-4°

Spettacoli

Kusturica, l'oblio e il romanzo di una vita

Kusturica, l'oblio e il romanzo di una vita
0

Maria Cristina Maggi
Dove sono in questa storia? Una domanda rubata ad un amico borseggiatore. Una domanda che ricorre costantemente e che è anche il titolo dell’autobiografia (edita da Feltrinelli) del regista e musicista Emir Kusturica, presentata domenica sotto il cielo blu del bellissimo anfiteatro di piazza Shakespeare.
Moltissimi spettatori sono accorsi per conoscere più da vicino uno dei registi più geniali, amati e celebrati del cinema moderno: un bel modo per calare il sipario a quel bel progetto che è stato il ParmaPoesia Festival.
«Sono 350 pagine da leggere tutte d’un fiato nelle quali troviamo gli stessi ingredienti del suo cinema: metafora, ironia, nostalgia», ha detto subito il direttore del Festival Nicola Crocetti per poi approfondire un aspetto fondamentale del libro: l’oblio. «Quella dimenticanza che lenisce il dolore e ci aiuta a sopravvivere... Lo stesso accade con la gioia, se l’oblio non la anestetizzasse impazziremmo di felicità. Benché io sia fra quelli che credono che l’oblio sia una salvifica formula di sopravvivenza voglio discostarmi dalla tendenza contemporanea all’oblio: per questo ho scelto di scrivere il libro».
Poiché, come disse un poeta, anche ricordare vuol dire non morire.
Intervistato dal critico cinematografico della «Gazzetta» Filiberto Molossi, il regista, pluripremiato sia a Cannes che a Venezia, ha iniziato a volgere il nastro. Per ricordare, come forte presa di coscienza e a quasi vent'anni dalla tragedia dei Balcani continuare a cercare il suo posto. E ritornare così agli anni degli studi all’accademia cinematografica di Praga e all’orgoglio del padre che gli disse «Non occorre che diventi un Fellini, che tu sia almeno un De Sica».
«E' un libro di immagini straordinarie dove si aprono squarci di grande cinema: a partire da quel topolino in una scarpa durante una corsa di atletica leggera; o dal pianto di uno psichiatra nel corso di una seduta...», ha poi ribadito Molossi. Sì, tanto cinema palpita in queste pagine, come l’avventura delle tante proiezioni mancate di «Amarcord» di Fellini, a cui arrivava stremato dopo lunghi viaggi tra Praga e Sarajevo in cerca del suo grande amore, Maya: finiva sempre con l’addormentarsi, divorato dai sensi di colpa il giorno seguente. «Finalmente sono riuscito a vedere il film con Maja a Sarajevo: ci siamo sposati e abbiamo visto Amarcord centinaia di volte», ha concluso con una vena di romanticismo e quella faccia inconfondibile, con quegli occhi capaci di carpire l’inimmaginabile e sovrapporre realtà e fantasia, tanto da far coincidere la figura Tito con quella di Chaplin ne «Il grande dittatore».
Infine, l'autore de «Il tempo dei gitani», uno dei registi più visionari e interessanti dei nostri tempi, infinitamente grato a Fellini per la sua straordinaria lezione di poesia, ha parlato del suo legame con Parma, la stretta e decennale collaborazione con Solares-Fondazione delle Arti e il progetto del film «Verdiana» con le musiche del grande Peppino. «Verdi è uno dei più grandi personaggi della musica e insieme alla mia band, i  “No Smoking Orchestra”,  ho deciso di raccogliere questa sfida, cercando di contestualizzare Verdi ai giorni nostri: sarà qualcosa di insolito e profondamente italiano», ha detto con il sorriso, per poi passare al progetto del film spettacolare sulla vita di Pancho Villa con Benicio Del Toro: «Ancora una volta c'è un legame con l’Italia, mi piacerebbe realizzare un film come avrebbe fatto Sergio Leone, una sorta di spaghetti western...».
Numerosi progetti con una domanda che torna e ritorna nella mente: «Dove sono in questa storia?». «Leggete questo libro - ha concluso - : è molto più di un libro di storia, perché personale e onesto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Falsi vigili svuotano una cassaforte

A Marore

Falsi vigili svuotano una cassaforte

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

Intervista

Muti: «Con Verdi e Toscanini ho la coscienza in pace»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

L'odissea di un giardiniere

«Con il mio Euro2 non posso lavorare»

EMERGENZA

Parma si mobilita

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

IL FATTO DEL GIORNO

Massese pericolosa, Brambilla: "Il rimpallo di responsabilità è inaccettabile" Video

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

Il racconto

«Quando Roosevelt si insedio al Campidoglio»

Lutto

Addio a Ines Salsi, una vita piena di fede

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino di Parma salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

Rigopiano (Pescara)

Hotel sommerso da una slavina: due vittime accertate, decine di dispersi Foto

2commenti

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

2commenti

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

Pescara

Cantante del "Volo": "Dovevo essere all'hotel Rigopiano"

SPORT

Moto

La nuova Yamaha di Rossi: le foto

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta