22°

Spettacoli

Andrea Battistoni «Io, sul podio con naturalezza»

Andrea Battistoni «Io, sul podio con naturalezza»
0

 Mara Pedrabissi

Primo direttore ospite del Teatro Regio di Parma, da qui al 2013, anno delle celebrazioni del Bicentenario Verdiano. Un incarico che, prima di lui, non esisteva nel Teatro di Maria Luigia. Altrove, sì. Per fare un esempio, nel 1972 Claudio Abbado venne nominato primo direttore ospite della London Symphony Orchestra. A pensarci, roba da far tremare i polsi, specie se, come nel caso nostro, il maestro Andrea Battistoni ha ventitré anni. Solamente. Nato a Verona in una famiglia in cui la musica «era la norma», è cresciuto a pane e note, tra madre pianista («A lei devo molto della mia prima formazione») e padre medico con la passione viscerale per l'opera («Portava spesso all'opera me e mio fratello che è violinista»). Risultato, la musica per lui è stata «una cosa naturale, come i muri di casa». Inizia con il violoncello, a 7 anni. Più avanti l'incontro con il repertorio per orchestra: un colpo di fulmine. E poi via fino all'exploit sul podio dell'«Attila» dell'ultimo Festival Verdi. Ora questa nomina, arma a doppio taglio, che può aprire «interminati spazi» o chiudere a «sovrumani silenzi». E Battistoni lo sa. «Il primo impatto verso di me è sempre di sorpresa - dice in camerino, mezz'ora secca di intervista in pausa prove - . L'unica maniera  per essere veramente degni delle opportunità che si presentano è di arrivare il più preparati e il più consapevoli possibile del ruolo così delicato che si ricopre. D'altra parte tanti mi chiedono: “Ma come si riesce?”. Non so dare una risposta. So solo che dirigere è la cosa che mi viene più naturale nell'ambito della musica e della sua esecuzione.  Perché, da quando ho scoperto l'orchestra e il repertorio per l'orchestra, il sogno è subito diventato quello di essere colui che suona questo strumento fantastico. Poi certo per affinare le proprie conoscenze lo studio è moltissimo. Però la base è sentirsi bene sul podio, di fronte ai professori d'orchestra».
Non avverti tensione?
«La tensione è iniziale, quando si approccia un'orchestra che non si conosce. I  primi momenti della prova sono sempre momenti in cui ci si viene incontro. La tensione per me non è mai durante il concerto, semmai è prima. Non parliamo poi dell'opera dove ci sono giorni di grande, febbrile preparazione».
Seguendo i tuoi pensieri, si sente che parli come uno che ha fatto già  riflessioni che di solito a 23 anni non si hanno elaborato. Che rapporto hai con i tuoi coetanei?
«Ma buonissimo. Ho una vita normalissima. Si cerca di far passare - ma forse lo si è sempre fatto passare -  il musicista giovane come una figura chiusa, tormentata. In realtà, come dicevo, il mio rapporto con la musica è naturale. E' una cosa bella della vita, una cosa che non mi faccio mancare».
Però conduci uno stile di vita che non ti consente di frequentare sempre e quando vuoi i tuoi amici, immagino.
«Sì anche questo è vero. Devo dire tuttavia che la maggior parte sono nel mondo della musica. Detto questo, non stiamo tutto il giorno a suonare in una stanza. Il cinema, ad esempio, è una mia grande passione. Mi piace la sensazione della sala buia, probabilmente anche più del film in sé».
Il film che ti ha colpito di più, ultimamente?
«Penso il film della Coppola, “Somewhere”, soprattutto il finale. Ma guardo tutto, spazio... Anche i cinepanettoni, per dire che il musicista è una persona normale, che si diverte anche con cose stupide. Poi, certo, nel momento in cui si deve affrontare questo tipo di esperienze così impegnative, si comincia a pensare al ruolo che si ricopre, all'impressione che si può fare agli altri».
Il programma di stasera, inaugurazione della Stagione Concertistica con l'Orchestra del Teatro Regio, prevede un omaggio a Liszt, nel Bicentenario, abbinato a Schubert.
«Un accostamento particolare, che non viene spesso fatto. Questo Bicentenario sarà l'occasione di riscoprire pagine di Liszt che non sono molto note al pubblico. Liszt è il grande genio del pianoforte, ovviamente; però vale la pena di approfondire anche un repertorio sinfonico-orchestrale che è un po' trascurato nei nostri cartelloni, a parte forse i Preludi. Liszt è in realtà un compositore di importanza capitale: apre le porte a una concezione della musica come arte totale. In questo è interessante accostarlo a Schubert che è un po' agli antipodi come figura: è un romantico ma ancora immerso in una dimensione classica. Di Schubert eseguiremo due gemme, in cui si confronta con lo stile italiano».
A proposito di stile italiano, dirigerai  «Il Barbiere di Siviglia» in aprile. Un debutto?
«Sì è la prima volta che dirigo il “Barbiere”, non Rossini perché l'anno scorso ho diretto “Il viaggio a Reims” al Rossini Opera Festival ed è stata un'esperienza notevole perché mi ha aperto gli occhi su come si deve interpretare Rossini. Studiarlo e approfondirlo col maestro Zedda è stato molto interessante da questo punto di vista».
Hai un illustre precedente, un violoncellista che è diventato direttore...
«Eh sì - ride indicando il ritratto di Toscanini appeso alla parete - quel nonno grande là. Lo benedico tutti i giorni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Settimana di grandi classici. Con grandi sorprese Video

