15°

Spettacoli

Cinema recensioni - Il papà di Giovanna

0

VENEZIA - DAL NOSTRO INVIATO Filiberto Molossi

«Ho pensato alla cronaca di questi anni, a Garlasco, a Novi Ligure: e mi sono chiesto cosa accade dopo, che rapporto ci può essere tra un figlio o una figlia che commette un omicidio e i suoi genitori. Mi interessava raccontare la storia che i telegiornali non raccontano». La storia di Michele, «Il papà di Giovanna», professore di disegno nella Bologna fascista costretto a confrontarsi con la figlia amatissima che ha ucciso la sua migliore amica per gelosia: protagonista ed «eroe», non solo perdente, del nuovo film di Pupi Avati, accolto con favore, seppure senza sperticati entusiasmi, qui a Venezia dove è in concorso. Un film sul passato che rimanda però al presente, dunque? «Sì, ma anche un film che mi riguarda: se infatti la vita mi ha risparmiato un evento così drammatico come quello che narro non mi ha certo esentato di interpretare in modo pieno il ruolo di papà. Anch’io ho una figlia che in certi momenti della vita ha avuto difficoltà a rapportarsi con gli altri. Così come succedeva a me da ragazzo. Le sono stato accanto con calore, affetto e fantasia, cercando di mentirle - come fa Michele con sua figlia – sul mondo».

Quindi Michele, in qualche modo, le assomiglia? «Sì, c’è molto di me in questo personaggio: parlo di me stesso per l’ennesima volta. Come vedete i conti tornano: c’è tutto quello che so della paternità, nel bene e nel male». Ne «Il papà di Giovanna» affronta anche il tema dei sentimenti, della relazione tra un uomo e una donna. E’ una costante dei suoi film: forse pensa di non avere ancora capito fino in fondo l’amore? «Amore e amicizia sono il filo rosso, il rumore di fondo dei mie film: ma è vero, nonostante i miei quasi 70 anni sono un immaturo in campo affettivo. Certi ventenni gestiscono i rapporti di coppia meglio di me. Il fatto è che la mia generazione vede le donne come qualcosa di assolutamente misterioso, sempre in campo lungo: sono diffidente verso le donne, incapace di emanciparmi. Non saprei mai essere amico di una donna: è un limite culturale». Nel film Michele ama la moglie più di quanto lei ami lui… «Capita, è nelle cose della vita: io ad esempio sono sposato da 44 anni, ma sono convinto di avere amato mia moglie più di quanto lei non abbia amato me…». Come ha ricostruito la Bologna degli anni ’30? «Lavorando a Cinecittà, che io ormai chiamo “Telecittà”. L’appartamento che si vede nel film è quello della mia infanzia, in via San Vitale a Bologna. Lo potevi fare solo qui: a Cinecittà ovunque metti la cinepresa è un po’ più cinema». Nel film il personaggio di Greggio viene sottoposto a un processo sommario dai partigiani: non ha paura di essere accusato di revisionismo? «No, il mio non è un film sul fascismo, ma sulla vita quotidiana prima e durante la guerra: e poi non sappiamo cosa ha fatto o meno quel personaggio, l’ho omesso volutamente».

Forte di un cast pieno di bei nomi, «Il papà di Giovanna» è nobilitato dall’interpretazione di Silvio Orlando nel difficile ruolo di Michele: «In realtà è stato uno dei lavori più semplici che abbia fatto: merito di un copione solido e di una storia che ti prendeva al cuore. Avevo bisogno di raccontare una storia così: ultimamente il cinema tende a raffreddare, vede i sentimenti come una forma di volgarità. E invece questo film non ha reticenze. E poi lavorare con Pupi è come stare alla Magneti Marelli, in una di quelle fabbriche dove il padrone arrivava per primo alla mattina e mangiava con gli operai. Pupi ti fa sentire l’elemento fondamentale del film, è raro: spesso i registi sono troppo distratti, più attenti ad altri aspetti. Lui no». Scopri la Mostra «dietro le quinte» su Cast Da sinistra Pupi Avati, Francesca Neri, Silvio Orlando, Alba Rohrwacher e Ezio Greggio, per la prima volta in un ruolo drammatico. Silvio Orlando: «E' stato semplice fare questo film: merito del copione ma anche di Pupi»

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

1commento

Le serate special al Cafè 47

Era qui la festa

Le serate special al Cafè 47

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Falcone-Borsellino

Cagnolina trova la marijuana al parco e la mangia: salva per miracolo

Viale Barilla

Lite tra giovani, contuso un vigile

La storia

Madre e figlio si laureano lo stesso giorno

Spettacoli

Andrea Pucci: «La mia vita tutta da ridere»

Radioterapia

Novità in arrivo e testimonianze dei pazienti

Volontariato

Le cento donazioni di Cherubino

Langhirano

La torta delle paste rosse: la storia di un paese in una ricetta

Collecchio

Suona l'allarme, ladri messi in fuga dai vicini

LANGHIRANO

Frontale a Pilastro, nessun ferito grave

soccorso alpino

Pietra di Bismantova, il ferito è un 43enne di Carpi Il video del salvataggio

Cede un chiodo durante la ferrata: cade nel dirupo

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

1commento

CULTURA

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

14commenti

Tg Parma

Tariffa rifiuti in aumento? Federconsumatori: "Una beffa" Video

1commento

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

4commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

TREVISO

Si rovescia il pedalò: annega 18enne. Salva la fidanzata

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

Motogp

Qualifiche annullate, griglia basata sulle libere: Vinales in pole, Rossi lontano

Rugby

Il Munster passa al "Lanfranchi", Zebre battute

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

restyling

Mercedes, ora la GLA è più alta e più connessa