-7°

Spettacoli

E' il "de profundis" dell'amore? Le risposte in un documentario

E' il "de profundis" dell'amore? Le risposte in un documentario
0

 L'amore cantato da secoli di poesia, letteratura, cinema, sociologia e filosofia, quel motore immobile dell’esistenza umana, puro e indipendente rispetto ai casi del divenire umano, non esiste più. La vita contemporanea lo ha ridimensionanto nelle gerarchie dei bisogni naturali e ora, pur riconoscendolo come una tensione inesauribile e necessaria, appare, al pari di ogni altro fattore antropologico, influenzato dalle forze che agiscono in seno alla collettività. La cultura occidentale, sempre più prigioniera del mito della ragione, ha idealizzato una razionalità pura, radicalmene separata dalle emozioni e dalle passioni.

 Occorre restaurarne il prestigio o è giunta l’ora di recitare il De Profundis per l’amore come l’abbiamo sempre inteso? Questa domanda è l’oggetto del documentario «Amore - De Profundis», un progetto prodotto da Rai Cinema e da Fondazione Teatro Due su soggetto e sceneggiatura di Amedeo Guarnieri, che la regista Lucrezia Le Moli sta girando in questi giorni a Parma. 
Fondazione Teatro Due apre dunque i suoi orizzonti a un progetto extra teatrale, perseguendo l’intento di rispondere alle domande che più urgono in seno alla società contemporanea. 
Dopo la realizzazione dei precedenti documentari «Antigone e l’Impero» del 2007 e «L’Italia del nostro Scontento» del 2009, in «Amore -De Profundis» Lucrezia Le Moli mette ancora una volta al centro della riflessione l’individuo. La nostra società vede l’essere umano come una creatura divisa in due parti distinte: da un lato la ragione, di cui è giusto fidarsi; dall’altro le emozioni, che sono invece sospette. Si tende a credere che il progresso sociale sia portato avanti dalla sola ragione, come forza che riesce a reprimere l’emozione. Siamo bravissimi a parlare di cose materiali, ma non lo siamo affatto quando dobbiamo parlare di emozioni. È possibile un nuovo umanesimo che ponga in luce la compenetrazione tra emotività e razionalità?
Attraverso una serie di interviste effettuate su un campione di persone molto vario, «Amore De Profundis» osserverà la città di Parma e la sua provincia, nella consapevolezza che il modello di civiltà e benessere proposto dal centro emiliano rappresenti un buon paradigma della società contemporanea, alla ricerca di archetipi di una nuova concezione dei legami affettivi.
Quanto le leggi e il linguaggio della società dei consumi influenzano il concetto di amore nelle nuove generazioni? Fino a che punto la mancanza di un lavoro sicuro inficia la scelta di affrontare rischi e oneri di un rapporto affettivo duraturo? La relazione tra nuove tecnologie e vita affettiva, la definizione dei ruoli all’interno della coppia, le nuove frontiere della sessualità, la difficile coesistenza tra dimensione pubblica e privata, l’influenza della tradizione e della religione...questi i nuclei fondamentali di un’indagine condotta attraverso domande proposte a un pubblico trasversale nell’intento non tanto di definire concettualmente i grandi quesiti legati all’amore, ma piuttosto di evidenziare quanto lo stesso influenzi il corso della nostra esistenza.
L'obiettivo finale del documentario sarà di confrontare i temi emersi dalle esperienze dirette della gente comune con le argomentazioni dei massimi esponenti del pensiero filosofico, sociologico, psicoanalitico dello scenario contemporaneo. Un parallelo utile non solo a prefigurare possibili scenari futuri che consentano una visione oggettiva sul tema dell’amore, ma a capire quali sviluppi stia vivendo oggi l’eterna dialettica tra Amore e Ragione, tra passione e saggezza. Una sorta di prologo al documentario sarà realizzato dall’artista d’animazione francese Sébastien Laudenbach, autore il cui segno delicato e visionario accompagnerà lo svolgersi di tutto il documentario.  
L'amore cantato da secoli di poesia, letteratura, cinema, sociologia e filosofia, quel motore immobile dell’esistenza umana, puro e indipendente rispetto ai casi del divenire umano, non esiste più. La vita contemporanea lo ha ridimensionanto nelle gerarchie dei bisogni naturali e ora, pur riconoscendolo come una tensione inesauribile e necessaria, appare, al pari di ogni altro fattore antropologico, influenzato dalle forze che agiscono in seno alla collettività. La cultura occidentale, sempre più prigioniera del mito della ragione, ha idealizzato una razionalità pura, radicalmene separata dalle emozioni e dalle passioni.
 Occorre restaurarne il prestigio o è giunta l’ora di recitare il De Profundis per l’amore come l’abbiamo sempre inteso? Questa domanda è l’oggetto del documentario «Amore - De Profundis», un progetto prodotto da Rai Cinema e da Fondazione Teatro Due su soggetto e sceneggiatura di Amedeo Guarnieri, che la regista Lucrezia Le Moli sta girando in questi giorni a Parma. 
Fondazione Teatro Due apre dunque i suoi orizzonti a un progetto extra teatrale, perseguendo l’intento di rispondere alle domande che più urgono in seno alla società contemporanea. 
Dopo la realizzazione dei precedenti documentari «Antigone e l’Impero» del 2007 e «L’Italia del nostro Scontento» del 2009, in «Amore -De Profundis» Lucrezia Le Moli mette ancora una volta al centro della riflessione l’individuo. La nostra società vede l’essere umano come una creatura divisa in due parti distinte: da un lato la ragione, di cui è giusto fidarsi; dall’altro le emozioni, che sono invece sospette. Si tende a credere che il progresso sociale sia portato avanti dalla sola ragione, come forza che riesce a reprimere l’emozione. Siamo bravissimi a parlare di cose materiali, ma non lo siamo affatto quando dobbiamo parlare di emozioni. È possibile un nuovo umanesimo che ponga in luce la compenetrazione tra emotività e razionalità?
Attraverso una serie di interviste effettuate su un campione di persone molto vario, «Amore De Profundis» osserverà la città di Parma e la sua provincia, nella consapevolezza che il modello di civiltà e benessere proposto dal centro emiliano rappresenti un buon paradigma della società contemporanea, alla ricerca di archetipi di una nuova concezione dei legami affettivi.
Quanto le leggi e il linguaggio della società dei consumi influenzano il concetto di amore nelle nuove generazioni? Fino a che punto la mancanza di un lavoro sicuro inficia la scelta di affrontare rischi e oneri di un rapporto affettivo duraturo? La relazione tra nuove tecnologie e vita affettiva, la definizione dei ruoli all’interno della coppia, le nuove frontiere della sessualità, la difficile coesistenza tra dimensione pubblica e privata, l’influenza della tradizione e della religione...questi i nuclei fondamentali di un’indagine condotta attraverso domande proposte a un pubblico trasversale nell’intento non tanto di definire concettualmente i grandi quesiti legati all’amore, ma piuttosto di evidenziare quanto lo stesso influenzi il corso della nostra esistenza.
L'obiettivo finale del documentario sarà di confrontare i temi emersi dalle esperienze dirette della gente comune con le argomentazioni dei massimi esponenti del pensiero filosofico, sociologico, psicoanalitico dello scenario contemporaneo. Un parallelo utile non solo a prefigurare possibili scenari futuri che consentano una visione oggettiva sul tema dell’amore, ma a capire quali sviluppi stia vivendo oggi l’eterna dialettica tra Amore e Ragione, tra passione e saggezza. Una sorta di prologo al documentario sarà realizzato dall’artista d’animazione francese Sébastien Laudenbach, autore il cui segno delicato e visionario accompagnerà lo svolgersi di tutto il documentario.  
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

