Spettacoli

L'ultimo tango di Maria Schneider

L'ultimo tango di Maria Schneider
0

di Giorgio Gosetti

ROMA - Capricciosa, inquieta e ombrosa, dolente e ribelle: mille aggettivi si accumulano per definire Maria Schneider, attrice simbolo di una generazione (l'inizio degli anni '70), scomparsa a 58 anni nel più quieto silenzio, ben lontano da quei riflettori che aveva voluto e poi ripudiato.
Era nata parigina, il 27 marzo del 1952, figlia illegittima di Daniel Gelin che non la riconobbe mai nonostante la sua storia d’amore con la modella Marie Christine Schneider. Il senso di rifiuto da parte del mondo e l’adolescenza irrequieta marcarono certamente in modo indelebile la sua personalità. Aveva appena compiuto 18 anni quando si affacciò, per pura curiosità e per inseguire il padre, su un set: piccole parti, spesso non accreditate, in film francesi minori, magari con partner famosi e irraggiungibili come Alain Delon («Madly») o Philippe Noiret («La tardona»). Si fa però notare con quei capelli ricci e ribelli, i lineamenti decisi, la bocca come una fessura dolente, un vitalismo vagamente selvaggio.
Bernardo Bertolucci, a Parigi per il cast di «Ultimo Tango» (1972) la nota immediatamente, le propone il copione e la parte della protagonista.
«Lessi la sceneggiatura - raccontava sempre più stancamente – e non ci trovai nulla di scandaloso o impossibile. Avevo 20 anni e non capivo un bel nulla! Brando e Bertolucci mi manipolarono, usandomi senza alcun riguardo. Ci ho messo molti anni per perdonare. Allora ero proprio infuriata». La lavorazione del film fu tutto sommato tranquilla, i guai arrivarono con la prima proiezione pubblica, lo scandalo dell’ormai troppo celebre «scena del burro», le censure e le polemiche. Maria si ritirò in uno sdegnato silenzio, incolpò il suo regista di aver carpito la sua ingenuità e pensò di lasciare il mestiere d’attrice. A complicare le cose ci furono scompensi psicologici, una progressiva dipendenza da stupefacenti, un’instabilità interiore che le mangiava l’anima. L’anno dopo venne in Italia chiamata da Enrico Maria Salerno per «Cari genitori» (1973) ed ebbe una seconda, grande occasione grazie a Michelangelo Antonioni che le affidò il ruolo principale, a fianco di Jack Nicholson, per «Professione Reporter» (1974). Strano a dirsi, nonostante si tratti della sua più bella parte, nonostante l'importanza del film e il perfetto clima del set, quella che doveva essere l’occasione del riscatto non offuscò il ricordo di «Ultimo tango a Parigi». La sua smarrita viaggiatrice senza nome che incrocia la strada del reporter David Locke resta un’autentica icona del cinema antonioniano e internazionale e il suo desolato sguardo quando osserva la fine del suo compagno occasionale è ormai una pagina celebre nella storia del cinema. Dopo «Reporter», Maria Schneider riprende la sua tormentata carriera perdendo progressivamente fiducia nei produttori (tutti la chiamano per parti ai confini dell’erotico) e ricevendone sempre meno attenzione. Viene sostituita dopo un solo giorno sul set di «L'oscuro oggetto del desiderio» (Bunuel, 1977), rifiuta l’attenzione di Tinto Brass (se ne va da «Caligola» dicendo «sono un’attrice, non una prostituta»), lavora in tutta Europa ma con sempre minor convinzione. A dire il vero non abbandona mai il set, con un paio di titoli l’anno, alcuni dei quali anche significativi come «La derobade» (1979) o «Cercasi Gesù» di Comencini (1982). Negli anni '80 affronta spesso anche la televisione francese fino a rifarsi un nome nella serie «Navarro» e poi accetta l’offerta di Franco Zeffirelli per impersonare l’istitutrice di «Jane Eyre» (1996). È ormai una donna diversa, dai tratti duri e sofferti, un monolite solitario che sembra non scalfibile. Non ha mai lasciato idealmente nemmeno l’Italia dove il pubblico e i registi hanno continuato ad amarla, dal televisivo «Il cuore e la spada» a «Quale amore» di Maurizio Sciarra (2006), forse una delle sue ultime, intense interpretazioni. Nel frattempo ha riscoperto il grande amore giovanile, la musica, e dedicato il suo primo disco, in coppia con Cristiano Malgioglio, all’amore di sempre Lucio Battisti di cui interpreta alcuni successi. La si è vista, quasi irriconoscibile, nel 2008 nel film di Josiane Balasko «Cliente» (al Festival di Roma). Ancora una volta, ironia del destino, una storia di prostituzione e una riflessione sul sesso e l’amore. Ma Maria era già distante, prigioniera del suo mondo interiore che la gioventù aveva attraversato come un tornado e che tutta la vita è servita a placare.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'eredità

televisione

Gabriele arriva in finale a L'eredità

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

parma calcio

Nuovo ds, tramonta Vagnati e rispunta Faggiano

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

1commento

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

q.re Pablo

Multa a una 78enne invalida, per i rifiuti si affidava ad un vicino

La denuncia della Cgil: “Serve più attenzione per le fasce deboli della popolazione”

15commenti

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

1commento

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

LA BACHECA

44 opportunità per trovare un lavoro

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

1commento

SOCIETA'

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

SPORT

Calciomercato

Vagnati, la Spal spaventa il Parma

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)