13°

30°

Spettacoli

"Il Naso" spiazza il pubblico del Regio

"Il Naso" spiazza il pubblico del Regio
8

Elena Formica  (da uno dei servizi sulla Gazzetta di Parma in edicola)

(...) Il pubblico del Regio, non folto ma attento, ha accolto con gra­ziosa quanto civile neutralità «Il Naso» di Shostakovich. Educati applausi alla fine del secondo atto, prima dell’intervallo; decisamen­te più robusti - con qualche lancio di «Bravi!» - al termine dello spet­tacolo. Dapprima niente più che galateo, qualcosa di simile a un «Grazie per lo sforzo, ma noi sia­mo gente da 'Va, pensiero'». Giu­sto, giustissimo: Verdi, come te non c'è nessuno! Che vuoi farci se lo splendido intermezzo di sole percussioni, che di solito conqui­sta al Naso ovazioni in tutto il mondo, a Parma passa liscio come acqua da rubinetto, che si beve malvolentieri quand’anche più sana di quella imbottigliata? Che vuoi farci se uno spettacolo come questo del Teatro da Camera di Mosca, che Massimo Mila esaltò come bellissimo, al Regio fa cion­dolare, appisolata, qualche chio­ma ossigenata?

C'è chi dice, nel foyer, che l’intervallo è breve; ma c'è anche chi si proclama seria­mente interessato a percorrere nuove strade, cioè a deragliare dal melodramma di Verdi e affini, a patto che la Stagione lirica sia più ricca di titoli tradizionali. Sarà dunque una Tosca in più, o un Elisir di qualcosa, a far digerire senza bruciori (né torpori) la mu­sica geniale di un certo Shosta­kovich? E se gettassimo il cuore, in questo caso travestito da Naso, ol­tre l’ostacolo delle abitudini, an­che le più amate e motivate? Sia chiaro: il pubblico ha sempre ra­gione.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Fabrice

    26 Febbraio @ 17.56

    I commenti in loggione ieri sera erano per lo più di incredulità e di delusione di fronte quest\'opera. Anch\'io all\'inizio dell\'intervallo mi sono sorpreso a pensare: \'ah, ma allora aveva ragione Zdanov !\'.\r\nIl naso non è affatto un capolavoro; è solo un tentativo fatto da un giovane geniale, di seguire le più nefaste mode nichiliste provenienti dalla seconda scuola di vienna.\r\nUn percorso sterile dal quale Shostakovich si è allontanato per forza o per convinzione molto presto. \r\nLa reazione del pubblico non c\'entra niente con l\'ignoranza (in senso etimologico o meno). Si tratta di una legittima repulsione di una forma d\'arte che tende a dissolvere l\'eredità culturale della tradizione anzichè penetrarla e approfindirla. \r\nE\' mistificatorio presentare il modernismo/nichilismo come un\'evoluzione della musica colta della quale è al contrario, nella sua stessa essenza, la negazione.\r\n

    Rispondi

  • Antonio

    24 Febbraio @ 21.33

    Non mi pare che l'accoglienza sia stata poi così negativa. Ho visto l'anteprima e la prima per TV. Non ci sono stati dissensi, certo c'erano vuoti, applausi un po' di maniera, l'opera non usuale spiazza un po' il pubblico poco abituato (anche perchè da noi le proposte di questo tipo, comuni in altri teatri e città, diventano rarità e proprio per questo da non perdere). Può piacere o no, ed ognuno può esprimere il proprio parere. Lo spettatore, specie all'opera e specie alle prime, non è sempre musicalmente preparato, ma senz'altro è appassionato di musica. Però certi commenti tipo: questa non è musica, è circo, oppure 'è una vergogna per parma questo spettacolo' ecc denotano ignoranza e soprattutto chiusura. Meglio tacere. Secondo me ci sono momenti molto belli: l'intermezzo delle percussioni, il quartetto delle lettere, la scena corale dell'ultimo atto ecc. e momenti un po' più duri da digerire specie al primo ascolto.

    Rispondi

  • guido campanini

    24 Febbraio @ 18.02

    Vedrò la rappresentazione di domani (venerdì) e ho visto in TV il primo atto. Finalmente a Parma un po' di Novecento storico (il naso è del 1930, ottant'anni fa... come rappresentare la Norma ai primi del XX secolo...). Il pubblico è spiazzato perchè non è abituato. se ogni due anni ci fosse un'opera un po' diversa dal melodramma classico, allora le orecchie sarebbero più abituate (cito: Berg, R. Strauss, Prokofief, Janacek...). Comunque, sistono dichi e video, nessuno ci impedisce di ascoltare anche un po' di Novecento storico, e perciò di non trovare "rivoluzionario" un linguaggio musicale che risale - appunto -ad 80 anni fa. Ben venga Shostakovic, e ben venga un teatro musicale diverso dall'opera tradizionale - che giustamente continua ad avere nei nostri Teatri un assoluto primato. Dopo Trovatore, Vespri Siciliani, Forza del Destino ed in attesa dell'eterno Barbiere, un po' di Novecento ci sta proprio bene, ed apre le nostre menti e le nostre orecchie.

    Rispondi

  • Ilaria

    24 Febbraio @ 17.19

    Non parlerei di ragione, non ragione o addirittura ignoranza. Alzi la mano chi sa tutto. Questa è un'opera musicalmente difficile anche per gli esperti, figuriamoci per chi la vede per la prima volta. Che senso ha chiedere al pubblico durante l'intervallo un commento come se fosse La Traviata? E' chiaro che rispondono così. E Comunque anche i così detti esperti intervistati ieri durante le dirette televisive non sono andati oltre qualche generico commento positivo. Si fa così per non sembrare ignoranti?

    Rispondi

  • Antonio

    24 Febbraio @ 14.22

    il pubblico ha sempre ra­gione ... e l'ignoranza purtroppo trionfa sempre. Ma è il caso di vantarsene?

    Rispondi

    • Alessandra

      24 Febbraio @ 23.03

      Mi associo a quest'ultimo commento, a proposito dell'ignoranza (da intendersi etimologicamente). Purtroppo il pubblico parmigiano non è ne' colto, ne' curioso. Ma mi pare chiaro che l'ironia della chiusa del bell'articolo di Elena sottolinei perfettamente che non è il caso di compiagersi, dell'ignoranza...

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna social network

tv e polemiche

Insinna si vendica: «Il Tapiro censurato da Striscia»

Il rock piange anche Gregg Allman

Gregg Allman

musica

Il rock piange anche Gregg Allman

Incidente a Werhlein, resta "appeso" nella Sauber

Monaco

Incidente in pista: Werhlein si ribalta, ecco il video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Les Caves

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

Lealtrenotizie

Code in A1

Autostrada

Incidente: 3 chilometri di coda in A1. Problemi anche in Autocisa

PARMA

A fuoco deposito di carta e campana del vetro: due incendi in viale Fratti e via Trieste

berceto

Scontro tra moto sulla strada del Cento Croci: cadono in tre

INCIDENTE

E' morta l'anziana investita in via Pellico

sorbolo

L'ultimo binario dell'idiozia: dopo le auto, fingono di finire sotto il treno

3commenti

COLLECCHIO

Auto danneggiate e un computer rubato nel parcheggio dell'EgoVillage

Roncole Verdi

Il caso di don Gregorio fa discutere: c'è chi parla di scelta azzardata

truffa

Falso avvocato raggirava immigrati tra Parma e Reggio: denunciato

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

Weekend

Street food, bancarelle e vino: l'agenda della domenica

Pasimafi

Liberi Ugo e Marcello Grondelli

traffico

Autovelox: i controlli fra il 29 maggio e il 1° giugno

1commento

salso

Terme, via libera alla liquidazione

MEDESANO

Furto al cimitero, rubato un borsello da un'auto

Intervista

Bob Sinclar: «Grazie Parma»

PARMA

Gag, solidarietà e... abbracci gratis: i clown di corsia in piazza Garibaldi Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

EDITORIALE

Miss Italia, Salso saprà ricominciare?

di Leonardo Sozzi

ITALIA/MONDO

ravenna

Blue Whale: la Polizia "salva" una studentessa di 14 anni

gran bretagna

Computer in tilt, aerei della British Airways ancora a terra

WEEKEND

LA PEPPA

La ricetta - Verdure farcite per l’estate

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

SPORT

FORMULA UNO

Doppietta Ferrari dopo 16 anni a Montecarlo. Gelo tra Vettel e Raikkonen

Montecarlo

La doppietta Ferrari è di quelle pesanti. Hamilton è il vero sconfitto (ma anche Raikkonen...)

MOTORI

motori

BMW Serie 8, a Villa d'Este il concept della futura generazione

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover