioni di euro di danni

Udienza preliminare per il fallimento della Spip: 4 patteggiano, altri scelgono il rito abbreviato

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

2commenti

MALTEMPO

Superati i massimi storici dei fiumi emiliani

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Allerta per vento forte in Emilia-Romagna

SVIZZERA

Scontro auto-camion: due morti nel tunnel del San Gottardo

SPORT

COPPA ITALIA

Milan, tutto facile: ai quarti derby con l'Inter. Contestato Donnarumma

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS