22°

34°

Spettacoli

Ascanio Celestini, la pecora nera del teatro ci sa fare pure al cinema

Ascanio Celestini, la pecora nera del teatro ci sa fare pure al cinema
0

 Lisa Oppici

 È difficile che al termine di un film, prima dell’incontro dell’autore col pubblico, nessuno o quasi si alzi per uscire: di solito, più o meno, circa un quarto di sala se ne va, o lascia poco dopo. Domenica sera al Cinema D’Azeglio, ospite il regista di «La pecora nera» Ascanio Celestini, non s'è mosso praticamente nessuno. Forse perché, conoscendo Celestini, chi era venuto ad ascoltarlo s'aspettava che lo «spettacolo» non sarebbe finito con la proiezione. 
E in effetti è stato così, con Celestini fluviale e incontenibile nel suo affabulare, nel suo romanesco pieno di «de» («de più»), di «ce stanno», di «stavamo a fà». È un diluvio di parole, Celestini, e la gente si fa volentieri trascinare. Parla del film, certo, e della tematica manicomiale che ha scelto di affrontarvi, ma anche di molto altro: dall’assoluta mancanza di privacy di oggi a Shakespeare, passando per il rapporto fra teatro e cinema. Accanto a lui il critico della «Gazzetta» Filiberto Molossi e Sergio Buttiglieri del D’Azeglio. «Il superamento dei manicomi? Fu soprattutto una "questione di popolo". Quelli che hanno fatto il lavoro grosso sono stati gli infermieri, le suore, i frati, quelli che a un certo punto hanno deciso che il mondo doveva prendere davvero un’altra strada», spiega, precisando però che non si può dire che i manicomi siano del tutto superati: «È la coscienza, la consapevolezza, che combatte l’istituzione manicomiale... Nel film io volevo raccontare che il manicomio è qualcosa che ci appartiene: come forma mentale, come qualità della relazione; per questo non potevo dire che erano superati perché in una certa misura ci sono ancora. Perché ci sia il manicomio non ci deve essere per forza tutta la struttura attorno...».
Tra gli attori di «La pecora nera» volti noti e facce sconosciute: «Ho voluto scegliere persone intelligenti, con cui parlare anche d’altro. Secondo me si deve far così: puntare su persone con cui si possa dialogare e ragionare», racconta, sottolineando la linea di rigore scelta per l’opera: «Il mio impegno in questo film era cercare di essere il più rigoroso possibile, senza ammiccamenti. A teatro è diverso: io penso che il film sia meno "ruffiano" dello spettacolo teatrale». Quanto al mestiere, Celestini è chiaro: «Una mega produzione alla Ronconi? Non ne sarei capace... Se mi dai otto attori e mi fai fare Shakespeare, io non sono capace... Shakespeare, Molière... Io so che sono dei geni, ma proprio non ce la faccio. Io devo parlare di cose che mi appartengono... Anche 'sta storia di Shakespeare contemporaneo... Per me un contemporaneo è uno con cui andare a bere un bicchiere di vino: se non lo fa, o è astemio, come Travaglio, o è morto...».   
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

fori imperiali

degrado

Sesso (degrado) ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

La Rai propone a Fazio un contratto da 2,2 milioni l'anno

Fabio Fazio, in una foto d'archivio

Tv

La Rai propone a Fazio un contratto da 2,2 milioni l'anno

2commenti

Esplode bomboletta di panna: colpita al petto muore modella blogger

francia

Esplode bomboletta di panna: colpita al petto muore modella blogger

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

La presentazione dei volumi in vendita in abbinamento con la Gazzetta di Parma

NOSTRE INIZIATIVE

Da ovest a est il meglio degli itinerari in montagna

Lealtrenotizie

Siccità mai così grave dal 1878

EMERGENZA

Crisi idrica mai così grave dal 1878 (La mappa della siccità)

Il ministro: "Dobbiamo aumentare i bacini" - Leggi

vacanze

A1, traffico intenso tra Piacenza-Fidenza. Ad Aulla sull'Autocisa la coda ora è di 7 km

Al Campus

Ladri in azione a Biologia e Fisica

1commento

DUE FOSCARI

Busseto piange il ristoratore Roberto Morsia

L'AGENDA

Il primo sabato d'estate da vivere nel Parmense

L'INTERVISTA

Cassano: «Parma vorrei riportati in A»

Langhirano

I 5 stelle contro il fuoriuscito: proteste in consiglio

Fidenza

Ballotta, un restyling da 200mila euro

Suore

Due vietnamite diventano Orsoline

Lutto

Colorno piange Cadmo Padovani

Tg Parma

Samboseto, 75enne esce di strada e muore Video

polizia

Minacciato con coltello, sequestrato e rapinato in stazione: in carcere due dei tre aggressori Video

8commenti

mercato

Cassano: "Vorrei riportare il Parma in A" Audio Faggiano: "Fantantonio qui? Non lo escludo" Video

5commenti

Protezione civile

Ondata di caldo: allerta "arancione" fino a domenica - I consigli - Video

3commenti

Anteprima Gazzetta

Domenica il voto, appello a recarsi alle urne

fiamme gialle

Guardia di finanza: in 5 mesi scoperti 20 evasori totali. Tutti i numeri della Gdf

Durante la cerimonia del 240° della fondazione del Corpo 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Maturità, temi lontani dalla realtà della scuola

di Stefano Pileri

ITALIA/MONDO

cina

Frana, 141 persone sepolte vive

Lutto

E' morto il giurista Stefano Rodotà

SOCIETA'

il disco

“Amused to death”, ha 25 anni il disco di Roger Waters

ferrovie

Lavori sulla Bologna-Rimini, sabato 24 e domenica 25. Ripercussione sui collegamenti con la Riviera Romagnola.

SPORT

Calcio

Messi, convertita in multa (455 mila euro) la condanna per frode fiscale

calcio

Rivoluzione: la U20 cinese giocherà la serie D tedesca

MOTORI

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande

SERIE SPECIALE

695 Rivale Abarth: lo scorpione sullo yacht...