-5°

Spettacoli

Film recensioni - Una sconfinata giovinezza

Film recensioni - Una sconfinata giovinezza
1

Filiberto Molossi

Storia dell'uomo che è stato troppo ragazzo: e ora rischia di rimanerlo per sempre. Adulto bambino smarrito in un presente assente, nella dissolvenza imprevista di un tempo infinito. Là dove solo il passato resta, ha un senso: mentre l'oggi lentamente si sgretola,  sfuma, scivola via come acqua tra le mani. E' un film doloroso e ostinato, anche se un po' borghese, «Una sconfinata giovinezza», l'ultimo lavoro di Pupi Avati: che affronta, caricandosi sulle spalle lo zaino pesante dei ricordi, la ripida discesa nella malattia, quell'offesa crudele che si chiama Alzheimer; il morbo odioso che ti strappa la cosa più preziosa che hai: quello che sei, che sei stato, che hai vissuto. Ha un gran bel soggetto, una bella storia, di cui non sempre è capace di essere all'altezza, il film del regista bolognese: che sottrae anche alcuni episodi alla sua biografia per raccontare la vicenda di una coppia realizzata, Lino e Chicca, da 25 anni insieme. Lentamente ma inesorabilmente la memoria di Lino però comincia a traballare, a farsi più confusa: fino a farlo regredire all'infanzia. E a trasformarlo, paradossalmente, nel figlio  che la coppia avrebbe voluto avere e non ha mai avuto...
Alternando di continuo due piani temporali - il tramonto del protagonista e la sua adolescenza in un appennino magico e «misterioso» -, Avati sonda con coraggio e gli attori giusti (Bentivoglio, la Neri e un bel coro di comprimari, tra cui anche il parmigiano Petrolini), il lutto di un sentimento costretto a cambiare  parole e faccia: perdendo però, via via,  il filo della spada, quando la bella calligrafia si fa più consumata e l'insistito ricorso alla voce off, ai flashback virati antico e a una scelta musicale un po' posticcia e fastidiosa  sembrano lo specchio di un'elaborazione un po' frettolosa. 

-SCHEDA
UNA SCONFINATA GIOVINEZZA
REGIA E SCENEGGIATURA:  PUPI AVATI
FOTOGRAFIA: PASQUALE RACHINI
MUSICA: RIZ ORTOLANI
INTERPRETI: FABRIZIO BENTIVOGLIO, FRANCESCA NERI, LINO CAPOLICCHIO, SERENA GRANDI, ERIKA BLANC
GENERE: DRAMMATICO ITALIA 2010, COLORE, 1 H E 38'
DOVE: ASTRA e CINECITY
GIUDIZIO: *****


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • salvatore

    12 Ottobre @ 10.40

    Immaginiamo un uomo solo disoccupato reddito 0,solo con sua madre in un paese disgregato sul piano sociale senza la comunanza dei piccoli gesti,in un inumanità urbanistica che sono dei mausolei delle proprie personalita.In cui la socialità è inscatolata in sagre, convegni, associazioni,la chiesa fa da sfondo ai buonismi e perbenismi alla ricerca di un ritorno d'immagine ad uso e consumo, la fede popolana si riconduce a santini di un credulità popolare o a esercisizi imbonitori, che sfruttano il bisogno di fede nall'emotività isteriche, passato il santo passato la festa. Io credo che bisogna saltare il muro, coin tutte le perplessità. comunque rilevo una certa similitudine, come il voler recuperare quell'essere bambini che non si è mai stati' o di dolori troppo grandi e sopportati troppo a lungo, e come da bambini ognuno cerca rifugio nelle braccia rassicuranti dei propri ricordi emotivi che quasi sempre sono quelli della madre. Comunque aldilà di un'ambientazione troppo borghese, il buonismo è simile a tutte le latitudini geografiche e sociali.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

2commenti

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

Lega Pro

Parma tra novità e cerotti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

20commenti

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

Cinema

Caschi made in Parma per «Alien»

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

Francesca che dall'ospedale aspetta il suo Stefano

Stati Uniti

Una marea rosa contro Trump invade le città americane Video

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto