12°

22°

Spettacoli

Kusturica, l'oblio e il romanzo di una vita

Kusturica, l'oblio e il romanzo di una vita
0

Maria Cristina Maggi
Dove sono in questa storia? Una domanda rubata ad un amico borseggiatore. Una domanda che ricorre costantemente e che è anche il titolo dell’autobiografia (edita da Feltrinelli) del regista e musicista Emir Kusturica, presentata domenica sotto il cielo blu del bellissimo anfiteatro di piazza Shakespeare.
Moltissimi spettatori sono accorsi per conoscere più da vicino uno dei registi più geniali, amati e celebrati del cinema moderno: un bel modo per calare il sipario a quel bel progetto che è stato il ParmaPoesia Festival.
«Sono 350 pagine da leggere tutte d’un fiato nelle quali troviamo gli stessi ingredienti del suo cinema: metafora, ironia, nostalgia», ha detto subito il direttore del Festival Nicola Crocetti per poi approfondire un aspetto fondamentale del libro: l’oblio. «Quella dimenticanza che lenisce il dolore e ci aiuta a sopravvivere... Lo stesso accade con la gioia, se l’oblio non la anestetizzasse impazziremmo di felicità. Benché io sia fra quelli che credono che l’oblio sia una salvifica formula di sopravvivenza voglio discostarmi dalla tendenza contemporanea all’oblio: per questo ho scelto di scrivere il libro».
Poiché, come disse un poeta, anche ricordare vuol dire non morire.
Intervistato dal critico cinematografico della «Gazzetta» Filiberto Molossi, il regista, pluripremiato sia a Cannes che a Venezia, ha iniziato a volgere il nastro. Per ricordare, come forte presa di coscienza e a quasi vent'anni dalla tragedia dei Balcani continuare a cercare il suo posto. E ritornare così agli anni degli studi all’accademia cinematografica di Praga e all’orgoglio del padre che gli disse «Non occorre che diventi un Fellini, che tu sia almeno un De Sica».
«E' un libro di immagini straordinarie dove si aprono squarci di grande cinema: a partire da quel topolino in una scarpa durante una corsa di atletica leggera; o dal pianto di uno psichiatra nel corso di una seduta...», ha poi ribadito Molossi. Sì, tanto cinema palpita in queste pagine, come l’avventura delle tante proiezioni mancate di «Amarcord» di Fellini, a cui arrivava stremato dopo lunghi viaggi tra Praga e Sarajevo in cerca del suo grande amore, Maya: finiva sempre con l’addormentarsi, divorato dai sensi di colpa il giorno seguente. «Finalmente sono riuscito a vedere il film con Maja a Sarajevo: ci siamo sposati e abbiamo visto Amarcord centinaia di volte», ha concluso con una vena di romanticismo e quella faccia inconfondibile, con quegli occhi capaci di carpire l’inimmaginabile e sovrapporre realtà e fantasia, tanto da far coincidere la figura Tito con quella di Chaplin ne «Il grande dittatore».
Infine, l'autore de «Il tempo dei gitani», uno dei registi più visionari e interessanti dei nostri tempi, infinitamente grato a Fellini per la sua straordinaria lezione di poesia, ha parlato del suo legame con Parma, la stretta e decennale collaborazione con Solares-Fondazione delle Arti e il progetto del film «Verdiana» con le musiche del grande Peppino. «Verdi è uno dei più grandi personaggi della musica e insieme alla mia band, i  “No Smoking Orchestra”,  ho deciso di raccogliere questa sfida, cercando di contestualizzare Verdi ai giorni nostri: sarà qualcosa di insolito e profondamente italiano», ha detto con il sorriso, per poi passare al progetto del film spettacolare sulla vita di Pancho Villa con Benicio Del Toro: «Ancora una volta c'è un legame con l’Italia, mi piacerebbe realizzare un film come avrebbe fatto Sergio Leone, una sorta di spaghetti western...».
Numerosi progetti con una domanda che torna e ritorna nella mente: «Dove sono in questa storia?». «Leggete questo libro - ha concluso - : è molto più di un libro di storia, perché personale e onesto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Atterraggio

olanda

Che atterraggio! Il cargo rimbalza sulla pista Video

Ligabue, necessario ricordare. Su Fb e Twitter, video della canzone 'I Campi in Aprile'

Liberazione

25 Aprile: Ligabue dal tour fa gli auguri cantando "I Campi in Aprile" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Scippo, anziana ferita in via Palestro

CRIMINALITA'

Scippo, anziana ferita in via Palestro

1commento

il caso

«Mio nipote sequestrato», scatta la denuncia della nonna

sos animali

Bocconi sospetti ritrovati al Montanara: parco chiuso  Foto

INCHIESTA

Chi chiami per salvare un animale selvatico?

La storia

San Secondo, a scuola in trattore

PILOTTA

L'abbraccio di Samuele Bersani

risposta a un tifoso

Lucarelli su Fb: «Non voleva andare sotto la curva per decenza»

Albareto

L'alpino «Livio» morto a 101 anni

La curiosità

Paracadutista a 96 anni grazie a un parmigiano

IL CASO

Manno a Istanbul: ambasciatore di legalità

parma in crisi

Ko (anche) con il Sudtirol: squadra in ritiro a Collecchio Video

25 Aprile

Parma celebra la Liberazione. Pizzarotti ricorda il partigiano Annibale Foto Video 

Il 25 aprile festeggiato a Fidenza (Guarda le foto)

1commento

gaffe e polemiche

La "Pilotta dei lettori": da parcheggio (involontario) a campo da calcio

7commenti

GIALLO

Trovato un cadavere in Po: si pensa che sia Bebe Brown, scomparsa a Pasqua a Boretto

La testimonianza: "Sua sorella l'aveva chiamata qui per darle un futuro migliore..."

pilotta

Planet Funk e Fast Animals and Slow Kids Chi c'era

FOTOGRAFIA

Bonassera e il "Brozzi" a Fotografia Europea 

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

EDITORIALE

Eliseo: sarà una sfida tra due outsider

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

E' morta la quercia più vecchia: aveva 600 anni

LIVORNO

Sale sul tetto di un treno: 18enne muore folgorato

SOCIETA'

3 mesi fa l'aggressione

Il primo selfie di Gessica Notaro (la miss sfregiata con l’acido dall’ex)

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

SPORT

crisi del parma

Ferrari: "Chi non ci crede si faccia da parte. Tifosi sosteneteci" Video

1commento

calcio e veleni

Lite Spalletti-Panucci sulla sostituzione di Dzeko Video

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport