-2°

Spettacoli

Franco Nero: «Vado via perchè farò un western senza spaghetti»

Franco Nero: «Vado via perchè farò un western senza spaghetti»
Ricevi gratis le news
0

di Chiara Cabassi

Franco Nero ha girato in 40 paesi diversi. Un volto esportabilissimo, al contrario di Mastroianni, Sordi, Tognazzi, grazie agli occhi e ai lineamenti tra Paul Newman e Clint Eastwood. Diventato un divo a cavallo in «Django», l’anno successivo, il '67, è Lancillotto. Vanessa Redgrave è Ginevra. Si riguardano nello stesso modo un anno fa. In «Letters to Juliet» girato a Verona con un budget importante. Sul finale è lei che arriva a cavallo verso l’amore ritrovato dopo quasi una vita. Attore dai tanti caratteri, che ha attraversato il cinema tra western, kung fu e ruoli impegnati che spesso hanno avuto come sfondo la nostra storia: Valerio, il partigiano giustiziere del Duce, l’antifascista Matteotti, il capitano dei carabinieri ne «Il giorno della civetta», e poi maggiore nel racconto della fuga del re nel' 43, il giovane Toscanini, avvocato di camorra ne «I guappi» di Squittieri. Tutti sono più di 180. Trenta in più degli anni dell’Italia. Proprio per il 150° dell'Unità non si può non ricordare il suo efficace Garibaldi nella miniserie televisiva di Luigi Magni dell’87. Garibaldi eroe adorato dal popolo e dall’esercito, ma battuto dai giochi di palazzo.
E’ ancora così che lo immagina?
«Sì, se tornassi indietro lo rifarei così - risponde il grande attore nativo di San Prospero - ero molto eccitato all’idea di impersonare Garibaldi e ricordo quel film come un periodo favoloso per il clima che riuscì a creare Gigi Magni. Ma fu anche impegnativo. Le riprese si svolsero tra la Jugoslavia, Caserta e Torino. E un po' di tormento me lo diedero i sigari toscani che dovevo tenere tra le labbra, io praticamente non fumo. Tra l'altro 'Il Generale' ha appena riscosso molto successo alla sesta edizione del Los Angeles al Film Fashion Art Italian Festival di cui sono tra gli organizzatori. E’ una rassegna che si tiene la settimana prima degli Oscar, nello stesso teatro cinese di Hollywood Boulevard. Garibaldi è mito anche all’estero. Lo storico inglese Taylor lo definì 'la più mirabile figura della storia moderna'. Quella serie ha avuto molto seguito anche in Germania, in Sud America e in altri Paesi. La prima si tenne al Quirinale con Cossiga, Craxi e Spadolini. Mi nominarono commendatore dopo quell'interpretazione».
In aprile uscirà il film sul santo-demonio Rasputin, Nero sarà il narratore. Pronto anche «Father» di Squitieri. E da Los Angeles durante gli incontri del Festival è trapelata la notizia di ritorno ad un genere che gli appartiene: il western.
«Sì, il progetto è sempre più vicino. Ho raccolto le adesioni di tanti colleghi. Il più entusiasta è Tarantino. Vuole che lo uccida. Lui sarà un bandito e io lo ucciderò sparando monete d’oro. Gireremo in America. Il cinema in Italia ha la febbre. Non lo dico per me, che ho appena lavorato in Germania e sto partendo per il Brasile, ma il cinema che ho conosciuto io era un’industria vera, una risorsa per il Paese. Adesso non si fanno film, non ci sono più i produttori che, come negli anni '60-'70, i proventi li investivano nei film di Fellini e di Petri. I pochi film che si fanno sono prevalentemente comici. Dove c'è cultura c'è difficoltà nel nostro Paese. Per le cose frivole invece sono tutti in prima fila».
 A Venezia, in un’intervista, Tarantino ha detto che ciò che gli piace del cinema italiano è Franco Nero. E se Franco Nero dovesse scegliere nel cinema italiano pensando alla sua storia, che è lo specchio di questo un paese arrivato al secolo e mezzo?
«Come attore mi sento vicino a Django. Chi non l’ha visto della mia generazione? E a 'Confessione di un commissario' che è anche il film italiano che ha venduto di più di tutti i tempi. Ma tutto il mondo ha copiato dal nostro neorealismo. E poi direi i film di Bellocchio, ad esempio la sua 'Marcia trionfale'». E in marcia ci sarà ancora, in tante occasioni, il suo Garibaldi, proposto in Italia e all’estero, nelle iniziative che racconteranno come è stata fatta l’Italia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

9commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Scomparso a 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

calcio

Il Parma s'accontenta

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

Gara

La grande sfida degli anolini

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

4commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

PARMA-cesena

D'Aversa: "Soddisfatto dell'interpretazione della gara. Peccato non aver fatto gol" Video

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Sport Invernali

Kostner regina, Cappellini-Lanotte da brividi

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande