-5°

Spettacoli

Horovitz e l'arte di portare il pubblico altrove

Horovitz e l'arte di portare il pubblico altrove
0

Francesca Benazzi
Ho scritto il mio primo testo teatrale a 17 anni: così ho scoperto di essere un drammaturgo, ho capito chi ero. Adesso di anni ne  ho 72, ma sono più eccitato a scrivere un dramma oggi che allora. Questa è una grande fortuna».  Parola di Israel Horovitz, uno dei più grandi autori contemporanei americani, tradotto e rappresentato in tutto il mondo, che si è raccontato giovedì in un incontro con il pubblico a Teatro Due (dove proseguono fino al 31 le repliche del suo «La fila»/ «Line», a cura di Walter Le  Moli).
Gli inizi del suo percorso artistico, l’incontro folgorante divenuto poi lunga amicizia con Samuel Beckett, il  legame con Eugène Ionesco, il rapporto con le messe in scena dei suoi testi sui palcoscenici di tutto il mondo: Horovitz ha incantato il pubblico con la semplicità dei grandi maestri unita al gusto per gli aneddoti più divertenti.  Nell’introdurlo il direttore artistico di Teatro Due Paola Donati  ha ripercorso la sua lunga carriera d’autore tra cinema (dove è stato pluripremiato sceneggiatore con film come «Fragole e sangue», «Sunshine», «Author! Author!» con Al Pacino) e  teatro (dove ha scritto più di 70 drammi tradotti in oltre 30 lingue,  tra cui «Line», il suo testo più rappresentato al mondo, dal 1975  ininterrottamente in scena a New York, interpretato tra gli altri da John Cazale e Richard Dreyfuss).  Horovitz ha raccontato del suo primo indelebile incontro con la scena, quando a 12 anni, portato a teatro dai genitori, si rese conto «che esisteva un’attività come la drammaturgia, che poteva trasportare gli spettatori altrove». Più tardi,  nel ’68 a Parigi, l’amicizia con Beckett significò per lui «la porta aperta verso quel mondo nel quale volevo vivere».  Horovitz ricorda che lo sorprese «la sua integrità  come artista, che per me era più importante di quello che scriveva. Ho imparato da lui che ciò di cui le persone hanno bisogno non sempre coincide con ciò che vogliono: quello che interessa al pubblico a volte non è nell’interesse del pubblico».  Da Beckett, come da Ionesco, che si sono appassionati a lui quando  era ancora un giovane autore, Horovitz ha imparato a sua volta  ad avere a cuore  il lavoro delle nuove generazioni. E su «Line», in scena  in questi giorni nella nuova produzione di Teatro Due che Horovitz ha definito «splendida», ha commentato: «L’ho scritto 40 anni fa e non riesco a immaginare quante volte l’ho visto in scena e in quante lingue: solo quest’anno ho seguito la sua tournée in Africa, Argentina e Australia. Non so perché abbia un tale successo, ma sono contento di averlo scritto». In fondo, ha concluso il drammaturgo, «come autori abbiamo una responsabilità, ma credo sia importante anche far ridere. Se le persone non ridono mai non si possono rendere conto di quanto sia seria la situazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

«Preso a calci e pugni per divertimento»

Weekend

Una domenica tra musica e fuoristrada: l'agenda

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

PEDEMONTANA

Polizia municipale, multe in aumento

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

Lega Pro

Parma tra novità e cerotti

Cinema

Caschi made in Parma per «Alien»

Langhirano

Filippo, le lacrime e il colore dei ricordi sulla bara bianca

2commenti

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

commozione

Langhiranese: un minuto di silenzio per Filippo Video

commemorazione

Il liceo Bertolucci si prende per mano: "Ciao Filippo"

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

14commenti

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

EDITORIALE

Trump, il presidente del «Prima l'America»

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Stati Uniti

Una marea rosa contro Trump invade le città americane Video

Libia

Tripoli: autobomba vicino all'ambasciata italiana

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato e una copertina leggendaria

1commento

SPORT

sport

Il Coni premia i suoi campioni parmigiani: le foto

Sport Invernali

Il cielo è azzurro a Kitzbühel: Paris fa l'impresa

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto