15°

Spettacoli

Vive Verdi - Nel concertone rock di Roma, citazioni del Maestro, l'elegia di Morricone e il Va'pensiero di Paoli

Vive Verdi - Nel concertone rock di Roma, citazioni del Maestro, l'elegia di Morricone e il Va'pensiero di Paoli
2

(Ansa/Michele Cassano e Nicoletta Tamberlich) 

ROMA – Che sarebbe stato un Concertone particolare lo si è capito subito. Lo si è visto dalle migliaia di mani alzate sulle note dell’Inno di Mameli. Dalle parole «storia, patria e lavoro» che sovrastavano il palco. Dai Tricolori presenti in una piazza con poche bandiere di partito. Una sensazione confermata poi dal religioso silenzio con cui il pubblico ha ascoltato l’inedita sinfonia di Ennio Morricone, oltre alle successive esecuzioni di brani de 'La Traviata' e de 'Il Trovatore', e dal canto del 'Va pensiero' che si è alzato dalla folla durante l’esibizione di Gino Paoli.

Una piazza quasi apolitica, con pochi striscioni contro la guerra e contro il governo Berlusconi. Dal palco, tanta musica e pochi riferimenti alla politica di fronte ad una piazza in cui spiccavano le bandiere per il sì al referendum contro il nucleare. Le esigenze della par-condicio hanno bloccato gli artisti, anche nella satira. Il conduttore Neri Marcorè ha cantato 'Immunità rivolta al premier, ma poi ha dovuto prendere i leader dell’opposizione interpretando Antonio Di Pietro e Pier Ferdinando Casini. Ed è scoppiata la polemica, con accuse di censura, da parte di diversi artisti che hanno dovuto firmare una liberatoria nella quale si obbligava a non parlare di referendum e a non dare indicazioni di voto, per la diretta televisiva su Rai3. Caparezza ha ironizzato sulla bandiera italiana, proponendo di allungare a dismisura il verde, eliminando il rosso e precisando però che si trattava solo di colori. Gino Paoli, Bandabardò, Ascanio Celestini, hanno criticato la liberatoria, ritenendola lesivo della libertà di parola, un’interpretazione rigettata dagli organizzatori, secondo i quali è la legge ad imporre un tale atto, ed anche dalla Rai, che parla di prassi in campagna elettorale o referendaria.

Eppure la politica, con gli appelli a ridare centralità al lavoro dei leader sindacali che organizzano la manifestazione e le polemiche sulla par-condicio, non poteva mancare in questo Concertone, privo di star straniere, e dominato dai cantautori italiani e con la novità assoluta dell’orchestra sul palco. Un’edizione record per i numeri secondo gli organizzatori che parlano di almeno 500mila presenze (sarebbero 300mila secondo fonti non ufficiali della Questura).

I 72 elementi della Roma Sinfonietta con 60 coristi hanno riempito il palco nella parte serale. Hanno dapprima accompagnato Neri Marcorè in una versione di 'Dolcenerà, dedicata alla tragedia giapponese. Poi Daniele Silvestri e i Subsonica. Fino al momento clou di Ennio Morricone, che ha diretto la sua «elegia per l’Italia» composta per l’occasione. Un contrappunto (arricchito da un intervento in prosa di Mariano Rigillo) tra coro e orchestra con riferimenti alla storia musicale italiana tra 'Inno di Mamelì e 'Va pensierò. Un 'Va pensierò poi riproposto, in maniera decisamente originale da Gino Paoli, accompagnato da tutta la piazza, prima dell’attesissima esibizione di Lucio Dalla e Francesco De Gregori con «Viva l’Italia».

