12°

Spettacoli

Un bel "Gioiellino", ma Parma lo snobba

Un bel "Gioiellino", ma Parma lo snobba
10

Lisa Oppici

«Questo è un film: non è mai voluto essere un manifesto. Ed è un racconto che nelle nostre intenzioni vorrebbe andare al di là del caso specifico». Il film è «Il gioiellino» di Andrea Molaioli, e il caso specifico è il crac Parmalat, al quale «Il gioiellino» s'ispira. Non è, quella dell’azienda di Collecchio, l’unica fonte d’ispirazione, ma certo è la principale, quella cui più si è fatto riferimento anche in fase di documentazione e di stesura. «Avevamo cominciato a interessarci a processi finanziari abbastanza inquietanti, per cercare di capirci qualcosa di più. Abbiamo iniziato a leggere, a raccogliere materiali... Abbiamo anche assistito a una seduta del processo Parmalat a Milano: proprio quel giorno ci siamo detti: perché non partire da qui? Così abbiamo incontrato anche Tonna, Gorreri e Del Soldato. Tonna ci disse: “A chi volete che interessi un film sulla Parmalat?”».
Ecco dunque la genesi del «Gioiellino», che Molaioli l’altra sera ha raccontato all’Astra. Insieme a lui, in un incontro moderato dal giornalista della «Gazzetta» Filiberto Molossi, la produttrice del film Francesca Cima, la sceneggiatrice Ludovica Rampoldi e il legale della Confconsumatori Giovanni Franchi. Tante le domande dal pubblico, forse meno numeroso di quanto ci si sarebbe attesi: «Sì, me ne aspettavo di più. E mi aspettavo - ha detto il regista - che ci fosse una sorta di elaborazione del lutto, sempre che di lutto si tratti». Film difficile, engagé, per Molaioli, chiamato alla prova del nove dopo «La ragazza del lago». «Certo sarebbe stato più facile darsi alle mode del momento, sarebbe stato più facile fare "La ragazza del fiume". Invece scegliamo storie che ci interessa raccontare», ha spiegato la produttrice Francesca Cima.
E questa storia, che parte da Collecchio, non si ferma lì: diventa paradigmatica. «Ci sembrava che ci fossero elementi molto interessanti da raccontare - ha osservato Ludovica Rampoldi - come emblema di un carattere e di un modo di fare economia e finanza. Di questo caso ci ha colpito l’aspetto "antropologico", una sintesi interessante tra arcaico e moderno: da un lato un’azienda gestita come un salumificio anni Cinquanta, con un padre padrone che decide tutto, e dall’altro una multinazionale in continua espansione con una gestione finanziaria spericolata. E poi ci ha colpito la cialtroneria: si è tenuta in scacco la finanza di mezzo mondo con scanner e bianchetto...». «Il nostro intento - ha aggiunto Molaioli - era cercare di costruire una storia e personaggi che fossero umanamente credibili, senza manicheismi. Ci interessava raccontare l’ambiguità e far capire come un imprenditore dall’aspetto bonario e confortante possa tramutarsi in un mostro: uno che con pochi scrupoli può mettere sul lastrico diverse migliaia di famiglie, perché non pensa che dietro gli investitori ci siano persone in carne e ossa. Ci interessava raccontare la serenità con cui può essere perpetrata la truffa in nome del mantenimento dell’azienda, come segno della propria potenza. E ci premeva raccontare l’ambiente melmoso dentro il quale la truffa poteva essere perpetrata». Al dibattito ha partecipato, come detto, il legale di Confconsumatori Giovanni Franchi, che il caso Parmalat continua a seguirlo molto da vicino: «Un bellissimo film, pur non essendo un documentario. Se lo fosse stato - ha detto - ci sarebbe stato da parlare del vero responsabile di tutto: le banche».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • sabcarrera

    14 Marzo @ 16.30

    inviato da francesco "come si chiama vendere quel che non ti puoi permettere ?" --- Dipende. Se vendo una Ferrari che non mi posso permttere è parsimonia.

    Rispondi

  • sabcarrera

    14 Marzo @ 11.07

    Non capisco cosa c'entra l'ipocrisia.

    Rispondi

    • francesco brundo

      14 Marzo @ 14.57

      come si chiama vendere quel che non ti puoi permettere ? sincerità ?

      Rispondi

  • luli

    14 Marzo @ 10.07

    Beh, che i parmigiani non lo vogliano vedere perchè genererebbe un esame di coscienza impegnativo, forse sì, ma se si guarda agli incassi sul territorio nazionale e al numero di sale in cui era presente il primo weekend e poi quelle del secondo si capisce che non è solo parma a snobbarlo! Ma come già ho detto in precedenza, a chi interessa un film sulla Parmalat, costruito su pettegolezzi di paese e storie giornalistiche???? Se desse risposte e fosse un documentario allora sì, ma cosa facesse Tonna quando si arrabbiava non è certo qualcosa su scrivere una sceneggiatura!

    Rispondi

  • francesco brundo

    14 Marzo @ 03.16

    un film sull'ipocrisia e sul modo di vivere ipocritamente a parma, nessuno vuol guardarsi allo specchio !

    Rispondi

  • Alex68

    13 Marzo @ 19.12

    Io e mia moglie abbiamo visto il film..ci è piaciuto...lo consigliamo....rappresenta chiaramente la vicenda Parmalat. Non avevo nessun dubbio che il parmigiano snob preferisse altro. Meglio poter continuare a credere di vivere in un mondo superiore.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..."

Roma

Arriva il Tapiro d'oro, Renzi: "Un Tapiro cumulativo lo merito..." Foto

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Aggiudicazione provvisoria⁩

Parma

Trasporto pubblico, gara a Busitalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

2commenti

Sant'Ilario d'Enza

Rissa a colpi di sedie e tavolini: quattro stranieri in manette

Due indiani e due pakistani si sono affrontati fuori da un kebab di via Roma, nel paese della Val d'Enza

Parma

Mattinata di incidenti: diversi feriti in città e in provincia Foto

Via Mazzini

I commercianti: «Minacciati dalle baby gang»

4commenti

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

1commento

Salsomaggiore

Addio a Iolanda Campanini, una vita fra libri e giornali

Il fenomeno dilaga

Bocconi al veleno, allarme anche a San Leonardo

2commenti

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

Fidenza

Malore in piazza, l'esercitazione diventa soccorso reale

Lega Pro

Parma: splendida rimonta, Samb ko

Guastalla

Vendevano materassi con minacce: denunciati tre truffatori, in azione anche a Parma

Il personaggio

Il bussetano Laurini debutterà in F3 al volante di una Dallara: «Che emozione»

Parma-Samb

D'Aversa: "Nel primo tempo non eravamo aggressivi. Importante l'atteggiamento" Video

2commenti

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

1commento

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

1commento

ITALIA/MONDO

vercelli

Voleva salvare il cane: travolto dal trattore di papà

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

COSTUME

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

il disco

45 ANNI FA - Mu, il mito secondo Cocciante

SPORT

Stadio Tardini

Parma-Samb 4-2: ecco il gol di Munari

lega pro

La Reggiana vince 2-0 con il Lumezzane

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

300 CV

Leon Cupra, la Seat più potente di sempre Gallery