12°

Spettacoli

Horovitz e l'arte di portare il pubblico altrove

Horovitz e l'arte di portare il pubblico altrove
0

Francesca Benazzi
Ho scritto il mio primo testo teatrale a 17 anni: così ho scoperto di essere un drammaturgo, ho capito chi ero. Adesso di anni ne  ho 72, ma sono più eccitato a scrivere un dramma oggi che allora. Questa è una grande fortuna».  Parola di Israel Horovitz, uno dei più grandi autori contemporanei americani, tradotto e rappresentato in tutto il mondo, che si è raccontato giovedì in un incontro con il pubblico a Teatro Due (dove proseguono fino al 31 le repliche del suo «La fila»/ «Line», a cura di Walter Le  Moli).
Gli inizi del suo percorso artistico, l’incontro folgorante divenuto poi lunga amicizia con Samuel Beckett, il  legame con Eugène Ionesco, il rapporto con le messe in scena dei suoi testi sui palcoscenici di tutto il mondo: Horovitz ha incantato il pubblico con la semplicità dei grandi maestri unita al gusto per gli aneddoti più divertenti.  Nell’introdurlo il direttore artistico di Teatro Due Paola Donati  ha ripercorso la sua lunga carriera d’autore tra cinema (dove è stato pluripremiato sceneggiatore con film come «Fragole e sangue», «Sunshine», «Author! Author!» con Al Pacino) e  teatro (dove ha scritto più di 70 drammi tradotti in oltre 30 lingue,  tra cui «Line», il suo testo più rappresentato al mondo, dal 1975  ininterrottamente in scena a New York, interpretato tra gli altri da John Cazale e Richard Dreyfuss).  Horovitz ha raccontato del suo primo indelebile incontro con la scena, quando a 12 anni, portato a teatro dai genitori, si rese conto «che esisteva un’attività come la drammaturgia, che poteva trasportare gli spettatori altrove». Più tardi,  nel ’68 a Parigi, l’amicizia con Beckett significò per lui «la porta aperta verso quel mondo nel quale volevo vivere».  Horovitz ricorda che lo sorprese «la sua integrità  come artista, che per me era più importante di quello che scriveva. Ho imparato da lui che ciò di cui le persone hanno bisogno non sempre coincide con ciò che vogliono: quello che interessa al pubblico a volte non è nell’interesse del pubblico».  Da Beckett, come da Ionesco, che si sono appassionati a lui quando  era ancora un giovane autore, Horovitz ha imparato a sua volta  ad avere a cuore  il lavoro delle nuove generazioni. E su «Line», in scena  in questi giorni nella nuova produzione di Teatro Due che Horovitz ha definito «splendida», ha commentato: «L’ho scritto 40 anni fa e non riesco a immaginare quante volte l’ho visto in scena e in quante lingue: solo quest’anno ho seguito la sua tournée in Africa, Argentina e Australia. Non so perché abbia un tale successo, ma sono contento di averlo scritto». In fondo, ha concluso il drammaturgo, «come autori abbiamo una responsabilità, ma credo sia importante anche far ridere. Se le persone non ridono mai non si possono rendere conto di quanto sia seria la situazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hugh Jackman: "Ho un nuovo carcinoma alla pelle"

cinema

Hugh Jackman: "Ho un nuovo carcinoma alla pelle"

Aurora Ramazzotti canta la canzone di papà Eros e lo imita: «Mi ucciderà»

radio

Aurora Ramazzotti imita papà Eros: «Mi ucciderà» Video

Il buongiorno in rosso di Belen fa impazzire i fans

gossip

Il buongiorno in rosso di Belen fa impazzire i fans

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Il Parma soffre ma poi vince alla grande: 4-2 sulla Sambenedettese

Stadio Tardini

Il Parma soffre ma poi vince alla grande: 4-2 sulla Sambenedettese Foto Video

I crociati tengono il passo del Venezia. Partita numero 300 per capitan Lucarelli con la maglia del Parma

1commento

Parma-Samb

D'Aversa: "Nel primo tempo non eravamo aggressivi. Importante l'atteggiamento" Video

1commento

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco la mappa dei controlli a Parma

lega pro

Reggiana avanti con il Lumezzane: 1-0

L'INCHIESTA

Telefonini in classe? A Parma per lo più spenti

6commenti

SCUOLA

Traversetolo, in bagno solo all'intervallo

5commenti

il caso

Bocconi avvelenati al Parco Martini: e Otto muore in poche ore

5commenti

Gazzareporter

La foto di un lettore: "Parco del Cinghio finito e mai aperto"

la domenica

Sapore di Carnevale, ciaspole e... Schifitombola: l'agenda

FIDENZA

Lisca conficcata in gola: bambina all'ospedale

2commenti

Soragna

Senza patente da sempre, maxi-multa

8commenti

Gazzareporter

Il sole "accende" i colori in Ghiaia

sert

"I minorenni? Usano la droga per calmarsi"

Parla la dirigente del Sert: "Oggi arrivano persone dalla vita apparentemente normale"

4commenti

gazzareporter

Furgone "incastrato" nel fossato tra Fugazzolo e Casaselvatica: foto

Milano

Meningite, 14enne grave: anche Signorelli dell'Università di Parma nella task force della Regione

SCUOLA

Troppe richieste per il Marconi: si andrà al sorteggio

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La risposta che occorre per placare la rabbia

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

1commento

ITALIA/MONDO

Sant'Ilario d'Enza

Mezzo nudo e in perizoma fa l'esibizionista davanti a una bimba: arrestato 

Austria

Cadavere nel bagagliaio: italiano ricercato per omicidio

WEEKEND

L'INDISCRETO

I belli delle donne

1commento

il disco

45 ANNI FA - Mu, il mito secondo Cocciante

SPORT

Parma-Samb

Il Parma tira fuori il carattere: l'analisi di Sandro Piovani Video

Parma-Samb

Lucarelli: "Partenza lenta, pericolo scampato" Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

LA PROVA

Countryman: anche Mini ha il suo Suv