14°

Spettacoli

Festival di Venezia: i nostri voti semi-seri ai film

Festival di Venezia: i nostri voti semi-seri ai film
0

dal nostro inviato Filiberto Molossi

INFERNO

INJU
Lei è sado ma anche molto maso: lui, invece, è soprattutto un pirla. Si incontrano e fanno scintille: peccato che sia un thriller e si capisca chi è l’assassino dopo 10 minuti. Lui soffrirà molto. Lo spettatore però di più.
Voto: 2 (di stima)

MILK
Gli autori non muovono la macchina da presa nemmeno morti, pena il taglio della mano: se poi il rapporto madre e figlio è interessante, il dramma resta troppo ermetico. E il film, irrisolto. Specie quando il protagonista abbraccia il pesce siluro.
Voto: 5+

NUIT THE CHIEN
In una sera da colpo di stato, un tizio che deve salvare la pelle (sua e di una 12enne) trova il tempo di fare l’amore in una vasca da bagno ("non mi lavo da sei mesi!") indossando una maschera da lupo. E’ davvero una notte da cani: soprattutto per chi è in platea.
Voto: 3

PLASTIC CITY
Un regista di Hong Kong va in Brasile per seguire le gesta di un gruppo di giapponesi: già così sembra una barzelletta. In realtà è un gangster movie che sfonda nella new age più psichedelica, dove i protagonisti vendono merce taroccata. Sono così bravi che, alla fine, taroccano anche il film.
Voto: 4,5

IL SEME DELLA DISCORDIA
Corsicato torna (ma perché?) e sogna il primo Almodovar: andando invece a sbattere, tra una citazione e l’altra, contro la parodia del fotoromanzo. La Murino è tanta, ma era il caso di metterla in concorso?
Voto: 4/5

PURGATORIO

ACHILLE E LA TARTARUGA
L’autodistruzione dell’artista secondo Kitano: più intonato rispetto agli ultimi lavori, l’ultimo samurai si dà alla pittura. I quadri sono pessimi, il film no: ma c’è una buona mezz’ora di troppo.
Voto: 6

JERICHOW
Il postino suona solo una volta. Aria insalubre, eros, tradimento: lui, lei e l’altro in un film forse prevedibile e già visto, ma sempre sul punto di scoppiare.
Voto: 6+

GABBLA
L’on the road che potrebbe piacere a Wenders disegna una geografia e uno smarrimento che sono parte della cartina dell’anima: peccato che per i primi 70 minuti non accada nulla. Come due film: si consiglia di entrare al secondo tempo.
Voto: 6,5

UN GIORNO PERFETTO
Coppie scoppiate, bambini che guardano, tragedie già scritte: nel film imperfetto del turco d’Italia il melodramma supera il dramma. C’è forza, ma quando cade Ozpetek fa rumore.
Voto: 5,5

IL PAPA’ DI GIOVANNA
Avati è sempre lui: è un pregio o un limite? Forse entrambi: la storia è forte, così come il rapporto padre/figlia. Ma c’è un che di bozzettistico, di preparato. Orlando però è bravo: e in sala il film ha buone chances.
Voto: 5,5

THE SKY CRAWLERS
L’amore al tempo dei kildren, eterni bambini votati alla guerra. Tra <Top gun> e <Blade runner>, un cartoon romantico e filosofico. Ritmo non impeccabile, ma grande mano.
Voto: 6/7

TEZA
Qualcuno ha urlato al capolavoro: peccato però che l’inizio sia faticosissimo. Poi la seconda parte, tra cronaca e privato, conquista. Ma resta qualche crepa didascalica. Più Leone che gattino, ma occhio agli eccessivi entusiasmi.
Voto: 6/7
 
 PARADISO

L’AUTRE
Il film comincia con una che si dà una martellata in testa. Ahi. Ma il ritratto di donna allo specchio ha un suo fascino: come canta Vasco, in fondo, è tutto un equilibrio sopra la follia. Non è piaciuto a quasi nessuno: a noi sì.
Voto: 7-

BIRDWATCHERS – LA TERRA DEGLI UOMINI ROSSI
Bechis raccoglie l’urlo degli Indios: e lo amplifica tanto da farlo arrivare al Lido. Film coerente e serio, ha una forza primitiva: e non perde tempo in orpelli.
Voto: 7

