-1°

Spettacoli

Film recensioni - We want sex

Film recensioni - We want sex
0

di Filiberto Molossi

C'è chi pensa che saranno le donne a salvare il mondo: non mi stupirei accadesse davvero. Di certo sono loro che lo hanno cambiato. In meglio. Donne che inseguono diritti e non privilegi, che aprono nuove strade, che non alzano le spalle, anche quando tutti lo fanno intorno a loro. E si battono perché trionfi la giustizia. O almeno, che non è poco, il buon senso.  Donne che alzano la voce (e non la gonna) come le struccate e impagabili protagoniste di «We want sex»,  spumeggiante e orgoglioso manifesto proto femminista di Nigel Cole che, recuperata in qualche dimenticata soffitta della memoria comune un'emblematica storia vera, tende la mano all’altra metà della classe operaia in un film ben scritto e interpretato ancora meglio dove la guerra dei sessi - archetipo del cinema classico - si trasferisce in fabbrica. 
L’anno è il '68 dei grandi cambiamenti, l’industria la Ford di Dagenham, Inghilterra: ci lavorano 55 mila uomini e appena 187 donne. Queste ultime sono addette alla cucitura dei sedili delle auto: ma nel loro stabile piove dentro, guadagnano molto meno dei colleghi che portano i pantaloni e sono state appena declassate. Le operaie però non ci stanno: e, guidate da Rita (working class heroin interpretata da un’ottima Sally Hawkins), dichiarano sciopero per vedere i loro salari equiparati a quelli degli uomini. Sembra un fuoco di paglia: è l'inizio di una rivoluzione. 
Ricostruiti con gusto i proletari '60 made in England, tra hot pants, pettinature cotonate, case popolari e frigo pagati a rate, il regista de «L'erba di Grace» colora l'altro ieri con tinte pastello per poi girare  con piglio alla Loach (ma stile meno ruvido rispetto a quello dell'autore di «Piovono pietre») un film ispirato e molto british dove mescola la passione civile alla commedia sociale, l'affondo politico allo spaccato di costume, l'impegno alle schermaglie matrimoniali. Sottratto alla realtà un coraggioso manipolo di protagoniste dei propri tempi, «We want sex» (per una volta il titolo «italiano» suona meglio dell'originale, «Made in Dagenham», a dire il vero un po' moscio), presentato con successo fuori concorso all'ultimo Festival di Roma, denuncia l'imbroglio maschilista di padroni e sindacati, esaltandosi nel gioco di squadra di donne anche molto diverse tra loro (il confronto tra Rita e la deputata Barbara Castle, come anche quello tra l'operaia e la moglie, decorativa, del suo datore di lavoro) per cucire insieme una pellicola combattiva ma non priva di ironia che alza il vessillo dell’emancipazione. Là dove la battaglia per la parità continua fatalmente anche fuori dalla sala.
Giudizio: 3/5
 
SCHEDA
REGIA:  NIGEL COLE 
SCENEGGIATURA:  WILLIAM IVORY
FOTOGRAFIA: JOHN DE BORMAN
INTERPRETI:  SALLY HAWKINS, BOB HOSKINS, MIRANDA RICHARDSON, ROSAMUND PIKE, DANIEL MAYS
GENERE:  COMMEDIA
Gran Bretagna 2010, colore, 1 h e 53’
DOVE: ASTRA
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le evoluzioni al palo di Maria Aguiar

Pole dance

Evoluzioni al palo: Maria Aguiar è campionessa sudamericana Video

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

4commenti

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

lega pro

Parma: missione punti e continuità

Crociati in campo al Tardini, oggi, alle 14.30 contro il Teramo

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

3commenti

WEEKEND

Una domenica già immersa nel... Natale

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

6commenti

Fidenza

Incendio nel negozio: proprietari salvati dai carabinieri

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

2commenti

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Fuori Orario

Serata "I love Rock": ecco chi c'era Foto

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

2commenti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

A volte fa più male la gentilezza

ITALIA/MONDO

Crisi di governo

Mattarella convoca Gentiloni al Quirinale. Renzi: "Torno a casa davvero"

turchia

Autobomba nel centro di Istanbul: 13 morti e decine di feriti

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

5commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti