16°

Spettacoli

Ascanio Celestini, la pecora nera del teatro ci sa fare pure al cinema

Ascanio Celestini, la pecora nera del teatro ci sa fare pure al cinema
0

 Lisa Oppici

 È difficile che al termine di un film, prima dell’incontro dell’autore col pubblico, nessuno o quasi si alzi per uscire: di solito, più o meno, circa un quarto di sala se ne va, o lascia poco dopo. Domenica sera al Cinema D’Azeglio, ospite il regista di «La pecora nera» Ascanio Celestini, non s'è mosso praticamente nessuno. Forse perché, conoscendo Celestini, chi era venuto ad ascoltarlo s'aspettava che lo «spettacolo» non sarebbe finito con la proiezione. 
E in effetti è stato così, con Celestini fluviale e incontenibile nel suo affabulare, nel suo romanesco pieno di «de» («de più»), di «ce stanno», di «stavamo a fà». È un diluvio di parole, Celestini, e la gente si fa volentieri trascinare. Parla del film, certo, e della tematica manicomiale che ha scelto di affrontarvi, ma anche di molto altro: dall’assoluta mancanza di privacy di oggi a Shakespeare, passando per il rapporto fra teatro e cinema. Accanto a lui il critico della «Gazzetta» Filiberto Molossi e Sergio Buttiglieri del D’Azeglio. «Il superamento dei manicomi? Fu soprattutto una "questione di popolo". Quelli che hanno fatto il lavoro grosso sono stati gli infermieri, le suore, i frati, quelli che a un certo punto hanno deciso che il mondo doveva prendere davvero un’altra strada», spiega, precisando però che non si può dire che i manicomi siano del tutto superati: «È la coscienza, la consapevolezza, che combatte l’istituzione manicomiale... Nel film io volevo raccontare che il manicomio è qualcosa che ci appartiene: come forma mentale, come qualità della relazione; per questo non potevo dire che erano superati perché in una certa misura ci sono ancora. Perché ci sia il manicomio non ci deve essere per forza tutta la struttura attorno...».
Tra gli attori di «La pecora nera» volti noti e facce sconosciute: «Ho voluto scegliere persone intelligenti, con cui parlare anche d’altro. Secondo me si deve far così: puntare su persone con cui si possa dialogare e ragionare», racconta, sottolineando la linea di rigore scelta per l’opera: «Il mio impegno in questo film era cercare di essere il più rigoroso possibile, senza ammiccamenti. A teatro è diverso: io penso che il film sia meno "ruffiano" dello spettacolo teatrale». Quanto al mestiere, Celestini è chiaro: «Una mega produzione alla Ronconi? Non ne sarei capace... Se mi dai otto attori e mi fai fare Shakespeare, io non sono capace... Shakespeare, Molière... Io so che sono dei geni, ma proprio non ce la faccio. Io devo parlare di cose che mi appartengono... Anche 'sta storia di Shakespeare contemporaneo... Per me un contemporaneo è uno con cui andare a bere un bicchiere di vino: se non lo fa, o è astemio, come Travaglio, o è morto...».   
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

calestano

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Parma, Frattali out: arriva Davide Bassi in porta

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

1commento

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

6commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

8commenti

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

3commenti

crisi

Copador, settimana decisiva

1commento

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

comune

Dopo gli allagamenti: Duc, servizi ripristinati

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

1commento

fotografia

Il "Mercante" secondo il fotografo Fabrizio Ferrari Gallery

comune

Casa: "Positivo il 2016, ma ci mancano 40 agenti" Tutti i numeri

L'assessore ha presentato, con i vertici dei vigili urbani i numeri e il bilancio degli interventi dello scorso anno

1commento

GAZZAREPORTER

Ancora rifiuti selvaggi a San Leonardo Fotogallery

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

MILANO

L'Italia della moda si ferma per Franca Sozzani Video

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

6commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia