Spettacoli

Un bel "Gioiellino", ma Parma lo snobba

Un bel "Gioiellino", ma Parma lo snobba
10

Lisa Oppici

«Questo è un film: non è mai voluto essere un manifesto. Ed è un racconto che nelle nostre intenzioni vorrebbe andare al di là del caso specifico». Il film è «Il gioiellino» di Andrea Molaioli, e il caso specifico è il crac Parmalat, al quale «Il gioiellino» s'ispira. Non è, quella dell’azienda di Collecchio, l’unica fonte d’ispirazione, ma certo è la principale, quella cui più si è fatto riferimento anche in fase di documentazione e di stesura. «Avevamo cominciato a interessarci a processi finanziari abbastanza inquietanti, per cercare di capirci qualcosa di più. Abbiamo iniziato a leggere, a raccogliere materiali... Abbiamo anche assistito a una seduta del processo Parmalat a Milano: proprio quel giorno ci siamo detti: perché non partire da qui? Così abbiamo incontrato anche Tonna, Gorreri e Del Soldato. Tonna ci disse: “A chi volete che interessi un film sulla Parmalat?”».
Ecco dunque la genesi del «Gioiellino», che Molaioli l’altra sera ha raccontato all’Astra. Insieme a lui, in un incontro moderato dal giornalista della «Gazzetta» Filiberto Molossi, la produttrice del film Francesca Cima, la sceneggiatrice Ludovica Rampoldi e il legale della Confconsumatori Giovanni Franchi. Tante le domande dal pubblico, forse meno numeroso di quanto ci si sarebbe attesi: «Sì, me ne aspettavo di più. E mi aspettavo - ha detto il regista - che ci fosse una sorta di elaborazione del lutto, sempre che di lutto si tratti». Film difficile, engagé, per Molaioli, chiamato alla prova del nove dopo «La ragazza del lago». «Certo sarebbe stato più facile darsi alle mode del momento, sarebbe stato più facile fare "La ragazza del fiume". Invece scegliamo storie che ci interessa raccontare», ha spiegato la produttrice Francesca Cima.
E questa storia, che parte da Collecchio, non si ferma lì: diventa paradigmatica. «Ci sembrava che ci fossero elementi molto interessanti da raccontare - ha osservato Ludovica Rampoldi - come emblema di un carattere e di un modo di fare economia e finanza. Di questo caso ci ha colpito l’aspetto "antropologico", una sintesi interessante tra arcaico e moderno: da un lato un’azienda gestita come un salumificio anni Cinquanta, con un padre padrone che decide tutto, e dall’altro una multinazionale in continua espansione con una gestione finanziaria spericolata. E poi ci ha colpito la cialtroneria: si è tenuta in scacco la finanza di mezzo mondo con scanner e bianchetto...». «Il nostro intento - ha aggiunto Molaioli - era cercare di costruire una storia e personaggi che fossero umanamente credibili, senza manicheismi. Ci interessava raccontare l’ambiguità e far capire come un imprenditore dall’aspetto bonario e confortante possa tramutarsi in un mostro: uno che con pochi scrupoli può mettere sul lastrico diverse migliaia di famiglie, perché non pensa che dietro gli investitori ci siano persone in carne e ossa. Ci interessava raccontare la serenità con cui può essere perpetrata la truffa in nome del mantenimento dell’azienda, come segno della propria potenza. E ci premeva raccontare l’ambiente melmoso dentro il quale la truffa poteva essere perpetrata». Al dibattito ha partecipato, come detto, il legale di Confconsumatori Giovanni Franchi, che il caso Parmalat continua a seguirlo molto da vicino: «Un bellissimo film, pur non essendo un documentario. Se lo fosse stato - ha detto - ci sarebbe stato da parlare del vero responsabile di tutto: le banche».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • sabcarrera

    14 Marzo @ 16.30

    inviato da francesco "come si chiama vendere quel che non ti puoi permettere ?" --- Dipende. Se vendo una Ferrari che non mi posso permttere è parsimonia.

    Rispondi

  • sabcarrera

    14 Marzo @ 11.07

    Non capisco cosa c'entra l'ipocrisia.

    Rispondi

    • francesco brundo

      14 Marzo @ 14.57

      come si chiama vendere quel che non ti puoi permettere ? sincerità ?

      Rispondi

  • luli

    14 Marzo @ 10.07

    Beh, che i parmigiani non lo vogliano vedere perchè genererebbe un esame di coscienza impegnativo, forse sì, ma se si guarda agli incassi sul territorio nazionale e al numero di sale in cui era presente il primo weekend e poi quelle del secondo si capisce che non è solo parma a snobbarlo! Ma come già ho detto in precedenza, a chi interessa un film sulla Parmalat, costruito su pettegolezzi di paese e storie giornalistiche???? Se desse risposte e fosse un documentario allora sì, ma cosa facesse Tonna quando si arrabbiava non è certo qualcosa su scrivere una sceneggiatura!

    Rispondi

  • francesco brundo

    14 Marzo @ 03.16

    un film sull'ipocrisia e sul modo di vivere ipocritamente a parma, nessuno vuol guardarsi allo specchio !

    Rispondi

  • Alex68

    13 Marzo @ 19.12

    Io e mia moglie abbiamo visto il film..ci è piaciuto...lo consigliamo....rappresenta chiaramente la vicenda Parmalat. Non avevo nessun dubbio che il parmigiano snob preferisse altro. Meglio poter continuare a credere di vivere in un mondo superiore.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

invito a cena

Aniston rifila un "due di picche" a Pitt

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

ARICCIA

Marito e moglie si incontrano per caso in villa di scambisti: scoppia rissa

Bertolucci, Maria sapeva tutto tranne uso del burro

giallo "Ultimo tango"

Bertolucci: "Maria sapeva tutto tranne del burro"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

autovelox

CONTROLLI

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

Dramma

Rianimato dall'amico dopo essere stato investito: è gravissimo

PARTITI

La resa dei conti nel Pd e le elezioni

Cassazione

Omicidio Guarino, le motivazioni dell'ergastolo

Psicologia

Bebè, il buon sonno incomincia dal lettone

ACCADEMIA

Maria Luigia e la fucina delle arti

Io parlo parmigiano

Un calendario tutto da ridere

Lutto

Borgotaro piange il maresciallo Bernardi

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

parma calcio

Vagnati Ds: lo "accoglie" D'Aversa: "Felice di averlo al mio fianco"

AL REGIO

Virginia Raffaele «ladra di facce»

BASSA

Lutto a Sorbolo per la morte di Ilaria, uccisa da una malattia a 30 anni

il fatto del giorno

Referendum e dimissioni: "Non è la fine politica di Renzi"

traversetolo

Ucciso da forma di Parmigiano: condannato il produttore della "spazzolatrice"

Galà e premiazioni

Cus: parata di campioni e di sorrisi Fotogallery

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Analogie

Il Parma sulle orme del "miracolo" Fiorentina 2002?

Cambio d'allenatore, innesti di mercato: da metà classifica alla B. Era il 2002. E c'era Evacuo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

LA BACHECA

44 opportunità per trovare un lavoro

ITALIA/MONDO

Governo

Mattarella chiede a Renzi di congelare le dimissioni: "Bilancio da approvare"

cagliari

Uccise i genitori adottivi, 28enne si impicca in carcere

SOCIETA'

televisione

Belen e Cuccarini, il sexy tango infiamma la tv

musica

La canzone di Natale di Radio Dj. Torna Elio e...c'è Valentino Video

SPORT

16a giornata

Parma - Bassano 1-1 Gli highlights

secondo allenamento

D'Aversa, subito alle prese con le assenze in difesa Video

MOTORI

GRUGLIASCO

Prodotta la Maserati numero centomila

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)