Spettacoli

Scandiuzzi: «Il riferimento è Fra Cristoforo»

Scandiuzzi: «Il riferimento è Fra Cristoforo»
0

Elena Formica
Il padre Cristoforo non era sempre stato così, né sempre era stato Cristoforo: il suo nome di battesimo era Lodovico. Era figliuolo d’un mercante (...) che, nè suoi ultim'anni, trovandosi assai fornito di beni, e con quell'unico figliuolo, aveva rinunziato al traffico, e s'era dato a viver da signore. (...) Vide Lodovico spuntar da lontano un signor tale, arrogante e soverchiatore di professione, col quale non aveva mai parlato in vita sua, ma che gli era cordiale nemico, e al quale rendeva, pur di cuore, il contraccambio: giacché è uno dè vantaggi di questo mondo, quello di poter odiare ed esser odiati, senza conoscersi». Dal Manzoni dei Promessi Sposi, che Verdi venerava, giunge così la prima descrizione di Padre Cristoforo, il frate che aiuta Renzo e Lucia nella fuga, l’uomo di Dio che affronta il protervo Don Rodrigo. Gran conoscitore degli uomini e della vita, egli stesso aveva ucciso, egli stesso aveva assistito alla morte ingiusta di una persona cara, egli stesso aveva odiato. Ma la forza del suo destino era il Signore, a cui si era votato dopo tanto iniquo mondo. Il basso Roberto Scandiuzzi, da sempre interprete di riferimento nel repertorio verdiano e non solo («artista che incanta con toni eccelsi», come ha scritto di lui Gerhard Rohde sulla mitica Frankfurter Allgemeine), impersonerà il Padre Guardiano nella Forza del destino che andrà in scena domani sera al Teatro Regio. Il debutto come Padre Guardiano avvenne all’Arena di Verona nel 1987; per l’artista veneto si tratta ora della ventisettesima produzione della Forza del destino, in totale circa trecento recite: da allora, insieme al tanto Verdi cantato nei massimi teatri del mondo, questo ruolo lo ha accompagnato in spettacoli che hanno fatto storia, dal Metropolitan di New York alla Scala di Milano. «Il mio punto di riferimento per l’interpretazione del Padre Guardiano - spiega Scandiuzzi - è Fra Cristoforo nei Promessi Sposi. Sappiamo dell’ammirazione di Verdi per Alessandro Manzoni; ma devo dire che, al di là di questo collegamento assolutamente validato, ha avuto un’enorme influenza su di me la lezione del mio professore di lettere alle superiori, grazie alla quale il parallelismo tra il Padre Guardiano e Fra Cristoforo mi è risultato poi del tutto evidente. E’ proprio la fibra manzoniana che innerva il personaggio creato da Verdi a renderlo, anche musicalmente e vocalmente, così diverso da altre figure di religiosi presenti nell’opera verdiana. Penso, in primo luogo, al Grande Inquisitore nel Don Carlo: mi riferisco al suo canto caratterizzato da salti, da intervalli, che si contrappone al "legato" costante del Padre Guardiano, a riprova del carattere densamente umano, fulcrale nella condotta morale, di questo frate sì autorevolissmo, ma paterno e virilmente pio». Quello del Padre Guardiano è «un ruolo difficilmente travisabile», precisa Scandiuzzi. Non è plasmabile "ad libitum", magari per renderlo un po' diverso dal solito, tentazione con cui il Maligno - per dirla scherzosamente - provoca spesso i registi. «La bellezza di tale ruolo - continua l’artista - risiede in una certa vibrante ieraticità; il senso del classico, ovvero della classicità della cultura, è essenziale nell’approccio a tale a ruolo e all’intera Forza del destino. E’ la convinzione, questa che manifesto, di un interprete come me, al quale è stato concesso in sorte di portare la Forza del destino in tutto il mondo, a diversi tipi di pubblico, in diverse letture musicali e con diverse forme di regia. La forza del destino viene accettata e compresa, nella sua complessità, in virtù del senso di classicità che ho espresso poc'anzi». Non è un caso - osserva Scandiuzzi - se film attuali a sfondo storico come La Papessa o il Gladiatore hanno tanto successo di pubblico: «Sono in costume, il periodo storico è ricostruito con attenzione, ma sono percepiti come moderni. Questi film partono dalla realtà storica, hanno un’evidente base descrittiva, ma sono costruiti per arrivare al pubblico di oggi e sono indiscutibilmente avvertiti come attuali. Con questo intendo dire che un’opera come La forza del destino è bene sia rappresentata in modo discretamente descrittivo, da non confondere con il didascalico, al fine di rendere più intelligibile l’intenso, formidabile sviluppo dei personaggi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

3commenti

Chiara Ferragni regina Instagram 2016, in top Papa e Fedez

2016

La Ferragni regina di Instagram. Secondo? Vacchi. C'è il Papa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Un coro di no per la chiusura del supermercato di via D'Azeglio

via d'azeglio

Un coro di no per la chiusura del supermercato Videoinchiesta

In arrivo una sala slot? (Leggi)

1commento

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

TRAVERSETOLO

Ladri in azione a colpi di mazza nel negozio. Poi la fuga

1commento

raccolta firme

La Cittadella si illumina con l'albero di Natale Video

Per ribadire il "no" alla chiusura del chiosco

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

1commento

Traffico

Pericolo nebbia: visibilità 80 metri fino a Bologna in A1 Tempo reale

Scontro fra due auto: statale 63 chiusa per due ore nel Reggiano, 4 feriti

ospedale

Day hospital oncologico: nuova organizzazione

convegno

Migranti, Pizzarotti in Vaticano: "Comuni lasciati soli" Video

4commenti

derby

Reggiana-Parma: in vendita i biglietti (4.200)

1commento

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Rugby

Zebre sconfitte dal Tolosa e... dalla nebbia. Partita sospesa dopo 63 minuti

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

1commento

Gazzareporter

I "magnifici 13"

2commenti

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

15commenti

Fidenza

Ubriaco si schianta contro un albero. Poi la bugia: "Rapito e costretto a bere" 

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

4commenti

ITALIA/MONDO

crisi

Mattarella: "Governo a breve. Prima del voto armonizzare le leggi"

cremona

Presepe negato, la diocesi: "E' tutto un malinteso"

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

4commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti