Spettacoli

L'intenso omaggio di Conlon a Toscanini

L'intenso omaggio di Conlon a Toscanini
0

Per quanto ogni riascolto, come del resto ogni rilettura, rappresenti pur sempre una scoperta, proprio per l’ineffabilità della musica che si brucia nell’attimo in cui si genera - lo stesso Toscanini non diceva «crediamo di essere sempre uguali e non lo siamo mai da una volta all’altra» ? - , l’uscire dai repertori consolidati è ragione particolarmente accattivante, come si è potuto cogliere dall’interessante programma proposto l’altra sera, nell’ambito della rassegna «Nuove Atmosfere», da James Conlon. Merito della Fondazione Toscanini essere riuscita a invitare un direttore di così riconosciuto prestigio le cui qualità sono subito apparse chiare dalla naturalezza dell’intesa stabilita con la nostra Filarmonica, ben rispecchiata dalla bontà della risposta: «leggerezza» dell’approccio e coesione nell’esito sonoro.
Occasione rilevante dunque, richiamata dalla ricorrenza toscaniniana che Conlon ha voluto onorare con una pagina di sottile fascino - l’ombra dell’«Adagietto» mahleriano in filigrana - come l’«Adagio» per archi che il Maestro aveva chiesto a Samuel Barber. Più ampio e originale il profilo del programma che moveva da un contesto che Conlon è andato da anni esplorando con appassionata determinazione quale quello mitteleuropeo dei primi decenni del secolo passato, ben più ricco rispetto al consolidato profilo della «Trinità» viennese - Schoenberg, Berg e Webern - per la varietà di fermenti che musicisti come Zemlinsky, Korngold e Schreker sono andati liberando dalla coscienza, o dal presentimento, della «Crisi». La «Kammersymphonie» di Schreker che ha aperto il programma offriva uno spaccato vividissimo di tale momento, figlia anch’essa, come le opere degli altri colleghi, uscita da quel fatale grembo che è il «Tristano» per il travaglio di un linguaggio che sembra protendersi verso nuove illusioni, decantando strazi inconfessati. Un grande slancio che Schreker vive in maniera personalissima, nutrendo l’inquietudine espressiva con l’incanto del suono, quel «suono lontano», misterioso, che ha dato titolo al suo più importante lavoro teatrale e che nel tessuto più diradato di una partitura di segno cameristico si insinua con una tensione evocativa di insinuante seduzione nella iridescenza delle screziature nostalgiche; suoni come quelli della celesta, del pianoforte, dell’harmonium che dall’impasto di archi e fiati, tutti strumenti solisti, tralucono come preziosi lapislazzuli; a dire di quell'inclinazione simbolista che lascia trafilare l’ebbrezza e la vaghezza di certe pagine debussyane come lo stupefatto silenzio dei versi di Stefan George; cifra stilistica rara che Conlon ha messo a fuoco con quel senso avvolgente riconoscibile nel segno fluente dello stesso gesto, da cui il «poema» schrekeriano è stato plasmato nella sua sinuoso profilo.
Altro universo quello svelato dai tre poemi sinfonici di Dvorak, anche questo un invito alla conoscenza di un autore la cui immagine più corrente è affidata alla più celebre delle sue Sinfonie, quella «Dal Nuovo Mondo», nonché a quelle affascinanti «Danze slave» irrorate dalle linfe della terra natìa; immagine che Conlon ha voluto arricchire proponendo il ciclo poematico «Natura, vita e amore», di raro ascolto se si eccettua il « Karneval», tre ampie pagine in cui il musicista boemo ha fatto convivere l’intendimento programmatico, articolato nella scansione simbolica ternaria, con una coerenza sinfonica che suggella sinteticamente il pensiero; dopo la riduzione cameristica per Schreker e quella per soli archi per Barber la compagine della «Toscanini» si è ricomposta nella sua completezza e Conlon da penetrante evocatore si è fatto un coinvolgente narratore. Applauditissimo alla fine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente"

Maria Schneider e Marlon Brando in "Ultimo tango a Parigi"

Cinema

Bertolucci: "In Ultimo tango la Schneider non era consenziente" Video

2commenti

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Sorbolo

Strazio e pianto: Ilaria muore a 30 anni

Referendum

I dati definitivi: il No vince con il 59,11% in Italia, nel Parmense ottiene il 52,63%

1commento

referendum

Renzi si è dimesso. Oggi da Mattarella

Stravincono i No (leggi) a quasi il 60% - Euro prima giù poi recupera - Grillo: "Subito al voto con l'Italicum" - Shock nella Ue 

3commenti

Salsomaggiore

Squilli di tromba al funerale di Lorenzo, ucciso da una malattia a 15 anni

POLFER

Bimba smarrita, poliziotta le fa da mamma

Collecchio

Pedone investito nella notte a Lemignano: è in Rianimazione

Omicidio Della Pia

La madre di Alessia: «Mia figlia? E' stata dimenticata»

1commento

comune

Il parco ex Eridania sarà "Parco della Musica"

Lega Pro

Come sarà il primo Parma di D'Aversa

Pellegrino

E' morto Fortini, il presidente della corale

Lutto

Addio a Ronchini, al «pisonär»

LA STORIA

Suor Assunta, una vocazione nata sulla spiaggia

RICERCA

I terremoti si possono prevedere? Ecco a che punto siamo

Parla l'esperto. La nuova frontiera? Imparare a leggere i segnali prima delle scosse

Collecchio

Il parcheggio del cimitero è una discarica

referendum PARMA

In provincia vince (di poco) il No. In città il Sì Risultati comune per comune

463 sezioni su 470: 52.54 il No. In città Si al 50.33%. No, record a Albareto, il Si bene a Bore

5commenti

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

8commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

Referendum

Anziano vota e muore al seggio a Marina di Carrara

referendum

Pelù denuncia: "Ho avuto la matita cancellabile". Ma ecco perché è valida

4commenti

SOCIETA'

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

11commenti

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

lega pro

La Reggiana (con Pordenone e Venezia) prende il largo. Parma a 7 punti dalla vetta

4commenti

rally

Monza, quinto successo di Rossi!

MOTORI

BOLOGNA

Esplora il Motor Show in meno di un minuto Video

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)