-1°

Spettacoli

Scandiuzzi: «Il riferimento è Fra Cristoforo»

Scandiuzzi: «Il riferimento è Fra Cristoforo»
Ricevi gratis le news
0

Elena Formica
Il padre Cristoforo non era sempre stato così, né sempre era stato Cristoforo: il suo nome di battesimo era Lodovico. Era figliuolo d’un mercante (...) che, nè suoi ultim'anni, trovandosi assai fornito di beni, e con quell'unico figliuolo, aveva rinunziato al traffico, e s'era dato a viver da signore. (...) Vide Lodovico spuntar da lontano un signor tale, arrogante e soverchiatore di professione, col quale non aveva mai parlato in vita sua, ma che gli era cordiale nemico, e al quale rendeva, pur di cuore, il contraccambio: giacché è uno dè vantaggi di questo mondo, quello di poter odiare ed esser odiati, senza conoscersi». Dal Manzoni dei Promessi Sposi, che Verdi venerava, giunge così la prima descrizione di Padre Cristoforo, il frate che aiuta Renzo e Lucia nella fuga, l’uomo di Dio che affronta il protervo Don Rodrigo. Gran conoscitore degli uomini e della vita, egli stesso aveva ucciso, egli stesso aveva assistito alla morte ingiusta di una persona cara, egli stesso aveva odiato. Ma la forza del suo destino era il Signore, a cui si era votato dopo tanto iniquo mondo. Il basso Roberto Scandiuzzi, da sempre interprete di riferimento nel repertorio verdiano e non solo («artista che incanta con toni eccelsi», come ha scritto di lui Gerhard Rohde sulla mitica Frankfurter Allgemeine), impersonerà il Padre Guardiano nella Forza del destino che andrà in scena domani sera al Teatro Regio. Il debutto come Padre Guardiano avvenne all’Arena di Verona nel 1987; per l’artista veneto si tratta ora della ventisettesima produzione della Forza del destino, in totale circa trecento recite: da allora, insieme al tanto Verdi cantato nei massimi teatri del mondo, questo ruolo lo ha accompagnato in spettacoli che hanno fatto storia, dal Metropolitan di New York alla Scala di Milano. «Il mio punto di riferimento per l’interpretazione del Padre Guardiano - spiega Scandiuzzi - è Fra Cristoforo nei Promessi Sposi. Sappiamo dell’ammirazione di Verdi per Alessandro Manzoni; ma devo dire che, al di là di questo collegamento assolutamente validato, ha avuto un’enorme influenza su di me la lezione del mio professore di lettere alle superiori, grazie alla quale il parallelismo tra il Padre Guardiano e Fra Cristoforo mi è risultato poi del tutto evidente. E’ proprio la fibra manzoniana che innerva il personaggio creato da Verdi a renderlo, anche musicalmente e vocalmente, così diverso da altre figure di religiosi presenti nell’opera verdiana. Penso, in primo luogo, al Grande Inquisitore nel Don Carlo: mi riferisco al suo canto caratterizzato da salti, da intervalli, che si contrappone al "legato" costante del Padre Guardiano, a riprova del carattere densamente umano, fulcrale nella condotta morale, di questo frate sì autorevolissmo, ma paterno e virilmente pio». Quello del Padre Guardiano è «un ruolo difficilmente travisabile», precisa Scandiuzzi. Non è plasmabile "ad libitum", magari per renderlo un po' diverso dal solito, tentazione con cui il Maligno - per dirla scherzosamente - provoca spesso i registi. «La bellezza di tale ruolo - continua l’artista - risiede in una certa vibrante ieraticità; il senso del classico, ovvero della classicità della cultura, è essenziale nell’approccio a tale a ruolo e all’intera Forza del destino. E’ la convinzione, questa che manifesto, di un interprete come me, al quale è stato concesso in sorte di portare la Forza del destino in tutto il mondo, a diversi tipi di pubblico, in diverse letture musicali e con diverse forme di regia. La forza del destino viene accettata e compresa, nella sua complessità, in virtù del senso di classicità che ho espresso poc'anzi». Non è un caso - osserva Scandiuzzi - se film attuali a sfondo storico come La Papessa o il Gladiatore hanno tanto successo di pubblico: «Sono in costume, il periodo storico è ricostruito con attenzione, ma sono percepiti come moderni. Questi film partono dalla realtà storica, hanno un’evidente base descrittiva, ma sono costruiti per arrivare al pubblico di oggi e sono indiscutibilmente avvertiti come attuali. Con questo intendo dire che un’opera come La forza del destino è bene sia rappresentata in modo discretamente descrittivo, da non confondere con il didascalico, al fine di rendere più intelligibile l’intenso, formidabile sviluppo dei personaggi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Nadia Toffa

Nadia Toffa

TELEVISIONE

Nadia Toffa racconta i momenti del malore. Stasera in onda alle "Iene"

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

14commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Torta di stelline

LA PEPPA

La ricetta natalizia - Torta di stelline

Lealtrenotizie

Un uomo cl 54, tratto in arresto per il reato di atti persecutori

salsomaggiore

Perseguita l'ex convivente e le incendia l'auto: arrestato 63enne

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

INCIDENTI

Frontale sulla provinciale per Medesano: due feriti, uno è grave

Aveva 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

Cordoglio in città e nella Valtaro per l'improvvisa scomparsa

1commento

salute

Oculistica, premiata la ricerca targata Parma

2commenti

Gara

La grande sfida degli anolini

2commenti

carabinieri

Altre 37 dosi fiutate dal cane antidroga nei cespugli di viale dei Mille

13commenti

dopo l'alluvione

Don Evandro: "A Lentigione la luce ha vinto sulle tenebre: grazie volontari!"

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

IL CASO

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

I «casi» di via Abbeveratoia, via Zarotto e via Montebello

1commento

calcio

Contro il Cesena il Parma deve accontentarsi

Al Tardini il primo 0-0 dell'anno

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

3commenti

tg parma

Furti in due abitazioni a Colorno Video

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le cose della vita (e quelle del palazzo)

di Michele Brambilla

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

REGNO UNITO

Brexit? Adesso la maggioranza degli inglesi non la vuole più

1commento

libano

Diplomatica inglese violentata e uccisa

SPORT

FORMULA 1

Gunther Steiner: «Dallara Haas, piccoli progressi»

Cus Parma

Minibasket: la carica dei 100 al Palacampus Fotogallery

SOCIETA'

Economia

Tecnologia sotto l'albero a Natale, il gadget è "low-cost"

STATI UNITI

Ultimo volo del Boeing 747: tramonta l'era del jumbo

MOTORI

IL TEST

Mazda CX-3, l'eleganza del crossover

MOTO

Bici o moto? La prova di Bultaco Albero 4.5