-5°

Spettacoli

Mauro Meli: "Il loggione è come il peperoncino"

Mauro Meli: "Il loggione è come il peperoncino"
19

di Giuliano Molossi

Giro di boa per il Fe­stival Verdi 2010 fe­steggiato dal caloro­so successo riscosso giovedì scorso dalla prima dell'«Attila» nell'incante­vole teatro-bomboniera di Bus­seto. Una bella serata, che ha re­stituito il sorriso al maestro Mauro Meli, sovrintendente del teatro Regio, dopo le polemiche dei giorni scorsi.

Maestro Meli, il Festival è a me­tà strada. Abbiamo avuto due prime «difficili», per così dire, e una terza più felice. Qual è il suo bilancio?
Il mio è un bilancio assoluta­mente positivo. Il Festival è un progetto che nasce da lontano.

Lei ha parlato delle «prime», ma un Festival è fatto anche, e soprattutto, di repliche. E an­che se può sembrare un para­dosso, le repliche sono quasi più importanti delle «prime» perché uno dei principali obiet­tivi di un festival è quello di dif­fondere la musica di Verdi nel mondo cercando di attirare a Parma il maggior numero di appassionati. E questa è tutta gente che affolla le repliche, le «prime» invece sono più par­migiane che internazionali. Nel complesso sono molto soddi­sfatto perché gli obiettivi del progetto Festival, nonostante la crisi, sono stati raggiunti. Sta anche andando bene dal punto di vista artistico. Quest'anno abbiamo presentato tre titoli con tre allestimenti molto di­versi per stile e per linguaggio.

Eppure l'esordio del «Trovato­re » non era stato dei più felici, non fosse altro per le feroci contestazioni al mezzosoprano Marianna Tarasova. Lei come ha vissuto quella «prima»?
L'ho vissuta con tensione, come sempre. Però ero a posto con la mia coscienza perché sapevo di aver scelto dei grandi cantanti.

Anche la Tarasova?
Guardi che la Tarasova ha fatto la «Messa da requiem» con Ab­bado, non era un'esordiente. Solo che non stava bene, ha avuto problemi di salute per tutte le prove.

Anche i «Vespri» hanno avuto il loro incidente, con la labirintite di Armiliato...
Quello dei «Vespri» è stato uno degli spettacoli più belli mai realizzati da quel gigante di Pierluigi Pizzi che pure ne ha fatto di straordinari. Gli ho fat­to i miei più sinceri complimen­ti perché ha dato a quei «Ve­spri » una sua impronta perso­nale, ci ha messo molto del suo talento, del suo stile. Poi, è vero, è accaduto quello che lei chia­ma l'incidente di Armiliato che pure all'inizio aveva cantato be­nissimo. Lui non voleva prose­guire, c'è stato l'annuncio al pubblico, ma era evidente a tut­ti che aveva avuto un malore.

Arriviamo alla «prima» dell'At­tila. Qui finalmente è andato tutto bene?
Sì, per fortuna. Il maestro diret­tore, Andrea Battistoni, ha solo 23 anni. Io dico che è l'essenza del talento musicale. Nessuno, alla sua età, è bravo come lui.

Lei ritiene che il pubblico di Par­ma sia troppo esigente? Che sia sbagliato esigere la perfezio­ne? Daniela Dessì ha risposto alle critiche dicendo: «Non so­no una macchina». Lei come la pensa? Non crede che il loggio­ne sia una ricchezza per il Re­gio? Che il Regio sia grande e famoso anche per il suo loggio­ne?
Io vado fiero del pubblico di Parma e non lo cambierei con nessun altro pubblico al mon­do. E' fondamentale per il suc­cesso del teatro. Però dico an­che che il pubblico delle «pri­me », per alcune chiassose con­testazioni che ha fatto, non mi pare che sia solo di Parma. Cer­te cafonaggini non mi sembra­vano parmigiane.

Il loggione, quando ruggisce, fa molto notizia.
Il loggione, se mi passa la me­tafora, è un sapore, un colore, un profumo. A tavola sarebbe il peperoncino. E' un condimento saporito, ma non è il piatto for­te. Possiamo apprezzarlo ma forse dovremmo parlare un po' di più di come è stata cucinata la carne, non so se mi spiego.