THE BURNING PLAIN

Due storie che poi sono la stessa: il trucco c’è ma non si vede. Arriaga gioca col tempo, contando le bruciature, spesso indelebili, dell’anima. Charlize è da Coppa Volpi: e non soltanto perché nella prima scena si alza nuda dal letto.
Voto: 7+

THE HURT LOCKER
La Bigelow è una regista con le palle: lo dimostra anche qui, dove racconta il potere seduttivo della guerra e del pericolo, col suo carico esplosivo di adrenalina. Niente di nuovo sul fronte orientale, ma uno stile tosto e un  punto di vista non banale.
Voto: 7+

PONYO ON THE CLIFF BY THE SEA
La rivincita della semplicità: al cinema sovrastrutturato e a multistrati, Miyazaki oppone la sua tenerissima eco-fiaba transgenerazionale. Una carezza, là dove gli schiaffi spesso non servono.
Voto: 7+

RACHEL GETTING MARRIED
E’ vero, nasce un po’ vecchio: eppure funziona, eccome. La pecora nera torna a casa: Demme filma tutto come se fosse un documentario. Già visto, forse: ma comunque forte. E la Hathaway è bravissima.
Voto: 7+

SOLDATO DI CARTA
Più ci ripensi, più cresce: la conquista dello spazio, la morte del futuro, una base, di fango e solitudine, che non sembra  sulla Terra ma sulla Luna. E’ vero, si parla un po’ addosso: ma c’è talento. Un premio alla regia?
Voto: 7+

VEGAS: BASED ON A TRUE STORY
Scavate, scavate: qualcosa resterà. Un film indipendente girato con stile nudo e crudo sull’ossessione (solo americana?) del denaro facile. In una terra senza storia né valore, una parabola cativa e intelligente che vorremmo andasse a premio.
Voto: 7,5

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Musica alla Latteria dal Beccio

pgn

Musica alla Latteria dal Beccio Foto

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

«Ok il prezzo è giusto», alla presentatrice cede il vestito in diretta tv

Australia

Cede il vestito in diretta: esce il seno

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Lealtrenotizie

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco

Bassa

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco Foto

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

8commenti

agenda

Una domenica con i mille colori del Carnevale

Borgotaro

Discute con una coppia, torna armato di coltello: un ferito nel parapiglia

Marocchino bloccato dai carabinieri 

7commenti

SALSOMAGGIORE

Addio a Renzo Tosi, il re della focaccia di Natale

1commento

CALCIO

A Salò un Parma affamato Diretta dalle 16,30

Manca Baraye, squalificato: al suo posto dovrebbe giocare Scaglia

Borseggio

«Tenetevi i soldi, ma ridatemi la foto del nipotino»

1commento

CURIOSITA'

Cartello «anti-rudo» al Campus

SORBOLO

Se n'è andato Giuliano Rosati, poliedrico e infaticabile

IL CASO

Sorbolo, contro furti e degrado il controllo si fa correndo

Nasce il progetto «Arrestiamoli»: lo sperimentano il sindaco e due runner

Sos animali

Cinque cuccioli cercano casa

viabilità

Il calendario e la mappa degli autovelox della settimana

Parma

Carnevale, carri e maschere dal Battistero alla Cittadella Foto Video

Spettacoli

Agnese Scotti: «Il mio teatro è fisico»

lutto

Collecchio piange Massimiliano Ori, lo sportivo dall'animo gentile

Aveva 51 anni

1commento

EVENTO

I 70 anni della Famija Pramzana

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

6commenti

ITALIA/MONDO

Esplosione

Catania, crolla palazzina: morta un'anziana, una bimba di 10 mesi in coma 

Sant’Ilario

Rubava il telefono ai giocatori di videopoker: denunciato 35enne

WEEKEND

FIERE

E' iniziato Mercanteinfiera: curiosità fra gli stand Foto

45 anni fa: il disco

Catch bull at four - Quando Cat Stevens cantava in latino

SPORT

Coppa del mondo

Sci: Peter Fill vince il SuperG. Argento per gli azzurri nel Team sprint

lega pro

La Reggiana vince e si fa sotto. Il Gubbio si allontana

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia