-2°

Spettacoli

Festival Verdi, forti critiche di Pertusi: "Manca un progetto musicologico serio"

Festival Verdi, forti critiche di Pertusi: "Manca un progetto musicologico serio"
38

Michele Pertusi

Prendo spunto dalle polemiche scaturite in questi giorni in occasione del Trovatore che ha aperto il Festival Verdi per dire la mia come contribuente (sono residente a Parma) e come musicista che non sopporta di essere preso in giro.
Si va dicendo, nelle conferenze stampa ufficiali di presentazione del Festival Verdi, che a Parma si esegue Verdi allo stato dell’arte. Questa è una sciocchezza inaccettabile.
Cos’è lo stato dell’arte? Forse presentare un Trovatore con i tagli che si operano per tradizione in tutti i teatri? Eseguire le cadenze delle arie non scritte da Verdi? Abbassare la tonalità della «Pira» per facilitare l’acuto finale omettendo intere frasi scritte da Verdi, che a conti fatti sono più interessanti di una nota lunga?
Lo stato dell’arte è presentare in un Festival Verdi I Vespri siciliani in Italiano, anche se la traduzione è palesemente mal riuscita, o accettare anche in questo caso tagli su tagli?
Questo stato dell’arte su quali basi si poggia? Possiamo chiamare Festival Verdi una rassegna del genere, senza un progetto musicologico serio che dia la via a scelte interpretative nuove, ossia basate sulla conoscenza che oggi abbiamo acquisito su tanti argomenti che non menzionerò per non dare spunti?
Cosa si va cercando? Il consenso? Di chi? Verdi ha bisogno del consenso o ha bisogno di una rivisitazione critica seria su cui si potranno stendere le basi per l’interpretazione verdiana nel prossimo futuro? Verdi ha bisogno della cultura del tortello d’erbetta davanti al quale auto-incensarsi fra commensali plaudenti o forse piuttosto sul coinvolgimento di personalità del mondo musicale che facciano conoscere il fenomeno Verdi nella sua totalità?
Al critico letterario Marchetti dico che è molto facile accusare il pubblico di maleducazione e usare termini offensivi per commentare la reazione che c’è stata alla prima del Trovatore. Il pubblico di Parma non ha i mezzi accademici per contestare Temirkanov? Allora non li ha nemmeno per applaudirlo. Vogliamo la cultura dell'applauso alla «volemose bbene»? Io non ci sto. Il pubblico paga due volte, con i biglietti e con le tasse, e la contestazione è l'unico modo che ha per far sentire la propria voce. Non nascondiamo magagne dando colpe a chi colpe non ha: facciamo un esame di coscienza e prendiamoci le nostre responsabilità senza «se» e senza «ma». Io credo che il pubblico di Parma sia stato anche troppo buono, non ho tempo per scendere nel particolare tecnico, ma se il pubblico non ha i mezzi per giudicare nello specifico, sa però distinguere il bello dal brutto e quello che si è sentito l’altra sera bello non era di certo.
I critici che hanno scritto bene non meritano commenti: l’equazione esatta che, siccome Temirkanov dirige bene Caikovskij «deve» dirigere bene anche Verdi, non solo è ridicolmente antistorica, ma puzza enormemente di tendenziosità. E’ questo un modo per nascondersi dietro alla parola cultura che nel caso in questione, però, ci riempie la bocca e ci disturba le orecchie!
Siamo sicuri che un Festival Verdi così presentato e gestito faccia bene alla città? Quante Tac si possono comprare con i soldi spesi per un Festival del genere? Il sovrintendente del Regio è lautamente pagato per assumersi le responsabilità del teatro e del festival; non è sempre colpa degli altri quando ci sono dei problemi e merito suo quando le cose funzionano. Il sindaco, poi, confido che valuti con molta attenzione ciò che sta accadendo e che intervenga con fermezza sulla gestione della Fondazione Regio e del Festival Verdi: credo che Parma gliene sarà per sempre grata. Dove si vuole arrivare con il Festival Verdi? Perchè così com'è non si va da nessuna parte. Verdi va servito, non ci si può servire di Verdi per far vedere che si è più bravi e più belli. Verdi ha bisogno di verità esecutiva, Verdi è una tematica seria, non è circo. Viva Verdi – Viva il pubblico di Parma!"

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • armando draghi

    21 Ottobre @ 00.32

    Sono scandalizzato dal cosiddetto "festival" Verdi, che definirei meglio Circo Verdi. Oltre che pessimo amministratore il signor Meli è un pessimo direttore artistico, cosa si aspetta a rispedirlo da dove è venuto?

    Rispondi

  • w la musica!

    19 Ottobre @ 21.23

    povero verdi, povera parma!

    Rispondi

  • Ercole Mattavelli

    17 Ottobre @ 20.12

    Festival Verdi : siamo alla barzelletta anzi alle comiche finali. Oggi al matinèe dei Vespri il Sovrinetndente e', all'inizio dell spettacolo, apparso sul palcoascenico ed ha annunciato che il tenore ( uno dei 4 protagonisti) Armiliato era indisposto e che " veniva in soccorso" un tenore (orietale a tutti sconosciuto) ma con lo spartito in mano dalla prima nota fino all'ultima!!!!!!!!! Le qualita' musicali, vocali e l'esperienza di questo tenore sono state, ad essere generosi, quelle di uno studente di conservatorio: Il direttore d'orchestra si e' adoperato dall'inizio alla fine per dargli ogni singolo attacco e lo ha seguito in ogni nota per cerare di tenerlo "a tempo" con l'orchestra cosa non sempre riuscita( vedi duetto col soprano nel primo atto in cui il tenore era vistosamente per fuori tempo. Per cui abbiamo assistito ad uno spettacolo con il tenore in borghese senza alcun cenno ad azioni sceniche e con la faccia sullo spartito. Come e' possibile che un teatro che si rispetti non abbia previsto il sostituto? Anche il teatrino piu' scalcinato prevede per le parti principali quello che viene definito "doppio" in quanto le malattie non si possono prevedere ma i sostituti si', vero Signor Sovrintendente? Povero Verdi, povero festival......

    Rispondi

  • saverio bambi

    16 Ottobre @ 15.39

    Michele, hai ragione da vendere. Concordo con te non foss'altro perchè sei un addetto ai lavori iperqualificato ed una persona seria ed equilibrata. Spero che la politica parmense recepisca questa tua analisi e ne tragga le conseguenze. Comunque grazie di cuore!

    Rispondi

  • alex

    16 Ottobre @ 14.15

    ha ragione da vendere il nostro pertusi, qui si sta cercando di far passare come un evento un festival del tutto ordinario. il problema è che dell'evento ha solo i costi, e sono alti!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

6commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto via Doberdò

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

1commento

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

7commenti

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

10commenti

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

Gran Sasso

Rigopiano, individuata la sesta vittima: è un uomo

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

6 febbraio

Superbowl: sfida dell'anno tra Patriots e Falcons

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ELETTRICHE

Entro tre anni 200 colonnine in autostrada tra l'Italia e l'Austria