gossip

Belen, un altro bacio (con Iannone) nella bufera

concerti

musica

Caos biglietti U2: ira dei fan, seconda data e esposto Codacons

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

televisione

Isola dei Famosi: esclusa Wanna Marchi (e la figlia). C'è la pornostar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Conchiglioni crescenza e mostarda

GUSTO

La ricetta della Peppa: Conchiglioni crescenza e mostarda

Lealtrenotizie

Scontro auto-camion a Parola: muore il 60enne Giancarlo Morini

via emilia

Scontro auto-camion a Parola: muore il 60enne Giancarlo Morini Video

ladri in azione

Secondo furto in pochi giorni alla fattoria di Vigheffio Video

1commento

i nuovi acquisti

Munari e Edera: "Parma, un buon progetto" Video

anteprima

Polemica clochard, contro la Chiesa un attacco "strano" Video

Parma

Due milioni di euro per ristrutturare il ponte sul Taro

2commenti

Ausl

Meningite e vaccini: attivata un'e-mail per chiedere informazioni ai medici

CLASSIFICA 

I sindaci più amati in Italia: Pizzarotti al terzo posto, consenso in aumento

Forte discesa del gradimento fra i cittadini per Virginia Raggi a Roma

36commenti

Parma

Trovati in un giorno 3 veicoli rubati: uno scooter, una Clio e una Fiat Ritmo

Parma

Ancora una settimana di gelo, possibili nuove nevicate in Appennino Video

LA STORIA

«Grazie a mio marito ho una nuova vita»

Berceto

Dopo 67 anni la cicogna torna a Pelerzo

Senzatetto

Tante iniziative per i senzatetto. E' polemica fra il Comune e la Diocesi

5commenti

Parma

Terremoto: scossa di magnitudo 2.2 in Appennino

il caso

Minacce e insulti: Bello FiGo, a rischio concerti di Foligno e Torino

Al rapper parmigiano-ghanese sono state cancellate tre date in meno di un mese

23commenti

musica

Giulia, una stella del jazz pronta a brillare

La felinese è in finale al Concorso Bettinardi

Gazzareporter

Il Mondo di Flo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Politicamente corretto: l'ipocrisia al potere

di Michele Brambilla

11commenti

EDITORIALE

L'orrore in diretta? E' la tv del Medioevo

di Francesco Monaco

ITALIA/MONDO

sindacati

Trasporto aereo, differito lo sciopero del 20

Motori

La Germania chiede il richiamo di Fiat 500, Doblò e Jeep-Renegade

SOCIETA'

roma

Colosseo nel mirino dei vandali: scritte con lo spray su un pilastro

Tendenza

Anche a Parma è vinilmania

SPORT

auto

L'auto protagonista alla Dakar? La Panda 4x4

ARBITRI

Fischietto, che passione. Un'epopea lunga un secolo

ANIMALI

sant'antonio

Benedizione degli animali a Bannone  Gallery Video

animali

Il cervo curioso entra in chiesa Video