Spettacoli

Quando i fischi del loggione di Parma divennero un caso nazionale

Quando i fischi del loggione di Parma divennero un caso nazionale
Ricevi gratis le news
6

Il merito della memoria va a Giovanni Ferraguti (con lo pseudonimo Gion Guti) e ad Achille Mezzadri, che hanno riproposto l'episodio su Pramzanblog . E in tempi di polemiche sulla lirica (vedi "il caso Trovatore" ), è davvero interessante vedere che quasi mezzo secolo fa (1962) una prima della Traviata sollevò un caso analogo, fino addirittura a diventare un caso giornalistico nazionale.

Andiamo con ordine. Il 28 dicembre del '61, una prima della Traviata vide il loggione del Regio sollevarsi soprattutto nei confronti del giovane tenore Ruggero Bondino, in cui difesa si schierò il maestro Arturo Basile, Ne nacque una querelle, che ovviamente coivnvolse la realtà e l'orgoglio dei loggionisti del teatro di Parma.

La Gazzetta ebbe allora l'idea di allestire nella propria sede un faccia a faccia tra Basile e i loggionisti. E la cosa fu presa talmente sul serio che ad "arbitrare" il dibattito fu chiamato un vero magistrato (Annunzio Zaccarini, sostituto procuratore della Repubblica).

Prima di lui, prese la parola il direttore della Gazzetta Baldassarre Molossi, ricordando che "dove si fischia (e dico dove si fischia per dire dove c'è discussione e dove ci sono polemiche) c'è libertà".

Parole che furono accolte da un calorosissimo applauso, e dal successivo faccia a faccia (di cui la Gazzetta offrì un imparziale resoconto stenografico) nel qauale direttore e loggionisti ribadirono le loro tesi contrapposte: "se si infierisce sull'artista alla prima nota calante, l'opera è già finita"; "no, il fischio non costituisce un disturbo per lo spettacolo". Ma alla fine, gli stess loggionisti salutarono il maestro Basile con un applauso, una stretta di mano e un arrivederci all'opera successiva.

Altri tempi ? Forse sì, se pensiamo che dalla "panchina", a sostituire il povero Bondino, venne chiamato un certo Alfredo Kraus...

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • alberto

    06 Ottobre @ 16.54

    Quindi, per rimanere tra le stelle e le stalle, possiamo anche pensare che esistono critici di m...a!

    Rispondi

  • PAOLO

    06 Ottobre @ 11.19

    La cosa piu bella è che in tutti i modi si è provato a mettere il bavaglio al loggione, ma c'è poco da fare la vera passione è incontenibile e non la si riesce a soffocare. Il loggione è capace di grandi applausi, di gesti sfegatati nei confronti degli artisti che meritano, ma dall'altro canto da il suo giudizio chiaro e netto su chi deve cambiare lavoro.

    Rispondi

  • franco

    06 Ottobre @ 00.18

    BEI TEMPI QUELLI,....... DIREI......DEMOCRATICI, SI POTEVA NON ESSERE D' ACCORDO, PARLARNE, CONTINUARE A NON ESSERE D'ACCORDO, SALUTARSI CORDIALMENTE ED AVERE UN DIRETTORE DELLA GAZZETTA CHE CI METTEVA DEL SUO!!!!! ORA TUTTO QUESTO NON ESISTE PIU', ABBIAMO SOLO UN "CRITICO" O PRESUNTO TALE, CHE SE UNO DISSENTE.......FA PARTE DI UN PUBBLICO DI M...A!!!!!! APPPPPOSTO, SIAMO ALLA FRUTTA ANCHE NELLA LIRICA!!!!!!

    Rispondi

  • Lancillotto

    05 Ottobre @ 19.20

    Concordo in pieno con quanto detto da Viandante delle Beccherie..io penso che si debba ripartire da zero, con umiltà, con meritocrazie e non mediocrità, se si vuole veramente ricostruire la tradizione gloriosa del Teatro Regio. Da altri post ho letto che il sovrintendente attuale del Regio, alla Scala era stato mandato via grazie ad una coalizione di tantissimi lavoratori all'interno del teatro milanese che han posto un tot firme...ma una domanda: si può fare anche qui da noi oppure è vietato? saluti.