gazzarock

musica

Premio Gazzarock, la sfida comincia: vota il tuo artista preferito

Bar Refaeli  è di nuovo incinta

gossip

Bar Refaeli è di nuovo incinta

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il pane: domani uno speciale di otto pagine

OGGI

Il pane: uno speciale di otto pagine

Lealtrenotizie

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

TESTIMONIANZA

Lucia Annibali: «Vi racconto la mia nuova vita»

1commento

Il caso

Telecamere in tilt non «vedono» le auto rubate

5commenti

Pronto soccorso

Cervellin: «Mancano medici per l'emergenza»

1commento

Salso

Auto a fuoco: movente passionale?

PARMA CALCIO

Faggiano e la B: «Ci proviamo»

gazzareporter

Auto ad incastro: scene da via Palermo Foto

gastronomia etnica

La start-up che mette in tavola il talento delle donne Foto

carabinieri

Maxi-sequestro di armi da guerra nel Parmense: volevano rubare anche la salma di Enzo Ferrari

I nomi dei sette parmigiani della banda

7commenti

Luzzara

Cade per un malore: 42enne muore il giorno dopo il matrimonio

Delicato intervento al cervello al Maggiore di Parma: Barbara Cocconi, barista, ha lavorato a Montecchio, Boretto, Brescello

CALCIO

80 anni fa nasceva Bruno Mora

INTERVISTA

Musica Nuda e «Leggera»

Consiglio comunale

In arrivo riduzioni per Cosap, dehor e tassa sui rifiuti

Spaccatura Pd, Torreggiani contro Dall'Olio

10commenti

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

1commento

salumi da re

Norcini e salumieri a raduno a Polesine. Sfida al "panino teen-ager"

assemblea

Zebre rugby: Pagliarini si dimette, la Falavigna presidente

piazzale dalla chiesa

Al bar con la droga pronta per lo spaccio: fermato il pusher richiedente asilo

13commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

5commenti

EDITORIALE

Brexit, ci siamo. E non sarà indolore

di Aldo Tagliaferro

ITALIA/MONDO

traffico

Scontro pullman-tir sul raccordo tra l'A1 e l'A14: 40 feriti

Bode

Furto del secolo a Berlino? Rubata moneta d'oro da guinness dei primati

1commento

SOCIETA'

nostre iniziative

«Parma 360»: uno speciale sul festival

saranno famosi

Langhirano: Ettore, 7 anni e la sua super batteria Video

1commento

SPORT

LEGA PRO

Gubbio-Parma 1-4 , gli highlights video

Amichevole

La Nazionale batte l'Olanda

MOTORI

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa

innovazione

La Fiat 500 adesso si può noleggiare su Amazon