10°

18°

Spettacoli

L'ultimo tango di Maria Schneider

L'ultimo tango di Maria Schneider
0

di Giorgio Gosetti

ROMA - Capricciosa, inquieta e ombrosa, dolente e ribelle: mille aggettivi si accumulano per definire Maria Schneider, attrice simbolo di una generazione (l'inizio degli anni '70), scomparsa a 58 anni nel più quieto silenzio, ben lontano da quei riflettori che aveva voluto e poi ripudiato.
Era nata parigina, il 27 marzo del 1952, figlia illegittima di Daniel Gelin che non la riconobbe mai nonostante la sua storia d’amore con la modella Marie Christine Schneider. Il senso di rifiuto da parte del mondo e l’adolescenza irrequieta marcarono certamente in modo indelebile la sua personalità. Aveva appena compiuto 18 anni quando si affacciò, per pura curiosità e per inseguire il padre, su un set: piccole parti, spesso non accreditate, in film francesi minori, magari con partner famosi e irraggiungibili come Alain Delon («Madly») o Philippe Noiret («La tardona»). Si fa però notare con quei capelli ricci e ribelli, i lineamenti decisi, la bocca come una fessura dolente, un vitalismo vagamente selvaggio.
Bernardo Bertolucci, a Parigi per il cast di «Ultimo Tango» (1972) la nota immediatamente, le propone il copione e la parte della protagonista.
«Lessi la sceneggiatura - raccontava sempre più stancamente – e non ci trovai nulla di scandaloso o impossibile. Avevo 20 anni e non capivo un bel nulla! Brando e Bertolucci mi manipolarono, usandomi senza alcun riguardo. Ci ho messo molti anni per perdonare. Allora ero proprio infuriata». La lavorazione del film fu tutto sommato tranquilla, i guai arrivarono con la prima proiezione pubblica, lo scandalo dell’ormai troppo celebre «scena del burro», le censure e le polemiche. Maria si ritirò in uno sdegnato silenzio, incolpò il suo regista di aver carpito la sua ingenuità e pensò di lasciare il mestiere d’attrice. A complicare le cose ci furono scompensi psicologici, una progressiva dipendenza da stupefacenti, un’instabilità interiore che le mangiava l’anima. L’anno dopo venne in Italia chiamata da Enrico Maria Salerno per «Cari genitori» (1973) ed ebbe una seconda, grande occasione grazie a Michelangelo Antonioni che le affidò il ruolo principale, a fianco di Jack Nicholson, per «Professione Reporter» (1974). Strano a dirsi, nonostante si tratti della sua più bella parte, nonostante l'importanza del film e il perfetto clima del set, quella che doveva essere l’occasione del riscatto non offuscò il ricordo di «Ultimo tango a Parigi». La sua smarrita viaggiatrice senza nome che incrocia la strada del reporter David Locke resta un’autentica icona del cinema antonioniano e internazionale e il suo desolato sguardo quando osserva la fine del suo compagno occasionale è ormai una pagina celebre nella storia del cinema. Dopo «Reporter», Maria Schneider riprende la sua tormentata carriera perdendo progressivamente fiducia nei produttori (tutti la chiamano per parti ai confini dell’erotico) e ricevendone sempre meno attenzione. Viene sostituita dopo un solo giorno sul set di «L'oscuro oggetto del desiderio» (Bunuel, 1977), rifiuta l’attenzione di Tinto Brass (se ne va da «Caligola» dicendo «sono un’attrice, non una prostituta»), lavora in tutta Europa ma con sempre minor convinzione. A dire il vero non abbandona mai il set, con un paio di titoli l’anno, alcuni dei quali anche significativi come «La derobade» (1979) o «Cercasi Gesù» di Comencini (1982). Negli anni '80 affronta spesso anche la televisione francese fino a rifarsi un nome nella serie «Navarro» e poi accetta l’offerta di Franco Zeffirelli per impersonare l’istitutrice di «Jane Eyre» (1996). È ormai una donna diversa, dai tratti duri e sofferti, un monolite solitario che sembra non scalfibile. Non ha mai lasciato idealmente nemmeno l’Italia dove il pubblico e i registi hanno continuato ad amarla, dal televisivo «Il cuore e la spada» a «Quale amore» di Maurizio Sciarra (2006), forse una delle sue ultime, intense interpretazioni. Nel frattempo ha riscoperto il grande amore giovanile, la musica, e dedicato il suo primo disco, in coppia con Cristiano Malgioglio, all’amore di sempre Lucio Battisti di cui interpreta alcuni successi. La si è vista, quasi irriconoscibile, nel 2008 nel film di Josiane Balasko «Cliente» (al Festival di Roma). Ancora una volta, ironia del destino, una storia di prostituzione e una riflessione sul sesso e l’amore. Ma Maria era già distante, prigioniera del suo mondo interiore che la gioventù aveva attraversato come un tornado e che tutta la vita è servita a placare.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Milano

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - La centrale del latte di via Torelli Video

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La grande bellezza dell'Oltretorrente: 17 film per un quartiere, i video dei ragazzi

CONCORSO

La grande bellezza dell'Oltretorrente: tutti i video dei ragazzi e le video-interviste

Lealtrenotizie

Operaio "infedele": usa copia delle chiavi per tornare in farmacia a rubare

langhirano

Operaio "infedele": usa copia delle chiavi per tornare in farmacia a rubare

Droga

Spaccio, quartieri «occupati». Casa: «Potenziati i controlli»

6commenti

Incidente

Cordoglio per Valeriu Voina, il muratore che scolpiva il ghiaccio

viabilità

Afflusso alle fiere e due incidenti: lunghe code al casello e verso Baganzola

carabinieri

"Adescato" e rapinato in stazione: due arresti

Bogolese

Furti, bloccati tre incappucciati

2commenti

Crisi

Copador, lunedì sciopero di due ore e presidio

Borgotaro

L'ultimo saluto a Danilo

PONTETARO

Chiave clonata: i ladri «svuotano» l'auto

1commento

foto dei lettori

Se un arcobaleno abbraccia un castello Foto

BORGOTARO

Cassiera si intasca 150mila euro del supermercato. A processo

LIBRO DI GARANZINI

Emozioni del calcio di una volta

LEGA PRO

Le difficoltà compattano il Parma

FIERE

A MecSpe le novità tecnologiche made in Parma

Tg Parma

Il drammatico bollettino degli incidenti: da San Secondo a Parma Video

Due giovani donne investite in via Emilia Ovest e in via Traversetolo. Illeso un anziano dopo un terribile botto a Fontanellato

lettera aperta

Studentessa del Melloni ai coetanei: "Fate della vostra vita un capolavoro"

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Siamo uomini o robot?

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

napoli

Tredicenne violentato per anni da "branco" di 11 minorenni

IL CASO

Mandano alla madre la tessera sanitaria della figlia scomparsa

3commenti

SOCIETA'

Lutto

Morto l'economista Giacomo Vaciago. Fu sindaco di Piacenza

Medicina

La maggior parte dei tumori è dovuta al caso

SPORT

f1

Australia: nelle libere Hamilton vola, Raikkonen quarto

SONDAGGIO

Il Parma andrà in serie B? Avete fiducia? Votate

2commenti

MOTORI

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery