11°

29°

Spettacoli

Kusturica, l'oblio e il romanzo di una vita

Kusturica, l'oblio e il romanzo di una vita
0

Maria Cristina Maggi
Dove sono in questa storia? Una domanda rubata ad un amico borseggiatore. Una domanda che ricorre costantemente e che è anche il titolo dell’autobiografia (edita da Feltrinelli) del regista e musicista Emir Kusturica, presentata domenica sotto il cielo blu del bellissimo anfiteatro di piazza Shakespeare.
Moltissimi spettatori sono accorsi per conoscere più da vicino uno dei registi più geniali, amati e celebrati del cinema moderno: un bel modo per calare il sipario a quel bel progetto che è stato il ParmaPoesia Festival.
«Sono 350 pagine da leggere tutte d’un fiato nelle quali troviamo gli stessi ingredienti del suo cinema: metafora, ironia, nostalgia», ha detto subito il direttore del Festival Nicola Crocetti per poi approfondire un aspetto fondamentale del libro: l’oblio. «Quella dimenticanza che lenisce il dolore e ci aiuta a sopravvivere... Lo stesso accade con la gioia, se l’oblio non la anestetizzasse impazziremmo di felicità. Benché io sia fra quelli che credono che l’oblio sia una salvifica formula di sopravvivenza voglio discostarmi dalla tendenza contemporanea all’oblio: per questo ho scelto di scrivere il libro».
Poiché, come disse un poeta, anche ricordare vuol dire non morire.
Intervistato dal critico cinematografico della «Gazzetta» Filiberto Molossi, il regista, pluripremiato sia a Cannes che a Venezia, ha iniziato a volgere il nastro. Per ricordare, come forte presa di coscienza e a quasi vent'anni dalla tragedia dei Balcani continuare a cercare il suo posto. E ritornare così agli anni degli studi all’accademia cinematografica di Praga e all’orgoglio del padre che gli disse «Non occorre che diventi un Fellini, che tu sia almeno un De Sica».
«E' un libro di immagini straordinarie dove si aprono squarci di grande cinema: a partire da quel topolino in una scarpa durante una corsa di atletica leggera; o dal pianto di uno psichiatra nel corso di una seduta...», ha poi ribadito Molossi. Sì, tanto cinema palpita in queste pagine, come l’avventura delle tante proiezioni mancate di «Amarcord» di Fellini, a cui arrivava stremato dopo lunghi viaggi tra Praga e Sarajevo in cerca del suo grande amore, Maya: finiva sempre con l’addormentarsi, divorato dai sensi di colpa il giorno seguente. «Finalmente sono riuscito a vedere il film con Maja a Sarajevo: ci siamo sposati e abbiamo visto Amarcord centinaia di volte», ha concluso con una vena di romanticismo e quella faccia inconfondibile, con quegli occhi capaci di carpire l’inimmaginabile e sovrapporre realtà e fantasia, tanto da far coincidere la figura Tito con quella di Chaplin ne «Il grande dittatore».
Infine, l'autore de «Il tempo dei gitani», uno dei registi più visionari e interessanti dei nostri tempi, infinitamente grato a Fellini per la sua straordinaria lezione di poesia, ha parlato del suo legame con Parma, la stretta e decennale collaborazione con Solares-Fondazione delle Arti e il progetto del film «Verdiana» con le musiche del grande Peppino. «Verdi è uno dei più grandi personaggi della musica e insieme alla mia band, i  “No Smoking Orchestra”,  ho deciso di raccogliere questa sfida, cercando di contestualizzare Verdi ai giorni nostri: sarà qualcosa di insolito e profondamente italiano», ha detto con il sorriso, per poi passare al progetto del film spettacolare sulla vita di Pancho Villa con Benicio Del Toro: «Ancora una volta c'è un legame con l’Italia, mi piacerebbe realizzare un film come avrebbe fatto Sergio Leone, una sorta di spaghetti western...».
Numerosi progetti con una domanda che torna e ritorna nella mente: «Dove sono in questa storia?». «Leggete questo libro - ha concluso - : è molto più di un libro di storia, perché personale e onesto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra sorrisi e prosciutti

televisione

Una parmigiana ai «Soliti ignoti», tra enigmi e prosciutti!

Flavio  Insinna

Flavio Insinna

tv e polemiche

Insinna (e gli insulti): "Chiedo scusa a tutti, anche a chi mi ha tradito"

3commenti

Con la lingua e il chewing gum fa una tazzina di caffè Video

incredibile

Con la lingua e il chewing gum fa una tazzina di caffè 

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nasi rossi

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

di Andrea Violi

Lealtrenotizie

Il vescovo a don Gregorio: «Lasci Roncole»

Busseto

Il vescovo a don Gregorio: «Lasci Roncole»

indagini

Pasimafi, il giallo dei pc rubati

FESTE

La serata di Bob Sinclar alla Villa degli Angeli Foto

WEEKEND

Maschere in piazza, clown e... Cantine aperte: l'agenda

DOPO SEI ANNI

Miss Italia torna a Salso

POLITICA

E adesso nasce anche «Effetto Langhirano»

Lutto

Addio a Erminio Sassi, anima della Fontanellatese

Elezioni 2017

Parlamentare M5S derubato non verrà a Parma: agorà su sicurezza e immigrazione con Ghirarduzzi

A Vittorio Ferraresi sono stati rubati i documenti prima di partire per Parma

Polemica

«Climatizzatori nei bagni Tep ma bus roventi»

Lega Pro

La Lucchese ai raggi X

SAN GIOVANNI

Il piccolo falco «Sandro» è caduto dal nido

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

Giancarlo Ghiretti fu protagonista nel rugby e nel football

9commenti

PARMA

Due incidenti in un'ora: due donne in gravi condizioni Foto

Anziana investita in via Pellico. Scontro bici-scooter in via Abbeveratoia: ferita una 60enne

3commenti

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

4commenti

PARMA

Veicolo in fiamme: traffico in tilt in tangenziale nord alla Crocetta

GAZZAREPORTER

Parcheggio 2.0 in via Bergamo. Continua la serie di "creativi"

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

5commenti

CINEFILO

Cannes: le lacrime di Lynch e la bellezza di Marine e Diane Video

ITALIA/MONDO

FERRARA

L'agente ferito da Igor racconta e si commuove: "Mi sono finto morto"

STATI UNITI

E' morto Brezinski, esperto di comunismo alla Casa Bianca

WEEKEND

il disco 

Ha un'anima il Robot di Alan Parsons

CHICHIBIO

«Les Caves», qualità tra tradizione e innovazione

SPORT

GIRO D'ITALIA

Dumoulin in ritardo a Piancavallo: maglia rosa a Quintana

BOXE

Parma riscopre il pugilato Video

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima