19°

Spettacoli

Il Teatro Regio diventa «tempio» dell'elettronica

Il Teatro Regio diventa «tempio» dell'elettronica
0

Marco Pipitone

Dimenticate Giuseppe Verdi, lasciatevi alle spalle il melodramma e aprite il vostro cuore alle gelide traiettorie sonore di Alva Noto e Blixa Bargeld.  Sabato sera i due artisti tedeschi sono stati capaci di ridefinire le coordinate musicali della nostra città, trasformando il Teatro Regio in un tempio della musica elettronica. Un teatro sorprendentemente gremito in ogni sua parte che ha risposto in termini entusiastici al richiamo dei due musicisti, interpreti di un movimento musicale sotterraneo in grado di richiamare a Parma persone da tutta Italia, le quali sembrano non avere bandiera e nemmeno un’età per essere definite. Sono prevalentemente vestite di nero, e anelano al prezioso biglietto di un concerto (andato esaurito) tutto da raccontare.
Sono circa le 22 quando si spengono le luci, gli applausi composti del pubblico sciolgono il tempo dell’attesa e quando Blixa e Alva Noto compaiono sul palco il Regio esplode in un boato da stadio. Che l’apocalisse abbia inizio! Nemmeno il tempo di mettere a fuoco le due figure che lo sciame elettronico scaturito dalla consolle di Alva Noto prende il sopravvento.  Un suono corposo, oscuro, a tratti paradossalmente rassicurante, capace di ipnotizzare il pubblico il quale, abbandonate le proprie resistenze, è pronto per immergersi dentro un concerto che si annuncia - da subito - fuori dai margini e proprio per questo carico di sorprese. Ma l’attenzione è tutta per Blixa: come di consueto scalzo sul palco, elegantissimo nel suo completo di velluto nero, non ha certo bisogno di ricordare al pubblico quanto la sua personalità sia catalizzante.
 Ogni singolo gesto oltre ad esprimere un indiscutibile magnetismo è frutto di un esercizio di stile senza compromessi. La gestualità con la quale dipinge il suo mondo è parte di una teatralità unica che rimanda ai più grandi di sempre. Carsten Nicolai in arte Alva Noto, dietro la drum machine, tesse le fila di un suono totalizzante in grado di scardinare ogni singola certezza. La voce di Blixa si fonde, si trasforma, si placa... ma è solo un’illusione. Un semplice sospiro può divenire flagello, il ghigno di una smorfia raccontare invece la nemesi graduale di un manifesto programmatico in cui le canzoni sembrano non esistere. Difficile anche solo individuarle poiché esse vivono e si trasformano mediante l’improvvisazione, sull’onda della quale il duo da vita in questa occasione a nuove composizioni. «One», forse quella più accessibile, rievoca senza mezzi termini la musica elettronica tedesca, quella dei Kraftwerk i quali nel 1978 inauguravano la grande stagione della musica elettronica tedesca. Non resta che recuperare l’intento iniziale; «Mimikry» - il disco uscito l’anno scorso - è una dichiarazione d’intenti nella quale viene messo a nudo tutto il potenziale dei due artisti. C’è spazio anche per le immagini. Il video posto sul fondo del palco rimanda a figure geometriche pulsanti, a ogni suite sembra essere dedicato un colore; la musica rimane però l’unico denominatore. Alva Noto “martella “ a più non posso e il ritmo serrato di “Once Again” scuote il Regio mentre Blixa - come fosse uno sciamano - richiama l’attenzione con le sue istrioniche capacità. “Fall” oltre ad essere “un piccolo esercizio per le orecchie” scandisce il tempo del primo e unico encore. Le urla del leader degli Einsturzende Neubauten - opportunamente campionate - stridono su tutto il teatro e anticipano, di fatto “I wish I was a mole in the ground”: la cover oltre a celare abilmente la sua natura folk (ripresa pure da Bob Dylan) scandisce il tempo dei saluti.
Il tutto esaurito del Teatro Regio ha il sapore del trionfo e dimostra che il clamoroso successo di questa iniziativa potrebbe traghettare la nostra città verso nuovi orizzonti musicali. Il concerto di Alva Noto e Blixa Bargeld, organizzato dalla LiveAlivE di Alessandro Albertini, può infatti essere la prima pietra di un inedito modo di concepire la musica a Parma.  Sempre nell'inequivocabile segno della tradizione, l’apertura a nuove contaminazioni saprebbe ulteriormente arricchire la proposta musicale della nostra città.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Milano

E' morto Cino Tortorella, il Mago Zurlì dello Zecchino d'Oro

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - La centrale del latte di via Torelli Video

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

TV

La Perego contro i dirigenti di Rai1: "Sapevano tutto"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Auto sbanda a Fontanellato: un ferito

Incidente

Auto sbanda a Fontanellato: un ferito, vettura distrutta

Incidente

Auto fuori strada fra San Secondo e Soragna: la vittima è un 50enne moldavo

Controlli

Hashish e marijuana: sequestri di droga a scuola e nel parcheggio fra viale dei Mille e viale Vittoria Foto

Stupefacenti anche nel parco Falcone e Borsellino

2commenti

Parma

Grave un pedone investito alla Crocetta

Via Imbriani

Vende 1.600 dosi in pochi mesi: condannato a 4 anni

Droga

San Leonardo, stavolta niente «rito»

13commenti

Gazzareporter

Vetri in frantumi: auto prese di mira nel parcheggio di via Palermo Foto

1commento

tg parma

Formaggio contraffatto: 27 indagati, l'inchiesta coinvolge Tizzano e Torrile Video

Viabilità

Il Comune: corsie per bus, traffico ridotto fra Lungoparma e ponte di Mezzo

Annunciati controlli della Municipale in via Farnese

Tragedia

«Giovanni adesso è insieme a Dio»

Montechiarugolo

«Mio nipote sequestrato in Tunisia»

lettera aperta

Studentessa del Melloni ai coetanei: "Fate della vostra vita un capolavoro"

3commenti

Imprenditori

Morto Primo Ferrari, una vita per il latte

CALCIO

Buffon a quota 1000

Fidenza

Sottopasso, i residenti propongono un progetto alternativo

CONCERTO

Mario Biondi al Regio, voce e ricordi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il pianeta delle scimmie e quello dei robot

IL CASO

I vitalizi e le pensioni d'oro che fanno indignare

di Stefano Pileri

14commenti

ITALIA/MONDO

TREVISO

19enne uccide la ex: era incinta di sei mesi

MILANO

"Ho rotto il femore a un'anziana per allenarmi": primario accusato di lesioni

SOCIETA'

COLORNO

Con il Fai a scoprire l'appartamento del duca don Ferdinando Fotogallery

Luca Donadel

"La verità sui migranti": il video che fa discutere il web

5commenti

SPORT

F1: SI PARTE

Il calendario 2017 e le dirette tv

LA POLEMICA

Cipollini disintegra il ciclismo italiano

MOTORI

anteprima

Nuova Ferrari GTC4Lusso, il test drive Fotogallery

LA PROVA

Fiat 500L Living a metano