Un primo maggio dedicato all’Unità d’Italia. Non solo con la doppia esecuzione dell’Inno di Mameli, in versione rock e in versione corale, ma anche con i ripetuti omaggi a Giuseppe Verdi e a tanti altri personaggi simbolo dell’italianità. Un omaggio non solo musicale ma anche con tanti momenti di prosa: da Ascanio Celestini, autore di un pezzo sulla Repubblica romana, ad Andrea Camilleri che in un video registrato, ha sottolineato l'importanza della patria, che vive un momento di difficoltà. Dall’ex pm Gherardo Colombo, che ha spiegato il ruolo centrale della Costituzione, al «giro d’Italia in 150 secondi o poco più», con citazioni di autori italiani e non solo da parte degli attori Claudio Santamaria, Sonia Bergamasco, Carlotta Natoli e Marco Presta.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Davide C.

    03 Maggio @ 16.43

    Ho sempre rispettato l'Inno italiano pur trovandolo orribile musicalmente. Mi rifiuto però di cantarlo; almeno una strofa doveva essere abolita nel 1946: "Già l'Aquila d'Austria Le penne ha perdute. Il sangue d'Italia, Il sangue Polacco, Bevé, col cosacco, Ma il cor le bruciò." Poi ci si stupisce che tanti abitanti in Alto Adige/Südtirol lo rifiutino in toto. L'Inno tedesco (in realtà era quello austriaco), musicato da uno dei più grandi compositori della storia (Haydn,) ha perso dal 1990 le prime due strofe, quelle che cominciavano con "Deutschland, Deutschland über alles, über alles in der Welt". A mio parere anche gli Inni devono essere modificati seguendo il corso della storia.

    Rispondi

  • beta46

    03 Maggio @ 10.05

    Che bello vedere che adesso tutti cantano l'inno d''Italia. E poi vedere che i più appassionati sono quelli che nella loro gioventù cantavano ben altri inni , fa una certa impressione. Mi sembrano dei convertiti in punto di morte. Per queste persone , negli anni '70 cantare Fratelli d'Italia equivaleva cantare un inno di destra.

    Rispondi

Video

3commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

parodia con Parma/Karma canzone vincitrice sanremo

parodia

Si sorride con il prosciutto di Parma in "salsa" Occidentali's Karma Video

Aereo intercettato sui cieli della Germania

germania

Il pilota non risponde: volo di linea scortato da jet da guerra

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Finto malato e assenteista, infermiere condannato

CORTE DEI CONTI

Finto malato e assenteista, infermiere condannato

Sicurezza

Blitz nelle cattedrali del degrado

FISCO

Condomini, è guerra contro le scadenze impossibili

A TEATRO

«Mar del Plata», il rugby contro la dittatura

Fidenza

Concari, quando la medicina è una missione

Salso

Righe blu, e la mezz'ora gratis?

CCV

Ventuno progetti per Parma

calcio

Cerri, che gioia il gol in A

Collecchio

Rapina alla Cariparma: giallo sui colpi di arma da fuoco. Video: l'arresto dei ladri

Il servizio del Tg Parma: la testimonianza di un giovane - Video

CULTURA

Tahar Ben Jelloun a Parma: "Più educazione per sconfiggere l'Isis"

Palazzo del Governatore gremito

anteprima GAZZETTA

Pomeriggio di paura a Collecchio Video

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

LEGA PRO

Parma- Samb 4-2: il film del match Video

Via Mazzini

Le baby gang fanno paura: negozianti sotto assedio

11commenti

Parma

Trasporti, gara a BusItalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

13commenti

enti

Allarme Provincia: "Rischiamo di non chiudere il bilancio" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

4commenti

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

SINISTRA

Dal Pci a Sel, la storia delle scissioni Video

Cremona

Napalm artigianale per incendiare la discoteca "rivale": denunciati due giovani

1commento

SOCIETA'

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

IL CINEFILO

Ecco due film "Molto belli" Video

SPORT

Vietnam

Rigore inesistente: la squadra resta immobile per protesta

ATLETICA

"Ayo" Folorunso vince i 400: guarda la straordinaria rimonta Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

nuovo kit

Mercedes Classe A Next, un passo più avanti