12°

23°

Spettacoli

Il «crescendo» di Battistoni: largo al giovane

Il «crescendo» di Battistoni: largo al giovane
Ricevi gratis le news
0

di Lucia Brighenti

Rossini? Molto più che un musicista portato per il teatro comico. Lo assicura Andrea Battistoni, giovanissimo direttore che venerdì debutterà ne «Il barbiere di Siviglia», ultimo titolo della Stagione lirica del Teatro Regio. La sua carriera è un crescendo rossiniano: dopo aver diretto con successo l’«Attila» al Teatro di Busseto per il Festival Verdi 2010, Battistoni è stato nominato primo direttore ospite del Teatro Regio di Parma. Venerdì questa nuova sfida a cui arriva con la sicurezza di chi, nel 2010, ha diretto «Il viaggio a Reims» al Rossini Opera Festival di Pesaro: «Lavorare su Rossini con il maestro Zedda è stato fondamentale - spiega - perché in quell'occasione ho imparato una visione moderna e aggiornata di questo operista, la cui musica è stata spesso fraintesa, semplificata e involgarita. Un pericolo tanto più presente nel 'Barbiere': proprio perché quest’opera non è mai uscita di repertorio si sono sedimentate molte cattive abitudini. Spesso Rossini è considerato solo un autore semplice, portato per il teatro comico, mentre il festival di Pesaro ha contribuito a ricostruire la complessità del suo personaggio, la sua genialità teatrale che getta luci e ombre sui suoi capolavori. Anche nel 'Barbierè vi sono oasi di patetismo, di lirismo che altrimenti non si spiegherebbero».
Anche al Teatro Regio di Parma «Il barbiere di Siviglia» è una delle opere più amate e rappresentate dai tempi di Maria Luigia a oggi. Cosa ha determinato un successo così continuo, a suo parere?
«Il miracolo nasce da un meccanismo teatrale serratissimo: il soggetto in sé è molto semplice, ma la bellezza sta nell’intelligenza del librettista, che non lascia mai cadere il ritmo, e nella musica che segue questo ritmo. Proprio per questo non si può tagliare quasi niente dell’opera, la eseguiremo in forma pressoché integrale, salvo qualche lieve adattamento di alcuni recitativi. Ci sono tutti gli ingredienti del miglior Rossini: arie virtuosistiche, concertati, momenti di lirismo e un uso dell’orchestra molto brillante, ricco e meditato, per cui Rossini prese a modello Haydn e Mozart».
In un’opera buffa che tipo di relazione c'è tra direzione e lavoro di regia?
«C'è una vera e propria interazione. Devo dire che ho la fortuna di intendermi alla perfezione con la visione di Stefano Vizioli: ha creato uno spettacolo eccezionale, di grande inventiva e divertente che va a braccetto con la musica senza mai far cadere il ritmo, senza involgarire con effetti gratuiti. Nelle prove abbiamo fatto molte risate assieme e credo che questo sia segno che il lavoro funziona».
Anche in questa occasione dirigerà a memoria?
«Penso di sì - risponde con un sorriso - ho un rapporto quotidiano con la partitura e faccio in modo di prepararmi con molto anticipo, in modo che giorno dopo giorno si sedimenti nella testa e nel cuore. Quando dirigo così posso rivolgere meglio la mia attenzione ai cantanti e all’orchestra».
Il 21 aprile sarà ancora al Teatro Regio per dirigerne l’orchestra in un programma tutto dedicato a Liszt...
«Sì, ormai mi sento un po' a casa qui. È una bellissima occasione perché torno al repertorio romantico che è quello che sento più vicino a me».
Poi in ottobre dirigerà il «Falstaff» per il Festival Verdi.
«È un impegno che ho accettato con estrema gioia, perché è l’opera di Verdi che preferisco, forse quella che amo di più in assoluto. D’altro lato è un impegno gravoso e affrontarlo a Parma significa una grandissima responsabilità. È un’opera tradizionalmente diretta da interpreti anziani, punto di riferimento sono Toscanini e Giulini, ma non per questo credo che sia necessario essere ottuagenario per dirigerla perché è anche una storia di amore tra ragazzi, una commedia. Cercherò quindi di dare una lettura rispettosa ma con un’impronta diversa».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gomorra 3 la serie debutta in anteprima in sala

serie tv

Gomorra 3: la serie debutta in anteprima in sala

La Gregoraci a Ranzano

gazza...gossip

La Gregoraci a Ranzano

2commenti

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Spettacolo

Salute: Lady Gaga rinvia la data milanese del 26 settembre (e il tour)

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Artaj", osteria moderna all'insegna della tradizione

IL RISTORANTE

"Artaj", osteria moderna all'insegna della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Dipendenti Iren minacciati con la pistola

Via Paradigna

Dipendenti Iren minacciati con la pistola

Criminalità

Via Traversetolo, porta di un bar sfondata con un tombino

Calcio

Per il Parma un altro ko

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

2commenti

Il caso

Neviano, guerra ai «furbetti» dei rifiuti

Fidenza

Addio a Orlandelli, il «Mariner»

OPERAZIONE

Patrimoni nascosti all'estero, domani gli interrogatori

Scuola

Al Rasori inaugurate le aule dei ragazzi del Bocchialini

Lutto

Addio a Giordana Pagliari, un'istituzione del teatro dialettale

TARDINI

Terzo stop di fila, Parma ko anche con l'Empoli

Nocciolini si fa parare un rigore. La "rivoluzione" di D'Aversa non basta

3commenti

via carducci

Tre dipendenti della pizzeria Orfeo minacciati col coltello e rapinati Il video

39commenti

san leonardo

Nel casolare scoperte 5 persone (2 bimbi) e condizioni disumane

8commenti

anteprima gazzetta

Tante truffe, quando i tecnici veri suonano e si trovano una pistola finta

1commento

tg parma

Furgone come ariete: spaccata alla Moto Ducati di Pilastrello

2commenti

tamponamento

Incidente in Tangenziale Nord (via Venezia): in due al Ps Foto

nella notte

Incidente, schianto contro un traliccio in via Langhirano

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

EDITORIALE

Il telefonino in classe e il cervello a casa

di Patrizia Ginepri

9commenti

ITALIA/MONDO

MESSICO

Terremoto devastante di 7.1. Molti morti. Le prime immagini Video

ONU

Trump: "Se la Corea del Nord attacca la distruggiamo"

SPORT

calcio

Cori sulla sua virilità a Lukaku, tifosi dello United accusati di razzismo

MotoGp

Vale torna in pista a Misano. Il padre: "Ottimista per Aragon"

SOCIETA'

Inghilterra

In due aggrediscono autista: ma lui è esperto di arti marziali Video

USA

Toys R' Us getta la spugna: chiesta la bancarotta

MOTORI

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte

MULTISPAZIO

Dacia Dokker Pick-Up: chi non lavora...