    Rispondi

  • il Viandante delle Beccherie

    05 Ottobre @ 17.29

    Quando nei miei commenti mi riferivo alla storia del Teatro Regio e del suo pubblico mi riferivo a situazioni come questa rintracciate negli archivi della Gazzetta. Anche allora esisteva un pubblico esigente, appasionato, e....ovviamente rumoroso, quando qualcosa non piaceva. "Dove si fischia c'è libertà", un grande direttore Baldassarre Molossi! Ma allora gli artisti non si sottraevano al giudizio, ed inoltre, non avevano schiere di paladini politco-culturali, come oggi, pronti a difenderli, o meglio....pronti a difendere le scelte, anche le più scellerate, di chi quegli artisti li ha combinati insieme. Vero Sovrintendente? Infine non vorrei dire, ma anche allora il giudizio del pubblico del Regio non fu poi così sbagliato. Lo stroncato Bondino non ricordo abbia avuto una roboante carriera. Mentre il sostituto (e che sostituto!) Alfredo Kraus, non credo sia stato stroncato a sua volta. Anzi Kraus tornerà spesso a Parma, anche da grande artista affermato quale era, proprio perchè legato al pubblico di Parma, ed i parmigiani lo hanno sempre ripagato con il loro affetto. Ma erano altri tempi, altri artisti, ha ragione LANCILLOTTO, non ci sono più vivai da far crescere, solo mediatori da strapazzo, soldi, e artisti improvvisati.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polemica tomori

Il messaggio

Toffa, malattia, post e polemiche: "Nadia, il cancro non rende fighi"

Madonna a seno nudo su Instagram: boom di like e di polemiche  Foto

social

Madonna a seno nudo su Instagram: boom di like e di polemiche Foto

Oscar: 'La forma dell'acqua' accusata di plagio

cinema

Accuse di plagio per il film "La forma dell'acqua", candidato a 13 Oscar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gene Gnocchi, Pirandello e la danza

VELLUTO ROSSO

La settimana a teatro, da Pirandello alla danza Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Cinque centimetri di neve in città: in azione i mezzi del Comune. Scuole chiuse a Lesignano e Neviano

PARMA

Neve in città, in azione i mezzi del Comune. Scuole chiuse a Lesignano e Neviano

E' attivo un numero verde del Comune di Parma per segnalazioni e informazioni

APPENNINO

Frana nella notte sulla provinciale 28 a Varsi Video

VIOLENZA SESSUALE

Molestò una bimba di 8 anni, insegnante condannato

Gazzareporter

Risveglio con la neve a Parma Invia le tue foto

GAZZAREPORTER

Neve da Panocchia all'Appennino: le foto dei lettori

Fidenza

E' morto Aldo Bianchi, storico commerciante

Colorno

Vende elettrodomestici on line e truffa 100 persone, denunciata 30enne

Grandi opere

Archiviazione per Burchi, ex presidente dell'A15

calcio

Parma, sfida da non fallire

SALSO

Falco pellegrino impallinato e poi curato dal Cras

PARMA

Impresa Pizzarotti e Sonae costruiranno il centro commerciale in zona fiera

Investimento da 200 milioni di euro. Nel 2019 l'inaugurazione

CASO LAMINAM

«L'aria di Borgotaro? nessun rischio per la salute»

Furto

Razzia di salumi in una cantina di Zibello

in serata

Investita in via Volturno: grave un'anziana Video

GAZZAREPORTER

"Parcheggio creativo in viale Sette F.lli Cervi" Foto

Al Tardini

D'Aversa: "Con il Venezia conta solo vincere" Video. Neve-gelo, match a rischio

I convocati: Ciciretti, Di Gaudio, Mazzocchi e Munari out

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Caso Embraco, l'Europa dimostri di esistere

di Aldo Tagliaferro

1commento

VADEMECUM

Elezioni del 4 marzo: come votare correttamente

5commenti

ITALIA/MONDO

SALUTE

Morbillo: 164 casi e 2 morti in Italia a gennaio

INCIDENTI

Auto pirata investe 12enne: identificato un calciatore del Bologna

SPORT

olimpiadi

Pattinaggio: Zagitova primo oro della Russia, Kostner quinta

Formula 1

E' nata la nuova Ferrari Foto

SOCIETA'

Lutto

E' morta "Sirio", l'astrologa dei vip: aveva 85 anni

Modena

"Il contratto non prevede di spostare i letti, i bimbi dormano in terra"

14commenti

MOTORI

ANTEPRIMA

Volvo, ecco la nuova V60 Fotogallery

motori

Ferrari: ecco la 488 Pista, sarà presentata a Ginevra