Secondo lei, questo pepatissi­mo loggione è composto da persone competenti?
Diciamo che sono dei grandi appassionati. E' gente che cono­sce bene tutte le opere, che ascolta tutte le incisioni. Ma la competenza è un'altra cosa. Un conto è vedere le partite di cal­cio, un conto è fare l'allenatore.

I loggionisti dicono: «la libertà di critica deve essere sempre garantita e non valutata come un fastidio. Vogliamo avere il diritto di fischiare». Lei glielo ri­conosce questo diritto?
Certo, ci mancherebbe altro. Pe­rò mi piacerebbe che non met­tessero tutta questa tensione addosso ai cantanti. Dovrebbe­ro stare in silenzio mentre si canta. Fischino alla fine, se vo­gliono.

Il famoso basso parmigiano Mi­chele Pertusi ha preso le difese dei loggionisti («Il pubblico è stato anche troppo buono», ha detto) e ha sferrato un duro at­tacco a lei e al Festival. Dice che non ci si può servire di Verdi ma che Verdi va servito, dice che un Festival così non fa bene alla città.... Cosa gli risponde?
Mi limito ad osservare che Mi­chele Pertusi è un ottimo can­tante (più rossiniano che ver­diano, per la verità) e gli auguro di continuare la sua bella car­riera ad alto livello. Quando di­venterà un organizzatore musi­cale, io sarò ben contento di se­guirlo e sicuramente farò il tifo per lui...

L'intervista integrale è sulla Gazzetta di Parma in edicola

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • tonyvenice

    19 Ottobre @ 11.35

    Conoscendo le ben note difficolta' del ruolo del tenore nei Vespri, e avendo avuto l'esperienza della prima perche' il Sovrintendente e il Direttore d'orchestra non si sono cautelati con un cover pronto a sostituire Armiliato? esperienza, competenza, bla bla bla, dove le mettiamo?gli spettatori paganti hanno pur qualche diritto ,anche perche' si gioca sempre con soldi pubblici.

    Rispondi

  • Lancillotto

    19 Ottobre @ 01.06

    il Sovrintendente si deve dimettere per il lavoro che ha fatto fino ad ora! Basta...bisogna partire da capo. Azzeriamo il Festival e rifacciamo tutto da capo partendo dalla meritocrazia e dal vero talento delle persone.

    Rispondi

  • PAOLO

    18 Ottobre @ 11.42

    Al il sovrintendente il bilancio gli risulta in positivo............... ci cerdo , nonostante il festival che è saltato fuori , come minimo lo pageranno ugualmente!

    Rispondi

  • marida

    18 Ottobre @ 09.09

    Ho assistito ai Vespri di domenica 17 pomeriggio Il tributo del pubblico, loggione compreso che ha gettato le bandierine tricolori sul pubblico e sul palco, (atto che ha commosso un poco tutti), la dice lunga sulle polemiche. Io ho fatto 500 km. per questo spettacolo e dico che ne è valsa la pena. Anche il tenore Kim Myung Ho, ha avuto la sua meritata parte di applausi e la considerazione di tutti i colleghi. Spero che l'arte non venga sottoposta sempre alle solite tiritere... A noi "stanieri" ieri pomeriggio è piaciuto tutto!

    Rispondi

  • Lorenzo

    18 Ottobre @ 01.21

    ore fa cercavo smentite ora in parte confermate: alla replica dei Vespri Siciliani di ieri pomeriggio il tenore Kim Myung Ho, studente di quinto anno del conservatorio, ha sostituito Armiliato cantando in scena (e non in buca con un mimo in scena) cantando in abito scuro e con lo spartito in mano.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

1commento

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

3commenti

LEGA PRO

Parma-Santarcangelo: i crociati provano a riprendere il volo Diretta

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

21commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

incidente

Bus ungherese, il console: "I due figli del prof 'eroe' sono morti"

Rigopiano

Francesca che dall'ospedale aspetta il suo Stefano

WEEKEND

LA PEPPA CONSIGLIA

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto